E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C/2023/383 del 20 ottobre è pubblicata la Relazione annuale sull’attuazione della strategia dell’Unione europea contro la proliferazione delle armi di distruzione di massa (2022)

Nel 2022 il regime internazionale di non proliferazione e disarmo è stato sottoposto a una pressione sempre maggiore, scrive la relazione. Nel momento in cui i consessi multilaterali hanno iniziato a riunirsi di nuovo regolarmente dopo due anni di perturbazioni causate dalla pandemia di COVID-19, la guerra di aggressione illegale avviata dalla Russia nei confronti dell’Ucraina, che costituisce una grave violazione del diritto internazionale e dei principi della Carta delle Nazioni Unite, ha ulteriormente ridotto la fiducia tra gli attori e ha avuto un impatto diretto e grave su tutti gli strumenti e i meccanismi. Diffondendo disinformazione, alzando i toni della sua retorica aggressiva, bloccando il consenso o facendo marcia indietro rispetto agli impegni in materia di attuazione degli strumenti esistenti, a seconda dei casi, nel corso del 2022 la Russia ha contribuito notevolmente a erodere il sistema internazionale di non proliferazione e disarmo, che si trova così ad affrontare le sfide più consistenti degli ultimi decenni.

Di fronte a questa situazione complessa e impegnativa, continua Bruxelles, l’UE ha continuato ad applicare i principi guida stabiliti nei documenti strategici esistenti, quali la strategia globale per la politica estera e di sicurezza dell’UE, la strategia dell’UE contro la proliferazione delle armi di distruzione di massa.

SCARICA LA RELAZIONE COMPLETA IN ITALIANO (PDF)
0