E-News, climate change, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


​​​​In occasione del Solutions Day alla COP27, una serie di organizzazioni, tra le quali il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CEMR), il Comitato Europeo delle Regioni, l’ICLEI, le Città e Governi Locali Uniti (UCLG), EUROCITIES hanno invitato i governi nazionali, le parti e le organizzazioni internazionali a sostenere pienamente le autorità locali e regionali nella realizzazione di un’azione per il clima sul campo.

Lo rende noto il 17 novembre il sito del Comitato europeo delle Regioni.
Le città e le regioni di tutto il mondo stanno assumendo la leadership politica ai colloqui sul clima della COP27 poiché i governi nazionali non riescono a raggiungere alcun accordo significativo
.

Come ribadito nell’ultimo rapporto dell’IPCC, i governi locali e regionali hanno un ruolo crescente nell’attuazione dell’azione per il clima. Tuttavia, i governi subnazionali – unificati sotto la circoscrizione dei governi locali e delle autorità municipali (LGMA) alle Nazioni Unite – mancano ancora di un ruolo formale nei negoziati sul clima globale e nell’attuazione dell’accordo di Parigi.

Rafforzare la cooperazione multilivello, i fondi diretti e l’assistenza tecnica per i governi subnazionali e un sistema globale per raccogliere e monitorare le riduzioni delle emissioni di carbonio delle città e delle regioni sono tra le rivendicazioni chiave per le quali i governi subnazionali si stanno battendo alla COP27.

Stefano Bonaccini, Presidente del CEMR e dell’Emilia-Romagna, ha dichiarato:
“L’attuazione dell’Accordo di Parigi è in ritardo ed è fondamentale agire ora per raggiungere gli obiettivi a tutti i livelli di governo: mitigazione, adattamento, transizione energetica e salvaguardia della biodiversità. Per fare questo servono risorse adeguate, un sostegno quadro normativo e di governance, localizzazione e territorializzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile, cooperazione decentrata e scambio di esperienze tra comuni e regioni di tutto il mondo: si tratta di una sfida globale che può essere affrontata al meglio se agiamo tutti a livello locale e in modo responsabile, inclusivo, equo modo equo e collaborativo.”​

Contributo alla LGMA COP28 Roadmap: Dichiarazione “EU Green Deal: from local to global”.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Alla conferenza COP27 delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che inizierà questo fine settimana a Sharm el-Sheikh, in Egitto, la Commissione europea afferma attraverso un comunicato stampa del 4 novembre che inviterà tutte le parti ad adottare misure urgenti per ridurre le emissioni di gas serra e rispettare gli impegni assunti nell’ambito dell’accordo di Parigi e del Glasgow Climate Patto adottato lo scorso anno alla COP26.

Alla COP27, il team negoziale della Commissione spingerà affinché “l’attuazione degli impegni esistenti passi da parole ambiziose ad azioni concrete, anche attraverso l’adozione di un programma di lavoro sulla mitigazione per aumentare urgentemente l’ambizione e l’attuazione della mitigazione in questo decennio critico”.

Per quanto riguarda l’ adattamento ai cambiamenti climatici, l’UE si impegna a realizzare chiari progressi verso l’obiettivo globale sull’adattamento (GGA). Le soluzioni basate sulla natura, come evidenziato nel Glasgow Climate Pact dello scorso anno, svolgono un ruolo cruciale nel consentire l’adattamento ai cambiamenti climatici e preservare la biodiversità, che sarà anche un argomento chiave alla COP15 sulla biodiversità entro la fine dell’anno.

Sul tema della perdita e del danno, l’UE cercherà soluzioni efficaci per soddisfare le diverse esigenze dei paesi vulnerabili di tutto il mondo che devono far fronte agli effetti dei cambiamenti climatici.

L’UE sostiene un punto dell’agenda ufficiale sull’evitare, ridurre al minimo e affrontare perdite e danni per consentire alle parti di discutere il modo migliore da seguire per facilitare un rapido accesso ai finanziamenti e aumentare il sostegno ai paesi e alle comunità vulnerabili. Lavoreremo con i paesi sviluppati per garantire che raddoppino i finanziamenti per l’adattamento entro il 2025 rispetto ai livelli del 2019 e che aumentino i contributi finanziari per il clima per raggiungere l’obiettivo annuale di 100 miliardi di dollari a cui l’UE ha contribuito con 23,04 miliardi di euro nel 2021: una cifra costante e di gran lunga il contributo maggiore.

Nel corso della conferenza, la Commissione ospiterà oltre 125 eventi collaterali presso il padiglione dell’UE a Sharm el-Sheikh e online. Questi eventi affronteranno un’ampia gamma di questioni legate al clima, come la protezione della biodiversità e il ripristino della natura, la sicurezza energetica e la transizione verde, la finanza sostenibile, la sicurezza alimentare e idrica, la ricerca e l’innovazione. Dato che la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico si rafforzano a vicenda, vari eventi metteranno in evidenza anche il legame tra la COP27 e la prossima COP15 dedicata alla biodiversità
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha proposto il 26 ottobre norme più severe sugli inquinanti atmosferici, superficiali e sotterranei e sul trattamento delle acque reflue urbane. Aria e acqua pulite sono essenziali per la salute delle persone e degli ecosistemi. Lorende noto un comunicato stampa della Commissione.

Il solo inquinamento atmosferico significa che quasi 300.000 europei muoiono prematuramente ogni anno e le nuove norme proposte ridurranno i decessi dovuti ai livelli del principale inquinante PM 2,5 superiori alle linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità di oltre il 75% in dieci anni.

In aria e in acqua, tutte le nuove regole forniscono un chiaro ritorno sull’investimento grazie ai benefici per la salute, il risparmio energetico, la produzione alimentare, l’industria e la biodiversità.

Apprendendo le lezioni dalle leggi vigenti, la Commissione propone sia di inasprire i livelli consentiti di inquinanti sia di migliorarne l’attuazione per garantire che gli obiettivi di riduzione dell’inquinamento siano raggiunti più spesso nella pratica.

Le proposte rappresentano un progresso fondamentale per l’ ambizione di inquinamento zero del Green Deal europeo di avere un ambiente privo di inquinamento nocivo entro il 2050. Rispondono inoltre alle richieste specifiche della Conferenza sul futuro dell’Europa.

APPROFONDIMENTI

Scheda informativa sugli inquinanti delle acque superficiali e sotterranee

Proposte di revisione dell’elenco degli inquinanti delle acque sotterranee e superficiali

Domande e risposte sulla revisione della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane

Scheda informativa sulla revisione della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane

Proposta di revisione della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane

Domande e risposte sulla revisione della legislazione dell’UE sulla qualità dell’aria ambiente

Scheda informativa sulla revisione della legislazione dell’UE sulla qualità dell’aria ambiente

Proposta di revisione della legislazione sulla qualità dell’aria

Scheda informativa sul Green Deal europeo – Politiche per il miglioramento della qualità dell’aria
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito di Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea, rende noto che nel 2021 la spesa dell’UE per la protezione ambientale è stata di 292 miliardi di euro. Aumentando in media di oltre il 3% ogni anno, la spesa per la protezione dell’ambiente è aumentata del 54% dal 2006. “Questa spesa include investimenti e consumi”.

In percentuale del prodotto interno lordo (PIL), la spesa per la protezione dell’ambiente è rimasta relativamente stabile negli ultimi 15 anni a circa il 2,0% del PIL.

Queste informazioni provengono dai dati sui conti di spesa per la protezione ambientale pubblicati il 10 giugno da Eurostat. L’articolo presenta alcuni risultati del più dettagliato articolo Statistics Explained.Seguendo la tendenza degli anni precedenti, la spesa delle imprese è stata la quota maggiore della spesa per la protezione ambientale, rappresentando il 55% del totale nel 2021. La quota di spesa delle amministrazioni pubbliche e del settore non profit è stata del 24%, mentre le famiglie la quota era del 21% del totale di quell’anno.

Rispetto al 2006, tutti e tre i settori istituzionali hanno registrato incrementi di spesa: il 62% per le imprese, il 41% per le amministrazioni pubbliche e il settore non profit e il 52% per le famiglie.

Eurostat stima che, nel 2021, la gestione dei rifiuti e il trattamento delle acque reflue hanno rappresentato il 28% e il 23% della spesa totale nelle amministrazioni pubbliche e nel settore non profit.

I dati mostrano che il 24% della spesa totale è andato alla ricerca e sviluppo ambientale e ad altre attività di protezione ambientale, compresa l’amministrazione e l’istruzione ambientale generale, il 13% alla protezione della biodiversità e del paesaggio e il restante 11% alla protezione dell’aria, del suolo e delle acque sotterranee, riduzione del rumore e protezione contro le radiazioni.

Per quanto riguarda le società, le acque reflue e la gestione dei rifiuti hanno rappresentato rispettivamente il 27% e il 56% della loro spesa nel 2021. La protezione dell’aria ambiente e del clima rappresentava il 7% del totale. Il restante 10% è stato destinato alla protezione del suolo e delle acque sotterranee, alla biodiversità, alla riduzione del rumore, alla protezione dalle radiazioni e alla ricerca e sviluppo ambientale.

Nel 2021, gli investimenti dell’UE in beni essenziali per fornire servizi di protezione ambientale sono stati pari a 59 miliardi di euro, 5 miliardi di euro in più rispetto al 2020. Tali servizi includevano impianti di trattamento delle acque reflue, veicoli per il trasporto dei rifiuti e acquisizioni di terreni per creare una riserva naturale o un depuratore attrezzature per la produzione con meno emissioni inquinanti.

Per maggiori informazioni:

Statistiche Articolo esplicativo sui conti di spesa per la protezione dell’ambiente.

Sezione dedicata all’ambiente.

Banca dati sulla spesa per la protezione dell’ambiente.

Strumento di visualizzazione interattiva del Green Deal europeo.
Green Deal europeo
0

E-News, cplre, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa ha partecipato all’evento “Gli enti locali e regionali nell’Europa post-crisi: prospettive per un futuro sostenibile e resiliente”, organizzato dall’Iniziativa Centro Europea (CEI), a Sofia, Bulgaria, il 7-8 giugno.

Lo rende noto il servizio stampa del Congresso.

Il presidente del Congresso del Consiglio d’Europa e sindaco della città di Sindelfingen, Bernd Vöhringer, ha evidenziato le minacce che tendono a mettere in ombra l’urgenza dell’azione contro il cambiamento climatico e per la biodiversità: guerra in Ucraina, conseguenze della crisi del Covid-19, polarizzazione delle società. “La protezione dell’ambiente è una questione centrale a tutti i livelli di governance. Tuttavia, sono gli enti locali e regionali ad essere attori chiave nell’attuazione delle misure e nell’applicazione delle leggi”, ha affermato chiedendo che gli enti locali ricevano le competenze necessarie e siano inclusi nel processo legislativo attraverso una consultazione strutturata e regolare con il governo.

A questo proposito, il Segretario Generale del Congresso del Consiglio d’Europa, Andreas Kiefer, che ha partecipato all’evento, ha sottolineato l’importanza di creare reti per rafforzare la governance multilivello e ha proposto di organizzare riunioni di coordinamento dei paesi CEI membri del Congresso nel quadro delle sessioni del Congresso. Sottolinea l’importanza di integrare la dimensione locale nell’assetto istituzionale della CEI a complemento delle strutture governative e parlamentari. “Si tratta di un chiaro impegno a rafforzare la governance multilivello nella regione”, ha sottolineato Andreas Kiefer.

Il Congresso sta attualmente preparando una bozza di relazione per proporre una “lettura verde” della Carta europea delle autonomie locali e per rafforzare la posizione degli enti locali e regionali nei confronti degli enti statali nel processo decisionale in materia ambientale. Il rapporto, insieme a un Manuale sui diritti umani contenente le buone pratiche, dovrebbe essere presentato al 43° Congresso nell’ottobre 2022.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha annunciato il 4 maggio i cinque progetti selezionati per il bando da 25 milioni di euro per lo sviluppo di “dimostratori di fari “ del New European Bauhaus (NEB). La Commissione sta attualmente negoziando convenzioni di sovvenzione con i beneficiari selezionati. Lo rende noto un comunicato stampa di Bruxelles.

I progetti creeranno spazi più sostenibili, inclusivi e belli in località dell’UE e coinvolgeranno i cittadini nella transizione verde a livello locale.

I cinque progetti selezionati riceveranno un finanziamento di circa 5 milioni di euro ciascuno per attuare i loro piani in 11 Stati membri tra i quali l’Italia, nonché in Norvegia e Turchia . Tratteranno argomenti come il rinnovamento degli edifici, la circolarità, le arti, il patrimonio culturale, l’istruzione, le città intelligenti, la rigenerazione urbana e rurale e altro ancora. I progetti sono:

CULTUURCAMPUS (Cultuurcampus: un hub sostenibile di arti, ricerca, apprendimento e comunità come catalizzatore): attraverso la fusione di istruzione, ricerca, politica e cultura e considerando le esperienze vissute dei suoi residenti, Cultuurcampus mira a trasformare l’area urbana svantaggiata di Rotterdam sud (NL). Il Cultuurcampus sarà in un edificio storico e fungerà da hub per diversi gruppi e attività.

NEB-STAR (New European Bauhaus STAvangeR): NEB-STAR mostrerà come i piani di trasformazione territoriale possono incorporare i principi e i valori del NEB a Stavanger (NO), Praga (CZ) e Utrecht (NL). Il progetto affronterà quattro sfide emblematiche legate alle città a impatto climatico zero, tutte tenendo conto delle esigenze e delle preoccupazioni locali attraverso la co-creazione con i residenti e le parti interessate.

NEBhourhoods (NEBhourhoods): NEBhourhoods prepara Monaco-Neuperlach (DE) per il futuro come tracciato dal Green Deal europeo per quanto riguarda l’ambiente costruito, la circolarità, la mobilità, l’energia, il cibo e la salute. Il progetto si baserà sui punti di forza dell’area – senso di comunità, vaste aree verdi, alloggi su larga scala, anche se necessitano di ristrutturazione – e affronterà i suoi punti deboli – una disoccupazione superiore alla media e livelli di istruzione inferiori alla media.

DESIRE (Designing the Irresistible Circular Society ): il progetto vuole affrontare le grandi sfide che le società e le città devono affrontare: il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità e le sfide delle risorse. Basato su tre temi principali di inclusività, circolarità e riconciliazione delle città con la natura, il progetto utilizzerà arte, architettura e design per esplorare modi alternativi di trasformare i territori in diverse città europee (DK, NL, SI, IT, LV).

EHHUR (EYES HEARTS HANDS Urban Revolution): il progetto supporta le città e i residenti vulnerabili nella trasformazione del loro ambiente costruito. Distribuito in sette diverse località dell’UE e dei paesi associati (DK, EL, BE, PT, TR, HR, IT), cercherà di affrontare le sfide socioeconomiche e culturali come la segregazione sociale, la povertà energetica e il degrado degli spopolati centri storici.

I progetti contribuiranno con idee e soluzioni innovative entro due anni, contribuendo a indicare la strada da seguire per altre azioni NEB. Poiché sono diffusi in tutta Europa, i progetti forniranno una varietà di risultati che possono essere adattati e replicati in attività e dimostrazioni simili in Europa e oltre, contribuendo a ispirare progetti futuri.

I progetti contribuiranno anche alle missioni dell’UE. Le missioni hanno molto in comune con la NEB, con entrambe le iniziative volte ad affrontare le principali sfide in materia di salute, clima e ambiente attraverso un più stretto coinvolgimento con i cittadini e sfruttando il potere della ricerca e dell’innovazione.

Un altro progetto, l’azione di coordinamento e supporto CRAFT (CReating Actionable FuTures), sosterrà tutti e cinque i progetti selezionati, nonché i futuri progetti del faro NEB, con un finanziamento di 2 milioni di euro. CRAFT testerà modelli locali collaborativi per le trasformazioni NEB in tre ‘città sandbox’ (Amsterdam, Bologna e Praga) e guiderà le 100 città selezionate nell’ambito della missione ‘Climate Neutral and Smart Cities’ .

Approfondisci

Nuovo sito web europeo del Bauhaus

Sito web delle missioni dell’UE

0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Secondo il Parlamento europeo, L’UE dovrebbe adottare un patto per le isole che promuova i partenariati tra le isole europee e aiuti a soddisfare le loro esigenze specifiche.

I parlamentari europei della commissione per lo sviluppo regionale hanno sottolineato che le regioni insulari sono relativamente meno avanzate rispetto alle regioni continentali e spesso soffrono di molte sfide di sviluppo, come il piccolo mercato, la topografia difficile, la dipendenza dal trasporto marittimo e aereo e anche da un numero limitato di prodotti . Secondo il PE “sono necessari fondi aggiuntivi e norme più flessibili sugli aiuti di Stato per aiutare le isole dell’UE a superare queste sfide”.

Il Parlamento europeo esorta la Commissione europea a presentare un programma specifico dell’UE e un patto per le isole che promuova la crescita, la vivibilità, l’innovazione, il turismo, la biodiversità e colmi il divario economico tra le zone interne e le regioni costiere.

Il PE nota inoltre che le isole sono in prima linea nel cambiamento climatico con l’innalzamento del livello dell’acqua, la desertificazione e la proliferazione di disastri naturali, sostenendo un sostegno specifico che aumenterebbe la resilienza delle isole ai cambiamenti climatici e compenserebbe l’impatto sociale del Green Deal.

Le identità culturali e linguistiche delle isole dell’UE debbano essere preservate e promosse e invitano la Commissione a fare del 2024 l’Anno europeo delle isole.

Le regioni insulari dell’UE hanno una popolazione di oltre 20 milioni, che rappresenta il 4,6% della popolazione totale dell’UE, e sono distribuite su circa 2.400 isole appartenenti a 13 paesi dell’UE.

0