E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C466 del 7 dicembre pubblica la Risoluzione del Consiglio dell’Unione sul Piano di lavoro dell’Unione per la cultura 2023-2026.

La Risoluzione presenta diversi capitoli:

Principi guida del piano di lavoro dell’UE per la cultura
Settori prioritari dove intervenire
Attuazione e metodi di lavoro
Azioni da realizzare

LA RISOLUZIONE COMPLETA IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Dal 16 al 19 novembre 2022, la Città di Barcellona ha ospitato la Conferenza Culturopolis: Giornate Internazionali sui Diritti Culturali. Lo rende noto il sito dell’UCLG (Città Unite e dei Governi Locali).

Per tre giorni e mezzo, la Città è stata teatro di dibattiti internazionali, condivisione di conoscenze e workshop su un’ampia gamma di questioni che ruotano attorno alla questione dei diritti culturali, tra cui lavoro culturale e sostenibilità, diversità, partecipazione e comunità e ambienti digitali.

La conferenza ha riunito partecipanti da ogni angolo del mondo, inclusi operatori culturali e parti interessate, esperti, accademici, attivisti, giornalisti, reti culturali locali e internazionali e leader e decisori locali e regionali. Era aperto gratuitamente a tutti coloro che erano interessati a partecipare. L’incontro è servito come spazio di incontro per riflettere e discutere sui diritti culturali, per pensare a come sono definiti e per immaginare e trovare meccanismi che promuovano e garantiscano il loro rispetto.

L’incontro è stato coorganizzato dal Comune di Barcellona, ​​rappresentato nella cerimonia inaugurale da Ada Colau, Sindaco della città, e Daniel Granados, Delegato per i Diritti Culturali del Comune di Barcellona; Culture Action Europe, rappresentata da Tere Badia , Segretario Generale; e il Comitato per la Cultura delle Città Unite e dei Governi Locali (UCLG), rappresentato da Jordi Pascual , coordinatore del Comitato. L’apertura comprendeva anche un discorso programmatico di Alexandra Xanthaki, relatrice speciale delle Nazioni Unite sui diritti culturali.

Diverse città e governi locali o regionali della commissione per la cultura dell’UCLG hanno preso parte all’evento, comprese le città di Izmir e Malmö fisicamente, e le città di Bogotá , Dakar e Città del Messico virtualmente.

Il programma di Culturopolis ha incluso esperti e partner come Nicolás Barbieri, ricercatore nel campo dei diritti culturali e autore del pezzo UCLG Gold VI su “Il diritto di partecipare alla vita culturale urbana: dalle disuguaglianze all’equità”; Luca Bergamo, già Vice Sindaco e Assessore allo Sviluppo Culturale di Roma e co-autore del Patto UCLG per il Futuro dell’Umanità; John Crowley, consulente e autore della proposta #Culture2030Goal di un obiettivo dedicato alla cultura negli SDGs; Laurence Cuny, avvocato e ricercatore per i diritti umani; Lucina Jiménez, esperta della Commissione Cultura dell’UCLG; Ricardo Klein , Università di Valencia; Paola Leoncini Bartoli, Direttore delle Politiche Culturali e dello Sviluppo dell’UNESCO; Alfons Martinell Sempere, Professore Emerito dell’Università di Girona, Co-Direttore della Cattedra Pau Casals (Musica e difesa della pace e dei diritti umani); e Patrice Meyer-Bisch, Presidente dell’Osservatorio Diversità e Diritti Culturali e vincitore dell’edizione 2018 del Premio Internazionale UCLG – Città del Messico – Cultura 21.

L’evento ha previsto anche un variegato ed eccezionale programma culturale e artistico aperto a tutti, che comprendeva spettacoli teatrali, concerti di musica e laboratori partecipativi.

Maggiori informazioni sulla Conferenza
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In un momento in cui la guerra è tornata nel continente europeo, la cultura deve più che mai diventare un fondamentale veicolo strategico della politica estera dell’UE. Per sfruttarne appieno il potenziale, il Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) chiede l’istituzione di un vero e proprio piano d’azione strategico pluriennale sulla diplomazia culturale.

Lo rendee noto un comunicato del CESE. La cultura come strumento della politica estera dell’Unione europea è all’ordine del giorno da 17 anni, a partire dall’adozione, già nel 2007, di un’agenda europea per la cultura in un mondo in via di globalizzazione, volta a conferire alla cultura un ruolo più incisivo nella politica estera dell’UE. Dopo essere stata ripetutamente sollecitata in numerosi documenti e iniziative nel corso degli anni, la diplomazia culturale deve ora diventare una vera priorità.

La cultura potrebbe essere una risorsa fondamentale nel percorso interno dell’Europa, ma anche nell’immagine che l’UE proietta all’esterno. Ciò è particolarmente vero oggi, con una guerra alle porte dell’Europa e milioni di persone costrette a fuggire.

Il parere d’iniziativa sul ruolo della diplomazia culturale, adottato nella sessione plenaria di ottobre del CESE, sottolinea l’importanza della dimensione culturale nell’attuale contesto geopolitico, in piena sintonia con l’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Un forte piano d’azione strategico pluriennale sulla diplomazia culturale dovrebbe riguardare la protezione, il restauro e la ricostruzione del patrimonio culturale nelle zone colpite da catastrofi naturali, crisi e conflitti. Un altro elemento di questa strategia riguarda un esercizio di mappatura delle iniziative esistenti, che porti all’istituzione di una piattaforma dell’UE per le relazioni culturali internazionali e alla creazione di un’importante struttura specifica all’interno del servizio per l’azione esterna (SEAE) dell’UE, incentrata su un “inviato speciale dell’UE per le relazioni culturali”.

Inoltre, il CESE sottolinea l’importanza di intensificare la lotta contro il traffico illecito di beni culturali. Il Comitato raccomanda anche di sviluppare un’azione specifica relativa alle industrie creative, soprattutto in riferimento all’arte contemporanea e alle nuove tecnologie, con speciale attenzione per le nuove generazioni.

Il CESE raccomanda di avviare progetti pilota in alcuni settori in cui un’azione coordinata dell’UE può fare la differenza, in relazione alle priorità politiche già individuate in queste regioni, ad esempio i Balcani occidentali, il Mediterraneo, il Medio Oriente, l’Africa e l’Ucraina.

Si dovrebbe inoltre porre l’accento sul rafforzamento della capacità della società civile attiva nel settore culturale in ciascun paese e sullo sviluppo di organizzazioni di base indipendenti.

Il CESE raccomanda inoltre di procedere alla mappatura di tutte le azioni e iniziative già in essere, a livello delle istituzioni e organizzazioni europee, dei singoli Stati e delle organizzazioni della società civile, come anche in seno ai diversi partenariati internazionali, in vista della creazione di una piattaforma UE delle relazioni culturali internazionali.

0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Se si hanno tra i 18 e i 30 anni e si cerca un’opportunità per aiutare la comunità più ampia, in Europa e oltre si può trovare con i finanziamenti e il sostegno del Corpo europeo di solidarietà, che aiuta i giovani a prendere parte a progetti a beneficio delle comunità, all’estero o nel loro paese.

Queste informazioni si trovano sul portale europeo della gioventù della Commissione europea.

Questi progetti offrono un’esperienza stimolante e la possibilità di apportare cambiamenti sviluppando le capacità e le competenze.

In generale, si può essere coinvolto in:

volontariato

tirocini (mentre i tirocini possono ancora essere svolti quest’anno finanziati dal budget del programma precedente, tieni presente che nel nuovo programma 2021-2027 sono interrotti)

posti di lavoro (mentre quest’anno i lavori possono ancora essere eseguiti finanziati dal budget del programma precedente, tenere presente che nel nuovo programma 2021-2027 sono interrotti)

Progetti di solidarietà locale

Volontariato umanitario (Corpo Volontario Europeo di Aiuto Umanitario)

Questi possono essere in una vasta gamma di campi: istruzione e formazione, cittadinanza e partecipazione democratica, ambiente e protezione naturale, migrazione, cultura, aiuti umanitari e molti altri.

Come funziona?
Il finanziamento del Corpo europeo di solidarietà è fornito sotto forma di sovvenzioni alle organizzazioni tramite inviti a presentare proposte.

I giovani che desiderano impegnarsi in tali attività devono registrarsi nel portale del Corpo europeo di solidarietà . Il portale del Corpo europeo di solidarietà offre uno spazio per i giovani e le organizzazioni, titolari di una sovvenzione, di realizzare attività e di ritrovarsi.

Il Corpo europeo di solidarietà è gestito dalla Commissione europea.

È implementato sul campo da una varietà di organismi:

Agenzia esecutiva europea per l’istruzione e la cultura (EACEA)
Agenzie nazionali in ogni paese partecipante
SALTO
Centro risorse del Corpo europeo di solidarietà.

AGENZIA PER L’ITALIA:
Agenzia nazionale per i giovani (ANG) Via Sabotino 4
I-00195 Roma
Italia
+39 06 37 59 12 01
direzione@agenziagiovani.it
Sito internet
0

E-News, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


A un anno dalla firma del Memorandum of Understanding tra il Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti (ICOMOS) e United Cites and Local Governments (UCLG), la partnership tra le due organizzazioni internazionali rimane forte. Due eventi recenti hanno dimostrato questa buona collaborazione.

Lo sottolinea l’UCLG nel proprio sito. La Conferenza mondiale dell’UNESCO sulle politiche culturali e lo sviluppo sostenibile, nota anche come Mondiacult 2022, si è tenuta a Città del Messico dal 28 al 30 settembre 2022, quarant’anni dopo la prima del suo genere organizzata a Città del Messico nel 1982.

L’importante incontro ha fornito l’opportunità affinché le due organizzazioni parlino con i ministri della cultura e altri leader locali e regionali per spiegare l’importanza di sostenere che la cultura abbia il proprio obiettivo nei quadri futuri, e in particolare l’Agenda delle Nazioni Unite post 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Al 7° Congresso Mondiale UCLG e Summit dei Leader Locali e Regionali recentemente concluso – organizzato a Daejeon dal 10 al 14 ottobre 2022 e il cui risultato principale è il Patto UCLG per il futuro dell’umanità: per il popolo, per il Planet, for the Government- ICOMOS era presente anche a questo importante evento “in cui i colleghi sudcoreani, Se Hoon Park e Hae Un Rii hanno partecipato ai dibattiti su Cultura e Clima, il futuro dei diritti culturali per plasmare un nuovo sviluppo sostenibile e Cultura nel Obiettivi di sviluppo sostenibile”. Se Hoon Park, rappresentante dell’ICOMOS Corea nel gruppo di lavoro dell’ICOMOS sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, continua l’UCLG, “ha evidenziato che l’azione per il clima, la promozione del pluralismo culturale e del dialogo interculturale, la governance e la cooperazione della società civile per le politiche e la cultura culturali come quarto pilastro dello sviluppo erano tra le priorità di ICOMOS“.

È evidente, precisa l’UCLG, “che entrambe le organizzazioni sono impegnate a rendere le città e le altre aree urbane più vivibili, coinvolgenti e vive attraverso le politiche pubbliche locali in materia di cultura e patrimonio. Attraverso attività condivise e advocacy, UCLG e ICOMOS rafforzano il ruolo della cultura e delle politiche culturali come risorsa chiave per le comunità, le città e i territori del futuro”.

Maggiori informazioni:

Per ulteriori informazioni su UCLG e ICOMOS’, che hanno aderito alla campagna #culture2030goal, advocacy condivisa:
Obiettivo culturale: http://culture2030goal.net/resources
Documento: http://culture2030goal.net/sites/default/files/2022-09/culture2030goal_Culture%20Goal%20-%20ENG.pdf
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha pubblicato l’11 ottobre l’invito autunnale DiscoverEU, grazie al quale 35.000 giovani riceveranno un pass ferroviario per esplorare l’Europa e la sua ricca cultura.

Il bando è aperto ai candidati provenienti dai paesi del programma Erasmus+, dall’11 ottobre fino alle 12 del 25 ottobre alle 12.00. Per vincere un pass di viaggio, i giovani sono invitati a fare domanda sul Portale Europeo per i Giovani, a rispondere a 5 domande del quiz e a una sussidiaria. I candidati che hanno compilato con successo il quiz di selezione, nati tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2004 potranno viaggiare in Europa per un massimo di 30 giorni durante il periodo di viaggio dal 1 marzo 2023 al 29 febbraio 2024.

Con l’ Anno Europeo della Gioventù 2022 , il numero di abbonamenti è stato incrementato. In totale, quest’anno sono disponibili 70.000 abbonamenti. DiscoverEU fa ora parte di Erasmus+ , pertanto possono presentare domanda anche i partecipanti provenienti da Islanda, Liechtenstein, Macedonia del Nord, Norvegia, Serbia e Turchia.

I beneficiari continueranno a beneficiare di una carta sconti con oltre 40.000 possibilità di sconto su trasporti pubblici, cultura, alloggio, cibo, sport e altri servizi disponibili nei paesi ammissibili.

Nell’ambito dell’Anno europeo della gioventù, la Commissione ha lanciato l’iniziativa faro “I giovani scoprono la cultura grazie a DiscoverEU nel 2022”. Ecco perché il 25 maggio 2022 è stato lanciato il DiscoverEU Culture Route . Combina varie destinazioni e rami culturali, tra cui architettura, musica, belle arti, teatro, moda, design e altro ancora. I viaggiatori DiscoverEU possono visitare le Capitali Europee della Cultura, destinazioni inserite nella prestigiosa Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO o detentrici del Marchio del Patrimonio Europeo . Inoltre, possono anche sostare in luoghi con l’ Access City Award etichetta. Queste sono città che sono andate ben oltre per diventare più accessibili a tutti, indipendentemente dall’età, dalla mobilità o dalle capacità.

Le agenzie nazionali Erasmus+ supportano i giovani attraverso incontri informativi prima della partenza che li preparano al viaggio. Attraverso questi incontri, DiscoverEU mira a promuovere discussioni sulla sostenibilità, la cultura e l’identità europea, tra gli altri. Inoltre, nell’ambito dell’Anno europeo della gioventù, le agenzie organizzano i Meet-up DiscoverEU , un’iniziativa lanciata nell’estate 2022 composta da un entusiasmante programma culturale di durata compresa tra uno e tre giorni in tutti i paesi Erasmus+. 49 di questi Meet-up si sono svolti finora e proseguiranno negli anni futuri.

Poiché l’inclusione sociale è una priorità assoluta del programma Erasmus+, i partecipanti con disabilità o problemi di salute possono essere accompagnati nei loro viaggi. Oltre alle spese di viaggio, viene fornito anche un ulteriore aiuto individuale. Quest’anno, le agenzie nazionali Erasmus+ lanciano anche l’azione DiscoverEU Inclusion, che consente alle organizzazioni che lavorano con i giovani con minori opportunità di richiedere una sovvenzione.

La Commissione incoraggia i viaggi sostenibili in treno. Sono disponibili accordi speciali per i giovani delle regioni ultraperiferiche, contee e territori d’oltremare, aree remote e isole.
0

E-News, bandi comunitari, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha lanciato il 10 ottobre Culture Moves Europe, il suo nuovo programma di mobilità permanente per artisti e professionisti della cultura, nonché un primo invito alla mobilità individuale, durante un evento di alto livello a Bruxelles, in Belgio. Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea. Beneficiando di un budget totale di 21 milioni di euro nell’ambito del programma Europa creativa per un triennio (2022-2025), Culture Moves Europe diventa il più grande programma europeo di mobilità per artisti e professionisti della cultura rivolto a tutti i paesi e ai settori dell’Europa creativa coperti da la sezione Cultura del programma.

I partecipanti includeranno rappresentanti delle istituzioni dell’UE, parti interessate e organizzazioni del settore culturale. Culture Moves Europe risponde alle pressanti esigenze dei settori culturali e creativi per opportunità di mobilità inclusiva e sostenibile con una maggiore attenzione agli artisti emergenti.

Attuato dal Goethe-Institut per conto della Commissione, Culture Moves Europe comprende due azioni: mobilità individuale e residenze. Attraverso borse di mobilità, offrirà l’opportunità a circa 7.000 singoli artisti e professionisti della cultura di recarsi all’estero, nell’UE e oltre, per sviluppo professionale o collaborazioni internazionali, per prendere parte a residenze artistiche o per ospitare artisti e professionisti della cultura. L’azione residenze sarà avviata all’inizio del 2023.

Il primo bando per la mobilità individuale si rivolge ad artisti e professionisti della cultura che operano nei seguenti settori: architettura, beni culturali, design, fashion design, traduzione letteraria, musica, arti visive e arti performative dei paesi partecipanti al programma Europa Creativa e in viaggio verso un altro Paese Europa Creativa, per una durata da 7 a 60 giorni per i singoli artisti e da 7 a 21 giorni per gruppi di persone (da 2 a 5 persone).

Commissione Europea: Culture Moves Europe: mobilità per artisti e professionisti

Goethe-Institut: la cultura muove l’Europa
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Programma degli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa celebra il suo 35° anniversario in occasione dell’11° Forum consultivo, che si svolgerà a La Canea, Creta dal 5 al 7 ottobre, con una cerimonia speciale per evidenziare l’importanza degli Itinerari culturali per la promozione della diversità culturale, del dialogo interculturale e del turismo sostenibile.

Lo rende noto il sito del Consiglio d’Europa.
Il Forum è organizzato dall’Accordo parziale allargato sugli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa e dall’Istituto europeo degli Itinerari culturali, in cooperazione con il Ministero greco della Cultura e dello Sport, il Ministero greco del Turismo, l’Organizzazione nazionale greca del turismo, la Regione Creta, il Comune di La Canea, la Camera di Commercio e Industria di La Canea e il “Percorso dei Caffè storici”. L’edizione 2022 offrirà l’opportunità di porre in risalto la crescente rilevanza della metodologia e delle pratiche seguite dagli Itinerari culturali per promuovere il comune patrimonio culturale europeo, sostenendo uno sviluppo locale duraturo.

Nel corso delle tre giornate di workshop e di dibattiti interattivi, saranno esaminati tre temi principali: Promuovere i valori europei e il dialogo interculturale, Salvaguardare il patrimonio culturale in tempi di crisi e Promuovere le industrie culturali creative, il turismo culturale, le tecnologie innovative per comunità sostenibili. Il Forum esaminerà le evoluzioni e le sfide legate agli Itinerari culturali, offrendo una piattaforma di dialogo per scambiare esperienze, valutare i progressi compiuti, analizzare le pratiche professionali, discutere del lancio di nuove iniziative e sviluppare partenariati in tutta Europa e oltre i suoi confini. Riunirà un vasto numero di partecipanti, comprendenti responsabili dei 48 Itinerari culturali del Consiglio d’Europa e rappresentanti di ministeri nazionali, di Organizzazioni internazionali, nonché accademici, esperti e professionisti del turismo.

0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 3NO NEW POSTS