E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel corso della sua 46a sessione, il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa ha tenuto una cerimonia speciale per celebrare il suo 30° anniversario.

Ai discorsi di apertura è seguita una tavola rotonda sul tema “Nuove sfide future: la democrazia locale è adatta allo scopo?”, con la partecipazione di Dominique Faure, Ministro con delega agli enti locali e agli affari rurali della Francia; Josep Dallerès, membro del Gruppo di riflessione ad alto livello del Consiglio d’Europa ed ex rappresentante permanente di Andorra presso il Consiglio d’Europa; Danela Arsovska, sindaco di Skopje (Macedonia del Nord) e presidente del Forum dei sindaci delle Nazioni Unite; José Manuel Ribeiro, sindaco di Valongo (Portogallo); e Željko Vukša-Fejzić, delegato dei giovani 2023 al Congresso della Bosnia ed Erzegovina.

L’evento celebrativo ha onorato la storia del Congresso riunendo sei ex Presidenti e i tre più recenti Segretari Generali. È stato inoltre presentato l’archivio video di Jacques Chaban-Delmas, primo presidente della Conferenza dei poteri locali e regionali d’Europa.

“Le sfide affrontate oggi dalle nostre società ci impongono di raddoppiare i nostri sforzi per fornire le migliori risposte a beneficio dei nostri concittadini. I nostri progressi e successi negli ultimi tre decenni mi danno fiducia che la democrazia locale e regionale in Europa, e il nostro Congresso, sono ben attrezzati per affrontarli”, ha sottolineato nel suo discorso di apertura il presidente del Congresso Cools.

Preceduta da un intermezzo musicale, il momento clou di questa celebrazione è stata una tavola rotonda dedicata al tema “Nuove sfide future: la democrazia locale è adatta allo scopo?”. Questa discussione ha offerto l’opportunità a diversi relatori di affrontare le sfide che le democrazie si trovano ad affrontare. In risposta a queste sfide, hanno espresso collettivamente ottimismo e proposto soluzioni per rafforzare la democrazia locale.

Il Ministro Faure ha ricordato che “la democrazia locale sarà vitale per affrontare le sfide della transizione che ci attendono: ecologia e cambiamento climatico, tecnologia digitale e intelligenza artificiale, così come convivenza e coesione sociale”.

“La democrazia rappresentativa e la democrazia partecipativa sono come due sorelle gemelle: crescono l’una con l’altra e imparano l’una dall’altra”, ha sottolineato il sindaco Ribeiro, aggiungendo che i meccanismi della democrazia partecipativa servono da contromisura alle tendenze autoritarie. Željko Vukša-Fejzić ha elogiato le iniziative come “Rejuvenating Politics” che offrono ai giovani una piattaforma per esprimersi. “ Sono una promessa, un contratto per il futuro […] Questi programmi devono raggiungere ogni angolo d’Europa, e anche oltre ”, ha affermato.
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
​​​​​​​​​​​Migliaia di sindaci, consiglieri regionali, ministri regionali e i massimi decisori europei e mondiali si riuniranno il 18-19 marzo 2024 a Mons, nella regione vallona del Belgio, nel cuore dell’Europa, per discutere le sfide e soluzioni per il futuro dell’Europa e oltre.

Organizzato dal Comitato europeo delle regioni insieme alla Regione vallona e alla Presidenza belga del Consiglio dell’Unione europea, il 10° vertice europeo delle regioni e delle città offrirà una nuova prospettiva su temi al centro delle preoccupazioni dei cittadini, come la democrazia, lo sviluppo sostenibile, il futuro dell’Unione europea e il suo allargamento, la necessità di garantire la coesione sociale, economica e territoriale e la gestione delle conseguenze della guerra contro l’Ucraina. Le sfide globali saranno affrontate riunendo diverse prospettive da tutto il mondo. Il Comitato europeo delle regioni è particolarmente orgoglioso che questa occasione coincida con il suo trentesimo anniversario e vi invita a partecipare ai festeggiamenti.

REGISTRATI

​​ Vertice sostenibile
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale serie C dell’8 dicembre pubblica il Parere del Comitato economico e sociale europeo sul tema «Il dispositivo per la ripresa e la resilienza e la politica di coesione: verso una politica di coesione 2.0».

Nonostante il contributo concreto e visibile della politica di coesione nella sua attuale forma, il processo di convergenza regionale rimane piuttosto graduale. Il CESE ritiene che la futura politica di coesione debba coniugare in modo equilibrato le esigenze di riduzione delle disparità regionali e di accelerazione degli stimoli alla crescita e allo sviluppo, che sono importanti anche per l’UE nel suo insieme da un punto di vista globale e comparativo. È pertanto necessario rafforzare ulteriormente i criteri di performance della politica di coesione attraverso un approccio più preciso alle priorità di sviluppo regionale, il rispetto dei criteri stabiliti e un maggiore ricorso a tipi di sostegno basati sulla performance (strumenti finanziari). Il CESE raccomanda di tener conto dei traguardi e degli obiettivi attualmente stabiliti nell’ambito dei piani nazionali per la ripresa e la resilienza.

La coesione sociale, continua il CESE, si trova ad affrontare sfide sempre più pressanti, in particolare nel contesto delle tendenze demografiche, della duplice transizione verde e digitale e della conseguente necessità di competenze nuove o migliorate. Gran parte della popolazione dell’UE è a rischio di povertà o di esclusione sociale, spesso nelle regioni più povere, ma anche negli agglomerati urbani ricchi e nelle zone circostanti. Inoltre, la disoccupazione giovanile e la povertà infantile rimangono elevate in tutta l’UE.

Il CESE sottolinea che la disparità di opportunità può essere dannosa per la crescita e la competitività a lungo termine a livello regionale, nazionale e dell’UE. Pertanto, e in linea con l’ambizione dell’Unione di avvicinarsi ai cittadini e di non lasciare indietro nessuno, occorre prestare maggiore attenzione alle persone e alla disparità di opportunità che molti si trovano ad affrontare.

Per questo motivo, continua il parere, abbiamo bisogno di un approccio più profondo e socialmente mirato alle politiche di coesione che affronti con maggiore attenzione le disparità e le sfide territoriali, economiche e sociali. Esse comprendono non solo le disparità tra gli Stati membri e le loro regioni, ma anche le disparità tra regioni, città, specifiche aree cittadine e zone rurali. La politica di coesione deve concentrarsi maggiormente su determinati tipi di territori al di sotto del livello NUTS 2 ed essere rivolta in via prioritaria a tutti gli Stati membri e alle regioni, riservando un’attenzione particolare agli Stati membri o alle regioni in cui le disparità sono maggiori. Il CESE ritiene inoltre che la politica di coesione debba essere più attenta alle esigenze e alle opportunità di determinati tipi di persone e gruppi sociali.

Questa maggiore diversificazione e specializzazione devono consentire una differenziazione più accentuata del sostegno finanziario, delle modalità di sostegno, della gestione della dotazione di bilancio, degli obiettivi e degli investimenti. Allo stesso tempo, i fondi della politica di coesione devono seguire sistematicamente lo stesso approccio e, alla luce di questa maggiore specializzazione, essere ulteriormente differenziati.

Il CESE ritiene particolarmente importante esortare gli Stati membri e le regioni dell’UE a coinvolgere nel modo più ampio ed efficace possibile le parti sociali e le altre organizzazioni della società civile nell’elaborazione della politica di coesione e nel monitoraggio dei suoi effetti. Tale inclusione consentirà altresì di valutare in che misura siano stati raggiunti gli obiettivi della politica di coesione, basandosi non solo sugli indicatori quantitativi, ma anche su quelli qualitativi (così da valutare lo sviluppo e non soltanto la crescita).


IL PARERE COMPLETO IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Comitato politico del CEMR per dare forma al futuro della governance locale e regionale a Praga

Il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CEMR) si riunirà a Praga per la riunione del Comitato Politico il 6 e 7 dicembre 2023. Ospitato dall’Unione delle Città e dei Comuni della Repubblica Ceca (SMO ČR), l’evento si svolgerà presso lo storico Municipio Nuovo di Praga.

Lo rende noto il CEMR sulpropriosito.

Le riunioni del comitato politico rappresentano una pietra angolare del calendario annuale del CEMR, offrendo una piattaforma per il dialogo costruttivo, il processo decisionale collaborativo e la pianificazione strategica tra i rappresentanti eletti a livello locale e regionale. I lavori del Comitato inizieranno con i discorsi di apertura della Sig.ra Gunn Marit Helgesen, Presidente del CEMR; Richard Vereš, vicepresidente del CEMR e membro esecutivo della SMO ČR e sindaco di Slezská Ostrava; e Bohuslav Svoboda, sindaco di Praga e presidente onorario della SMO ČR.

Fabrizio Rossi, Segretario Generale del CEMR, sottolinea l’importanza dell’evento: “L’incontro del Comitato Politico di Praga riveste un significato speciale in quanto precede le prossime elezioni europee, aggiungendo un ulteriore livello di importanza alle nostre discussioni e risoluzioni. La nostra sincera gratitudine va a l’Unione delle città e dei comuni della Repubblica Ceca per aver ospitato questo evento.”

Al centro dell’incontro ci saranno i due dibattiti del 7 dicembre:

Dibattito politico: “Abbinare Green Deal europeo e democrazia: quale percorso per il livello locale?” – Il primo dibattito riguarderà la transizione democratica e inclusiva verso un futuro verde. Introdotto dai risultati dello studio di Italo Colantone, Professore Associato all’Università Bocconi, sarà seguito da un dibattito moderato da Federica Bordelot, neo nominata Direttore Policy e Impatto del CEMR, su come realizzare la transizione verde tenendo in considerazione le specificità esigenze dei diversi territori.

Alimentare il futuro: guidare le politiche climatiche ed energetiche dell’Europa attraverso la governance multilivello – Il secondo dibattito della giornata presenterà i risultati critici del rapporto CEMR e delle comunicazioni E40: “Alimentare il futuro: guidare le politiche climatiche ed energetiche dell’Europa attraverso le regioni e i comuni – Governance multilivello, politiche esemplari e dinamiche finanziarie ”. Marlon Hilden, responsabile dell’energia, del clima e della finanza sostenibile del CEMR, creerà le basi per una tavola rotonda dinamica sulla decentralizzazione delle politiche verdi e un dibattito aperto con figure di spicco della Commissione europea, dei governi locali e regionali, della ricerca sulla politica energetica e delle parti interessate.

Fabrizio Rossi afferma: “La PragaIl Policy Committee è determinante nello smantellamento dei silos urbano-rurali, favorendo una transizione che migliori davvero la vita di tutti. I nostri dibattiti sul ruolo dei governi locali e regionali nell’armonizzare la transizione verde con la democrazia e nel preservare la coesione sociale hanno il potenziale per modellare il nostro futuro collettivo.

L’ evento culminerà con la cerimonia di firma della Dichiarazione di Praga presso la residenza del sindaco di Praga, sottolineando l’impegno dei governi locali e regionali nel promuovere un cambiamento positivo in Europa.

0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa ha sponsorizzato un laboratorio sulla comprensione interculturale il 7 novembre nel quadro del Forum mondiale per la democrazia 2023. Le discussioni si sono concentrate sul modo migliore per creare relazioni di fiducia tra diversi gruppi.

“Al Congresso, vediamo che, nonostante le loro differenze, gli enti locali e regionali in tutta Europa si trovano ad affrontare minacce simili all’inclusione e alla coesione sociale, e che sono nella posizione migliore per contrastare queste minacce. Crediamo che il dialogo e la costruzione della fiducia tra e tra di loro Il governo locale e i cittadini, ma anche la responsabilità dei leader politici, costituiscono la base di qualsiasi società, città o regione inclusiva”, ha sottolineato Véronique Bertholle, vice portavoce del Congresso per la gioventù e moderatrice del Lab. Ha ricordato ai presenti che negli ultimi anni il Congresso ha lavorato ampiamente sulla questione del dialogo interculturale e interreligioso a livello locale e regionale.

I partecipanti al Lab 7 hanno ascoltato le presentazioni di diverse iniziative provenienti da diversi paesi: il progetto ‘Sadbhaav’ del Centro per il cambiamento sociale (CSC) del Nepal, volto a creare uno spazio congruente tra giovani e studenti per la costruzione della fiducia e la coesione sociale; “The People Dialogue Festival” (PDF), un forum di impegno civico multi-attore implementato dal Centro per la democrazia multipartitica Kenya (CMD-Kenya), che sfrutta il potere dell’Artivismo per riunire cittadini e responsabili politici per dialogare su questioni nazionali; e ‘Il lato migliore di Srebrenica’ realizzato dalla Casa dei buoni toni Srebrenica , un’organizzazione della Bosnia ed Erzegovina, con l’obiettivo di sostenere i processi di riconciliazione e la creazione di un ambiente sociale migliore per i bambini e i giovani a Srebrenica.

I partecipanti al laboratorio sono stati il ​​delegato dei giovani del Congresso Željko Vuksa-Fejzic (Bosnia ed Erzegovina) e il membro del Congresso e portavoce per l’ambiente e il cambiamento climatico Cemal Baş (Turchia).

Lo stesso giorno, Bryony Rudkin (Regno Unito) ha partecipato come discussant al Lab 1 su “L’arte del dialogo: può l’empatia portare la pace?” e Romain Gaudron (Belgio) nel Laboratorio 3 su “Giustizia sociale e uguaglianza: come soddisfare i bisogni fondamentali?”. Entrambi hanno dialogato con i relatori delle iniziative e con gli altri partecipanti per affrontare diversi aspetti delle problematiche sollevate nei loro Laboratori.
0

E-News, cooperazione, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma


Il sito di PLATFORMA, la coalizione paneuropea di città e regioni – e le loro associazioni nazionali, europee e globali – attive nella cooperazione allo sviluppo città-città e regione-regione, informa che più di 50 sindaci e vicesindaci hanno già firmato la Carta delle Giornate Europee di Solidarietà Locale (EDLS) per dimostrare il loro impegno nei confronti della cooperazione decentralizzata e della solidarietà a livello globale.



Dal 15 al 30 novembre, comuni, province e regioni di tutta Europa organizzeranno eventi per spiegare meglio ai propri cittadini l’importanza dei partenariati che hanno in tutto il mondo.

Maggiori informazioni su localsolidaritydays.eu

Le Giornate europee di solidarietà locale è una campagna di due settimane per promuovere la cooperazione internazionale tra città e regioni di tutto il mondo.

PLATFORMA e i suoi partner (tra i quali il CEMR) invitano i funzionari eletti a livello locale e regionale europeo a sensibilizzare sulle loro azioni di cooperazione internazionale.

La cooperazione internazionale tra città e regioni crea un legame politico, culturale e sociale unico che rappresenta un esempio di solidarietà e rispetto. Ci connette con altre comunità nel mondo.

Radicata nella diversità culturale delle città e delle regioni, la cooperazione allo sviluppo contribuisce a promuovere l’impegno dei cittadini ad affrontare la povertà, l’ingiustizia e le disuguaglianze sia in patria che all’estero.La cooperazione decentrata è anche un’opportunità per promuovere la coesione sociale, l’integrazione e la solidarietà su scala europea e globale.

REGISTRA LA TUA ATTIVITA’
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha comunicato sul sito della DG Politica Regionale di aver istituito il 31 gennaio un gruppo di specialisti di alto livello sul futuro della politica di coesione che rifletterà sulle principali sfide identificate nell’8° rapporto sulla coesione, dal divario dell’innovazione al cambiamento demografico.

Il gruppo valuterà anche come garantire che la politica possa continuare a raggiungere il suo obiettivo principale di coesione sociale, economica e territoriale nell’UE, contribuendo nel contempo a una transizione digitale e verde equa che sia socialmente inclusiva. Il gruppo si riunirà a Bruxelles nove volte nel corso del 2023, con il primo incontro avvenuto il 31 gennaio. Pubblicherà conclusioni e raccomandazioni strategiche all’inizio del 2024.

Il gruppo, presieduto dal professor Andres Rodriguez-Pose della London School of Economics, è composto da specialisti altamente qualificati selezionati in base alla loro vasta competenza ed esperienza nella politica di coesione in Europa.

Le sessioni mattutine degli incontri del gruppo saranno trasmesse in web streaming mentre i documenti rilevanti, comprese le relazioni degli esperti, saranno resi pubblici sul sito InfoRegio.

0