E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Molti giovani non sono ancora in grado di contribuire in modo significativo ai dibattiti politici o possono farlo solo nell’ambito di programmi che non hanno elaborato da soli”, ha sottolineato il Segretario generale del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa Mathieu Mori, elogiando a questo proposito l’importante lavoro svolto dal Consiglio congiunto sulla gioventù superare tali carenze nella partecipazione dei giovani.

Rivolgendosi al Consiglio in occasione della sua 50a riunione presso il Centro europeo della gioventù di Budapest il 9 e 10 aprile 2024, ha sottolineato che esistono già numerose interazioni tra le attività giovanili intraprese dal Congresso e gli organismi intergovernativi sulla gioventù, e ha sottolineato le opportunità per rafforzare questo partenariato in vista della Presidenza del Comitato dei Ministri di Malta nel 2025, che mirava a mettere le politiche giovanili al centro della scena.

Grande interesse nel perseguire una stretta collaborazione con il Congresso è stato espresso dai membri sia del Comitato direttivo europeo per la gioventù che del Consiglio consultivo per i giovani che partecipano regolarmente al Consiglio congiunto sotto la struttura di cogestione del settore giovanile del Consiglio d’Europa. In uno scambio dinamico sono stati ricordati i risultati di precedenti attività di cooperazione, ad esempio nei settori della gioventù rurale o del lavoro giovanile nei quartieri svantaggiati.

In questa occasione, il Segretario Generale ha annunciato la nuova revisione della Carta europea riveduta sulla partecipazione dei giovani alla vita locale e regionale – un processo appena avviato dal Congresso nell’anno del 10 ° anniversario della propria Iniziativa dei delegati “Ringiovanire la politica” .
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Consiglio d’Europa e l’Unione Europea hanno sviluppato un nuovo strumento per preparare i giovani a valutare i contenuti online e nei media, a identificare le distorsioni storiche e a pensare in modo critico ai contenuti che incontrano .

Il “Toolkit per lezioni di storia: smascherare le notizie false e promuovere il pensiero critico” comprende 11 attività online che aiutano gli studenti ad analizzare diversi argomenti, eventi, figure e processi attraverso fonti storiche e un approccio multiprospettico. Lo strumento è accompagnato da un corso di formazione online gratuito per insegnanti della scuola secondaria sul suo utilizzo pratico in classe. Sarà disponibile al grande pubblico nell’autunno 2024.

Il toolkit sarà presentato nel quadro delle Giornate europee dell’innovazione nell’educazione storica HISTOLAB
che si svolgeranno presso la sede del Consiglio d’Europa a Strasburgo dal 3 al 5 aprile. La conferenza dedicata all’educazione storica riunirà oltre 150 professionisti provenienti da paesi europei e non solo per presentare e discutere iniziative straordinarie e nuove pratiche nella ricerca, nel mondo accademico e nell’insegnamento della storia. Queste innovazioni abbracciano una vasta gamma di approcci educativi, dalla comprensione delle narrazioni storiche attraverso i post sui social media, all’insegnamento dei regimi totalitari utilizzando l’architettura.

Gli Innovation Days offriranno anche 9 workshop pratici, dove i partecipanti potranno scoprire come avvicinare l’insegnamento ai giovani, utilizzando ad esempio i LEGO per insegnare la democrazia, o il mezzo del calcio per insegnare la storia.

Fonte: Consiglio d’Europa
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nell’ultimo giorno della sua 46a sessione del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa, il 28 marzo, il Congresso ha adottato una raccomandazione contenente il suo contributo al Vertice delle Nazioni Unite del futuro. Questo vertice si svolgerà a New York il 22 e 23 settembre 2024 e riunirà capi di Stato e di governo di tutto il mondo per discutere passi concreti su come rispondere alle sfide globali emergenti. Il risultato del vertice sarà una dichiarazione politica denominata Patto per il futuro.

In quanto assemblea politica dei poteri locali e regionali dei 46 Stati membri del Consiglio d’Europa, il Congresso è convinto che le sfide globali attuali e future possano essere affrontate solo sfruttando il potere dei governi locali e regionali al livello più vicino ai cittadini. Nella sua raccomandazione, il Congresso ha invitato gli Stati membri del Consiglio d’Europa a sostenere il ruolo degli enti locali e regionali nella realizzazione dell’agenda globale per lo sviluppo sostenibile, compreso il Patto per il futuro.

“La nostra esperienza al Congresso dimostra che istituzionalizzare la voce degli enti locali e regionali è un passo importante verso una governance multilivello significativa e porta a un processo decisionale più forte ed efficace”, ha affermato Gunn-Marit Helgesen, relatore del Congresso sul Summit delle Nazioni Unite sul futuro.

Il vicesindaco di Parigi Arnaud Ngatcha ha informato i membri sul lavoro del gruppo consultivo del Segretario generale delle Nazioni Unite sui governi locali e regionali, di cui fa parte il sindaco di Parigi Anne Hidalgo. Ha sottolineato l’importanza di adottare un approccio di governance multilivello per raggiungere l’Agenda 2030. Ngatcha ha anche sottolineato l’importante ruolo che le città svolgono nella lotta al cambiamento climatico e ha accolto con favore il fatto che ai governi locali sia stato concesso l’accesso ai colloqui statali alla COP 28.

“Il coinvolgimento degli enti locali e regionali in questo processo può creare un forte ambiente favorevole per la riuscita attuazione dell’Agenda 2030”, ha concluso Gunn-Marit Helgesen.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Segretaria generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić ha sottolineato l’importanza del 75° anniversario del Consiglio d’Europa nel suo intervento alla 46esima sessione del Congresso dei poteri locali e regionali in corso a Strasburgo, che coincide con il 30° anniversario del Congresso e con il 10° anniversario dell’iniziativa per i giovani.

“Accolgo con favore il recente rafforzamento del Congresso e delle sue attività, a seguito del Vertice e della Dichiarazione di Reykjavík lo scorso maggio. Questo rafforzamento è legato ai progressi compiuti grazie alla riforma amministrativa e all’adozione del programma e del bilancio lo scorso dicembre, che hanno portato a un reale aumento delle risorse per le attività statutarie di osservazione e monitoraggio del Congresso”, ha sottolineato la Segretaria generale.

Marija Pejčinović Burić ha inoltre fatto il punto del suo mandato, evidenziando i principali risultati ottenuti.

“Vorrei esprimere il mio sostegno al Presidente del Congresso per il buon esito del suo mandato e sottolineare l’importanza della sua dichiarazione sulla violenza contro i rappresentanti eletti a livello locale, che non può essere tollerata in nessuna circostanza e non può rimanere impunita. Dobbiamo rimanere uniti nel nostro impegno per la protezione dei diritti fondamentali e per la promozione della democrazia a tutti i livelli di governance. Lo Stato di diritto è la nostra bussola: guida le nostre azioni e decisioni per un futuro basato sulla giustizia e sull’uguaglianza”, ha concluso.
0

E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa sta svolgendo la sua 46a sessione dal 26 al 28 marzo 2024 a Strasburgo. In questa occasione, mercoledì 27 marzo il Congresso terrà una cerimonia speciale per celebrare il suo 30 ° anniversario.

L’ordine del giorno della sessione prevede dibattiti sui due anni di guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina, con l’adozione di una dichiarazione, e sul ruolo degli enti locali e regionali nella tutela dei diritti dei bambini ucraini, con la partecipazione di Daria Herasymchuk, commissaria presidenziale per i diritti dell’infanzia e la riabilitazione dell’infanzia. I membri del Congresso avranno inoltre uno scambio di opinioni con Sviatlana Tsikhanouskaya, leader delle forze democratiche bielorusse, durante un dibattito sul ruolo degli enti locali e regionali nel sostenerle.

Il Congresso discuterà i rapporti di monitoraggio sull’applicazione della Carta europea dell’autonomia locale in Andorra, Croazia, Francia, Italia, Montenegro e Norvegia, nonché sull’osservazione delle elezioni locali nella Repubblica di Moldova (5 novembre 2023).

Saranno discusse e votate anche risoluzioni e raccomandazioni sugli enti locali e regionali come attori e garanti dello Stato di diritto, risposte locali e regionali ai disastri naturali e ai rischi climatici: dalla preparazione ai rischi alla resilienza, e il vertice delle Nazioni Unite sul futuro.

L’aumento dell’antisemitismo e dell’odio anti-musulmano in Europa, le responsabilità locali nella protezione dell’ambiente, il diritto all’acqua in pericolo, l’esodo dei servizi dalle regioni periferiche e rurali, le regioni interculturali e il progetto di convenzione sull’intelligenza artificiale sono tra gli altri temi dei dibattiti della sessione. I membri del Congresso avranno inoltre uno scambio di opinioni con la Segretaria generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović-Burić e la Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa Dunja Mijatović, che presenteranno i risultati dei rispettivi mandati, nonché con la Vice Primo Ministro del Liechtenstein Sabine Monauni a nome della Presidenza del Comitato dei Ministri del suo paese.

Tra gli altri ospiti invitati figurano il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Italiane Roberto Calderoli.

PROGETTO DI ORDINE DEL GIORNO

I rappresentanti dei mass media potranno inoltre seguire la sessione del Congresso in diretta in inglese, francese, tedesco, italiano e turco sul sito https://www.coe.int/en/web/portal/home Dibattiti sulla guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina e sul diritto all’acqua minacciato verrà interpretato anche in ucraino. Il progetto di ordine del giorno e i documenti della Sessione, nonché video e foto sono disponibili nella pagina del Congresso dedicata della Sessione .

SEGUI LA SESSIONE IN DIRETTA STREAMING
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa ha adottato il 6 marzo una nuova Strategia per l’uguaglianza di genere per il periodo 2024-2029. In linea con gli impegni presi a Reykjavik dai capi di Stato e di governo, questa strategia guiderà i lavori dell’Organizzazione per l’uguaglianza di genere nei prossimi sei anni.

La nuova Strategia, volta ad affrontare sfide attuali ed emergenti, si snoda attorno a sei obiettivi:

Prevenire e combattere gli stereotipi di genere e il sessismo
Prevenire e combattere la violenza contro le donne e le ragazze e la violenza domestica
Assicurare equo accesso alla giustizia alle donne e alle ragazze
Raggiungere una partecipazione equilibrata di donne e uomini nella vita politica, pubblica, sociale ed economica
Assicurare l’empowerment delle donne e l’uguaglianza di genere in relazione alle sfide globali e geopolitiche
Integrare la questione del genere e un approccio intersettoriale in tutte le politiche e le misur
e

Una conferenza di alto livello per il lancio ufficiale della Strategia si terrà a Strasburgo il 30 maggio, nel quadro della Presidenza lituana del Comitato dei Ministri.
0

E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In occasione della Giornata internazionale della donna 2024 la portavoce tematica del Congresso dei Poetri locali e Regionali del Consiglio d’Europa sull’uguaglianza di genere Eirini Dourou ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Nella Giornata internazionale della donna di quest’anno, facciamo eco alle parole dei Principi di democrazia di Reykjavik e chiediamo una partecipazione piena, equa e significativa alla vita politica e pubblica per tutti, in particolare per le donne e le ragazze. Non possiamo “ispirare l’inclusione” se le donne e le ragazze non sono pienamente rappresentate nelle nostre istituzioni democratiche. Questa è una battaglia condivisa che deve essere abbracciata da tutti.

In quanto enti locali e regionali, abbiamo un ruolo chiave da svolgere nell’accelerare la carriera politica delle donne. Aiutarli a sviluppare le proprie capacità e rafforzare la loro rappresentanza e visibilità a livello regionale e nazionale è un modo sicuro per vedere aumentare il loro numero nei nostri parlamenti e governi.

In particolare, alle giovani donne dovrebbe essere data l’opportunità e il sostegno per candidarsi a cariche locali, poiché sono ancora le meno rappresentate nella leadership politica. Poiché i rappresentanti eletti a livello locale e regionale hanno aperto la strada, ora dovremmo stare al fianco delle giovani donne, guidarle e incoraggiarle a occupare lo spazio che meritano.

Dobbiamo tutti fare meglio per garantire che in futuro tassi più elevati di donne nella politica locale non debbano essere celebrati in modo speciale, ma diventino piuttosto parte della norma”.

Nel 2020, il Congresso ha adottato un rapporto sulla “Lotta alla violenza sessista contro le donne in politica a livello locale e regionale” e ha sviluppato una guida sulla prevenzione e la lotta al sessismo a livello locale in Ucraina, che da allora è stata adattata per offrire assistenza a donne e uomini nella politica locale in Bosnia ed Erzegovina.

Il tema della campagna della Giornata internazionale della donna 2024 è “Ispirare l’inclusione”
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La riunione annuale di coordinamento della Settimana europea della democrazia locale (SEDL), tenutasi recentemente a Strasburgo ha riunito rappresentanti di comuni e associazioni di enti locali di Bosnia ed Erzegovina, Grecia, Italia, Malta, Portogallo, Turchia e Ucraina che hanno preso parte attiva a questa iniziativa congressuale nell’ultimo anno.

Aprendo l’incontro, il Segretario generale del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa Mathieu Mori ha ringraziato i partecipanti per il loro costante impegno a favore della democrazia locale nonostante le numerose sfide che hanno dovuto affrontare, sottolineando in particolare la partecipazione di due comuni ucraini (Kiev e Lviv). Ha sottolineato che “le autorità locali si trovano costantemente in prima linea, mitigando l’impatto delle crisi e rispondendo al contempo ai bisogni e alle aspettative dei loro cittadini, il che sottolinea l’importanza di costruire governi locali resilienti in grado di fornire risposte significative, efficienti, inclusive e sostenibili in situazioni di crisi”.

Véronique Bertholle, vicesindaco di Strasburgo e viceportavoce del Congresso per la gioventù, che ha moderato l’incontro, si è congratulata con i 51 partecipanti provenienti da 18 paesi per aver organizzato un totale di 276 attività durante tutto l’anno . “L’impegno che dimostrate nell’organizzare eventi della SELD con il coinvolgimento dei cittadini è immensamente significativo. I vostri sforzi e il vostro impegno per rafforzare la partecipazione democratica e condividere le migliori pratiche, anche in circostanze difficili, contribuiscono in modo significativo all’obiettivo di aumentare la resilienza e l’inclusività delle vostre comunità”, ha sottolineato.

Il tema dell’edizione 2023-2024 della Settimana europea della democrazia locale (SEDL) è “Comunità locali: mettere la resilienza democratica in primo piano” . I partecipanti hanno presentato le loro migliori pratiche e una serie di attività correlate, tra cui eventi educativi interattivi, bilancio partecipativo, piattaforme di consultazione e sondaggi, nonché incontri tra sindaci e giovani cittadini delle loro comunità, tra gli altri.

I partecipanti sono stati informati sull’iniziativa del Consiglio d’Europa “ELoGE” (Marchio Europeo di Eccellenza nella Governance), e hanno tenuto un dibattito sul coinvolgimento dei giovani nei processi decisionali locali, introdotto da Alice Bergholtz, Senior Project Officer presso il Dipartimento Gioventù del Consiglio di Europa. Ha sottolineato che “il Congresso è un attore di primo piano quando si tratta di ascoltare i giovani e di coinvolgere la prospettiva giovanile nelle discussioni” . Ha inoltre presentato la Carta europea riveduta sulla partecipazione dei giovani alla vita locale e regionale e le Linee guida sulla partecipazione dei giovani, sottolineando che la partecipazione attiva dei giovani alle azioni a livello locale e regionale è essenziale per costruire l’inclusività democratica.

Al termine dell’incontro, l’attestato di “Partner della Settimana Europea della Democrazia Locale 2023” è stato assegnato a 14 comuni e associazioni in riconoscimento del loro impegno a favore della SEDL e del loro lavoro per la promozione della democrazia locale nel 2023.

La Settimana Europea della Democrazia Locale (SEDL) è un’iniziativa paneuropea coordinata dal Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa dal 2007. Durante tutto l’anno, i comuni e le loro associazioni nazionali sono invitati a organizzare iniziative in tutta Europa volto a promuovere la partecipazione dei cittadini, favorire il dialogo tra la comunità e le autorità pubbliche, rafforzare la fiducia nei rappresentanti eletti e nelle istituzioni e fornire una dimensione europea alle iniziative locali. Un evento di punta si svolge durante la settimana del 15 ottobre, data della firma della Carta europea dell’autonomia locale nel 1985.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 30NO NEW POSTS