E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del CEMR informa che la Commissione europea e il Comitato europeo delle regioni hanno lanciato un appello umanitario alle città e alle regioni europee. Rispondendo a una richiesta urgente del governo ucraino, chiedono uno sforzo congiunto per inviare forniture energetiche all’Ucraina.

L’escalation degli attacchi russi alle infrastrutture civili e agli edifici residenziali ha avuto un profondo impatto sulla rete energetica ucraina, scrive il CEMR. Di conseguenza, solo il 70% dei picchi di potenza richiesta può essere coperto, lasciando milioni di persone senza elettricità e acqua in pieno inverno. Per rafforzare l’azione umanitaria degli Stati membri e dei donatori privati, la Commissione invita ora le regioni e le città europee a fornire ulteriore assistenza.

Le città e le regioni possono effettuare donazioni di beni energetici sia nuovi che vecchi, in particolare generatori di corrente e riscaldatori. I costi di trasporto verso il nuovo hub “rescEU energy” in Polonia sono cofinanziati dal bilancio dell’Unione.

Per ulteriori informazioni, i donatori sono invitati a contattare la Commissione europea: ECHO-Donations@ec.europa.eu/.

La Commissione europea ha già facilitato le donazioni di attrezzature energetiche e carburante attraverso meccanismo di protezione civile dell’UE (UCPM). Finora, hanno fornito oltre 55 000 articoli energetici, tra cui 775 generatori di energia, forniti dagli Stati membri e da donatori privati. Man mano che le città e le regioni si uniranno a questo sforzo comune, sarà preservata un maggior numero di infrastrutture energetiche e restaurato, aiutando milioni di persone a riottenere l’accesso all’acqua e all’elettricità.
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


MUNIWORD 2022 è un brainstorming globale sull’innovazione urbana a cui parteciperanno centinaia di rappresentanti locali. In programma dal 6 all’8 dicembre, a Tel-Aviv e Gerusalemme, MUNIWORD 2022 è l’evento di riferimento per chiunque sia coinvolto nell’innovazione locale e nelle città intelligenti.Lo rende noto il sito del CEMR.

Questa conferenza, unica nel suo genere, fungerà da piattaforma per condividere visioni, metodologie e migliori pratiche per promuovere la sostenibilità, la resilienza e l’innovazione municipali e globali che serviranno i comuni di tutto il mondo.

L’evento è organizzato dalla Federazione delle autorità locali in Israele (FLAI), Masham, in collaborazione con la città di Gerusalemme.

MUNIWORLD 2022 fa parte di MUNIEXPO 2022, l’evento annuale sull’Innovazione Municipale organizzato dalla FLAI.

Con la partecipazione di 9.000 direttori generali e dirigenti di 258 autorità locali in Israele, l’Expo offre una piattaforma per collaborazioni che hanno un impatto diretto sulla vita quotidiana di milioni di cittadini.

I partecipanti internazionali di MUNIWORLD hanno pieno accesso a tutti gli eventi di MUNIEXPO 2022 e potranno godere di tour esclusivi dell’esposizione e di speciali eventi di networking.

La FLAI fornirà a tutti i Sindaci due pernottamenti nell’Orient Hotel di Gerusalemme, oltre all’esenzione dalle quote di iscrizione. Tale esonero dalle quote di iscrizione sarà concesso anche ad un ulteriore componente della delegazione di ciascun Sindaco.

La partecipazione all’evento comprende una serata di gala di apertura alla presenza del Primo Ministro e del Presidente dello Stato di Israele, tour di innovazione urbana su misura a Gerusalemme, una sessione plenaria internazionale e panel a Tel Aviv su temi dell’agenda municipale globale, una visita guidata alla mostra, un incontro esclusivo presso la President’s House for Mayors e una cena festiva offerta da Moshe Lion, sindaco di Gerusalemme.

Scopri il MuniWorld dell’anno scorso con un breve video.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web di MuniWorld 2022 o contattare la Federazione delle autorità locali in Israele: saray@masham.org.il
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma
EDLS_Affiche_IT

Come le città e le regioni stanno aprendo la strada allo sviluppo sostenibile globale? Grazie ai loro progetti di cooperazione internazionale con città e regioni di tutto il pianeta e alla loro gestione quotidiana orientata alla soluzione delle sfide legate alla sostenibilità.

Le Giornate europee della solidarietà locale (EDLS) invitano le città e le regioni europee a sensibilizzare i propri cittadini sulle sfide dello sviluppo sostenibile globale e sulla necessità di agire.

L’edizione 2022 è in programma dal 15 al 30 novembre 2022 in tutta Europa.

MESSAGGI CHIAVE:
Le città e le regioni europee rafforzano la conoscenza dei cittadini sulle questioni dello sviluppo sostenibile globale.

Le città e le regioni europee sostengono e promuovono iniziative di educazione allo sviluppo e cittadinanza attiva con grande impatto locale.

Le città e le regioni europee promuovono l’impegno politico su scala nazionale, europea e globale a favore dello sviluppo sostenibile.

PLATFORMA invita a:
Pianificare l’ attività EDLS tra il 15 e il 30 novembre 2022

Un’attività EDLS è:

(Co-)organizzato da una città o regione europea, o da un’associazione di governi locali e regionali

Un’opportunità per cittadini, eletti o funzionari locali o regionali, OSC e altri attori locali di imparare, scambiare, discutere e celebrare

Incentrato sul contributo delle città e delle regioni europee allo sviluppo sostenibile globale, con particolare attenzione alla loro cooperazione internazionale e ai partenariati da città a città

Utilizzare il toolkit della campagna EDLS (clicca qui per scaricarlo in italiano) oppure aggiungere il logo EDLS al materiale per dare impulso alla tua iniziativa e rafforzare i suoi messaggi chiave.
Sarà inoltre promosso attraverso il sito web di EDLS (campagna EDLS.eu) e la campagna Twitter (#localsolidaritydays).

Rappresentanti eletti locali o regionali possono sostenere la campagna impegnandosi nei valori e nei principi dell’EDLS. Leggi e firma la Carta EDLS.

Scarica le linee guida in italiano e scopri come aderire all’EDLS 2022

Le Giornate europee della solidarietà locale sono state lanciate nel 2016 e sono coordinate da PLATAFORMA, con il sostegno finanziario dell’Unione Europea . PLATFORMA è la coalizione europea dei governi locali e regionali e delle loro associazioni attive nella cooperazione allo sviluppo da città a città e da regione a regione, nota come “cooperazione decentrata”. Dalla sua creazione nel 2008, PLATFORMA rappresenta più di 100.000 governi locali e regionali. Tutti sono attori chiave della cooperazione internazionale per lo sviluppo sostenibile. Per saperne di più sulla missione e l’appartenenza della rete, dai un’occhiata aplatforma-dev.eu.

Gli EDLS sono guidati dall’impegno di città, regioni e associazioni europee di governi locali e regionali . Oltre a promuovere iniziative in tutta Europa, la campagna è stata un’opportunità di apprendimento e scambio per i funzionari delle città e delle regioni ei rappresentanti eletti nei settori della sensibilizzazione, dell’educazione allo sviluppo e dell’azione internazionale dei governi locali e regionali.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, cooperazione, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Dal 14 al 16 giugno 2022, URBACT, il programma di cooperazione dell’UE per le città, organizza l’URBACT City Festival 2022 a Pantin / Greater Paris (Francia) sotto la presidenza francese del Consiglio dell’Unione Europea.

Lo rende noto un comunicato stampa della DG Politica Regionale della Commissione europea.

Circa 500 rappresentanti delle città europee discuteranno le buone pratiche sulla neutralità del carbonio e sulla transizione verde, sulle città paritarie di genere, sulla transizione digitale e molti altri argomenti.

Il Festival offrirà anche un’anteprima del nuovo paesaggio urbano dell’UE e del programma URBACT IV.

Sarà possibile guardare in diretta le seguenti sessioni utilizzando i collegamenti seguenti:

14 giugno
Cerimonia di apertura (17.00 – 17.45)
La città di 15 minuti, relatore principale Carlos Moreno (17.45 – 18.15)
Panel: Le città in prima linea nell’emergenza climatica (18.30 – 19.30)
Streaming del giorno 1 in INGLESE
Streaming del giorno 1 in FRANCESE

15 giugno
Sessione plenaria (9.00 – 9.20)
Fine dei senzatetto (11:00 – 12:00)
Come accogliere gli ucraini nella tua città (14.45 – 15.45)
Panel: Come l’uguaglianza di genere crea città sostenibili (17.15 – 18.00)
Streaming del giorno 2 in INGLESE
Streaming del giorno 2 in FRANCESE

16 giugno
URBACT e il quadro politico dell’UE (14:00 – 14:45)
Di cosa tratta URBACT IV? (14.50 – 15.15)
Cerimonia di chiusura (17.30 – 18.15)
Streaming del giorno 3 in INGLESE
Streaming del giorno 3 in FRANCESE
0

E-News, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Nel quadro delle attività di advocacy dell’UCLG (United Cities and Local Governments)verso un obiettivo esplicito dedicato alla cultura nei quadri di sviluppo globale post-2030 , e verso Mondiacult, la Conferenza mondiale dell’UNESCO sulle politiche culturali (Città del Messico, settembre 2022), il Comitato sulla cultura dell’UCLG, insieme all’obiettivo #culture2030 , ha lanciato un sondaggio per raccogliere visioni e input su come dovrebbe essere questo obiettivo. Lo rende noto il sito dell’UCLG.

Il sondaggio è disponibile in inglese, spagnolo e francese.

È rivolto a chiunque sia interessato al ruolo essenziale della cultura nello sviluppo e nella sostenibilità delle città e dei territori.

Il termine per rispondere è il 21 giugno 2022.

Vedi anche la Dichiarazione dell’Obiettivo #Culture2030 verso Mondiacult2022 qui .
0

E-News, Notizie
Mentre i leader dell’Unione europea si riuniscono a Bruxelles per un vertice straordinario e il Parlamento europeo si prepara a presentare la sua valutazione sull’attuazione dei piani di ripresa post-COVID 19, una nuova consultazione congiunta CdR (Comitato europeo delle regioni)-CEMR lancia l’allarme sulla preoccupante mancanza di coinvolgimento dei territori dell’UE in la governance, l’esecuzione e il monitoraggio dei Piani nazionali di ripresa e resilienza.

Il CdR ed il CEMR hanno collaborato nuovamente per esplorare il coinvolgimento dei governi locali e regionali nell’attuazione del meccanismo di recupero e resilienza (RRF) dell’Unione europea da 724 miliardi di euro, la pietra angolare del piano di ripresa post-COVID per l’Europa.

A un anno di distanza da un precedente studio del CdR-CEMR, sottolinea il CEMR, i risultati della nuova consultazione mirata restano ampiamente scoraggianti: nonostante alcuni miglioramenti, troppo spesso i Piani nazionali per la ripresa e la resilienza (NRRP) sono stati attuati come processi dall’alto verso il basso, su cui apparentemente comuni e regioni avere un impatto minimo o nullo.

Sebbene gli intervistati siano stati ampiamente positivi sulla capacità dei piani di ripresa di sostenere le transizioni verde e digitale, sono stati più ambivalenti riguardo ad altri obiettivi politici, come la coesione territoriale.

Per quanto riguarda l’attuazione dei PNR, solo una piccola parte degli enti locali e regionali ha dichiarato di avere un ruolo adeguato nel monitoraggio o di essere sufficientemente presi in considerazione in base alle proprie competenze. La proprietà dei piani è quindi preoccupantemente bassa, suggeriscono i risultati della consultazione.

In questo contesto, gli intervistati hanno individuato un forte rischio di mancato raggiungimento degli obiettivi e delle pietre miliari dei piani di risanamento. Un rischio di allocazione errata dei fondi è stato evidenziato anche da una quota significativa di partecipanti, mentre l’interazione tra i PNR e altri fondi europei è ancora poco chiara per molti di loro.

“Preoccupa il mancato coinvolgimento delle città e delle regioni nei piani, ma credo che ci sia ancora tempo per correggere la rotta, assicurando che i governi locali e regionali siano riconosciuti – nella pratica, e non solo sulla carta – come partner a pieno titolo l’attuazione dei piani di ripresa. Questo ci consentirà di garantire che la RRF non sia solo un accordo storico, ma anche una storia di successo sul campo”, ha dichiarato Rob Jonkman, consigliere comunale del comune di Opsterland e relatore del CdR sull’attuazione della RRF.

La consultazione congiunta CdR-CEMR ha raccolto le opinioni e le esperienze di 26 organizzazioni che rappresentano una varietà di livelli di governo subnazionale in 19 Stati membri dell’UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Cechia, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda , Italia, Lettonia, Lituania, Paesi Bassi, Portogallo, Slovacchia e Slovenia. Questi Stati membri costituiscono una varietà di dimensioni, reddito, geografia, organizzazione costituzionale e cultura amministrativa ampiamente rappresentativa dell’UE nel suo insieme. La consultazione mirata si è svolta tra metà gennaio e fine marzo 2022. I risultati sono consultabili qui.

Clicca qui per scaricare i risultati della precedente consultazione congiunta CdR-CEMR (gennaio 2021)
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha annunciato il 4 maggio i cinque progetti selezionati per il bando da 25 milioni di euro per lo sviluppo di “dimostratori di fari “ del New European Bauhaus (NEB). La Commissione sta attualmente negoziando convenzioni di sovvenzione con i beneficiari selezionati. Lo rende noto un comunicato stampa di Bruxelles.

I progetti creeranno spazi più sostenibili, inclusivi e belli in località dell’UE e coinvolgeranno i cittadini nella transizione verde a livello locale.

I cinque progetti selezionati riceveranno un finanziamento di circa 5 milioni di euro ciascuno per attuare i loro piani in 11 Stati membri tra i quali l’Italia, nonché in Norvegia e Turchia . Tratteranno argomenti come il rinnovamento degli edifici, la circolarità, le arti, il patrimonio culturale, l’istruzione, le città intelligenti, la rigenerazione urbana e rurale e altro ancora. I progetti sono:

CULTUURCAMPUS (Cultuurcampus: un hub sostenibile di arti, ricerca, apprendimento e comunità come catalizzatore): attraverso la fusione di istruzione, ricerca, politica e cultura e considerando le esperienze vissute dei suoi residenti, Cultuurcampus mira a trasformare l’area urbana svantaggiata di Rotterdam sud (NL). Il Cultuurcampus sarà in un edificio storico e fungerà da hub per diversi gruppi e attività.

NEB-STAR (New European Bauhaus STAvangeR): NEB-STAR mostrerà come i piani di trasformazione territoriale possono incorporare i principi e i valori del NEB a Stavanger (NO), Praga (CZ) e Utrecht (NL). Il progetto affronterà quattro sfide emblematiche legate alle città a impatto climatico zero, tutte tenendo conto delle esigenze e delle preoccupazioni locali attraverso la co-creazione con i residenti e le parti interessate.

NEBhourhoods (NEBhourhoods): NEBhourhoods prepara Monaco-Neuperlach (DE) per il futuro come tracciato dal Green Deal europeo per quanto riguarda l’ambiente costruito, la circolarità, la mobilità, l’energia, il cibo e la salute. Il progetto si baserà sui punti di forza dell’area – senso di comunità, vaste aree verdi, alloggi su larga scala, anche se necessitano di ristrutturazione – e affronterà i suoi punti deboli – una disoccupazione superiore alla media e livelli di istruzione inferiori alla media.

DESIRE (Designing the Irresistible Circular Society ): il progetto vuole affrontare le grandi sfide che le società e le città devono affrontare: il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità e le sfide delle risorse. Basato su tre temi principali di inclusività, circolarità e riconciliazione delle città con la natura, il progetto utilizzerà arte, architettura e design per esplorare modi alternativi di trasformare i territori in diverse città europee (DK, NL, SI, IT, LV).

EHHUR (EYES HEARTS HANDS Urban Revolution): il progetto supporta le città e i residenti vulnerabili nella trasformazione del loro ambiente costruito. Distribuito in sette diverse località dell’UE e dei paesi associati (DK, EL, BE, PT, TR, HR, IT), cercherà di affrontare le sfide socioeconomiche e culturali come la segregazione sociale, la povertà energetica e il degrado degli spopolati centri storici.

I progetti contribuiranno con idee e soluzioni innovative entro due anni, contribuendo a indicare la strada da seguire per altre azioni NEB. Poiché sono diffusi in tutta Europa, i progetti forniranno una varietà di risultati che possono essere adattati e replicati in attività e dimostrazioni simili in Europa e oltre, contribuendo a ispirare progetti futuri.

I progetti contribuiranno anche alle missioni dell’UE. Le missioni hanno molto in comune con la NEB, con entrambe le iniziative volte ad affrontare le principali sfide in materia di salute, clima e ambiente attraverso un più stretto coinvolgimento con i cittadini e sfruttando il potere della ricerca e dell’innovazione.

Un altro progetto, l’azione di coordinamento e supporto CRAFT (CReating Actionable FuTures), sosterrà tutti e cinque i progetti selezionati, nonché i futuri progetti del faro NEB, con un finanziamento di 2 milioni di euro. CRAFT testerà modelli locali collaborativi per le trasformazioni NEB in tre ‘città sandbox’ (Amsterdam, Bologna e Praga) e guiderà le 100 città selezionate nell’ambito della missione ‘Climate Neutral and Smart Cities’ .

Approfondisci

Nuovo sito web europeo del Bauhaus

Sito web delle missioni dell’UE

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il presidente del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa, Leendert Verbeek, accompagnato dal Segretario generale del Congresso, Andreas Kiefer, ha incontrato nei giorni scorsi a Strasburgo una delegazione di rappresentanti del Consiglio comunale di Kiev. Hanno avuto uno scambio di opinioni sulla situazione delle città e degli enti locali ucraini.

Lo rende noto sul proprio sito il Congresso.

I membri del consiglio comunale di Kiev hanno sottolineato l’importanza del contributo del Congresso al dopoguerra e alla ricostruzione del funzionamento delle istituzioni democratiche, in particolare a livello territoriale. Hanno inoltre accolto con favore l’iniziativa della piattaforma Cities4cities lanciata, con il supporto del Congresso, per aiutare le città ucraine.

Il presidente Verbeek ha ricordato la posizione del Congresso espressa in diverse dichiarazioni dall’inizio della guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina e condannando fermamente i crimini contro i cittadini e il rapimento di sindaci ucraini. Ha sottolineato il ruolo cruciale svolto dai sindaci durante la guerra, come rappresentanti eletti più vicini ai cittadini e in prima linea per soddisfare i loro bisogni. “Avete il sostegno di tutta l’Europa e, in particolare, del Congresso”, ha riaffermato il presidente Verbeek, lodando il coraggio del popolo ucraino.

Approfondimenti

PAGINA AICCRE SULL’UCRAINA

Dichiarazione del Congresso sulla guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina

La guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina: fascicolo speciale

0