E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie

Lavoro, crescita, futuro Europa: se ne è discusso all’AICCRE

Futuro dell’Europa, sostenibilità ambientale, lavoro, crescita ed integrazione: sono gli importanti temi che sono stati  discussi il 18 dicembre a Roma, nel corso della direzione e del consiglio nazionale dell’AICCRE,  presso la sede dell’Associazione, in piazza Trevi 86.  




Sandro Gozi
, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha sostenuto  una relazione su “il futuro dell’Europa ed il ruolo dell’Italia”.  Continuano a ridursi le procedure d’infrazione della Unione europea nei confronti dell’Italia. Erano 121 all’inizio del 2014, ora sono scese a 62, ha sottolineato Gozi.  La riduzione delle procedure di infrazione “è da sempre una nostra priorità: la presenza italiana nelle istituzioni europee è notevolmente cresciuta, insieme alla nostra capacità di recepire norme e principi che aiutano l’economia e la convivenza civile”. Dentro l’ Unione europea, ha continuato il sottosegretario,  l’Italia ha una voce sempre più importante e sempre più autorevole ed occorre utilizzare questa voce per dire “no” all’Europa della pura e dei populismi e per dare vita ad una Europa più vicina ai cittadini e ai bisogni delle persone. Importante in questo senso il sostegno di Associazioni di enti locali come l’AICCRE che dal 1952 lotta per una Europa democratica ed accogliente”. 




Gian Luca Galletti
, Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ha parlato di Europa e sostenibilità ambientale”.  

Stefano Bonaccini, Presidente AICCRE e CCRE/CEMR ha affrontato la questione del “Lavoro, crescita sostenibile, integrazione: le tre sfide dell’Europa per battere vecchi e nuovi populismi ed il ritorno dei nazionalismi. Il ruolo del CCRE e dell’AICCRE”.  

Author