E-News, SDG, Master, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Associazione delle città e delle regioni per la gestione sostenibile delle risorse (ACR +) sta raccogliendo e condividendo le migliori pratiche delle città europee su come gestire i rifiuti urbani minimizzando la diffusione del coronavirus. Iniziative delle Regioni Italiane e delle Aziende di igiene urbana associate ad UTILITALIA
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Le misure di risposta alle crisi dovrebbero essere combinate con un impegno a lungo termine nei programmi di ricerca dell’Unione europea, ha affermato nei giorni sorsi il Parlamento europeo.
Il Parlamento ha apprezzato tra l’altro la messa in comune di quasi 140 milioni di euro per la ricerca contro il COVID 19. La Commissione ha lanciato una call straordinaria nel quadro del programma Horizon 2020 e nel coinvolgere le parti interessate al partenariato pubblico-privato nell’ambito dell’Iniziativa sui medicinali innovativi (IMI).
“Ora dobbiamo iniziare ad anticipare possibili nuove crisi per essere meglio attrezzati in futuro. La ricerca ha chiaramente un ruolo importante da svolgere nell’affrontare le sfide globali. Questa è una ragione ulteriore per sostenere la nostra proposta di 120 miliardi di euro per Horizon Europa”, ha proseguito il Parlamento di Strasburgo.
“La crisi sanitaria determinata dal COVID-19 sta concentrando tutte le attenzioni e le energie. La priorità assoluta è ora quella di arginare la diffusione del virus. Dietro le quinte, dei ricercatori si sforzano, in una situazione di massima urgenza, ad individuare un trattamento ed un vaccino. Lo straordinario tasso di contagio del virus dovrebbe renderci consapevoli del fatto che il nostro mondo interconnesso si è notevolmente ridotto e che un’azione comune e coordinata tra Stati è l’unico modo per affrontare questa crisi “.
“Questa crisi è una prova della nostra capacità di lavorare insieme in una situazione di emergenza, rimanendo al tempo stesso fedeli ai nostri obiettivi a lungo termine”, ha aggiunto. “Al termine di questa crisi, dobbiamo immediatamente prepararci per la prossima. Ciò significa investire di più nella ricerca e garantire che programmi come Horizon Europa non diventino ostaggi di scontri tra Stati membri”, ha concluso.
L’Innovative Medicines Initiative (IMI), un partenariato pubblico-privato tra la Commissione europea e l’industria farmaceutica, ha lanciato il 20 marzo un invito rapido a presentare proposte di ricerca per sviluppare trattamenti e diagnosi in risposta all’epidemia di COVID-19. Fino a 45 milioni di euro di finanziamenti verranno da Horizon 2020, il programma di ricerca e innovazione dell’UE.
La presente call fa parte della risposta coordinata dell’Unione alla minaccia del COVID-19 e integra i finanziamenti d’emergenza per la ricerca già mobilitati di recente nell’ambito di Horizon 2020. Qui puoi trovare ulteriori informazioni sull’IMI e, invece, sulle azioni di ricerca dell’UE sul COVID-19 cliccando qui (fonte Commissione europea) 

0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In risposta alla crisi COVID-19, il Presidente del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa (CPLRE) Anders Knape ha affermato che: “le molteplici conseguenze della crisi senza precedenti causata dalla diffusione esponenziale di COVID-19 richiedono misure urgenti e azioni coordinate da parte di tutti i livelli di governo.

Questa crisi mette a rischio non solo le vite umane, ma anche il funzionamento delle nostre società e democrazie. Città, regioni e interi paesi sono bloccati. Diverse elezioni che avrebbero dovuto svolgersi sono state sospese, come in Francia per il secondo turno delle elezioni comunali o in Serbia per le elezioni parlamentari e locali”.

Oggi più che mai, ha continuato il Presidente, “dobbiamo agire collettivamente in tutta Europa, in uno spirito di solidarietà che deve essere espresso a tutti i livelli: europeo, nazionale, locale e regionale, nonché a livello di cittadini nelle rispettive comunità”.

Dobbiamo anche unire i nostri sforzi “per sostenere gli enti locali e regionali che, a causa delle loro particolari responsabilità e della loro vicinanza ai cittadini, sono in prima linea nel rispondere a questa grave crisi”.

In quanto assemblea politica composta da rappresentanti eletti locali e regionali di 47 Stati membri del Consiglio d’Europa, “il Congresso ha la capacità di mettere in comune le rispettive esperienze al fine di trovare risposte che possano essere attuate sul campo in tutte le comunità europee”.

Il comunicato di Knape si conclude con un invito alle delegazioni nazionali del CPLRE ad “agire in questo spirito di solidarietà e coordinamento”.
0

NO OLD POSTSPage 2 of 2NEXT POSTS