E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La nuova guida della Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE), Statistics on Children: Spotlight on children esposti alla violenza, in cure alternative e con disabilità , pubblicata recentemente, supporterà i paesi nella produzione di statistiche sui bambini nelle situazioni più vulnerabili.

Lo rende noto l’UNECE sul proprio sito.
Esiste un evidente consenso globale sulla necessità di sostenere i diritti e il benessere dei bambini. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, sottolinea l’UNECE, “è il trattato più rapidamente e ampiamente ratificato della storia. I bambini sono una priorità assoluta nell’impegno dell’Agenda 2030 di non lasciare indietro nessuno. Le politiche giuste al momento giusto sono fondamentali per garantire che tutti i bambini abbiano il miglior inizio di vita possibile e siano preparati per il successo futuro, portando benefici in età avanzata a individui, famiglie, comunità e società”.

Tali politiche, scrive sul proprio sito la Commissione, richiedono informazioni solide e affidabili su molti aspetti della vita dei bambini. Questi impegni ad alto livello nei confronti dei bambini hanno contribuito a generare statistiche sul benessere dei bambini. Ma hanno anche rivelato sostanziali lacune nei dati.

La raccolta di dati sui bambini presenta sfide uniche. “Chiedere ai bambini di rispondere alle domande del sondaggio può essere semplicemente difficile. E ci sono vincoli legali ed etici creati dalla necessità di salvaguardare i bambini. Molti paesi quindi fanno affidamento sui dati amministrativi, dati raccolti per motivi diversi dalle statistiche, come le informazioni provenienti dai sistemi educativi e sanitari, per fornire informazioni sui bambini. Ma tali fonti non sono sempre ideali per scopi statistici”.

0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 15 e 16 luglio il Parlamento europeo ospiterà la seconda Conferenza sullo stato globale dei diritti umani, con un focus particolare sui diritti dei bambini in tutto il mondo.

L’evento di due giorni di alto livello si svolgerà presso il Monastero di San Nicolò a Venezia-Lido e riunirà, tra diversi partecipanti, importanti eurodeputati e commissari europei, premi Nobel per la pace e rappresentanti di organizzazioni internazionali.

Dopo la prima conferenza in assoluto dell’anno scorso, l’edizione di quest’anno vedrà i partecipanti riunirsi in tre panel per discutere gli ultimi sviluppi relativi ai diritti dei bambini in tutto il mondo. La conferenza è organizzata congiuntamente dal Parlamento europeo e dal Global Campus of Human Rights.

Il programma completo (con informazioni su fasce orarie e partecipanti)

Tra i partecipanti di quest’anno la Presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola (videomessaggio), così come la Presidente del Global Campus of Human Rights, Veronica Gomez, il Direttore Esecutivo della Right Livelihood Foundation Ole von Uexküll, Commissario Europeo per l’Internazionale Partenariati Jutta Urpilainen (videomessaggio), i presidenti della commissione per gli affari esteri del Parlamento europeo, David McAllister , e la sottocommissione per i diritti umani, Maria Arena, il premio Sacharov e il premio Nobel per la pace Denis Mukwege e diversi membri del Parlamento europeo.

I temi dei tre panel principali sono “Bambini dietro le sbarre”, “Bambini colpiti da conflitti armati e violenze” e “I giovani come motori del cambiamento”.

Vai qui per registrarti e partecipare

La conferenza sarà anche trasmessa in diretta streaming qui, qui e qui .
0