E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Comitato Europeo delle Regioni (CdR) rende noto sul proprio sito di aver appena avviato uno studio sulla resilienza digitale, che analizzerà lo stato di avanzamento della resilienza digitale negli enti locali e regionali (LRA) dei paesi dell’UE a 27 e comprenderà quali soluzioni e fondi vengono utilizzati a livello subnazionale per rafforzarla.

I quattro obiettivi specifici dello studio sono:
1) Comprendere lo stato di avanzamento della resilienza digitale e l’esperienza con gli attacchi informatici a livello subnazionale,
2) Mappare le opportunità di finanziamento effettivamente utilizzate dalle autorità locali e regionali europee per gli investimenti nella resilienza digitale,
3) Definire i potenziali passi da intraprendere a livello subnazionale per aumentare la resilienza digitale e
4) Valutare il costo della non resilienza digitale tenendo conto della necessità delle pubbliche amministrazioni di garantire la fornitura di servizi pubblici e l’integrità dei cittadini e delle imprese ‘ dati.

Lo studio sarà pronto entro aprile 2023.
Come parte dello studio, il CdR sta conducendo un breve sondaggio sull’esperienza sulla resilienza digitale:
Per esprimere interesse a partecipare: digitalresilience@progresscons.com.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Incorporare i valori democratici fondamentali nelle comunità locali si traduce in autorità locali responsabilizzate e in un forte sistema di governance multilivello. Il Congresso è certo che la resistenza che ammiriamo oggi in Ucraina si basi su questo lavoro”, ha dichiarato il Presidente del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa Leendert Verbeek in un videomessaggio al Summit Mondiale per l’Ucraina, tenutosi l’8 dicembre a Rzeszow, in Polonia.

Il Presidente del Congresso ha elogiato il “ruolo chiave degli enti locali e regionali nella sopravvivenza e resilienza dell’Ucraina” e ha ribadito l’ impegno incrollabile del Congresso per l’indipendenza, la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina e per fornire un sostegno politico continuo all’Ucraina fino alla fine della guerra e oltre.

Il presidente Verbeek ha condiviso esempi concreti di come il Congresso ha sostenuto i suoi partner ucraini a livello locale dal marzo 2022, incluso il lancio di Cities4Cities, una piattaforma volta a soddisfare le esigenze delle città e delle regioni ucraine con la capacità di offerta e la conoscenza di altre città europee e regioni, che oggi conta oltre 200 enti locali registrati.

Ha inoltre sottolineato il sostegno tempestivo del Congresso attraverso riunioni di coordinamento con sei importanti associazioni europee di autorità locali e regionali, che ora hanno tutte aderito all’Alleanza europea delle città e delle regioni per la ricostruzione dell’Ucraina, lanciata a giugno dal Comitato europeo delle Regioni dell’UE, e di cui questi incontri possono essere considerati un precursore.

Il presidente Verbeek ha inoltre presentato il progetto di cooperazione in corso con l’Ucraina, che fornisce sostegno diretto all’Associazione delle città ucraine nel coordinamento degli aiuti umanitari e degli sforzi volti direttamente a sostenere i valori democratici ea promuovere i principi di governo aperto a livello locale.
0

E-News, cplre, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
I presidenti del Comitato europeo delle regioni e del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa hanno avvertito che i governi locali e regionali stanno lottando per far fronte alla serie di crisi che hanno scosso il continente dal 2020.

“Le nostre città e regioni sono sottoposte a una crescente pressione da molteplici crisi che stanno avendo un impatto significativo e duraturo sulla governance locale e regionale. La cooperazione è essenziale per aumentare la resilienza delle nostre comunità”, ha dichiarato Leendert Verbeek, presidente del Congresso, riferendosi al sfide affrontate dalle autorità locali e regionali, tra cui crisi sanitarie, ambientali, migratorie, economiche e finanziarie e conflitti armati, in particolare la guerra in Ucraina.

Il Presidente del Congresso ha sottolineato l’importanza di affrontare queste sfide in un contesto di ricentralizzazione, mancanza di mezzi finanziari e crescenti attacchi ai rappresentanti eletti locali e regionali. Ha avvertito che “questa ‘tempesta perfetta’ mina le basi di un’autentica autonomia locale e rende ancora più essenziale il lavoro del Congresso, attraverso il monitoraggio regolare della Carta europea dell’autonomia locale e la promozione dei diritti umani presso livello di base”.

Entrambi i Presidenti hanno messo in guardia sui pericoli dell’incitamento all’odio e della disinformazione e hanno considerato gli aspetti critici della democrazia locale in Europa, compresi gli sforzi per promuovere la democrazia deliberativa, con il Presidente del Comitato delle regioni che ha presentato i risultati della sua relazione annuale 2022 sullo stato delle regioni e città presentate nel suo discorso lo scorso ottobre e la Carta dei giovani e della democrazia che sarà varata questo giovedì.

Il presidente del CdR Vasco Alves Cordeiro ha sottolineato i potenziali benefici che potrebbero emergere dalla conferenza sul futuro dell’Europa, che si è conclusa nel maggio 2022 e le cui conclusioni stanno contribuendo a definire l’agenda e il funzionamento dell’UE.

Il presidente Verbeek ha illustrato i risultati del loro monitoraggio dello stato della democrazia locale e regionale e ha sottolineato la necessità di sforzi congiunti per rispondere alle crisi e difendere il ruolo e la posizione degli enti locali e regionali nei confronti dei governi nazionali e delle istituzioni europee . Harald Sonderegger, Presidente della Camera delle Regioni del Congresso, e Bernd Vöhringer, Presidente della Camera dei Poteri Locali hanno presentato il lavoro sui diritti umani a livello locale e regionaleù , e in particolare la “lettura verde” della Carta Europea delle Autonomie Locali” Governo, localizzazione degli SDGs e democrazia deliberativaù.

Le due istituzioni hanno discusso gli sforzi per sostenere le città e le regioni in Ucraina attraverso l’ Alleanza delle città e delle regioni per la ricostruzione dell’Ucraina, basandosi, ad esempio, sull’iniziativa Cities4Cities del Congresso, che è un partner istituzionale dell’Alleanza.

Maggiori informazioni
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Comitato europeo delle regioni (CdR) informa sul proprio sito di essersi unito a Orange The World per mostrare l’impegno delle città e delle regioni europee a fermare questa violazione dei diritti delle donne. Progettando spazi pubblici più sicuri per le donne, aprendo centri di accoglienza per le donne o integrando l’uguaglianza di genere in tutte le politiche, compiamo sforzi concreti per porre fine alla violenza che colpisce ancora così tante donne e ragazze nell’UE.

“Chiediamo alle istituzioni dell’UE, scrive il CdR, di adottare rapidamente misure legislative per porre fine alla violenza contro le donne e a tutti gli Stati membri di aderire alla Convenzione di Istanbul“.

Come mostrato dalla relazione annuale del Comitato europeo delle regioni sullo stato delle città e delle regioni, sono necessarie misure specifiche per affrontare la violenza contro le donne in politica.

Nella giornata della violenza internazionale contro le donne, il presidente del Comitato europeo delle regioni, Vasco Alves Cordeiro, ha condiviso una dichiarazione sulla necessità che le autorità locali e regionali, i governi nazionali e le istituzioni dell’UE ne facciano una priorità e adottino misure legislative per prevenire e combattere ogni forma di violenza contro le donne e le ragazze.​​
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Sono necessarie risposte a livello europeo per affrontare le preoccupazioni dei cittadini su questioni come la crisi climatica ed energetica, l’aumento delle disuguaglianze o affrontare le implicazioni della guerra contro l’Ucraina, ma per ottenere risultati efficaci e concreti, ogni livello di governo deve essere lavorare insieme. Le soluzioni devono tenere conto delle diverse realtà territoriali in Europa ed è quindi essenziale coinvolgere attivamente gli enti locali e regionali come prima linea di risposta per i cittadini.​

Questo è il messaggio dei rappresentanti locali e regionali di tutta l’UE riuniti a Valencia, in Spagna, in una conferenza organizzata dal Comitato europeo delle regioni (CdR) su invito del presidente del governo regionale di Valencia e del membro del CdR Ximo Puig I Ferrer. Avvenuto a soli sei mesi dalla conclusione della Conferenza sul futuro dell’Europa nel maggio 2022, l’incontro ha offerto l’opportunità di rafforzare una delle raccomandazioni chiave della Conferenza: un coinvolgimento di gran lunga maggiore del governo subnazionale nel processo decisionale dell’UE per adattarsi alla realtà dei cittadini sul campo. In uno sfondo di molteplici crisi e con la stessa democrazia minacciata in molti luoghi del mondo, sottolineano l’importanza di un metodo di dialogo, partenariato e responsabilità condivisa, rivitalizzando lo spirito del Trattato di Maastricht adottato 30 anni fa, che sanciva il principio di sussidiarietà.

Lo rende noto un comunicato stampa del Comitato europeo delle Regioni. ​

L’intero evento può essere visualizzato e rivisto online
0

E-News, coesione, In Evidenza, Notizie


Il sito della DG Politica Regionale della Commissione europea informa che la Commissione Europea, in collaborazione con il Comitato Europeo delle Regioni, ha lanciato Regio Waves, un nuovo podcast che esplora i molteplici aspetti della Politica di Coesione, una delle politiche più concrete e flessibili dell’Unione Europea.

In ogni episodio, l’ospite di Regio Waves sarà affiancato da esperti e funzionari per conversazioni approfondite sulle grandi sfide dell’UE. Questi vanno dalla disparità economica, attraverso la transizione verde e digitale alla crisi del Covid-19, dei rifugiati e dell’energia.

Regio Waves approfondisce le politiche che forniscono soluzioni locali a problemi europei e globali. La serie di podcast è disponibile su diverse piattaforme di streaming, tra cui Spotify , Apple Podcasts , Google Podcasts e Deezer.

Il primo episodio è già disponibile per l’ascolto. Decostruisce gli aspetti tecnici della politica di coesione per chiarire il suo scopo al pubblico. Tra gli ospiti Marc Lemaître, Direttore Generale per le Politiche Regionali e Urbane della Commissione Europea, e Francesco Molica, Direttore per la Coesione e il Bilancio dell’UE alla Conferenza delle Regioni Periferiche Marittime.

0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
​​​I membri della delegazione del Comitato europeo delle regioni (CdR) alla COP27 hanno accolto con grande favore il sostegno del Parlamento europeo sull’urgenza di promuovere la cooperazione multilivello nell’azione globale per il clima e sulla necessità di coinvolgere pienamente gli enti locali e regionali nell’attuazione di l’accordo di Parigi. Lo rende noto il sito del CdR.

Il Parlamento europeo ha votato la sua risoluzione COP27 in sessione plenaria a Strasburgo.La risoluzione del PE COP27 riconosce l’urgente necessità di un’azione multilivello e cooperativa e il coinvolgimento degli enti locali e regionali nell’attuazione dell’accordo di Parigi, sostiene approcci guidati a livello locale verso l’adattamento e la protezione della biodiversità, chiede test obbligatori di adattamento e di vulnerabilità climatica a livello locale sottolinea la necessità di convogliare meglio le risorse finanziarie a livello locale e riconosce il processo di Edimburgo come un esempio di approccio inclusivo di “tutto il governo”.

Il Parlamento europeo invita inoltre tutti i paesi a intensificare i propri obiettivi climatici per il 2030 prima della COP27, per limitare il riscaldamento globale in linea con l’accordo di Parigi.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Comitato europeo delle Regioni ha recentemente pubblicato la relazione annuale dell’UE sullo stato delle regioni e delle città, come un’istantanea delle sfide più urgenti affrontate dalle regioni e dalle città dell’Unione, che aiuta a informare le decisioni politiche dell’UE.

Basato su studi originali commissionati dal Comitato europeo delle regioni, oltre a ricerche accademiche, contributi di altre istituzioni europee e documentazione open source, questo rapporto fornisce fatti e dati per i responsabili politici e le parti interessate.

La relazione di quest’anno si concentra sulle sfide più urgenti che le città e le regioni dell’UE devono affrontare: le conseguenze economiche e sociali della guerra della Russia contro l’Ucraina, gli effetti duraturi della pandemia di COVID-19 e la necessaria ripresa, l’emergenza climatica e la transizione energetica, lotta contro le disuguaglianze e il futuro della democrazia sulla base delle conclusioni della Conferenza sul futuro dell’Europa.

Il rapporto contiene anche il suo “Barometro regionale e locale”, che presenta le opinioni dei rappresentanti eletti di tutta Europa intervistati in collaborazione con IPSOS.

​​​​​​​​​​​Nei 27 Stati membri dell’Unione Europea, ci sono più di un milione di politici eletti a livello subnazionale. Questi politici locali rappresentano un insieme molto diversificato di collegi elettorali a vari livelli di governo, inclusi stati federali, regioni, province, contee, distretti o comuni. L’indagine Eurobarometro Flash offre ai politici locali dell’UE un’importante piattaforma per condividere la propria opinione sulle sfide e le priorità dell’Europa.

Le risposte rivelano ciò che i politici locali darebbero la priorità a livello dell’UE, quanto sono consapevoli delle iniziative a livello dell’UE e delle opportunità di finanziamento dell’UE, cosa pensano del futuro dell’Europa e quali sono le loro risposte all’emergenza creata dalla guerra in Ucraina.

PRINCIPALI RISULTATI

>Rapporto annuale dell’UE sullo stato delle regioni e delle città 2022

Relazione annuale dell’UE sullo stato delle regioni e delle città: scheda informativa 2022 in italiano (PDF)
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 3NO NEW POSTS