E-News, cplre, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
I presidenti del Comitato europeo delle regioni e del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa hanno avvertito che i governi locali e regionali stanno lottando per far fronte alla serie di crisi che hanno scosso il continente dal 2020.

“Le nostre città e regioni sono sottoposte a una crescente pressione da molteplici crisi che stanno avendo un impatto significativo e duraturo sulla governance locale e regionale. La cooperazione è essenziale per aumentare la resilienza delle nostre comunità”, ha dichiarato Leendert Verbeek, presidente del Congresso, riferendosi al sfide affrontate dalle autorità locali e regionali, tra cui crisi sanitarie, ambientali, migratorie, economiche e finanziarie e conflitti armati, in particolare la guerra in Ucraina.

Il Presidente del Congresso ha sottolineato l’importanza di affrontare queste sfide in un contesto di ricentralizzazione, mancanza di mezzi finanziari e crescenti attacchi ai rappresentanti eletti locali e regionali. Ha avvertito che “questa ‘tempesta perfetta’ mina le basi di un’autentica autonomia locale e rende ancora più essenziale il lavoro del Congresso, attraverso il monitoraggio regolare della Carta europea dell’autonomia locale e la promozione dei diritti umani presso livello di base”.

Entrambi i Presidenti hanno messo in guardia sui pericoli dell’incitamento all’odio e della disinformazione e hanno considerato gli aspetti critici della democrazia locale in Europa, compresi gli sforzi per promuovere la democrazia deliberativa, con il Presidente del Comitato delle regioni che ha presentato i risultati della sua relazione annuale 2022 sullo stato delle regioni e città presentate nel suo discorso lo scorso ottobre e la Carta dei giovani e della democrazia che sarà varata questo giovedì.

Il presidente del CdR Vasco Alves Cordeiro ha sottolineato i potenziali benefici che potrebbero emergere dalla conferenza sul futuro dell’Europa, che si è conclusa nel maggio 2022 e le cui conclusioni stanno contribuendo a definire l’agenda e il funzionamento dell’UE.

Il presidente Verbeek ha illustrato i risultati del loro monitoraggio dello stato della democrazia locale e regionale e ha sottolineato la necessità di sforzi congiunti per rispondere alle crisi e difendere il ruolo e la posizione degli enti locali e regionali nei confronti dei governi nazionali e delle istituzioni europee . Harald Sonderegger, Presidente della Camera delle Regioni del Congresso, e Bernd Vöhringer, Presidente della Camera dei Poteri Locali hanno presentato il lavoro sui diritti umani a livello locale e regionaleù , e in particolare la “lettura verde” della Carta Europea delle Autonomie Locali” Governo, localizzazione degli SDGs e democrazia deliberativaù.

Le due istituzioni hanno discusso gli sforzi per sostenere le città e le regioni in Ucraina attraverso l’ Alleanza delle città e delle regioni per la ricostruzione dell’Ucraina, basandosi, ad esempio, sull’iniziativa Cities4Cities del Congresso, che è un partner istituzionale dell’Alleanza.

Maggiori informazioni
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Come annunciato ai cittadini nel corso della Conferenza sul futuro dell’Europa, il Parlamento europeo, il Consiglio dell’Unione e la Commissione europea organizzano il 2 dicembre prossimo presso la sede del Parlamento europeo a Bruxelles un evento per fare il punto sulla Conferenza.

L’evento prevede uno scambio interattivo con i cittadini che hanno partecipato ai panel europei dei cittadini e con i rappresentanti dei panel nazionali e degli eventi. I rappresentanti di alto livello delle tre istituzioni spiegheranno in che modo stanno dando seguito alla Conferenza e alle sue proposte.

Il programma dell’evento sarà disponibile sulla piattaforma della Conferenza. Le sessioni pubbliche dell’evento saranno trasmesse in streaming sulla piattaforma della Conferenza e sul Centro multimediale del PE.

Negli ultimi mesi, le tre istituzioni hanno lavorato per rispettare l’impegno di dar seguito alle proposte della Conferenza, avviando il processo di attuazione e di verifica secondo le rispettive competenze previste dai Trattati UE. Le 49 proposte della Conferenza includono più di 300 provvedimenti su come realizzarle suddivise in nove temi, e sono basate sulle raccomandazioni formulate dai panel europei e nazionali dei cittadini e sui contributi degli eventi nazionali, della piattaforma digitale multilingue e dalle discussioni della Plenaria e i nove gruppi di lavoro tematici.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Comitato europeo delle Regioni ha recentemente pubblicato la relazione annuale dell’UE sullo stato delle regioni e delle città, come un’istantanea delle sfide più urgenti affrontate dalle regioni e dalle città dell’Unione, che aiuta a informare le decisioni politiche dell’UE.

Basato su studi originali commissionati dal Comitato europeo delle regioni, oltre a ricerche accademiche, contributi di altre istituzioni europee e documentazione open source, questo rapporto fornisce fatti e dati per i responsabili politici e le parti interessate.

La relazione di quest’anno si concentra sulle sfide più urgenti che le città e le regioni dell’UE devono affrontare: le conseguenze economiche e sociali della guerra della Russia contro l’Ucraina, gli effetti duraturi della pandemia di COVID-19 e la necessaria ripresa, l’emergenza climatica e la transizione energetica, lotta contro le disuguaglianze e il futuro della democrazia sulla base delle conclusioni della Conferenza sul futuro dell’Europa.

Il rapporto contiene anche il suo “Barometro regionale e locale”, che presenta le opinioni dei rappresentanti eletti di tutta Europa intervistati in collaborazione con IPSOS.

​​​​​​​​​​​Nei 27 Stati membri dell’Unione Europea, ci sono più di un milione di politici eletti a livello subnazionale. Questi politici locali rappresentano un insieme molto diversificato di collegi elettorali a vari livelli di governo, inclusi stati federali, regioni, province, contee, distretti o comuni. L’indagine Eurobarometro Flash offre ai politici locali dell’UE un’importante piattaforma per condividere la propria opinione sulle sfide e le priorità dell’Europa.

Le risposte rivelano ciò che i politici locali darebbero la priorità a livello dell’UE, quanto sono consapevoli delle iniziative a livello dell’UE e delle opportunità di finanziamento dell’UE, cosa pensano del futuro dell’Europa e quali sono le loro risposte all’emergenza creata dalla guerra in Ucraina.

PRINCIPALI RISULTATI

>Rapporto annuale dell’UE sullo stato delle regioni e delle città 2022

Relazione annuale dell’UE sullo stato delle regioni e delle città: scheda informativa 2022 in italiano (PDF)
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C375 del 30 settembre pubblica la Risoluzione del Comitato europeo delle regioni (CdR)— Esito e follow-up della Conferenza sul futuro dell’Europa

Il CdR si rallegra che la Conferenza sul futuro dell’Europa abbia riconosciuto la natura multilivello della democrazia rappresentativa europea e abbia proposto di riformare il CdR conferendogli «un ruolo più incisivo nell’architettura istituzionale, quando sono in gioco questioni che hanno un impatto sui territori». Il CdR ritiene che tale riforma debba ampliare gli ambiti di intervento di rilevanza territoriale per i quali la sua consultazione diviene obbligatoria; ciò comporta la revisione degli articoli 43 (politica agricola comune/pesca), 79 (migrazione) e 114 (clausola di salvaguardia del mercato interno) TFUE, nonché la revisione dell’articolo 13 TUE e degli articoli 294, 300 e 307 TFUE.

Il Comitato accoglie con favore la proposta della Conferenza sul futuro dell’Europa di modificare le denominazioni delle istituzioni dell’UE per chiarirne, agli occhi dei cittadini, le funzioni e il rispettivo ruolo nel processo decisionale dell’UE; a tal fine, il Comitato propone di modificare la sua denominazione in maniera da rispecchiare meglio le responsabilità politiche e giuridiche dei suoi membri, nonché il suo ruolo di assemblea europea delle regioni e dei comuni.

Il CdR inoltre plaude al riconoscimento che «la sussidiarietà attiva e la governance multilivello sono principi basilari e caratteristiche fondamentali del funzionamento dell’UE e della responsabilità democratica», all’appello per un «utilizzo sistematico di una definizione di sussidiarietà concordata congiuntamente da tutte le istituzioni dell’UE» per precisare il livello — europeo, nazionale, regionale o locale — al quale si devono adottare le decisioni, e alla proposta di estendere il meccanismo di allarme in materia di sussidiarietà «a tutti i parlamenti regionali dell’UE dotati di poteri legislativi». Concorda con la richiesta che i parlamenti nazionali e regionali dotati di poteri legislativi possano in futuro proporre iniziative legislative a livello europeo. Queste proposte dovrebbero contribuire a chiarire che lo scopo della sussidiarietà non è quello di impedire l’azione a livello europeo, bensì quello di individuare il livello di governo che dovrebbe assumere il ruolo guida, tramite poteri formali esclusivi o condivisi, mentre gli altri livelli sosterrebbero gli obiettivi politici.

Il CdR sostiene le proposte della Conferenza sul futuro dell’Europa volte a integrare la democrazia rappresentativa intensificando la partecipazione dei cittadini alla democrazia europea a tutti i livelli. Tale obiettivo dovrebbe essere realizzato istituzionalizzando nuove forme di partecipazione dei cittadini a livello dell’Unione europea attraverso dialoghi con cittadini selezionati in modo casuale in merito a temi specifici. Il CdR rinnova l’invito a istituire un meccanismo permanente e basato sul territorio per il dialogo con i cittadini, sostenuto dagli enti locali e regionali, che garantisca una comunicazione biunivoca tra i cittadini e le istituzioni dell’UE, promuovendo in tal modo una migliore comprensione dell’impatto locale e regionale delle politiche dell’Unione in tutta l’UE; pone in evidenza la necessità di garantire che tale meccanismo raggiunga i cittadini di ogni fascia di età, origine e provenienza; sottolinea inoltre che nelle regioni di confine il dialogo deve essere impostato secondo un orientamento transfrontaliero onde creare un vero e proprio valore aggiunto europeo; ritiene che la razionalizzazione dei meccanismi esistenti di partecipazione dei cittadini richieda la modifica dell’articolo 11 TUE, nonché degli articoli 24 e 227 TFUE.

Il Comitato si impegna tra l’altro a continuare a organizzare dialoghi locali con i cittadini, nonché iniziative strutturate di democrazia partecipativa che potrebbero alimentare il meccanismo permanente.

SCARICA E LEGGI LA RISOLUZIONE COMPLETA IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nei prossimi mesi il Parlamento europeo approverà leggi sulla sicurezza energetica, l’uguaglianza di genere, l’intelligenza artificiale e altro ancora. Lo rende noto il sito del Parlamento.

Stato dell’Unione
Nel suo terzo discorso sullo stato dell’Unione, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen delineerà le principali priorità e sfide della Commissione per i prossimi 12 mesi. Nel corso del dibattito, che si svolgerà a Strasburgo il 14 settembre, gli europarlamentari esamineranno l’operato della Commissione nell’ultimo anno, per assicurarsi che le principali preoccupazioni degli europei, come la sicurezza energetica e il cambiamento climatico, vengano affrontate.

Energia
La sicurezza energetica è risultata essere una delle preoccupazioni fondamentali dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina, che ha portato a un precipitoso balzo dei prezzi del petrolio e del gas in Europa e nel mondo. Il Parlamento europeo dovrebbe votare alcune misure per ridurre la dipendenza dell’UE dai combustibili fossili russi e aumentare la produzione di energia verde, comprese nuove norme sulle energie rinnovabili e sull’efficienza energetica.

Seguito della conferenza sul futuro dell’Europa
Gli eurodeputati daranno seguito alle 49 proposte di riforma dell’UE presentate dalla Conferenza sul futuro dell’Europa conclusasi il 9 maggio 2022. In autunno si terrà un evento per dare seguito alla Conferenza, tenere i cittadini informati e spiegare i progressi che sono stati compiuti.

Salari minimi adeguati
A settembre dovrebbe essere approvata dal Parlamento europeo la prima normativa UE sui salari minimi adeguati. Questo provvedimento chiede ai paesi dell’UE di garantire che il loro salario minimo a livello nazionale consenta uno standard di vita dignitoso. I deputati europei confidano nel fatto che le regole si traducano in una crescita salariale reale e contribuiscano a ridurre povertà lavorativa e divario retributivo di genere.

Intelligenza artificiale
Il Parlamento voterà anche nuove regole sull’uso dell’intelligenza artificiale (IA). La cosiddetta legge sull’intelligenza artificiale dovrebbe sbloccare il potenziale dell’IA in campi come la salute, l’ambiente e i cambiamenti climatici. Gli europarlamentari vogliono che l’UE assuma un ruolo guida in questo campo, stabilendo standard chiari che riflettano i valori dell’UE e garantiscano la protezione dei diritti fondamentali.

Parità di genere sul luogo di lavoro
Il Parlamento europeo dovrebbe approvare il disegno di legge che punta ad aumentare la parità di genere nei consigli di amministrazione delle grandi aziende. La cosiddetta Direttiva “Women on Boards” (donne nei consigli di amministrazione) introdurrà procedure di assunzione trasparenti nelle aziende, in modo che almeno il 40% degli incarichi dirigenziali non esecutivi o il 33% di tutti gli incarichi dirigenziali siano ricoperti dal sesso sottorappresentato.
I deputati avvieranno anche negoziati con il Consiglio per la Direttiva sulla trasparenza salariale, che obbligherebbe alcune aziende a rivelare gli stipendi di uomini e donne nella stessa posizione e funzione, rendendo più facile il confronto tra gli stipendi e la comparazione tra i divari retributivi di genere.

Lavoratori delle piattaforme digitali
I deputati presenteranno una direttiva volta a migliorare i diritti dei lavoratori delle piattaforme digitali, come Uber e Deliveroo. Le norme proposte mirano a garantire che a questi lavoratori sia concesso uno status occupazionale corrispondente alle loro modalità di lavoro. Si stima che attualmente nove piattaforme su dieci nell’UE dichiarino come lavoratori autonomi, le persone che lavorano attraverso di esse. Dei 28 milioni di persone che lavorano attraverso le piattaforme, 5,5 milioni potrebbero essere stati registrati sotto una classificazione erronea. Di conseguenza, ad alcune persone che lavorano attraverso piattaforme digitali vengono negati i diritti sociali e lavorativi che deriverebbero dallo status lavorativo.

Criptovalute
Gli eurodeputati saranno chiamati ad esprimersi sul quadro giuridico per le criptovalute nell’UE. Le norme approvate a giugno dal Parlamento e dal Consiglio comprendono una serie di misure contro la manipolazione del mercato e la prevenzione del riciclaggio di denaro, del finanziamento del terrorismo e di altre attività criminali. Tali provvedimenti mirano inoltre a informare meglio i consumatori sulla possibilità di rischi, costi e oneri relativi alle criptovalute, comprese le criptomonete e i token non fungibili (NFT).

Premio Sacharov
A dicembre, il Parlamento assegnerà l’annuale Premio Sacharov per la libertà di pensiero, che onora gli individui e le organizzazioni che difendono i diritti umani e la democrazia in tutto il mondo. L’anno scorso il premio è stato assegnato al leader dell’opposizione russa e attivista anticorruzione Alexei Navalny.
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il servizio stampa del Dipartimento per le politiche europee informa che è stata pubblicata la Relazione del Governo italiano sul contributo italiano alla Conferenza sul futuro dell’Europa. La Relazione raccoglie i risultati del dibattito nazionale sulla Conferenza sul futuro dell’Europa e presenta gli eventi, le iniziative e le attività promossi dal Governo italiano che hanno visto la partecipazione qualificata di Istituzioni, Università, Enti locali, associazioni, giovani universitari, studenti e studentesse delle scuole, cittadini e società civile.

Sebbene la discussione sui temi della Conferenza fosse aperta a tutti i cittadini, gli interlocutori privilegiati sono stati i giovani, considerati i protagonisti della consultazione. Le attività del Governo italiano hanno infatti cercato prioritariamente di sollecitare il dibattito nelle scuole, nelle Università, nelle organizzazioni giovanili della società civile.

Relazione sul contributo italiano alla Conferenza [.pdf – 4,95 Mbyte]
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’ufficio stampa della Commissione europea annuncia attraverso un comunicato stampa di aver adottato il 17 giugno una comunicazione che illustra come dare seguito ai risultati della conferenza sul futuro dell’Europa.

Dopo un anno di deliberazioni, la Conferenza si è conclusa il 9 maggio 2022. Nella cerimonia di chiusura a Strasburgo, i Presidenti del Parlamento europeo, della Commissione e del Consiglio hanno ricevuto dai partecipanti alla Conferenza una relazione finale contenente 49 persone di ampio respiro, ambiziose e proposte lungimiranti e 326 misure individuali.

Queste proposte, scrive la Commissione, coprono nove grandi temi e si basavano sulle raccomandazioni formulate dai cittadini durante i Panel dei cittadini europei e i Panel dei cittadini nazionali e che hanno contribuito con le loro idee attraverso la piattaforma digitale multilingue.

“Sebbene la Conferenza abbia prodotto sia la quantità che la qualità delle proposte, il suo successo dipenderà in definitiva dal cambiamento che può apportare”, continua Bruxelles. In questo spirito, la Commissione europea, insieme al Parlamento europeo e al Consiglio, si sono tutti impegnati nella Dichiarazione congiunta del marzo 2021 a dare seguito a quanto proposto, ciascuno nel quadro delle proprie competenze e in conformità con i Trattati. Il presidente von der Leyen ha ribadito questo impegno alla cerimonia di chiusura della Conferenza.

La comunicazione del 17 giugno è il primo passo nel follow-up della Commissione. Offre una valutazione di ciò che è necessario per dare seguito alle proposte della conferenza, fornisce una panoramica delle prossime fasi e illustra il modo migliore per trarre insegnamento dalla conferenza e integrare la democrazia partecipativa nella politica e nel processo legislativo dell’UE. Ad esempio, basandosi sul successo dei comitati di cittadini europei alla conferenza, la Commissione consentirà a questi comitati di deliberare e formulare raccomandazioni prima di alcune proposte chiave, come parte della sua più ampia elaborazione politica e in linea con i principi per legiferare meglio.

La Commissione europea ritiene che “affinché la valutazione delle proposte sia credibile, sia essenziale attenersi allo spirito e alla lettera di quanto proposto, senza alcuna reinterpretazione o selezione”. Questo è quanto riportato nell’allegato alla comunicazione. Le 49 proposte sono suddivise nelle stesse aree tematiche scelte dalla Conferenza, con la valutazione della Commissione definita per ciascuna area.

L’allegato definisce quattro categorie di risposte: iniziative esistenti che affrontano le proposte (ad esempio la legge europea sul clima); quelle già proposte dalla Commissione dove il Parlamento Europeo e il Consiglio sono chiamati ad adottare (es. Nuovo Patto sulla Migrazione); azioni pianificate che tradurranno le idee, costruendo nuove riflessioni dalla Conferenza (es. Media Freedom Act); e nuove iniziative o ambiti di lavoro ispirati alle proposte, rientranti nelle competenze della Commissione (ad es. questioni relative alla salute mentale).

La prima serie di nuove proposte sarà annunciata nel discorso sullo stato dell’Unione della presidente von der Leyen nel settembre 2022, nonché nella lettera di intenti di accompagnamento. Queste proposte saranno tra quelle da includere nel programma di lavoro della Commissione per il 2023 e oltre. Nel dare seguito, informa il comunicato, “la Commissione assicurerà che le nuove riforme e politiche non si escludano a vicenda per le discussioni sulla necessità di una modifica del trattato, concentrandosi sul trarre il massimo da ciò che è attualmente possibile, pur restando aperta alla modifica del trattato ove necessario”.

Per tenere informati i cittadini che hanno partecipato alla conferenza e mantenere lo slancio, nell’autunno 2022 sarà organizzato un evento di feedback della conferenza. Questo evento sarebbe il momento per comunicare e spiegare come le tre istituzioni dell’UE stanno seguendo e prendendo stock di progresso in quella fase del processo.

APPROFONDIMENTI

Comunicazione sulla Conferenza sul futuro dell’Europa

Allegato alla Comunicazione sulla Conferenza sul Futuro dell’Europa

Rapporto finale

Discorso della Presidente von der Leyen alla cerimonia di chiusura della Conferenza [9 maggio 2022]
0