E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’adozione delle decisioni necessarie per avviare e far funzionare il periodo di programmazione della politica di coesione 2021-2027 è ora finalizzata e consente agli Stati membri di accelerare gli investimenti per un importo totale di 378 miliardi di EUR per promuovere la coesione economica, sociale e territoriale dell’UE.

Lo annuncia il sito della DG Politica Regionale della Commissione europea.

Queste decisioni includono i 27 accordi di partenariato conclusi tra la Commissione e ciascuno Stato membro che definiscono le loro strategie di coesione fino alla fine del decennio. Comprendono inoltre più di 380 programmi regionali e tematici che renderanno operativi gli investimenti sul campo del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), del Fondo sociale europeo + (FSE+), del Fondo di coesione e del Fondo per una transizione giusta (JTF).

Nei prossimi anni, scriva la DG, di fronte alle trasformazioni geopolitiche, la politica di coesione rimarrà fondamentale per garantire uno sviluppo armonioso e sostenibile dell’Europa attraverso:

Iniziative basate sul territorio, multilivello e guidate da partenariati, adattando il proprio sostegno ai territori più vulnerabili;

Realizzazione delle priorità dell’UE in stretta sinergia con altre politiche e strumenti dell’UE e nazionali;

Adattabilità alle sfide emergenti e inaspettate.

Coesione economica, sociale e territoriale

La politica di coesione continuerà a perseguire il suo obiettivo principale, ovvero ridurre le disparità economiche, sociali e territoriali tra le regioni dell’UE e accelerare la convergenza delle regioni e degli Stati membri.

Con oltre 92 miliardi di euro, la nuova generazione di programmi della politica di coesione svolgerà un ruolo fondamentale nel sostenere il Green Deal europeo. Gli investimenti promuoveranno, ad esempio, ristrutturazioni efficienti dal punto di vista energetico di edifici pubblici e multiresidenziali, un maggiore impiego di energie rinnovabili, un migliore adattamento ai cambiamenti climatici, un’economia circolare e la protezione della natura e della biodiversità.

Inoltre, gli investimenti verdi promuoveranno una mobilità rispettosa del clima con migliori collegamenti ferroviari, mobilità urbana sostenibile e nuove infrastrutture ciclabili.

Una parte importante di questi investimenti sosterrà anche il raggiungimento degli obiettivi di REPowerEU, tra cui la decarbonizzazione e la transizione energetica attraverso il risparmio energetico, lo sviluppo delle energie rinnovabili, lo stoccaggio di energia, l’idrogeno o le infrastrutture verdi.

Da parte sua, il JTF contribuirà a realizzare una transizione climatica giusta per tutti grazie a 19 miliardi di euro che saranno investiti nelle regioni che fanno affidamento sui combustibili fossili o in attività ad alte emissioni.

13,5 miliardi di euro aiuteranno le regioni dell’UE a migliorare la loro connettività digitale. I programmi di coesione sosterranno la trasformazione digitale delle pubbliche amministrazioni con soluzioni TIC, servizi elettronici e applicazioni che promuovono la capacità della banda larga in Europa per i cittadini e le PMI. Di conseguenza, circa 356.500 PMI, ad esempio, dovrebbero essere dotate di una banda larga ad alta capacità che fornisca servizi migliori, più rapidi e meno costosi.

Inoltre, più di 34 miliardi di euro sosterranno la ricerca e l’innovazione, stimolando lo sviluppo economico e la competitività delle regioni.

Una parte importante dei fondi di coesione affronterà le sfide sociali, con 106 miliardi di euro a sostegno dell’accesso all’assistenza sanitaria, all’istruzione e alla formazione.

Interreg è uno degli strumenti chiave dell’UE a sostegno della cooperazione transfrontaliera. Con un budget di 10,1 miliardi di euro per 86 programmi, Interreg sosterrà la cooperazione tra regioni frontaliere, cittadini e attori economici, aiutandoli ad affrontare sfide comuni e trovare soluzioni condivise in settori quali la salute, l’ambiente, la ricerca, l’istruzione, i trasporti e l’energia sostenibile.

Per la prima volta, i fondi sono destinati a migliorare la cooperazione delle regioni ultraperiferiche dell’UE con i paesi limitrofi per stimolare gli scambi economici e lo sviluppo economico reciproco.

Altrettanto importante, il programma PEACE PLUS finanziato dal FESR continuerà a sostenere la pace e la riconciliazione tra le contee di confine dell’Irlanda e dell’Irlanda del Nord e la cooperazione nord-sud nell’ambito dell’accordo del Venerdì santo, fondamento del processo di pace nell’Irlanda del Nord.

Inoltre, con un importo totale di 665 milioni di euro, sei programmi Interreg sosterranno la cooperazione con l’Ucraina e la Moldavia.

1,1 miliardi di euro nell’ambito dei programmi di cooperazione Interreg NEXT miglioreranno anche la cooperazione con i paesi partner lungo le frontiere esterne dell’UE.

Ulteriori informazioni

Nuova politica di coesione dell’UE 2021-2027 con sottotitoli nelle lingue nazionali – YouTube

Comunicazione sull’8a relazione sulla coesione: la coesione in Europa verso il 2050

Piattaforma di dati aperti per la coesione dell’UE
0

E-News, coesione, diritti umani ed uguaglianza, cooperazione, politica europea, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione europea, su proposta della Commissione europea, hanno raggiunto un accordo sul bilancio dell’UE per il 2023. Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

L’accordo prevede impegni per 186,6 miliardi di euro e pagamenti per 168,7 miliardi di euro. Una volta adottato, il bilancio consentirebbe all’UE di mobilitare fondi ingenti per contribuire ad attenuare le gravi conseguenze della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina nel paese, ma anche nel vicinato meridionale e negli Stati membri.

Sosterrebbe inoltre la ripresa sostenibile in corso dalla pandemia di coronavirus e proteggerebbe e creerebbe posti di lavoro. Innescherebbe ulteriori investimenti in un’Europa più verde , più digitale e più resiliente, proteggendo nel contempo i più vulnerabili nel suo vicinato e in tutto il mondo.

Il bilancio concordato oggi indirizzerà i fondi dove possono fare la differenza, in linea con le esigenze più cruciali degli Stati membri dell’UE e dei partner dell’UE in tutto il mondo.

Più concretamente, si è convenuto di dirigere:

14,7 miliardi per sostenere i nostri vicini e lo sviluppo e la cooperazione internazionale. L’accordo prevede aumenti mirati per lo strumento di vicinato, cooperazione allo sviluppo e cooperazione internazionale (NDICI) – Europa globale (12,3 miliardi di EUR), incentrati su Ucraina e Moldova, migrazione nel vicinato meridionale e per il programma di aiuti umanitari (1,8 miliardi di EUR) affrontare situazioni di crisi in tutto il mondo;

1,5 miliardi di € per il Fondo Asilo, migrazione e integrazione e 956,8 milioni di € per il Fondo per la gestione integrata delle frontiere per intensificare la cooperazione in materia di gestione delle frontiere esterne, nonché la politica in materia di migrazione e asilo, compreso il sostegno agli Stati membri che accolgono rifugiati dall’Ucraina; 3,0 miliardi di euro per il Meccanismo per collegare l’Europa per un’infrastruttura di trasporto aggiornata e ad alte prestazioni per facilitare i collegamenti transfrontalieri, [con particolare enfasi sul rafforzamento delle corsie di solidarietà UE-Ucraina e sul filone dell’energia in risposta al crisi, a integrazione della proposta REPowerEU da 20 miliardi di euro];

295,2 milioni di euro per la Mobilità Militare per migliorare la mobilità civile e militare;

3,7 miliardi di EUR per Erasmus+ da investire nei giovani, compresi alunni e studenti in fuga dall’Ucraina, nonché 332,8 milioni di EUR per i settori culturali e creativi attraverso il programma Europa creativa;

62,9 miliardi di impegni per sostenere la ripresa in atto attraverso il potenziamento degli investimenti per la coesione economica, sociale e territoriale;

53,6 miliardi di euro per la politica agricola comune e 1,1 miliardi di euro per il Fondo europeo per gli affari marittimi, la pesca e l’acquacoltura, per gli agricoltori e i pescatori europei, ma anche per rafforzare la resilienza dei settori agroalimentare e della pesca e per fornire il margine necessario per gestione della crisi;

12,4 miliardi di euro per Orizzonte Europa, per sostenere la ricerca dell’UE in settori quali salute, digitale, industria, spazio, clima, energia e mobilità;

602,8 milioni di euro per il programma per il mercato unico a sostegno delle piccole e medie imprese in tutta l’Unione;

739,3 milioni di euro per il programma EU4Health per sostenere l’Unione sanitaria dell’UE e fornire una risposta globale alle esigenze sanitarie dei cittadini europei;

1,5 miliardi di euro nell’ambito del Just Transition Fund per garantire che la transizione verso la neutralità climatica funzioni per tutti e 755,5 milioni di euro nell’ambito del programma LIFE per sostenere l’ambiente e l’azione per il clima;

309,9 milioni di euro per il Fondo sicurezza interna, 945,7 milioni di euro per il Fondo europeo per la difesa a sostegno dell’autonomia strategica e della sicurezza europea e 157,0 milioni di euro per il rafforzamento dell’industria europea della difesa attraverso la legge sugli appalti comuni.

Insieme al bilancio per il 2023, le istituzioni dell’UE hanno convenuto di approvare le modifiche proposte al bilancio 2022 presentate dalla Commissione all’inizio di quest’anno. Una volta completato il processo di approvazione, la Commissione potrà continuare a sostenere e assistere l’Ucraina, aiutare gli Stati membri più colpiti dall’afflusso di migranti e rifugiati ucraini, rafforzare la preparazione dell’Unione agli incendi boschivi, rispondere alle attuali epidemie di influenza aviaria e peste suina e affrontare ulteriori sfide derivanti dal contesto macroeconomico generale.

Parallelamente al bilancio annuale per il 2023, i paesi dell’UE continueranno a fare affidamento sul sostegno dello strumento per la ripresa NextGenerationEU e del dispositivo per la ripresa e la resilienza.

Oltre al rafforzamento del bilancio, la Commissione europea ha proposto un pacchetto di sostegno senza precedenti per l’Ucraina fino a 18 miliardi di EUR per il 2023. Ciò avverrà sotto forma di prestiti altamente agevolati, erogati in rate regolari a partire dal 2023.

Il bilancio annuale per il 2023 sarà ora formalmente adottato dal Consiglio dell’Unione europea e dal Parlamento europeo. Il voto in plenaria, che segnerà la fine del processo, è attualmente previsto per il 23 novembre 2022.

Per maggiori informazioni

Budget a lungo termine 2021-2027

Piano di recupero

Bilancio annuale 2023
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In che modo la politica di coesione si è adattata e ha risposto alle sfide e cosa porta concretamente per i cittadini?

Quali azioni specifiche sono state intraprese contro il COVID-19, la crisi economica e il cambiamento climatico?

In che misura e in che modo i fondi dell’UE hanno ridotto le disparità e contribuito alla coesione economica, sociale e territoriale, senza lasciare indietro nessuna regione e nessuno?

La relazione annuale di attività (RAA) 2021 della Direzione Generale della Politica regionale e urbana della Commissione europea riunisce le risposte e il ruolo svolto dalla DG nel 2021. Lo riferisce il sito della DG Politica Regionale della Commissione europea.

La relazione annuale di attività dimostra i punti di forza della politica, la sua flessibilità nel rispondere alle nuovi bisogni e sfide e i benefici degli interventi per le persone e le imprese; ma identifica anche sfide e azioni in cui c’è spazio per il progresso.

La RAA fornisce inoltre un quadro completo del funzionamento dei sistemi di gestione e controllo dei programmi della politica di coesione. Per il 2021 sono state formulate riserve per 54 programmi, per i quali sono necessarie azioni correttive per garantire la corretta esecuzione del bilancio dell’UE. Ciononostante, l’analisi suggerisce una tendenza in costante diminuzione delle debolezze e degli errori legati alla spesa della politica di coesione.

Relazione annuale di attività 2021 – Politica regionale e urbana
0

E-News, coesione, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


L’undicesima sessione di quest’anno del World Urban Forum (WUF11) si svolgerà a Katowice, in Polonia, dal 26 al 30 giugno. Lo rende noto il sito Politica Regionale della Commissione europea. Per presentare la prospettiva europea, all’interno del programma WUF11 ci sarà un blocco speciale di eventi chiamato European Track.

Sarà dedicato alla dimensione europea dello sviluppo urbano sostenibile e di una giusta trasformazione delle città nel contesto delle sfide globali.

Il blocco di eventi prevede un numero di sessioni tematiche di 90 minuti, che saranno ospitate dalle principali istituzioni dei paesi europei. Inoltre, ci saranno 10 sessioni poster, dedicate principalmente all’ambiente accademico e governativo locale.

Saranno trattati in particolare 4 temi: Green City, Equitable and Inclusive, Sustainable Urban Mobility, Affordable Housing.

Mentre il percorso europeo sarà organizzato dal Ministero polacco dei Fondi e della politica regionale, nonché dall’Istituto per lo sviluppo urbano e regionale, la Commissione europea funge da partner come parte di questo processo al fine di evidenziare la dimensione europea del Forum e fornire contenuti aggiuntivi per arricchire la discussione tra le parti interessate su varie aree prioritarie.

Nell’ambito di un elemento costitutivo dedicato dell’European Track, la serie di 14 eventi organizzati o co-organizzati dalla Commissione europea mira a evidenziare l’approccio dell’UE allo sviluppo urbano sostenibile integrato attraverso varie dimensioni.

Altre sessioni e aree tematiche europee metteranno in mostra le priorità chiave per sostenere le città e gli attori dello sviluppo urbano nel portare avanti la transizione verde, digitale e giusta nelle aree urbane, utilizzando al contempo principi e requisiti di sostenibilità comuni per lo sviluppo integrato.

Tra gli eventi organizzati dalla Commissione Europea e dai suoi partner, ci saranno sessioni incentrate su:

principi chiave come il coinvolgimento dei cittadini

aree strategiche tra cui la coesione economica, sociale e territoriale, la neutralità climatica e l’innovazione, nonché la transizione digitale

strumenti e metodi

collaborazioni esterne.

La serie di eventi organizzati dalla Commissione Europea nell’ambito dell’European Track enfatizza gli elementi fondamentali dell’approccio dell’UE a sostegno dello sviluppo urbano sostenibile, articolando diverse aree tematiche e strategiche, nonché pratiche, strumenti e metodologie per supportare le città e gli attori urbani nel la loro trasformazione per un futuro urbano più sostenibile, all’interno dell’UE e oltre.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Traccia europea dell’11a sessione del Forum urbano mondiale

ISCRIZIONI APERTE FINO AL 22 GIUGNO
0