E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo (PE) afferma che i camion e gli autobus a emissioni zero potrebbero essere più lunghi e più pesanti per ridurre il numero di viaggi effettuati e per aiutare la transizione climatica.

Il 14 febbraio gli eurodeputati della commissione Trasporti e Turismo hanno adottato la loro posizione sulla revisione delle norme su pesi e dimensioni del trasporto che modifica i limiti di peso e dimensioni applicati ai camion e agli autobus coinvolti nel trasporto stradale internazionale.

I deputati europei vogliono aumentare di quattro tonnellate il peso massimo e la lunghezza dei camion a emissioni zero, per compensare lo spazio e il peso necessari per ospitare batterie o celle a idrogeno e per fornire ulteriore capacità di carico. Questo aggiornamento potrebbe, secondo loro, fungere da incentivo per il settore dei trasporti a passare a veicoli più puliti, poiché la capacità di carico aggiuntiva renderà i camion e gli autobus a zero emissioni più competitivi rispetto alle loro alternative convenzionali. I deputati affermano inoltre che l’installazione di tecnologie a emissioni zero non dovrebbe avvenire a discapito dello spazio sufficiente nell’abitacolo né ridurre il comfort del conducente.

A determinate condizioni, i paesi dell’UE possono ancora consentire la circolazione di mega camion, che sono più lunghi e più pesanti rispetto ai limiti dell’UE. Nel caso in cui gli Stati membri vogliano aggiungere nuove strade sulle quali sono ammessi i mega camion, dovrebbero effettuare una valutazione preventiva dell’impatto di ciò sulla sicurezza stradale, sulle infrastrutture, sulla cooperazione modale e sull’ambiente.

Per migliorare la sicurezza stradale e aiutare gli utenti della strada a identificare i mega camion o altri veicoli di grandi dimensioni, ad esempio prima di sorpassare, i deputati suggeriscono la creazione di un’etichetta UE sulla lunghezza di tali veicoli. Inoltre, la Commissione dovrebbe creare un portale web con informazioni sui limiti di peso e lunghezza applicabili in ciascun paese dell’UE e su quali strade sono designate per i mega camion.

La commissione del PE vuole anche vedere un’applicazione più rigorosa delle norme UE, suggerendo che i paesi dell’UE istituiscano sistemi di controllo automatico lungo le principali strade dell’UE per verificare se camion e autobus rispettano i limiti di peso e dimensione. I deputati europei vogliono anche vedere l’uso di strumenti di applicazione digitale, come la politica di accesso intelligente, che potrebbe garantire che il veicolo giusto con il carico giusto, operi sulla strada giusta e al momento giusto, per garantire un impatto minimo sull’ambiente, infrastrutture, salute umana e sicurezza.

Questo progetto di posizione sarà ora votato da tutti i deputati europei in una prossima sessione plenaria, possibilmente a marzo. Il dossier sarà seguito dal nuovo Parlamento dopo le elezioni europee del 6-9 giugno.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea informa in un comunicato stampa di aver accolto con favore l’accordo politico provvisorio raggiunto ieri tra il Parlamento europeo e il Consiglio dell’UE sulla proposta della Commissione di revisione della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane. Questa direttiva, scrive Bruxelles, riveduta rafforzerà sostanzialmente la protezione della salute umana e dell’ambiente dagli scarichi nocivi delle acque reflue urbane. “Porterà anche a fiumi, laghi, acque sotterranee e mari più puliti in tutta Europa”.

Con le nuove misure in atto, più nutrienti verranno rimossi dalle acque reflue urbane e nuovi standard verranno applicati ai microinquinanti. La direttiva si applicherà ora a un numero più ampio di aree poiché riguarderà anche gli agglomerati più piccoli a partire da 1.000 abitanti.

Seguendo il principio “chi inquina paga” , la nuova legge garantirà che i costi di questa protezione saranno parzialmente coperti dall’industria responsabile, piuttosto che dalle tariffe idriche o dal bilancio pubblico. Inoltre, guiderà il settore delle acque reflue verso la neutralità energetica e climatica. Migliorerà inoltre la gestione delle acque piovane, che diventerà sempre più importante in vista dell’aumento degli eventi di forti precipitazioni dovuti ai cambiamenti climatici.

Infine, garantirà l’accesso ai servizi igienico-sanitari negli spazi pubblici ai due milioni di persone più vulnerabili ed emarginate nell’UE. Ciò è in linea con i requisiti stabiliti dalla direttiva riveduta sull’acqua potabile recentemente adottata , che richiede l’accesso all’acqua per tutti.

0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Settimana verde dell’UE 2024, la principale conferenza ambientale del continente sarà organizzata a Bruxelles dal 29 al 30 maggio.

Di fronte alle ricorrenti crisi legate all’acqua, questa edizione della conferenza annuale discuterà di ciò che è necessario per rendere l’UE più resiliente all’acqua, sia oggi che domani.

Lo scrive il sito della DG Ambiente della Commissione europea.

L’acqua è una risorsa condivisa vitale da tramandare di generazione in generazione e uno degli elementi essenziali per le persone, l’ambiente e un’economia giusta, sostenibile e resiliente.

Negli ultimi anni, i cittadini di diverse parti del continente hanno dovuto affrontare un’ondata di disastri naturali, come siccità e inondazioni, che hanno reso le sfide idriche dell’UE ancora più gravi e innescato una nuova consapevolezza sulla necessità di garantire un’Europa resiliente all’acqua.

Le pressioni sulle risorse idriche non sono dovute solo agli impatti del cambiamento climatico, ma soprattutto a decenni di cattiva gestione strutturale di questa preziosa risorsa, all’inquinamento e al degrado degli ecosistemi. Ma la resilienza idrica non è una sfida solo per l’UE. In tutto il mondo, il ciclo dell’acqua è fuori equilibrio, strettamente intrecciato con il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità, che si aggravano ulteriormente a vicenda.

La Settimana Verde contribuirà ad avviare un ampio dibattito sull’acqua a livello sociale, rendendo le persone più consapevoli delle sfide e degli immensi vantaggi che si ottengono nel rafforzare la nostra resilienza idrica con soluzioni concrete.




cooperazione internazionale in materia di acqua.

tramite il sito web della Settimana verde.


consulta le linee guida e inizia a preparare il tuo evento. Il periodo per presentare domanda sarà aperto dal 4 al 17 marzo.

visitare qui .
0

E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha pubblicato il 15 gennaio la sua relazione di sintesi 2023 sull’attuazione dei fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE), che illustra alcuni dei risultati generali ottenuti dai fondi SIE allo stato della situazione alla fine del 2022. Questi fondi rappresentano i principali strumenti finanziari strumenti della Politica di Coesione, a sostegno degli investimenti per lo sviluppo regionale del periodo di programmazione 2014 – 2020.

Il Rapporto mostra l’ampia gamma di sostegno disponibile attraverso i diversi programmi per il periodo 2014-2020 e il loro impatto diretto e positivo sulle regioni, sulle imprese e, soprattutto, sulle persone, che sono al centro dei fondi SIE. Mostra anche la flessibilità e l’adattabilità del quadro, per fornire soluzioni agli effetti della pandemia di COVID-19, alla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina e alla conseguente crisi energetica.

Pur concentrandosi sulla convergenza e sulla competitività a lungo termine, la solidarietà è sempre stata al centro dei fondi SIE. Hanno aiutato gli Stati membri a prendersi cura dei rifugiati e a superare gli effetti di disastri climatici naturali senza precedenti, alleviando in definitiva la pressione sui bilanci nazionali.

La relazione presenta i risultati ottenuti dai fondi SIE entro la fine del 2022 , dimostrando che la Commissione ha:

supportato più di 5 milioni di imprese;

ha aiutato 64,5 milioni di persone a trovare lavoro, a promuovere l’inclusione sociale e le competenze attraverso la formazione;

servizi sanitari migliorati per più di 63 milioni di persone;

aumento della capacità di produzione di energia proveniente da fonti energetiche rinnovabili di oltre 6 000 MW (l’equivalente di circa 2 400 turbine eoliche);

migliorato il rendimento energetico di oltre 550 000 famiglie;

protetto 17 milioni di persone dalle inondazioni e 15 milioni di persone dagli incendi boschivi;

sostenuto oltre 2,8 milioni di progetti nel settore agricolo e nelle zone rurali;

ha mantenuto oltre 48 000 posti di lavoro e creato oltre 6 500 nuovi posti di lavoro nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

I fondi SIE sono stati motori stabili degli investimenti nell’UE. Con la loro portata a lungo termine e il loro focus tematico, hanno incanalato le risorse nel rafforzamento della coesione territoriale, economica e sociale delle regioni dell’UE. Hanno continuato ad aiutare le regioni e le imprese a superare le sfide della transizione verde e digitale, aiutando nel contempo i lavoratori a migliorare le competenze e incoraggiando la cooperazione territoriale dell’UE. Hanno mantenuto la loro rotta nel contesto di crisi senza precedenti che vanno dalla pandemia di COVID-19 ai disastri climatici naturali.

Essendo il più grande strumento di investimento del bilancio dell’UE, i fondi SIE sostengono la coesione territoriale, economica e sociale delle regioni europee, nonché la loro resilienza e ripresa dalle molteplici crisi degli ultimi anni. I fondi ESI includono:

il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR);

il Fondo Sociale Europeo (FSE);

il Fondo di Coesione (FC);

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);

il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP).

Lo scopo di questi fondi è investire nella creazione di posti di lavoro e in un’economia e un ambiente europei sostenibili e sani. Gli obiettivi politici perseguiti nell’ambito dei fondi SIE includono:

ricerca e innovazione

tecnologie digitali

sostenere l’economia a basse emissioni di carbonio

gestione sostenibile delle risorse naturali piccole imprese

una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva

occupazione, una migliore istruzione e formazione

rafforzare la capacità istituzionale della pubblica amministrazione

sviluppo urbano e cooperazione territoriale (Interreg).

La relazione annuale di sintesi dei fondi SIE che copre l’attuazione nel periodo 2014-2020 è un requisito ai sensi dell’articolo 53 del regolamento (UE) n. 1303/2013. La relazione di quest’anno presenta l’evoluzione nell’attuazione finanziaria dei fondi SIE del periodo 2014-2020 fino alla fine del 2022.

Maggiori informazioni

Relazione di sintesi 2023 e allegati sull’attuazione dei fondi strutturali e di investimento europei

Piattaforma dati aperti sulla coesione

Scheda informativa: I Fondi strutturali e di investimento europei: sostenute 5 milioni di imprese
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea invita le città europee impegnate nella sostenibilità a candidarsi per l’edizione 2026 della Capitale verde europea e premio Green Leaf.

Gli Awards promuovono e premiano gli sforzi delle città europee per ridurre il loro impatto sull’ambiente locale e globale migliorando la qualità della vita dei loro abitanti. Le città vincitrici riceveranno un premio finanziario e entreranno a far parte della rete in continua crescita delle principali città europee che condividono visione e competenze comuni e ispirano gli altri a seguire le loro orme.

Il Premio Europeo Capitale Verde è aperto alle città con più di 100 000 abitanti. Le città più piccole possono candidarsi per il premio europeo Foglia Verde, aperto a tutte le città con più di 20.000 abitanti.

Il vincitore del Green Capital Award riceverà 600.000 euro e fino a due vincitori della Green Leaf riceveranno 200.000 euro ciascuno. Il premio finanziario contribuisce a sostenere le città vincitrici nell’attuazione di iniziative e misure volte a migliorare le loro prestazioni ambientali. Il premio sostiene inoltre le città nei loro sforzi volti a raggiungere i cittadini, soprattutto durante l’anno della vincita. Inoltre, tutti i candidati riceveranno un feedback personalizzato sulle loro candidature.

Le città interessate sono invitate a registrarsi al concorso tramite il sondaggio dell’UE, per garantire che abbiano accesso ai documenti pertinenti e al modulo di domanda.

Termine per presentare domanda: 30 aprile 2024

Un gruppo di esperti indipendenti di sostenibilità urbana esaminerà e valuterà le prestazioni delle città concorrenti rispetto ai seguenti sette indicatori ambientali: qualità dell’aria; acqua; biodiversità, aree verdi e uso sostenibile del territorio; rifiuti ed economia circolare; rumore; Mitigazione del cambiamento climatico; adattamento al cambiamento climatico.

Sulla base delle raccomandazioni degli esperti e dei controlli concreti, la Commissione seleziona le città finaliste (previsto intorno a giugno/luglio). La giuria chiederà ai finalisti di fornire ulteriori input sulla loro strategia di governance e comunicazione sostenibile. Saranno invitati a presentare la loro visione alla giuria, che poi selezionerà i vincitori (previsto verso ottobre). Ogni anno vengono selezionati un vincitore Green Capital e uno o due Green Leaf.

Maggiori informazioni sul processo e sulle regole

Il Premio Capitale Verde Europea è stato lanciato dalla Commissione Europea per incoraggiare le città a diventare più verdi e pulite e per migliorare la qualità della vita dei suoi abitanti. Con oltre due terzi della popolazione europea che vive nelle città, le città svolgono un ruolo di primo piano nella trasformazione sociale, ambientale ed economica considerata prioritaria dal Green Deal europeo.

Candidarsi qui

Sito web Capitale Verde Europea e Leaf
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea nei giorni scorsi ha adottato tre proposte legislative per:

razionalizzare le valutazioni delle sostanze chimiche nella legislazione dell’UE; rafforzare la base di conoscenze sulle sostanze chimiche; e garantire l’individuazione tempestiva e l’azione sui rischi chimici emergenti. Nell’ambito del pacchetto “una sostanza, una valutazione”, un risultato chiave della strategia sulle sostanze chimiche per la sostenibilità, compiti significativi saranno ridistribuiti tra quattro agenzie dell’UE, garantendo valutazioni di sicurezza coerenti e trasparenti delle sostanze chimiche utilizzate in prodotti quali dispositivi medici, giocattoli, prodotti alimentari , pesticidi e biocidi.

I cittadini, le aziende e le autorità trarranno vantaggio da un accesso semplificato e trasparente alle informazioni sulle sostanze chimiche, da processi più armonizzati e prevedibili in tutta la legislazione e da una maggiore certezza delle valutazioni, scrive la Commissione nel comunicato stampa. Le nuove misure ridurranno il divario tra l’identificazione di un possibile rischio e il necessario intervento normativo. In definitiva, conclude Bruxelles, queste misure porteranno a una protezione migliore e più rapida della salute delle persone e dell’ambiente.

Le proposte mirano a:

Rafforzare la cooperazione e consolidare il lavoro scientifico e tecnico sulle sostanze chimiche nell’Agenzia europea per le sostanze chimiche, nell’Autorità europea per la sicurezza alimentare, nell’Agenzia europea per l’ambiente e nell’Agenzia europea per i medicinali. Le agenzie saranno meglio attrezzate per allineare la definizione delle priorità, le tempistiche, i processi e le metodologie utilizzate per la valutazione delle sostanze chimiche. Inoltre, la conoscenza acquisita dalle valutazioni nell’ambito di un atto legislativo (ad esempio sui biocidi) può essere riutilizzata per un altro (ad esempio sui giocattoli).

Istituire una piattaforma comune di dati e introdurre uno “sportello unico” di accesso ai dati sulle sostanze chimiche detenuti dalle agenzie dell’UE e dalla Commissione, compilati ai sensi della legislazione dell’UE. Ciò include dati su pericoli, proprietà fisico-chimiche, presenza nell’ambiente, emissioni, usi, sostenibilità ambientale delle sostanze chimiche e sui processi normativi in ​​corso. La piattaforma comune di dati incorporerà piattaforme esistenti come la piattaforma informativa sul monitoraggio delle sostanze chimiche (IPCHEM), lo strumento di coordinamento delle attività pubbliche (PACT ) e lo strumento di ricerca della legislazione dell’UE sulle sostanze chimiche (EUCLEF ). Ne amplierà il campo di applicazione a quasi tutta la legislazione dell’UE sulle sostanze chimiche e la integrerà con nuovi strumenti e banche dati, ad esempio con un archivio di valori di riferimento basati sull’uomo e sull’ambiente. Stabilire una raccolta sistematica di dati di biomonitoraggio umano generati nell’UE per informare i responsabili politici sui livelli di sostanze chimiche presenti nelle persone (ad esempio nel sangue o nel latte materno). Ciò aiuterà a stimare meglio il livello di esposizione dei cittadini dell’UE alle sostanze chimiche.

Istituire un quadro di monitoraggio e prospettive per consentire l’individuazione precoce dei rischi chimici, come ad esempio quelli derivanti dai PFAS, con sufficiente anticipo per evitare che l’inquinamento si diffonda. Consentirà inoltre una rapida risposta normativa e monitorerà l’impatto delle azioni normative intraprese sulle sostanze chimiche. Il quadro consisterà, tra gli altri, in un sistema di allarme rapido e di azione e in un quadro di indicatori.

Consentire all’Agenzia europea per le sostanze chimiche di generare dati quando necessario. Garantire la trasparenza degli studi scientifici sulle sostanze chimiche , compresi quelli commissionati dalle aziende.

Le tre proposte saranno ora esaminate dal Parlamento europeo e dal Consiglio secondo la procedura legislativa ordinaria.

Proposta di regolamento che istituisce una piattaforma comune di dati sulle sostanze chimiche

Proposta di regolamento relativo alla riattribuzione dei compiti scientifici e tecnici e al miglioramento della cooperazione tra le agenzie dell’Unione nel settore delle sostanze chimiche

Proposta di direttiva sulla riattribuzione di compiti scientifici e tecnici all’Agenzia europea per le sostanze chimiche
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea informa attraverso un comunicato stampa di aver accolto con favore l’accordo provvisorio raggiunto tra il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione sulla revisione del regolamento sulla classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze chimiche (CLP).

Oltre a migliorare il funzionamento del mercato dell’UE per quanto riguarda i prodotti contenenti sostanze chimiche pericolose, le nuove misure proteggeranno meglio i consumatori, i lavoratori e l’ambiente, assicura la Commissione.

Il testo rivisto accelererà inoltre l’identificazione delle sostanze e miscele pericolose a livello dell’UE. La revisione migliorerà la comunicazione sulle sostanze chimiche pericolose, anche per quelle vendute online. Stabilisce inoltre norme sulla vendita di ricariche e offre maggiore flessibilità su come utilizzare le etichette.

Proposta di revisione del regolamento sulla classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze chimiche (CLP)

Atto delegato che istituisce nuove classi di pericolo
0

E-News, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’UCLG (United Cities and Local Governments) rende noto attraverso il proprio sito di aver collaborato con UITP (l’Associazione internazionale dei trasporti pubblici) e ha fornito informazioni dal punto di vista del collegio elettorale dei governi locali e regionali al suo documento politico recentemente pubblicato su “Percorsi verso uno stile di vita multimodale. Rafforzare il trasporto pubblico con la mobilità attiva e la micromobilità”.

Il documento politico sostiene il trasporto multimodale come una forte alternativa all’uso dell’auto personale, a vantaggio della società e dell’inclusione sociale, dell’economia e dell’ambiente. Inoltre, evidenzia le ragioni per cui la promozione del trasporto pubblico, degli spostamenti a piedi, della bicicletta e dei servizi condivisi amplia le opzioni e incoraggia abitudini sostenibili. Il documento sottolinea che per soddisfare le esigenze quotidiane di mobilità delle comunità, l’integrazione delle varie modalità di trasporto è fondamentale.

Vengono stabiliti collegamenti chiave tra la fornitura di servizi pubblici locali, essenziale per promuovere l’inclusione sociale e la protezione ambientale, e la governance multilivello, necessaria per governare e legiferare sul trasporto pubblico e sui suoi molteplici legami con la società.

SCARICA IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO INTEGRALE (EN)
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 11NO NEW POSTS