E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto di aver proposto il 6 giugno nuove misure per affrontare il crescente uso improprio dei trasporti commerciali da parte di reti criminali che facilitano la migrazione irregolare verso l’UE.

Attraverso questo pacchetto di strumenti, la Commissione sostiene gli Stati membri con misure strategiche, in tre pilastri: legislativo, operativo e diplomatico. L’obiettivo è affrontare i casi in cui i mezzi di trasporto sono utilizzati in modo improprio per facilitare la migrazione irregolare verso l’UE, con particolare attenzione alle vie aeree.

Le azioni chiave sono strutturate in tre pilastri:



Primo pilastro: il quadro giuridico dell’UE

Nel pacchetto di strumenti presentato, la Commissione chiede di riprendere e concludere rapidamente i negoziati sul regolamento relativo alle misure contro gli operatori dei trasporti che facilitano o praticano la tratta di persone o il traffico di migranti in relazione all’ingresso illegale nel territorio dell’UE. Queste nuove norme saranno fondamentali per rafforzare il quadro giuridico dell’UE in questo settore. La Commissione esaminerà inoltre, insieme agli Stati membri, come applicare al meglio il pacchetto sui facilitatori dell’UE annunciato nel rinnovato piano d’azione dell’UE contro il traffico di migranti (2021-2025) agli operatori di trasporto che facilitano l’ingresso e il transito non autorizzati nell’UE.

Le misure giuridiche comprendono anche la possibilità di sospendere o revocare la licenza di esercizio di un vettore aereo dell’UE che non soddisfi i requisiti di onorabilità previsti dalla pertinente legislazione dell’UE in materia di trasporti o di prendere in considerazione l’utilizzo delle misure restrittive esistenti in materia di politica estera di sicurezza comune dell’UE per prendere di mira gli operatori di trasporto interessati che facilitano la migrazione irregolare verso l’Unione Europea.

Secondo pilastro: consapevolezza situazionale e preallarme

Rafforzare l’uso della rete Blueprint e rafforzarne la capacità è una priorità per migliorare la consapevolezza situazionale sull’uso degli operatori dei trasporti per facilitare la migrazione irregolare verso l’UE. Anche la cooperazione e lo scambio di informazioni tra la Commissione, Frontex ed Eurocontrol sono fondamentali per monitorare i voli e raccogliere dati sulle rotte emergenti.

Una volta approvate le nuove norme sulla gestione delle frontiere, lo scambio di informazioni sarà integrato dall’utilizzo dei dati relativi alle informazioni avanzate sui passeggeri. Sostenere i paesi limitrofi e di transito dell’UE nello sviluppo di sistemi di intelligence dei viaggiatori aumenterà anche la consapevolezza situazionale.

Terzo pilastro: impegno con i paesi partner e gli operatori dei trasporti

Considerando l’importanza e l’attrattiva del mercato dei trasporti dell’UE, l’UE esercita un notevole potere d’influenza presso le autorità e gli operatori dei trasporti di paesi terzi e può svolgere un ruolo fondamentale nella definizione di standard di trasporto elevati a livello mondiale, anche in termini di sviluppo di misure per contrastare l’uso improprio di servizi commerciali trasporto da parte di reti criminali che facilitano la migrazione irregolare.

L’UE rafforzerà il suo impegno con gli operatori e le autorità dei trasporti nei paesi terzi, in particolare nel settore dell’aviazione . Ciò può essere avviato anche lanciando campagne di informazione su rotte specifiche , istituendo scambi di informazioni e reti sul riconoscimento e la segnalazione di modelli di facilitazione della migrazione irregolare insieme agli operatori dei trasporti.

Anche fornire formazione e orientamento con il sostegno dell’UE alle autorità e al personale degli operatori del trasporto aereo nei paesi terzi è una delle azioni chiave. L’UE può esplorare con i paesi partner il distacco di funzionari di collegamento nei principali aeroporti e l’utilizzo completo di altri funzionari di collegamento, compresi i funzionari di collegamento europei per la migrazione.

L’impegno con l’industria aeronautica, le autorità civili e le organizzazioni – come l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale e l’Associazione internazionale del trasporto aereo – è un’altra azione chiave per aumentare la consapevolezza e sviluppare linee guida internazionali, contribuendo a un sistema di allerta precoce.

Questo pacchetto di strumenti contribuirà alle discussioni del Consiglio Giustizia e affari interni alla fine di questa settimana e prima dell’EUCO. L’UE e gli Stati membri dovranno collaborare per garantire l’effettiva attuazione delle misure proposte.

Pacchetto di strumenti sulle misure destinate agli operatori dei trasporti che facilitano la migrazione irregolare verso l’UE

Regolamento recante misure contro gli operatori di trasporto che facilitano o praticano la tratta di persone o il traffico di migranti in relazione all’ingresso illegale nel territorio dell’UE.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto in un comunicato stampa di aver pubblicato il percorso di transizione per l’ecosistema tessile, creato congiuntamente dalla Commissione e dagli attori interessati del settore. Il documento definisce azioni specifiche volte a rendere questa industria più verde e più digitale e a garantirne la sostenibilità, la resilienza e la competitività a lungo termine.

Attraverso otto elementi costitutivi, il percorso di transizione delinea circa 50 azioni, tra cui la promozione di pratiche, servizi e modelli aziendali circolari e sostenibili e il sostegno alle PMI per innovare, accelerare la duplice transizione e crescere a livello internazionale. Il percorso comprende anche azioni dirette al miglioramento del livello delle competenze e alla riqualificazione, vale a dire alla promozione di un accesso permanente all’apprendimento e alla formazione e opportunità di formazione per i lavoratori qualificati. Il documento sottolinea la necessità di rafforzare la vigilanza del mercato per l’ecosistema tessile e di avvalersi delle politiche commerciali per promuovere le esportazioni e far rispettare le norme ambientali e sociali.

La Commissione invita ora tutte le parti interessate a contribuire all’attuazione del percorso di transizione presentando proposte di impegni per sostenerlo.

Nel suo aggiornamento della strategia industriale del maggio 2021, la Commissione ha proposto di elaborare, nel quadro degli sforzi volti ad accelerare la trasformazione verde e digitale dell’industria europea, percorsi di transizione in diversi ecosistemi. Finora sono stati pubblicati percorsi di transizione nei settori del turismo, della prossimità e dell’economia sociale, delle sostanze chimiche e dell’edilizia.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha autorizzato il 6 giugno l’Arexvy, il primo vaccino che protegge gli adulti di età pari o superiore a 60 anni dalla malattia delle basse vie respiratorie causata dal virus respiratorio sinciziale (RSV).

Questa decisione, scrive Bruxelles nel comunicato stampa, è un passo importante, particolarmente atteso alla luce dell’aumento, lo scorso inverno, delle infezioni da RSV nell’UE.

Il vaccino Arexvy, da oggi autorizzato in tutta Europa, contribuirà a rafforzare la risposta immunitaria al virus. L’autorizzazione fa seguito a una valutazione rigorosa nell’ambito del meccanismo di valutazione accelerata dell’EMA. Ritenendo la prevenzione dell’infezione da RSV nella popolazione anziana di grande interesse per la salute pubblica, la Commissione ha accelerato l’autorizzazione del vaccino.

Il 31 ottobre 2022 la Commissione aveva già autorizzato in Europa l’anticorpo monoclonale Beyfortus(nirsevimab) per la prevenzione della malattia delle basse vie respiratorie nei neonati e lattanti durante la loro prima stagione di RSV, ossia quando vi è un rischio più elevato di infezione.

L’RSV è un virus respiratorio comune che di solito causa sintomi lievi simili a un raffreddore. La maggior parte delle persone guarisce entro un paio di settimane. Ma questo virus può rivelarsi pericoloso nelle persone vulnerabili, tra cui gli anziani o chi è affetto da malattie cardiovascolari o polmonari e diabete. Stando alle stime, ogni anno l’RSV causa in Europa 250 000 ricoveri ospedalieri e 17 000 decessi in ospedale tra le persone di età pari o superiore a 65 anni.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno annunciato il 5 giugno il lancio di un partenariato storico per la salute digitale. Lo annuncia la Commissione europea in un comunicato stampa.

Nel giugno 2023, l’OMS adotterà il sistema di certificazione digitale COVID-19 dell’Unione europea (UE) per istituire un sistema globale che contribuirà a facilitare la mobilità globale e a proteggere i cittadini di tutto il mondo dalle minacce sanitarie attuali e future. Questo è il primo elemento costitutivo della rete globale di certificazione della salute digitale dell’OMS (GDHCN) che svilupperà un’ampia gamma di prodotti digitali per offrire una salute migliore a tutti.

Basata sulla strategia sanitaria globale dell’UE e sulla strategia globale degli Stati membri dell’OMS sulla salute digitale.

Questo partenariato includerà una stretta collaborazione nello sviluppo, nella gestione e nell’attuazione del sistema dell’OMS, beneficiando dell’ampia competenza tecnica della Commissione europea nel settore. Un primo passo consiste nel garantire che gli attuali certificati digitali dell’UE continuino a funzionare in modo efficace.

Uno degli elementi chiave nel lavoro dell’Unione europea contro la pandemia di COVID-19 è stato il certificato COVID digitale. Per facilitare la libera circolazione all’interno dei suoi confini, l’UE ha rapidamente istituito certificati COVID-19 interoperabili (denominati “Certificato COVID digitale UE” o “DCC UE”). Basato su tecnologie e standard open-source ha consentito anche la connessione di paesi extra UE che rilasciano certificati secondo le specifiche EU DCC, diventando la soluzione più utilizzata in tutto il mondo.

Dall’inizio della pandemia, l’OMS si è impegnata con tutte le regioni dell’OMS per definire le linee guida generali per tali certificati. Per aiutare a rafforzare la preparazione sanitaria globale di fronte alle crescenti minacce per la salute, l’OMS sta istituendo una rete globale di certificazione sanitaria digitale che si basa sulle solide basi del quadro, dei principi e delle tecnologie aperte del DCC dell’UE. Con questa collaborazione, l’OMS faciliterà questo processo a livello globale sotto la propria struttura con l’obiettivo di consentire al mondo di beneficiare della convergenza dei certificati digitali. Ciò include la definizione degli standard e la convalida delle firme digitali per prevenire le frodi. In tal modo, l’OMS non avrà accesso a nessun dato personale sottostante, che continuerebbe ad essere dominio esclusivo dei governi.

Il primo elemento costitutivo del sistema globale dell’OMS diventa operativo nel giugno 2023 e mira a essere sviluppato progressivamente nei prossimi mesi.

Per facilitare l’adozione del DCC dell’UE da parte dell’OMS e contribuire al suo funzionamento e all’ulteriore sviluppo, la Commissione europea e l’OMS hanno deciso di collaborare alla salute digitale.

Questa partnership lavorerà per sviluppare tecnicamente il sistema dell’OMS con un approccio graduale per coprire ulteriori casi d’uso, che possono includere, ad esempio, la digitalizzazione del certificato internazionale di vaccinazione o profilassi. L’espansione di tali soluzioni digitali sarà essenziale per offrire una salute migliore ai cittadini di tutto il mondo.

Questa cooperazione si basa sui valori e sui principi condivisi di trasparenza e apertura, inclusività, responsabilità, protezione dei dati e privacy, sicurezza, scalabilità a livello globale ed equità. La Commissione europea e l’OMS lavoreranno insieme per incoraggiare la massima diffusione e partecipazione globale. Particolare attenzione sarà riservata alle pari opportunità di partecipazione dei più bisognosi: paesi a basso e medio reddito.

Per maggiori informazioni

Salute digitale (who.int)

Certificato COVID digitale dell’UE (europa.eu)
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha annunciato nuove misure per contrastare la tratta di esseri umani. Ciò avviene in risposta a un rapporto del 2021 che valuta l’efficacia della direttiva anti-tratta dell’UE del 2001, che ha ritenuto insufficiente la risposta degli Stati membri. Il parere del Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) chiede un’attenzione di genere, un maggiore sostegno alle vittime, una maggiore responsabilità per le imprese e migliori meccanismi di monitoraggio.

La direttiva antitratta è l’atto legislativo fondamentale dell’UE in materia di tratta di esseri umani. Stabilisce norme minime in materia di reati e sanzioni, protezione delle vittime e misure di prevenzione, ma lascia agli Stati membri la decisione finale sulla criminalizzazione dell’uso consapevole dei servizi sfruttati dalle persone trafficate, determinando un panorama giuridico diversificato in tutta l’UE. Il rapporto 2021 mostra come queste incoerenze abbiano ostacolato gli sforzi per ridurre la domanda in modo efficace e transfrontaliero.

Il CESE sottolinea che i principali fattori che influenzano la probabilità di essere oggetto di tratta hanno una chiara dimensione di genere. È probabile che le disparità nell’accesso all’istruzione e al lavoro, alla sanità e all’assistenza sociale, nonché altre disparità sociali esistenti tra uomini e donne rendano queste ultime più vulnerabili alla tratta.

Il parere del CESE spiega che il 51% delle vittime è oggetto di tratta a scopo di sfruttamento sessuale, l’88% delle quali sono donne, di cui il 21% ragazze. Questi dati sono spaventosi. La stragrande maggioranza delle vittime sono donne e ragazze. Abbiamo bisogno di una prospettiva di genere nel contenuto e nell’attuazione della direttiva, recita il parere del CESE.

Nel suo parere, il CESE raccomanda che:

La direttiva dovrebbe prestare maggiore attenzione alle vittime della tratta. In particolare, il parere sottolinea l’obbligo degli Stati membri di prendersi cura e proteggere le vittime e garantirne l’inclusione sociale. Allo stesso modo, occorre prestare attenzione alle situazioni vulnerabili che possono facilitare il reclutamento e lo sfruttamento da parte di reti criminali e altri. Le categorie vulnerabili includono rifugiati, richiedenti asilo e persone prive di documenti o con uno status di residenza precario.

La direttiva dovrebbe conformarsi alla direttiva 2004/81/CE sul permesso di soggiorno rilasciato a cittadini di paesi terzi vittime di tratta o che sono stati oggetto di azioni che agevolano l’immigrazione irregolare e cooperare con le autorità competenti.

Le aziende che beneficiano dello sfruttamento dovrebbero essere ritenute responsabili. Ciò potrebbe essere ottenuto collegando l’uso consapevole dei servizi di sfruttamento alla direttiva sulla due diligence di sostenibilità aziendale.

Gli strumenti di raccolta e monitoraggio dei dati dovrebbero essere migliorati per identificare i reati in modo più efficace. L’uso delle nuove tecnologie ha incoraggiato i reati di tratta di esseri umani, consentendo e facilitando un maggiore accesso e sfruttamento delle vittime e creando maggiori difficoltà quando si tratta di monitorare i profitti derivanti da questi reati.

La proposta sta prendendo piede. In seno al Consiglio dell’UE, si prevede di raggiungere un orientamento generale della proposta a giugno. Al Parlamento europeo, la bozza di relazione sulla proposta è prevista per giugno, con l’avvio dei negoziati interistituzionali previsto prima della fine di questo mandato parlamentare.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Centro comune di ricerca della Commissione europea ha pubblicato il 5 giugno una nuova relazione dal titolo “Demography and climate change – EU in the global context”.

Dalla relazione emerge che la crescita demografica rimane una delle cause principali della produzione di emissioni. Allo stesso tempo vi è un disallineamento tra i tassi di crescita della popolazione e i livelli di emissioni di gas a effetto serra nei diversi paesi. I principali responsabili delle emissioni sono le regioni in cui la crescita della popolazione si è ormai fermata o è rallentata. La maggior parte della crescita demografica mondiale si sta invece verificando nelle regioni del mondo che attualmente registrano le emissioni più basse e sono meno responsabili delle emissioni passate. Ciò significa che i principali responsabili delle emissioni dovranno garantire tagli netti e rapidi, mentre i paesi con le emissioni più basse ma con un’elevata crescita demografica hanno bisogno di sostegno per trovare modi di crescita che evitino forti aumenti delle emissioni.

La relazione sottolinea inoltre l’esigenza di politiche che prendano in considerazione sfide e soluzioni per le diverse fasce di popolazione e di età, come le persone anziane o con un basso reddito. Vengono proposti modi per mitigare l’impatto sui gruppi demografici più vulnerabili e per contribuire a trovare misure di adattamento a tali cambiamenti, in linea con la strategia dell’UE di adattamento ai cambiamenti climatici.

”. La relazione fa parte dell’impegno della Commissione a integrare le informazioni demografiche nell’elaborazione delle politiche dell’UE. Fornisce dati scientifici sulle implicazioni della crescita demografica mondiale per le emissioni ed esamina le possibili conseguenze dell’invecchiamento della popolazione in Europa per gli obiettivi climatici dell’UE.

0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel 2020 lo strumento SURE della Commissione, da quasi 100 miliardi di euro, concepito per proteggere i posti di lavoro e i redditi colpiti dalla pandemia di COVID-19, ha sostenuto circa 31,5 milioni di lavoratori dipendenti e autonomi e oltre 2,5 milioni di imprese. Lo rende noto la Commissione europea in un comunicato stampa. SURE ha incoraggiato efficacemente gli Stati membri a istituire regimi di riduzione dell’orario lavorativo ampi e ambiziosi e misure simili a livello nazionale, che hanno consentito alle imprese di mantenere dipendenti e competenze e hanno sostenuto i lavoratori autonomi.

La relazione semestrale finale sull’attuazione e l’impatto dello strumento SURE presentata il 2 giugno mostra che è stato fondamentale sia per mitigare l’impatto della pandemia nel 2020 sia per facilitare la rapida ripresa economica nel 2021, che è stata più rapida rispetto alle crisi precedenti. SURE – lo strumento europeo di sostegno temporaneo per mitigare i rischi di disoccupazione in caso di emergenza – è terminato il 31 dicembre 2022.

Complessivamente, è stato erogato un totale di 98,4 miliardi di EUR di assistenza finanziaria SURE a 19 Stati membri (ossia Belgio, Bulgaria, Cipro, Estonia, Grecia, Spagna, Croazia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Lettonia, Malta, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia e Cechia), vicino alla dotazione massima SURE di 100 miliardi di EUR. Ciò includeva un’ulteriore assistenza finanziaria “integrativa” di 5 miliardi di EUR che è stata concessa a otto Stati membri nell’autunno 2022. Nei primi mesi del 2023 è proseguito un attento monitoraggio per garantire l’assorbimento di tutta l’assistenza finanziaria SURE, che è ora confermata.

Per finanziare lo strumento, la Commissione ha emesso obbligazioni sociali per conto dell’UE, diventando il più grande emittente di obbligazioni sociali al mondo.

Quinta relazione semestrale sull’attuazione di SURE

Sito Web SURE

Scheda informativa su SURE

Regolamento SURE
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea informa in un comunicato stampa di aver accolto con favore il lancio del sistema di brevetto unitario, che renderà più semplice e facile per le imprese proteggere le proprie innovazioni in Europa e capitalizzare la propria proprietà intellettuale. Il sistema unitario dei brevetti rafforzerà l’innovazione e la competitività dell’UE e completerà il mercato unico dei brevetti. Inizialmente coprirà 17 Stati membri, che rappresentano circa l’80% del PIL dell’UE. La partecipazione è aperta ad altri Stati membri in futuro.

Il sistema dei brevetti unitari fornisce uno sportello unico per la registrazione e l’applicazione dei brevetti in Europa. Ciò significa minori costi, meno pratiche burocratiche e minori oneri amministrativi per gli innovatori, in particolare per le PMI . Consente alle imprese e ad altri innovatori di ricevere un unico brevetto “unitario” per le loro invenzioni, valido in tutti gli Stati membri partecipanti. Ciò sostituisce la necessità di navigare in un complesso mosaico di leggi e procedure nazionali sui brevetti e mette da parte i più costosi requisiti nazionali di convalida applicabili ai brevetti europei.

Inoltre, un nuovo tribunale unificato dei brevetti (UPC), con giurisdizione sui brevetti unitari e sui brevetti europei esistenti, consentirà alle aziende di far valere i propri diritti di brevetto in modo più efficace. L’UPC fornirà un quadro giuridico più coerente per le controversie sui brevetti e ridurrà il rischio di sentenze incoerenti. Concretamente, un’unica azione dinanzi all’UPC sostituirà molteplici procedimenti paralleli dinanzi ai tribunali nazionali.

Scheda informativa sul Brevetto Unitario

Tutela brevettuale unitaria Normativa: Reg. n. 1257/2012 e reg. 1260/2012

Accordo sul tribunale unificato dei brevetti

Pagina web della Commissione Brevetti Unitari
0

PREVIOUS POSTSPage 3 of 57NEXT POSTS