E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, Ultime Notizie, Notizie
Nella riunione del 12 febbraio, il gruppo ad alto livello del Congresso dei Poteri Localie Regionali del Consiglio d’in particolare per quanto riguarda il ruolo delle città e delle regioni nella ricostruzione e nella ripresa dell’Ucraina, sostenendo i diritti umani e lo Stato di diritto a livello locale e garantendo un maggiore impegno democratico dei giovani, a seguito del vertice di Reykjavik del Consiglio d’Europa del maggio 2023.

I partecipanti hanno esaminato lo stato attuale della democrazia locale e regionale e del decentramento in Europa, la guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina e le sfide del cambiamento climatico, l’ascesa dell’estrema destra e la polarizzazione delle società.

L’incontro ha esaminato in particolare il lavoro in corso nell’ambito dell’Alleanza europea delle città e delle regioni per la ricostruzione dell’Ucraina e ha individuato potenziali aree di cooperazione per una migliore protezione dei diritti umani e il rafforzamento dello stato di diritto a livello locale.

Il Congresso era rappresentato dal presidente Marc Cools, dal presidente della Camera delle regioni Tunç Soyer e dal presidente della Camera dei poteri locali Bernd Vöhringer, assistiti dal segretario generale del Congresso Mathieu Mori. Il Presidente del CdR Vasco Alves Cordeiro e il presidente della commissione Cittadinanza, governance, affari istituzionali ed esterni (CIVEX) Patrick Molinoz, assistito dal segretario generale del CdR Petr Blížkovský, hanno rappresentato il Comitato delle regioni.L’incontro ha esaminato in particolare il lavoro in corso nell’ambito dell’Alleanza europea delle città e delle regioni per la ricostruzione dell’Ucraina e ha individuato potenziali aree di cooperazione per una migliore protezione dei diritti umani e il rafforzamento dello stato di diritto a livello locale.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Una nuova pubblicazione UE esplora 15 progetti di trasformazione Erasmus+ e del Corpo europeo di solidarietà. Mostra il loro impatto sulle vite colpite dalla guerra in Ucraina.

Lo rende noto il sito del Portale europeo della gioventù.

Erasmus+ e il Corpo europeo di solidarietà svolgono un ruolo essenziale nel sostenere individui e comunità, compresi coloro che si trovano ad affrontare sfide senza precedenti, come quelle colpite dalla guerra in Ucraina.

Oltre a riprendere gli studi, questi programmi possono aiutare a acquisire nuove competenze, a combattere la disinformazione e a favorire l’integrazione dei rifugiati. Una nuova pubblicazione mette in luce le storie di vita reale di 15 progetti completati e in corso sostenuti nell’ambito di questi due programmi.

Queste storie mostrano come l’istruzione, la cooperazione e la solidarietà possano essere catalizzatori di trasformazione, facendo una differenza significativa. Coordinatori, immergetevi in ​​queste storie per trarre ispirazione ed esplorate le opportunità di Erasmus+ e del Corpo europeo di solidarietà. Diamo il via ad un cambiamento positivo insieme! Leggi la pubblicazione
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Tra poche settimane, la città di Mons accoglierà il 10° Vertice europeo delle regioni e delle città, il 18 e 19 marzo 2024, nell’ambito della presidenza belga del Consiglio dell’Unione europea.

Lo ricorda il sito Sviluppo regionale e urbano dell’UE.

Migliaia di sindaci, consiglieri regionali, ministri regionali e i massimi decisori europei e globali si riuniranno a Mons, nella regione vallona del Belgio, nel cuore dell’Europa, per discutere le sfide e le soluzioni per il futuro dell’Europa e oltre.

Organizzato dal Comitato europeo delle regioni insieme alla Regione vallona e alla Presidenza belga del Consiglio dell’Unione europea, il 10° vertice europeo delle regioni e delle città offrirà una nuova prospettiva su temi al centro delle preoccupazioni dei cittadini, come la democrazia, lo sviluppo sostenibile, il futuro dell’Unione europea e il suo allargamento, la necessità di garantire la coesione sociale, economica e territoriale e la gestione delle conseguenze della guerra contro l’Ucraina. Le sfide globali saranno affrontate riunendo diverse prospettive da tutto il mondo. Il Comitato europeo delle regioni è particolarmente orgoglioso che questa occasione coincida con il suo trentesimo anniversario e vi invita a partecipare ai festeggiamenti.

La registrazione è aperta: ISCRIVITI

IL PROGRAMMA
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Erasmus+, il programma dell’UE per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport, ha sostenuto circa 26.000 progetti nel 2022, a beneficio di oltre 73.000 organizzazioni. Ha offerto opportunità di mobilità per l’apprendimento a oltre 1,2 milioni di studenti, discenti, professori, insegnanti, formatori, operatori giovanili e giovani.

Lo comunica in una nota la Commissione europea.

Sono questi i principali risultati dell’edizione 2022 del Rapporto annuale Erasmus+, presentato il 30 novembre dalla Commissione europea al 6° Summit europeo sull’istruzione. La relazione mostra che il programma ha raggiunto i suoi obiettivi nel 2022, con un’elevata adesione e un uso efficiente dei fondi.

Il rapporto mostra che il programma continua a crescere. Con un budget di circa 26,2 miliardi di euro per il periodo 2021-2027 (quasi il doppio dei finanziamenti disponibili nel periodo 2014-2020), Erasmus+ pone una forte attenzione all’inclusione sociale, alle transizioni verde e digitale e alla promozione della partecipazione alla vita democratica.

Il rapporto 2022 fornisce approfondimenti sull’impatto di Erasmus+ sulla vita di milioni di persone che partecipano a varie attività di mobilità in Europa e oltre. La mobilità degli studenti, del personale e dei giovani è l’attività faro di Erasmus+. Ha un impatto positivo sul loro sviluppo educativo, sociale, personale e professionale e rafforza il senso di identità europea. Anche i tassi di mobilità sono tornati ai livelli pre-pandemia.

ERASMUS +: IL BANDO 2024
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea comunica di aver presentato il 23 novembe una serie di buone pratiche per garantire l’efficacia del regolamento Dublino III , annunciato dalla presidente von der Leyen all’inizio di giugno come parte dell’attuazione della tabella di marcia di Dublino.

Nella sua lettera agli Stati membri, prima del Consiglio europeo del febbraio 2023, scrive Bruxelles, la presidente della Commissione europea von der Leyen si è impegnata alla piena attuazione della tabella di marcia di Dublino, che era stata sviluppata dalla Commissione e approvata dagli Stati membri nel novembre 2022. La tabella di marcia di Dublino stabilisce attuare azioni pratiche volte a ridurre gli incentivi per i movimenti secondari attraverso una migliore cooperazione tra gli Stati membri.

Il 23 novembre, nella ” Tabella di marcia Dublino in azione – Migliorare l’efficacia del regolamento Dublino III: identificare le buone pratiche negli Stati membri “, la Commissione europea comunica inoltre di aver individuato una serie di buone pratiche che hanno avuto un esito positivo sul funzionamento della procedura Dublino. Questi includono:

Presentare al richiedente informazioni dettagliate sul trasferimento, organizzando colloqui pre-partenza o distribuendo brochure mirate per spiegare le ragioni della decisione di trasferimento e cosa aspettarsi una volta trasferito.

Garantire un controllo più attento su ogni trasferimento, ad esempio introducendo un sistema di registrazione di chi entra e chi esce dai centri di accoglienza.

Ciò monitorerà la presenza nei centri di accoglienza e potrà anche contribuire a limitare le fughe.

Ricorrere a misure alternative alla detenzione , ad esempio confiscando i documenti di viaggio o designando appositi funzionari nei centri di accoglienza per verificare regolarmente la presenza fisica delle persone oggetto di trasferimenti.

Migliorare la comunicazione tra gli Stati membri cedenti e quelli responsabili, concludendo accordi bilaterali, designando ufficiali di collegamento, organizzando riunioni bilaterali periodiche e missioni conoscitive.

Aggiornamento dei sistemi informatici esistenti e sviluppo di nuove soluzioni digitali per monitorare tutte le fasi della procedura Dublino.

Il documento presentato oggi comprende anche un Allegato che raccoglie la giurisprudenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea in merito all’interpretazione del Regolamento Dublino III, al fine di garantire una più rapida applicazione delle norme Dublino negli Stati membri, attraverso garantire un livello più elevato di armonizzazione nell’interpretazione di tali norme da parte degli Stati membri.

Nell’ultimo anno gli Stati membri, sulla base della tabella di marcia di Dublino, si sono impegnati in varie iniziative con il sostegno della Commissione per aumentare l’efficienza delle procedure Dublino. Per sostenere gli Stati membri nei loro sforzi, nell’aprile 2023, l’Agenzia dell’Unione europea per l’asilo ha presentato le Raccomandazioni sui trasferimenti Dublino.

Le buone pratiche individuate in questo documento saranno discusse nella prossima riunione del Comitato di Contatto di Dublino il 4 dicembre. La Commissione continuerà a sostenere gli Stati membri nel raggiungimento di tutti gli obiettivi fissati nella tabella di marcia di Dublino. A tal fine, la Commissione aggiornerà regolarmente questo documento e continuerà la valutazione e il monitoraggio dell’attuazione della tabella di marcia di Dublino nell’ambito del comitato di contatto sul regolamento Dublino III.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, cooperazione, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Sulla scia della vasta devastazione subita da molti comuni ucraini, è diventato evidente che la promozione di una maggiore cooperazione locale e regionale tra l’Ucraina e l’Unione europea è essenziale per favorire la ripresa dell’Ucraina.

Lo scrive il CEMR sul proprio sito.

Questa consapevolezza è stata al centro delle discussioni del primo Bridges of Trust Gathering annuale, che ha riunito rappresentanti dei comuni ucraini ed europei, insieme alle associazioni di autogoverno locale, alle istituzioni dell’UE e alle organizzazioni affini che collaborano alla ricostruzione dei comuni ucraini e alla creazione di un percorso verso l’adesione all’UE.

Tra i partecipanti figuravano il Fondo di solidarietà polacco, il Centro sloveno per la prospettiva europea (CEP), NALAS e ALDA. Erano presenti delegati provenienti da vari paesi, favorendo lo scambio di conoscenze.

Durmish Guri, direttore delle risorse esterne del CEMR, ha sottolineato l’importanza dell’evento, affermando: “È fondamentale che i comuni europei e ucraini si uniscano e stabiliscano connessioni basate sulla fiducia, garantendo la ripresa sostenibile dell’Ucraina”.

Il CEMR, in collaborazione con U-LEAD with Europe, ha creato una rete di sostegno per i comuni ucraini, rafforzando la cooperazione e gli aiuti alle comunità locali.

L’evento, tenutosi presso il Segretariato del CEMR a Bruxelles, ha facilitato la condivisione di conoscenze e preziose raccomandazioni per una cooperazione di successo. L’incontro dei Ponti di Fiducia simboleggia la solidarietà, la determinazione nelle avversità e la speranza per il popolo ucraino.
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


L’ iniziativa New European Bauhaus promuove la cooperazione tra cittadini, esperti, imprese e istituzioni, che lavorano tutti insieme per ripensare lo stile di vita sostenibile non solo in Europa ma anche come modello per il resto del mondo.

Va oltre il concetto e l’ideazione; e fornisce l’accesso ai fondi dell’UE per iniziative che siano allo stesso tempo spettacolari e rispettose dell’ambiente, con l’inclusività al centro.

L’ edizione 2024 dei Nuovi Premi Europei Bauhaus offre un elenco di 4 categorie principali, ciascuna con 2 filoni.

I 2 filoni in competizione sono:

“Campioni” indica progetti in corso o completati;

“Astri nascenti” è rivolto ai talenti emergenti e fornisce uno sfondo diversificato per la creatività ( target: giovani di -30 anni! ).

I Nuovi Premi Europei Bauhaus quest’anno abbracciano l’Ucraina, ampliando la loro portata oltre i Balcani occidentali e gli Stati membri dell’UE. I premi definiti come “Riconoscimento speciale allo sforzo di ricostruzione e ripresa dell’Ucraina” hanno lo scopo di incoraggiare il lavoro di restauro in corso in Ucraina e onorare la sua dedizione nella creazione di un futuro migliore.

Inoltre, un quarto dei premi sarà assegnato a progetti che hanno un impatto positivo su aree geografiche con difficoltà socioeconomiche e che necessitano urgentemente di una transizione verso un’economia a zero emissioni di carbonio.

Per saperne di più su questi premi e su come candidarti, visita la pagina dei Nuovi Premi Europei Bauhaus 2024.

Le domande possono essere presentate in inglese fino al 10 novembre alle 19.

Invia la candidatura
0

E-News, bandi comunitari, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito della Rappresentanza italiana della Commissione euroea informa che il programma Europa creativa ha lanciato i primi tre bandi di finanziamento per il 2024, offrendo un sostegno significativo ai settori culturali e creativi europei.



L’invito a presentare progetti di cooperazione europea, con un bilancio di circa 60 milioni di €, rafforzerà la collaborazione transfrontaliera tra le organizzazioni culturali e sosterrà lo sviluppo, la sperimentazione e la diffusione di pratiche innovative nonché la creazione di contenuti artistici europei, finanziando almeno 130 progetti.

Un nuovo bando, dotato di un bilancio di 47,4 milioni di €, offrirà sostegno a circa 15 piattaforme per la promozione di artisti emergenti nel periodo 2024-2027. Ogni piattaforma sosterrà almeno 50 artisti emergenti all’anno. Grazie ai finanziamenti di Europa creativa, dal 2021 al 2023, 16 piattaforme europee per la promozione di artisti emergenti hanno già fornito sostegno agli artisti europei emergenti e alle loro opere in tutta Europa e nel mondo.

Infine, l’iniziativa enti culturali paneuropei mira a sostenere in particolare le orchestre, con un’ampia portata geografica. Grazie a questo bando, con un bilancio di 7,2 milioni di € per il periodo 2024-2027, gli enti riceveranno sovvenzioni per offrire opportunità di formazione, professionalizzazione e performance a giovani artisti di talento. Per ricevere questo finanziamento saranno selezionate fino a cinque orchestre distribuite su un’ampia area geografica.

Il termine di presentazione delle candidature per i tre bandi è gennaio 2024. Maggiori informazioni sulla procedura di candidatura e sui dettagli del bando sono disponibili sul portale Finanziamenti e appalti dell’UE. Il programma Europa creativa 2021-2027 dispone di un bilancio di 2,44 miliardi di €, rispetto ai 1,47 miliardi di € del programma precedente (2014-2020). Europa creativa investe in azioni che rafforzano la diversità culturale e rispondono alle esigenze e alle sfide dei settori culturali e creativi.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 9NO NEW POSTS