E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Belinda Gottardi, Sindaco di Castel Maggiore (Bologna) e portavoce CEMR sul clima ha aderito agli European days of Local Solidarity, evento in programma dal 15 al 30 novembre 2022 in tutta Europa.

Le Giornate europee della solidarietà locale sono state lanciate nel 2016 e sono coordinate da PLATFORMA, con il sostegno finanziario dell’Unione Europea. PLATFORMA è la coalizione europea dei governi locali e regionali e delle loro associazioni attive nella cooperazione allo sviluppo da città a città e da regione a regione, nota come “cooperazione decentrata”. Dalla sua creazione nel 2008, PLATFORMA rappresenta più di 100.000 governi locali e regionali. Tutti sono attori chiave della cooperazione internazionale per lo sviluppo sostenibile.

Blinda Gottardi, per l’occasione, ha registrato un video nel quale sottolinea come a Castel Maggiore “è tradizione collaborare con una rete attiva di cittadini per progettare insieme iniziative, anche quelle rivolte alla sostenibilità ambientale“. Un’altra rete, ha proseguito Gottardi, è quella con le bambine ed i bambini delle nostre scuole. In occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia sarò promosso tra i bambini un decalogo sulla sostenibilità ambientale.

IL VIDEO INTERVENTO DI BELINDA GOTTARDI

EUROPEAN DAYS OF LOCAL SOLIDARITY: L’AGENDA
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il sito di IncluCities presenta le persone chiave dietro il progetto pubblicando una doppia intervista speciale. Vincent Vanhalewyn, assessore responsabile per la coesione sociale a Schaerbeek, e Janaki Decleire, Direttore dell’associazione VIA, un partner fondamentale del progetto, rispondono alle domande sull’integrazione dei migranti e sull’impatto della crisi dei rifugiati ucraini sul comune di Schaerbeek, una città mentore di IncluCities.

Il progetto IncluCities, al quale partecipano AICCRE ed il Comune di Capaci, otto città europee e associazioni dei governi locali stanno unendo le loro forze per migliorare l’integrazione dei migranti. L’iniziativa, gestita dal CCRE/CEMR, mette in coppia una città esperta con un’altra meno esperta per imparare a trovare e diffondere soluzioni locali sostenibili.

PAGINA SITO AICCRE SU INCLUCITIES
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Noi al Congresso siamo convinti che sia essenziale costruire resilienza e inclusività in modo sostenibile. Per raggiungere questo obiettivo, gli enti locali devono essere dotati delle competenze pertinenti, di risorse finanziarie adeguate per svolgere i loro compiti e della necessaria autonomia decisionale”, ha affermato il Vicepresidente del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa Xavier Cadoret, alla 13a sessione plenaria dell’Assemblea regionale e locale euromediterranea (ARLEM), svoltasi nei giorni scorsi a Izmir, in Turchia.

“Solo rafforzando l’autonomia locale attraverso il decentramento del potere e l’equa distribuzione delle risorse tra i diversi livelli di governance possiamo aumentare la resilienza e l’inclusività a livello locale”, ha sottolineato Cadoret.

Affrontando il tema dell’azione per il clima nella regione, il Vicepresidente ha evidenziato il rapporto del Congresso su “Un diritto fondamentale all’ambiente: una questione per gli enti locali e regionali”, adottato nella sua 43a sessione in ottobre, e la proposta di revisione del Congresso della Carta Urbana II .

La vicepresidente del Congresso ha sottolineato che “le sfide affrontate oggi dagli Stati membri del Consiglio d’Europa sono interconnesse con le sfide del Mediterraneo meridionale e la loro complessità richiede un approccio globale”. Il Congresso si impegna a rendere le comunità più resilienti e sostenibile su entrambe le sponde del Mediterraneo, come dimostrano gli scambi tra pari e la condivisione di esperienze tra le autorità territoriali europee e le loro controparti del Marocco e della Tunisia che hanno lo status di Partner per la Democrazia Locale con il Congresso.

0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie

Per incoraggiare lo scambio e il dialogo su migrazione, asilo e integrazione, la società civile e le istituzioni europee si incontrano ogni anno all’European Migration Forum (EMF). Il Forum è co-organizzato e gestito dalla Commissione Europea – DG HOME e dal Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE ). Dal 20 al 21 ottobre 2022 si è svolto a Bruxelles il 7° Forum europeo sulla migrazione su “Inclusione giovanile: la chiave per un’integrazione dei migranti di successo”.

Lo scrive il sito del Progetto IncluCities.

PAGINA SITO AICCRE SUL PROGETTO INCLUCITIES

Il forum ha consentito alla società civile, scrive IncluCities, di esprimere le proprie opinioni, scambiare idee e migliori pratiche e discutere sfide e priorità con i decisori a livello nazionale e dell’UE. Gli organizzatori della FEM selezionano le organizzazioni della società civile attraverso un invito aperto. I partecipanti sono scelti in base alla loro area di lavoro ed esperienza in relazione agli argomenti discussi durante il Forum. Maria Grazia Montella, Responsabile Migrazione e Integrazione del CEMR e Coordinatrice IncluCities, si è unita al Forum.

I due giorni dell’European Migration Forum sono stati ricchi di storie e incontri di giovani che rappresentano le comunità della diaspora, le organizzazioni locali di advocacy e responsabilizzazione di tutta Europa, informa IncluCities. Questa volta, la FEM si è concentrata sull’impatto del lavoro e delle agenzie dei giovani sul tessuto sociale e politico dell’Unione, in linea con l’Anno europeo della gioventù 2022.

Hanno partecipato i principali rappresentanti delle politiche dell’UE in materia di migrazione e inclusione: Ylva Johansson, Commissario europeo per gli affari interni, Christa Swang, presidente del Comitato economico e sociale europeo, rappresentanti del Comitato delle regioni e della presidenza ceca del Consiglio, sindaci e funzionari di tutta Europa.

In particolare, il Commissario Johansson ha evidenziato il ruolo centrale delle comunità locali nel processo di inclusione. I rappresentanti degli enti locali presenti in sala hanno accolto le parole dei Commissari con un grande applauso.

Il CEMR “ha portato la voce degli enti locali e regionali a questo Forum in molti modi, ponendo domande durante la plenaria, incontrando rappresentanti della Commissione europea e partecipando attivamente a seminari che discutono del ruolo dei governi locali in un approccio globale alla l’inclusione dei nuovi arrivati”, sottolinea il sito di IncluCities. Maria Grazia Montella ha sottolineato che i leader locali e i loro team hanno bisogno di un sostegno concreto, come un migliore accesso a informazioni su misura e a fondi specifici. È stata inoltre affrontata la necessità di un’efficace governance multilivello che includa i governi locali nel processo legislativo sia a livello nazionale che dell’UE.

L’ indagine Eurobarometro sui risultati dell’opinione pubblica sull’integrazione degli immigrati nell’Unione europea ha mostrato che più della metà degli europei che hanno risposto allo studio afferma di aver ricevuto informazioni sulla migrazione e l’integrazione attraverso i media tradizionali. Il CEMR ha organizzato un seminario in collaborazione con due organizzazioni guidate da migranti, UNITEE e Kudwa, sull’impatto dei media comunitari sulla costruzione dell’opinione pubblica locale sull’inclusione.

Il CEMR ha condiviso molte storie, dalle esperienze dei funzionari locali ascoltate durante l’ultimo Ritiro nel workshop sull’impatto della crisi dei rifugiati ucraini sulle comunità locali. “Alle testimonianze che abbiamo raccolto durante il progetto IncluCities dalle nostre associazioni nazionali e dalle loro città cercando di cambiare la narrativa sulla migrazione attraverso azioni concrete sul campo”.

0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Negli ultimi anni la vita urbana ha subito una serie di rapide trasformazioni legate al cambiamento climatico accelerato e alla pandemia di Covid-19, all’aggravarsi del divario sociale e all’introduzione di nuove tecnologie. Inoltre, le questioni relative alla democrazia e al coinvolgimento dei cittadini si sono concentrate e nuove modalità di partecipazione politica hanno acquisito importanza, non solo, ma anche nell’ambiente urbano.

Di fronte alle sfide che ciò comporta, il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa propone una revisione della Carta urbana europea II (2008) al fine di sostenere gli enti locali e regionali nella costruzione di società più democratiche, coese, sostenibili e digitali . Nel corso di un dibattito nella seduta della Camera degli enti locali del 26 ottobre 2022, in occasione della 43a Sessione del Congresso, i membri hanno esaminato i diversi aspetti di questo lavoro che riflette anche le priorità del Congresso per il 2021-2026.

Il progetto Urban Charter III mira a offrire soluzioni innovative alle sfide attuali e principi universali di governance etica, futuro equo, sviluppo sostenibile e solidarietà.

Tenendo conto dell’acquis del Congresso, la nuova Carta Urbana riunirà sotto un unico ombrello il lavoro svolto nei diversi comitati, in particolare per promuovere un ambiente salubre, la riduzione delle disuguaglianze sociali, il rafforzamento dell’interazione urbano-rurale come così come città intelligenti e incentrate sull’uomo. Sullo sfondo delle attuali minacce alla democrazia liberale, la Carta Urbana III sottolineerà l’importanza di salvaguardare la democrazia a livello locale migliorando la qualità della democrazia rappresentativa e della partecipazione dei cittadini, in particolare dei giovani, nelle città e nei paesi.

Il progetto di Carta Urbana III sarà presentato per l’adozione al Congresso durante la Sessione di ottobre 2023.
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa sta svolgfendo la sua 43a sessione (25 – 27 ottobre 2022) a Strasburgo.

Il presidente dell’Ucraina, Volodymir Zelensky, il ministro per lo sviluppo delle comunità e dei territori, Oleksiy Chernyshov, e il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, sono stati invitati a parlare il 25 ottobre ai membri del Congresso in un dibattito sulla guerra della Federazione russa all’Ucraina.

Il dibattito ha fatto seguito alle dichiarazioni del Congresso in cui deplorava la perdita di vite umane e la distruzione causate dall’aggressione russa e invitava la Federazione Russa a fermare immediatamente e incondizionatamente la sua guerra in Ucraina.

“Dall’inizio della guerra, migliaia di civili sono stati uccisi e quasi 8 milioni di rifugiati si sono trovati in Europa”, ha affermato il sindaco di Kiev. “Questa guerra non segue alcuna regola del diritto internazionale. I missili russi stanno colpendo le nostre città senza alcun obiettivo militare e prendono di mira le nostre centrali elettriche e le infrastrutture essenziali”, ha spiegato. Ha anche ricordato che più di 50 rappresentanti del governo locale sono stati rapiti dall’inizio della guerra, invitando il Congresso a continuare a sostenere i governi locali ucraini. In qualità di presidente dell’Associazione delle città ucraine, ha parlato della futura ricostruzione, affermando che l’Ucraina è pronta a collaborare con il Consiglio d’Europa e il Congresso nel quadro di un “Piano Marshall”.

“La nostra amministrazione continua a funzionare nonostante i bombardamenti e l’imposizione della legge marziale”, ha affermato il ministro Chernyshov, delineando le esigenze dell’Ucraina per l’emergenza e il piano di ripresa a medio e lungo termine. “Abbiamo gli occhi puntati su questa prospettiva, tenendo presente le riforme necessarie nel quadro di uno Stato di diritto, anche se per il momento l’importante è sopravvivere”, ha aggiunto.

Durante il dibattito, i membri del Congresso hanno ribadito il loro sostegno all’Ucraina e la loro solidarietà con il suo popolo. Hanno sottolineato i mezzi a disposizione degli enti locali e regionali degli Stati membri per intraprendere azioni concrete, come la creazione di partenariati con città e regioni in Ucraina. Questo è l’obiettivo di Cities4cities! piattaforma lanciata, con il sostegno del Congresso, per aiutare le città ucraine. “Come europei, condividiamo gli stessi valori e dobbiamo dimostrare la nostra solidarietà con l’Ucraina, sia politicamente che materialmente”, hanno concluso i membri del Congresso.

All’ordine del giorno anche le relazioni sull’applicazione della Carta Europea delle Autonomie Locali in Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca e Svezia. I membri del Congresso esamineranno i rapporti sull’osservazione delle ultime elezioni suppletive locali a Belgrado e in diversi altri comuni della Serbia, nonché in Albania, e un rapporto sull’osservazione delle elezioni locali nei Paesi Bassi. Inoltre, sarà presentata per l’adozione una bozza di risoluzione di approvazione del Codice riveduto di buone pratiche sui referendum, adottato dalla Commissione di Venezia e dal Consiglio per le elezioni democratiche.

Verrà discussa una relazione su “Un diritto fondamentale all’ambiente: una questione per gli enti locali e regionali” al fine di incoraggiare una lettura ambientale della Carta europea delle autonomie locali e adattare la governance locale alle sfide ambientali. Il rapporto propone la redazione di un Protocollo aggiuntivo alla Carta. In questa occasione, il terzo volume del Manuale sui diritti umani per i rappresentanti eletti locali e regionali per l’ambiente e lo sviluppo sostenibile. I membri prenderanno anche in considerazione per l’adozione rapporti sulle identità regionali, l’impatto dell’incitamento all’odio e delle notizie false sulle condizioni di lavoro dei rappresentanti eletti locali e regionali, sulle città e sulle regioni intelligenti per un approccio di governance basato sui diritti umani, nonché sulla ricezione di donne e bambini rifugiati.

I membri discuteranno anche del futuro del Consiglio d’Europa e del ruolo del Congresso in questo quadro, con il contributo della relatrice dell’Assemblea parlamentare, Fiona O’Loughlin, su “Un quarto vertice per un Consiglio d’Europa rinnovato, migliorato e rafforzato “. Tra gli altri temi della sessione, i dibattiti sulla revisione della Carta urbana europea II – Manifesto per una nuova urbanità nel contesto delle attuali situazioni di crisi e sulle finanze regionali. Inoltre, come in ogni sessione nell’ambito dell’iniziativa “Rejuvenate Politics” del Congresso, i delegati dei giovani parteciperanno ai dibattiti e presenteranno i propri progetti di base.

Tra gli ospiti invitati Peter Burke, Ministro di Stato per la Pianificazione e il Governo Locale, a nome della Presidenza irlandese del Comitato dei Ministri, Vit Rakušen, Primo Vice Primo Ministro e Ministro degli Interni della Repubblica Ceca, Paul Scully, Ministro per Londra e ministro di Stato per il governo locale e la sicurezza degli edifici, Caroline Conroy, sindaco di Dublino, Irlanda, Leyla Kayacik, rappresentante speciale del Segretario generale per la migrazione e i rifugiati, e Veronica Thörnroos, capo del governo delle Isole Åland, regione autonoma di Finlandia.

Durante la sessione, i membri del Congresso eleggeranno il loro Segretario Generale .

Uno dei due candidati per la carica è Antonella Valmorbida

L’AGENDA DEI LAVORI


I DOCUMENTI IN ITALIANO DELLA SESSIONE

IL PROGRAMMA DEGLI INCONTRI SEGUI IL Dibattito con Sindaco di Kiev
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie

Il francese Mathieu Mori (nella foto) è stato eletto il 25 ottobre Segretario Generale del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa per un mandato di cinque anni, in occasione della 43a Sessione del Congresso di Strasburgo.

Rivolgendosi ai membri del Congresso, Mori ha evidenziato l’attuale contesto senza precedenti in Europa, segnato dall’aggressione contro l’Ucraina da parte della Federazione Russa. “L’emergere di un nuovo imperialismo in Europa rappresenta una minaccia esistenziale per l’Ucraina e per ciascuna delle nostre democrazie”, ha affermato, impegnandosi a continuare il dialogo per un’Europa pacifica.

Il nuovo Segretario Generale ha anche ricordato la varietà delle questioni locali e regionali che le società europee devono affrontare, che sono tutte aree di azione del Congresso. “Molti paesi hanno grandi aspettative nei confronti del Congresso e avremo bisogno di un’amministrazione sempre più efficiente per affrontare le sfide storiche che ci attendono”, ha concluso.

Il mandato del nuovo Segretario Generale del Congresso entrerà in vigore nel gennaio 2023.

0

PREVIOUS POSTSPage 4 of 18NEXT POSTS