E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Le diverse crisi, i conflitti e l’emergenza climatica aumentano le vulnerabilità alla tratta di esseri umani e diversificano i rischi di tratta, motivo per cui i governi e le altre parti coinvolte devono dedicare l’attenzione e le risorse adeguate alla lotta contro tale fenomeno. Questo è il messaggio veicolato del Gruppo di coordinamento interagenzia contro la tratta di esseri umani (ICAT) in una dichiarazione pubblicata in vista della Giornata mondiale contro la tratta di esseri umani e sostenuto dal Gruppo di esperti del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani (GRETA).

La dichiarazione dell’ICAT sottolinea che le risposte alla tratta di esseri umani accusano un ritardo notevole, nonostante le stime mondiali suggeriscano un aumento del numero totale di persone, in particolare minori, in diverse situazioni di sfruttamento. Ciò significa che un numero crescente di vittime della tratta e di persone a rischio è lasciato indietro, senza accesso all’assistenza, alla giustizia e a vie di ricorso.

“Queste preoccupazioni vengono regolarmente sollevate nei rapporti del GRETA che sottolineano il basso tasso di azioni penali e condanne per tratta di esseri umani, la mancanza di accesso effettivo al risarcimento per le vittime della tratta, nonché le sfide poste dal crescente utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione”, ha dichiarato la Presidente del GRETA Helga Gayer, chiedendo ai 48 Stati contraenti della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani di mantenere la loro attenzione su tali questioni e di rafforzare le risorse per sconfiggere questa piaga.

Il GRETA ha recentemente lanciato il quarto ciclo di valutazione della Convenzione del Consiglio d’Europa contro la tratta di esseri umani, ponendo l’accento sulle vulnerabilità alla tratta, in particolare l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, che comportano dei cambiamenti strutturali nel modo in cui i criminali operano e aggravano le vulnerabilità esistenti.
0