E-News, climate change, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


​​​​In occasione del Solutions Day alla COP27, una serie di organizzazioni, tra le quali il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CEMR), il Comitato Europeo delle Regioni, l’ICLEI, le Città e Governi Locali Uniti (UCLG), EUROCITIES hanno invitato i governi nazionali, le parti e le organizzazioni internazionali a sostenere pienamente le autorità locali e regionali nella realizzazione di un’azione per il clima sul campo.

Lo rende noto il 17 novembre il sito del Comitato europeo delle Regioni.
Le città e le regioni di tutto il mondo stanno assumendo la leadership politica ai colloqui sul clima della COP27 poiché i governi nazionali non riescono a raggiungere alcun accordo significativo
.

Come ribadito nell’ultimo rapporto dell’IPCC, i governi locali e regionali hanno un ruolo crescente nell’attuazione dell’azione per il clima. Tuttavia, i governi subnazionali – unificati sotto la circoscrizione dei governi locali e delle autorità municipali (LGMA) alle Nazioni Unite – mancano ancora di un ruolo formale nei negoziati sul clima globale e nell’attuazione dell’accordo di Parigi.

Rafforzare la cooperazione multilivello, i fondi diretti e l’assistenza tecnica per i governi subnazionali e un sistema globale per raccogliere e monitorare le riduzioni delle emissioni di carbonio delle città e delle regioni sono tra le rivendicazioni chiave per le quali i governi subnazionali si stanno battendo alla COP27.

Stefano Bonaccini, Presidente del CEMR e dell’Emilia-Romagna, ha dichiarato:
“L’attuazione dell’Accordo di Parigi è in ritardo ed è fondamentale agire ora per raggiungere gli obiettivi a tutti i livelli di governo: mitigazione, adattamento, transizione energetica e salvaguardia della biodiversità. Per fare questo servono risorse adeguate, un sostegno quadro normativo e di governance, localizzazione e territorializzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile, cooperazione decentrata e scambio di esperienze tra comuni e regioni di tutto il mondo: si tratta di una sfida globale che può essere affrontata al meglio se agiamo tutti a livello locale e in modo responsabile, inclusivo, equo modo equo e collaborativo.”​

Contributo alla LGMA COP28 Roadmap: Dichiarazione “EU Green Deal: from local to global”.
0

E-News, coesione, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel 2020, di fronte alla pandemia di Covid-19 senza precedenti, i leader dell’Unione europea e la Commissione europea hanno messo in atto un pacchetto di risposta altrettanto senza precedenti: Next Generation EU. Consente all’Unione europea di prendere in prestito ingenti importi di finanziamento dai mercati finanziari e di assegnarli agli Stati membri. Il fulcro di Next Generation EU, il Recovery and Resilience Facility (RRF), fornisce sovvenzioni e prestiti per un periodo di 5 anni, per un totale di 724 miliardi di euro (a prezzi correnti), per sostenere il rimbalzo delle economie dell’UE dopo la pandemia.

Così sintetizza sul proprio sito il CEMR. Gli Stati membri dell’UE sono stati tenuti a presentare piani nazionali di ripresa e resilienza (RRP), che delineano le rispettive strategie di investimento e di riforma per l’utilizzo del finanziamento RRF. Gli RRP dovrebbero delineare una strategia quinquennale di riforma e investimento e stabilire il ritmo di trasformazione necessario per transizioni digitali e sostenibili solide ed eque. Gli Stati membri hanno recentemente avuto l’opportunità di adattare i loro piani nazionali per considerare le nuove sfide poste dalla guerra in Ucraina e il suo impatto sul costo degli approvvigionamenti energetici.

Sin dall’inizio del processo, il CEMR e il Comitato europeo delle regioni (CdR) hanno collaborato per promuovere il coinvolgimento più pieno e significativo dei governi locali e regionali (LRG), sia nella progettazione che nell’attuazione della ripresa e Resilienza. Uno studio iniziale prodotto congiuntamente dal CdR e dal CCRE e pubblicato nel gennaio 2021 ha evidenziato i primi sforzi degli LRG per essere coinvolti nella preparazione dei PRR.

I risultati hanno dimostrato gli ampi problemi incontrati dagli LRG, la mancanza di consultazione sui loro RRP nazionali e anche nelle occasioni in cui sono stati consultati, i loro contributi sono stati spesso trascurati.

Nel maggio 2022 il CCRE e il CdR hanno preparato uno studio di follow-up, per esplorare in che misura la situazione si sia evoluta positivamente e se gli LRG abbiano ritenuto o meno migliorato il loro coinvolgimento nell’attuazione dei PRR. I risultati di questo studio di follow-up sono stati più contrastanti, ma la sensazione generale era che le LGR fossero preoccupate per il fatto che la mancanza di accordi di partenariato nella fornitura degli RRP stesse portando a una consegna meno efficace degli RRP sul campo.

Gli Stati membri stanno portando avanti l’attuazione dei loro piani nazionali di risanamento, definendo sia nuovi investimenti che riforme, e di conseguenza è stata erogata una notevole quantità di fondi RRF. Resta tuttavia da notare che un importo significativo dei prestiti disponibili rimane non richiesto dagli Stati membri. Sebbene vi siano potenziali sinergie tra la politica di coesione e la RRF, esiste anche la possibilità di sovrapposizioni e concorrenza per i finanziamenti a causa dell’insufficiente coerenza tra i diversi strumenti. Crescono i timori sul fatto che l’attribuzione di priorità all’RFF possa portare a una riduzione delle risorse di coesione dopo il 2027. Vi sono crescenti richieste per l’apertura di un serio dibattito su come garantire la coerenza tra i diversi strumenti di coesione dell’UE.

All’inizio dell’estate 2022, la Commissione europea ha pubblicato il suo Rapporto di riesame sull’attuazione del dispositivo per la ripresa e la resilienza, in cui espone le opinioni della Commissione sulle prestazioni dell’RRF fino ad oggi. Da allora è seguito il primo di una serie di audit sul dispositivo per la ripresa e la resilienza.

Sulla base di un campione selezionato di sei Stati membri (Francia, Germania, Croazia, Grecia, Spagna e Italia), la Corte dei conti europea (ECA) ha valutato l’adeguatezza degli RRF per ciascuno di questi paesi, le linee guida fornite a ciascuno Stato membro e rispetto del regolamento RRF. Nel complesso, la Corte ha ritenuto che la valutazione della Commissione fosse generalmente appropriata, data la complessità del processo e i vincoli di tempo. Tuttavia, l’ECA ha evidenziato una serie di debolezze nel processo e che permangono rischi per l’attuazione dell’RRF.

Anche il CdR sta preparando un parere sull’attuazione dell’RRF dopo i suoi precedenti lavorie la pubblicazione del rapporto di revisione della Commissione europea. Aspettiamo di vedere se, a distanza di un anno dal suo ultimo parere, il CdR ritenga ora che l’attuazione della RRF consentirà a importanti fondi pubblici di soddisfare adeguatamente i bisogni delle nostre comunità, comuni e regioni. Il CdR adotterà il suo parere durante la sessione plenaria del febbraio 2023.
0

E-News, UCLG, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del CEMR informa che è stato appena lanciato al Congresso dell’UCLG a Daejeon (Corea del Sud) il 6° Global Observatory on Local Democracy & Decentralization Report, altrimenti noto come GOLD VI.

Il focus è sui sei percorsi verso l’uguaglianza urbana e territoriale, affrontando le disuguaglianze attraverso strategie di trasformazione locale.

Approfondisci
0

E-News, CEMR NEWS, Ultime Notizie, Notizie
Il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CEMR) fa ufficialmente parte del Gruppo di Esperti della Commissione Europea sulla Mobilità Urbana!

Il CEMR sarà rappresentato dal presidente del suo gruppo di esperti sulla mobilità, Caspar Sluiter dell’Associazione delle municipalità olandesi (VNG).lo rende noto il sito del CEMR.

Questo nuovo gruppo sarà responsabile di diversi compiti, tra cui l’assistenza alla Commissione nell’attuazione del nuovo quadro dell’UE per la mobilità urbana, l’agevolazione degli scambi di buone pratiche nel campo della mobilità urbana sostenibile e l’incoraggiamento dello scambio di informazioni su iniziative, progetti e partenariati sull’urbanistica sostenibile mobilità.
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del CEMR informa che è possibile unirsi a una giuria europea composta da 10.000 cittadini europei e partecipare alla selezione della prima Capitale Europea della Democrazia.

Questa iniziativa a livello europeo mira a innovare e rafforzare la democrazia sul campo. Dal 2022, ogni anno, una città sarà selezionata in un processo in cinque fasi e riceverà questo titolo onorifico.

Per diventare una Capitale Europea della Democrazia, le città devono avere una popolazione di oltre 100.000 abitanti all’interno degli stati membri del Consiglio d’Europa e presentare un portfolio delle loro migliori pratiche democratiche e nuove idee progettuali.

Una giuria di esperti valuterà quindi i progetti e deciderà su una rosa di tre a cinque città. Infine, una giuria di 10.000 cittadini europei avrà l’ultima parola sulla scelta della Città che porterà il titolo di Capitale Europea della Democrazia.

La città vincitrice ospiterà un programma della durata di un anno di eventi, festival e attività volti a migliorare e rafforzare la democrazia, che mette al centro la partecipazione dei cittadini.

Per diventare un giurato dei cittadini e svolgere un ruolo cruciale nel rafforzare e garantire il futuro democratico dell’Europa, basta cliccare qui.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito di IncluCities rende noto di aver partecipato all’International Metropolis Conference a Berlino ed ha pubblicato sul proprio sito una interessante testimonianza che riportiamo integralmente. Ricordiamo che con il progetto IncluCities, al quale partecipano AICCRE ed il Comune di Capaci, otto città europee e associazioni dei governi locali stanno unendo le loro forze per migliorare l’integrazione dei migranti. L’iniziativa, gestita dal CCRE/CEMR, mette in coppia una città esperta con un’altra meno esperta per imparare a trovare e diffondere soluzioni locali sostenibili.

Berlino è conosciuta come una città multiculturale in cui un bambino su due ha un background migratorio. In questa città, la migrazione colpisce tutti i livelli politici e di vita quotidiana poiché hanno una legge che consente la partecipazione sociale dei migranti. I migranti svolgono un ruolo importante nella città.

Le autorità locali lavorano fianco a fianco con le ONG e la società civile e capiscono la situazione sul campo. Ecco perché hanno più voce in capitolo sulla questione. Nella gestione delle crisi, il livello locale è strategico, ha spiegato Katarina Niewiedzial, Commissario del Senato di Berlino per l’Integrazione e la Migrazione.

” Tuttavia, siamo molto lenti e facciamo ancora molte cose sulla carta. C’è ancora molto che possiamo imparare sulle soluzioni digitali in migrazione da altre città, come Varsavia” .

LA CONDIVISIONE DELLA CONOSCENZA È UN PROCESSO A DUE VIE
Al contrario, imparare dalle migliori pratiche e dall’esperienza di Berlino ha aiutato la città di Varsavia a costruire una risposta più efficiente e completa ai flussi migratori. Con oltre 3 milioni di rifugiati ucraini, la Polonia era in pericolo. Tuttavia, con ottocentomila rifugiati che hanno colpito Varsavia, hanno avuto bisogno di meno di 12 ore per mettere a punto un piano per la gestione della crisi che funzionasse. Pur disponendo di risorse minime o assenti e dipendendo dal sostegno di varie organizzazioni, società civile e ONG, si sono concentrati sull’integrazione e sul mercato del lavoro sin dall’inizio. ” Più della metà dei rifugiati adulti, principalmente donne, è riuscita a trovare un lavoro in città in quattro mesi”, ha affermato Tomasz Pactwa, Direttore del Dipartimento Progetti e Affari Sociali della città di Varsavia.

Gli atteggiamenti pubblici sono stati un altro elemento vitale che hanno affrontato per prevenire la propaganda negativa sui rifugiati. Dopo aver condotto un’indagine, hanno identificato ciò di cui le persone hanno paura e affrontato paure, come il sovraffollamento in città o il tasso di criminalità nelle loro campagne di comunicazione. Ha dato i suoi frutti quando la narrativa è cambiata e la solidarietà ha prevalso.

STRUMENTO PER I POPULISTI
Non tutte le città hanno storie positive da raccontare. Il Libano è il Paese con il maggior numero di rifugiati pro capite. Hanno dovuto affrontare una delle peggiori crisi economiche e finanziarie degli ultimi 150 anni, con la maggior parte dei residenti che sono caduti sotto la soglia di povertà e hanno un accesso limitato ai mezzi di sussistenza. I rifugiati nel Paese non sono un problema da risolvere ma piuttosto uno strumento per le élite politiche per ottenere voci populiste e diffondere idee sbagliate. ” È presente un allarmante aumento di discriminazioni, molestie e violenze contro i rifugiati “, ha sottolineato Fatima A. Ibrahim, Direttore Esecutivo del progetto Refugees=Partners (Libano e Siria)

CAMBIARE LA PERCEZIONE DELLA MIGRAZIONE
Dall’altra, Gaziantep, al confine con la Siria, ospita mezzo milione di profughi; un quinto della popolazione della città sono nuovi arrivati. Dal 2015 hanno adattato i loro servizi alla situazione stabilendo principi locali sulla risposta dei rifugiati che non lasciano indietro nessuno e includono una pianificazione sensibile ai conflitti. Hanno aperto un dipartimento di gestione della migrazione, un centro di ricerca sociale, unità sanitarie, centri comunitari, centri artistici e professionali, un centro di solidarietà e responsabilizzazione delle donne, un centro di riabilitazione e aiuti umanitari. “ A Gaziantep crediamo che la migrazione non sia un problema da risolvere, ma una realtà da gestire”, ha spiegato saggiamente Önder Yalçın, Direttore del dipartimento migrazioni per la città di Gaziantep (Turchia).

IMPARARE L’UNO DALL’ALTRO
L’inclusione avviene a livello locale e rappresenta un’enorme sfida per le comunità locali che mancano di capacità, conoscenze e risorse finanziarie. ” Questo è il motivo per cui abbiamo iniziato con il progetto EU IncluCities, per consentire un vivido scambio di buone pratiche tra città mentori e mentee per migliorare l’inclusione locale”, ha osservato Maria Grazia Montella, responsabile migrazione del CCRE. La risposta delle parti interessate sul campo, delle città, delle loro reti di supporto e delle associazioni LRG è sorprendentemente buona. In due anni e mezzo le città hanno già avviato un processo di cambiamento: una replica del progetto belga #Amicidirifugiati nella cittadina siciliana di Capaci, un organismo di consulenza per i migranti alla città per costruire insieme a loro politiche nella Levadia greca, e una creazione di una casa delle donne a Saint Jean de la Ruelle in Francia per stabilire l’integrazione dei rifugiati con un approccio sensibile al genere. In risposta alla crisi dei rifugiati ucraini, avendo solo pochi rifugiati e ricevendo improvvisamente oltre un migliaio di rifugiati, Jelgava è riuscita a creare da zero un centro operativo di informazione e accoglienza per i nuovi arrivati.

Ogni città ha dinamiche e strutture diverse, ma i fondamenti per affrontare la migrazione attraverso una lente di inclusione e rispetto dei diritti umani sono stati il ​​fulcro di una gestione di successo a livello locale. E quando le cose funzionano bene, dovremmo assicurarci che vengano replicate o utilizzate come ispirazione in altri contesti locali.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Le città e i paesi europei stanno facilitando l’accesso ai professionisti della salute mentale e al supporto psicologico per gli sfollati ucraini, oltre a misure pratiche relative all’istruzione e all’alloggio. Lo scrive il sito del CEMR in un approfondimento della situazione in Ucraina.

Mentre la guerra si avvicina al suo settimo mese, scrive il CEMR, attivisti per i rifugiati ed esperti di salute mentale hanno anche avvertito che il bilancio della salute mentale su coloro che sono fuggiti dal paese non deve essere trascurato.

Secondo gli esperti, informa il CEMR, l’improvviso spostamento causato dal conflitto ha aumentato la prevalenza di condizioni di salute mentale, tra cui disturbo da stress post-traumatico, depressione e ansia.

Ad aprile, la Commissione europea ha mobilitato 9 milioni di euro dal programma EU4Health per aiutare la Croce Rossa e altre ONG a offrire supporto per la salute mentale e i traumi ai rifugiati ucraini.

“È importante vedere la situazione degli sfollati in modo olistico, compreso il bisogno di supporto per la salute mentale”, hanno detto a EURACTIV funzionari della Commissione.

Secondo i funzionari, quattordici paesi dell’UE offrono attualmente servizi di salute mentale e supporto psicosociale ai cittadini ucraini.

Tuttavia, mentre “i nostri governi e le organizzazioni internazionali offrono molte soluzioni, alcuni problemi non possono essere risolti con un approccio dall’alto”, ha affermato Maria Trybus, una giovane attivista del Consiglio polacco della gioventù.

Secondo lei, le città e la società civile possono aiutare i rifugiati “creando spazi sicuri dove poter parlare dei loro bisogni, delle loro preoccupazioni”.

Trybus ha co-fondato “You Have A Friend In Me”, una piattaforma online che collega giovani polacchi e ucraini.

L’idea alla base è quella di “creare un sostituto della normalità e una sorta di rete di sicurezza improvvisata”, ha spiegato durante il World Urban Forum di Katowice.

Alcuni comuni europei hanno anche preso l’iniziativa di fornire supporto psicologico ai rifugiati, sebbene le competenze sanitarie generalmente ricadano sul governo nazionale.

Ad esempio, la città di Milano sostiene i rifugiati ucraini ospitati nelle strutture comunali attraverso squadre di assistenza, tra cui psicologi, per affrontare i bisogni primari e il benessere mentale.

“Ciò permette di monitorare la situazione e identificare possibili situazioni di malessere e disagio che richiedono un’assistenza specifica”, ha detto a EURACTIV Lamberto Bertolé, assessore al welfare e salute del comune di Milano.

Inoltre, la città ha organizzato attività con un teatro locale per aiutare gli ucraini a elaborare il trauma causato dalla guerra nel loro paese d’origine. Il comune si avvale di una rete di associazioni per raggiungere quelle ospitate da famiglie.

L’ articolo completo di EurActiv
0

E-News, UCLG, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto il 12 settembre in un comunicato stampa di aver firmato accordi di partenariato quadro con cinque associazioni mondiali di enti locali tra le quali Platforma/Council of European Municipalities and Regions (CEMR), the United Cities e Governi Locali (UCLG) e Città Unite e Governi Locali d’Africa (UCLGA). Sostenuto da 50 milioni di euro dallo strumento NDICI-Global Europe, gli accordi sostengono il ruolo degli enti locali e delle loro associazioni nella formulazione di politiche per promuovere lo sviluppo sostenibile a livello locale, regionale e globale.

I cinque rinnovati accordi di partenariato, che saranno in vigore fino al 31 aprile 2026, riconoscono il contributo dei governi locali e regionali alla progettazione e all’attuazione delle politiche necessarie per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, in particolare per rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuro, resiliente e sostenibile.

Gli accordi formalizzano una serie di interessi e obiettivi comuni e offrono l’opportunità di:

Rafforzare la voce dei governi locali e regionali dell’UE e delle loro associazioni nella politica di sviluppo dell’UE e nelle agende globali;

rafforzare l’impegno dei governi locali e regionali dell’UE e delle loro associazioni nella cooperazione decentrata, concentrandosi sulle priorità dell’UE e sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, in collaborazione con i colleghi dei paesi partner;

Migliorare le pratiche attuali nella cooperazione decentrata, attraverso l’efficienza e l’innovazione;

Sensibilizzare e sviluppare le capacità dei governi locali e regionali e delle loro associazioni come attori della governance e della politica di sviluppo;

Rafforzare la capacità delle associazioni degli enti locali di coordinare le voci di tutti i partner, creare sinergie e aggiungere valore come rete, garantendo una buona governance e partenariati sostenibili.

0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 2NO NEW POSTS