E-News, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Dal 16 al 19 novembre 2022, la Città di Barcellona ha ospitato la Conferenza Culturopolis: Giornate Internazionali sui Diritti Culturali. Lo rende noto il sito dell’UCLG (Città Unite e dei Governi Locali).

Per tre giorni e mezzo, la Città è stata teatro di dibattiti internazionali, condivisione di conoscenze e workshop su un’ampia gamma di questioni che ruotano attorno alla questione dei diritti culturali, tra cui lavoro culturale e sostenibilità, diversità, partecipazione e comunità e ambienti digitali.

La conferenza ha riunito partecipanti da ogni angolo del mondo, inclusi operatori culturali e parti interessate, esperti, accademici, attivisti, giornalisti, reti culturali locali e internazionali e leader e decisori locali e regionali. Era aperto gratuitamente a tutti coloro che erano interessati a partecipare. L’incontro è servito come spazio di incontro per riflettere e discutere sui diritti culturali, per pensare a come sono definiti e per immaginare e trovare meccanismi che promuovano e garantiscano il loro rispetto.

L’incontro è stato coorganizzato dal Comune di Barcellona, ​​rappresentato nella cerimonia inaugurale da Ada Colau, Sindaco della città, e Daniel Granados, Delegato per i Diritti Culturali del Comune di Barcellona; Culture Action Europe, rappresentata da Tere Badia , Segretario Generale; e il Comitato per la Cultura delle Città Unite e dei Governi Locali (UCLG), rappresentato da Jordi Pascual , coordinatore del Comitato. L’apertura comprendeva anche un discorso programmatico di Alexandra Xanthaki, relatrice speciale delle Nazioni Unite sui diritti culturali.

Diverse città e governi locali o regionali della commissione per la cultura dell’UCLG hanno preso parte all’evento, comprese le città di Izmir e Malmö fisicamente, e le città di Bogotá , Dakar e Città del Messico virtualmente.

Il programma di Culturopolis ha incluso esperti e partner come Nicolás Barbieri, ricercatore nel campo dei diritti culturali e autore del pezzo UCLG Gold VI su “Il diritto di partecipare alla vita culturale urbana: dalle disuguaglianze all’equità”; Luca Bergamo, già Vice Sindaco e Assessore allo Sviluppo Culturale di Roma e co-autore del Patto UCLG per il Futuro dell’Umanità; John Crowley, consulente e autore della proposta #Culture2030Goal di un obiettivo dedicato alla cultura negli SDGs; Laurence Cuny, avvocato e ricercatore per i diritti umani; Lucina Jiménez, esperta della Commissione Cultura dell’UCLG; Ricardo Klein , Università di Valencia; Paola Leoncini Bartoli, Direttore delle Politiche Culturali e dello Sviluppo dell’UNESCO; Alfons Martinell Sempere, Professore Emerito dell’Università di Girona, Co-Direttore della Cattedra Pau Casals (Musica e difesa della pace e dei diritti umani); e Patrice Meyer-Bisch, Presidente dell’Osservatorio Diversità e Diritti Culturali e vincitore dell’edizione 2018 del Premio Internazionale UCLG – Città del Messico – Cultura 21.

L’evento ha previsto anche un variegato ed eccezionale programma culturale e artistico aperto a tutti, che comprendeva spettacoli teatrali, concerti di musica e laboratori partecipativi.

Maggiori informazioni sulla Conferenza
0

E-News, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie



A seguito del Congresso mondiale dell’UCLG e del vertice mondiale dei leader locali e regionali tenutisi a Daejeon nell’ottobre 2022, la leadership dell’UCLG ha raggiunto un accordo per sviluppare una presidenza collegiale, con un presidente a rotazione per un mandato di un anno, come segue:(Attualmente il Presidente dell’UCLG è Carolina Cosse, sindaco di Montevideo):

Carolina Cosse, sindaco di Montevideo, anno 1: dal Congresso di Daejeon a fine 2023.
Uğur Ibrahim Altay, sindaco di Konya, anno 2: fine 2023-fine 2024.
Jan Van Zanen, sindaco dell’Aia, presidente dell’Associazione dei comuni olandesi (VNG), anno 3: fine 2024-fine 2025.
Lee Jang-Woo, sindaco di Daejeon, anno 4: dalla fine del 2025 all’8 ° Congresso UCLG alla fine del 2026.

La Co-Presidenza è composta da:

Johnny Araya, sindaco di San José
Altay Kulginov, sindaco di Astana.
Li Mingyuan, sindaco di Xi’an.
Bekhe Stofile, Presidente della South African Local Government Association (SALGA).
Berry Vrbanovic, sindaco di Kitchener.
Fatimetou Abdel Malick, presidente della regione di Nouakchott, presidente del comitato permanente dell’UCLG sull’uguaglianza di genere.

Il Congresso mondiale dell’UCLG ha nominato sindaci e leader locali per rappresentare l’Organizzazione mondiale, come segue:

Ambasciatori del Patto per il futuro

Ada Colau, sindaco di Barcellona, ​​in qualità di Ambasciatore per il futuro delle persone.
Anne Hidalgo, sindaco di Parigi, come ambasciatrice del futuro del pianeta.
Yücel Yilmaz, sindaco di Balikesir, in qualità di Ambasciatore per il futuro del governo.

Inviati speciali

Carola Gunnarsson, vicepresidente dell’Associazione svedese degli enti e delle regioni locali (SALAR) in qualità di Inviata speciale per la libertà, la solidarietà e la lotta alla violenza contro i leader politici locali.
Carlos Martínez, sindaco di Soria come Inviato Speciale per la Nuova Agenda Urbana.
Mohamed Sefiani, sindaco di Chefchaouen, in qualità di inviato speciale per i sistemi alimentari.

La Vicepresidenza :

Oumarou Dogari Moumouni, sindaco di Niamey, vicepresidente per l’Africa.
Ashok Kumar Byanju Shrestha, sindaco di Dhulikhel e presidente dell’Associazione municipale del Nepal, vicepresidente dell’ASPAC.
Aysen Nikolaev, capo della Repubblica di Sakha, vicepresidente per l’Eurasia.
Carola Gunnarsson, vicepresidente dell’Associazione svedese degli enti locali e delle regioni (SALAR), in qualità di vicepresidente per l’Europa.
Yücel Yilmaz, sindaco di Balikesir, vicepresidente per il Medio Oriente e l’Asia occidentale.
Fernando Gray, sindaco di Esteban Echeverria, vicepresidente per l’America Latina.
Taneen Rudyk, Consigliere municipale di Vegreville e Presidente della Federation of Canadian Municipalities (FCM), in qualità di Vicepresidente per il Nord America.
Claudia López, sindaco di Bogotá, vicepresidente di Metropolis.
Pablo Jurado, Presidente del Consorzio dei Governi Autonomi Provinciali dell’Ecuador (CONGOPE), in qualità di Vicepresidente del Forum delle Regioni.
0

E-News, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Di recente, United Cities and Local Governments,(UCLG) Metropolis e LSE Cities hanno lanciato il >6th Policy Brief della loro Joint Emergency Governance Initiative, dedicata alla democrazia e ai divari di rappresentanza in contesti di emergenza e al ruolo dei governi locali e regionali nella salvaguardia della democrazia nel mezzo di crisi.

Dopo le pubblicazioni su finanze locali, governance multilivello e servizi pubblici durante le “emergenze complesse“, questo nuovo Policy Brief è dedicato a uno degli aspetti più importanti della governance delle emergenze: la legittimità delle risposte alle emergenze e la misura in cui tale legittimità deve essere radicata in pratiche democratiche. Questione strettamente legata al ruolo dei governi locali e regionali nel rafforzare la democrazia dal basso, nonché nel promuovere i principi più ampi di sussidiarietà e inclusività.

Dopo aver esaminato le tensioni e le sinergie tra democrazia e intervento rapido e radicale, il Policy Brief passa in rassegna le principali pratiche e innovazioni democratiche locali emerse negli ultimi anni nell’ambito della più ampia risposta a complesse emergenze: con particolare attenzione ai diritti e al buon governo, alla rappresentanza, deliberazione e partecipazione, compresi approfondimenti sulla governance dell’era digitale. Proponendo la nozione di “assemblea di emergenza”, il Brief esamina una forma comune di esercizio deliberativo, le assemblee dei cittadini, e come esse hanno e possono essere applicate nel contesto di emergenze complesse.

Il Brief inoltre mette in evidenza il ruolo della leadership femminile per rafforzare le democrazie locali basate sulla rappresentazione equa di tutti i processi decisionali inclusivi.

I risultati chiave e le proposte di questo Policy Brief
0

E-News, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


A un anno dalla firma del Memorandum of Understanding tra il Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti (ICOMOS) e United Cites and Local Governments (UCLG), la partnership tra le due organizzazioni internazionali rimane forte. Due eventi recenti hanno dimostrato questa buona collaborazione.

Lo sottolinea l’UCLG nel proprio sito. La Conferenza mondiale dell’UNESCO sulle politiche culturali e lo sviluppo sostenibile, nota anche come Mondiacult 2022, si è tenuta a Città del Messico dal 28 al 30 settembre 2022, quarant’anni dopo la prima del suo genere organizzata a Città del Messico nel 1982.

L’importante incontro ha fornito l’opportunità affinché le due organizzazioni parlino con i ministri della cultura e altri leader locali e regionali per spiegare l’importanza di sostenere che la cultura abbia il proprio obiettivo nei quadri futuri, e in particolare l’Agenda delle Nazioni Unite post 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Al 7° Congresso Mondiale UCLG e Summit dei Leader Locali e Regionali recentemente concluso – organizzato a Daejeon dal 10 al 14 ottobre 2022 e il cui risultato principale è il Patto UCLG per il futuro dell’umanità: per il popolo, per il Planet, for the Government- ICOMOS era presente anche a questo importante evento “in cui i colleghi sudcoreani, Se Hoon Park e Hae Un Rii hanno partecipato ai dibattiti su Cultura e Clima, il futuro dei diritti culturali per plasmare un nuovo sviluppo sostenibile e Cultura nel Obiettivi di sviluppo sostenibile”. Se Hoon Park, rappresentante dell’ICOMOS Corea nel gruppo di lavoro dell’ICOMOS sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, continua l’UCLG, “ha evidenziato che l’azione per il clima, la promozione del pluralismo culturale e del dialogo interculturale, la governance e la cooperazione della società civile per le politiche e la cultura culturali come quarto pilastro dello sviluppo erano tra le priorità di ICOMOS“.

È evidente, precisa l’UCLG, “che entrambe le organizzazioni sono impegnate a rendere le città e le altre aree urbane più vivibili, coinvolgenti e vive attraverso le politiche pubbliche locali in materia di cultura e patrimonio. Attraverso attività condivise e advocacy, UCLG e ICOMOS rafforzano il ruolo della cultura e delle politiche culturali come risorsa chiave per le comunità, le città e i territori del futuro”.

Maggiori informazioni:

Per ulteriori informazioni su UCLG e ICOMOS’, che hanno aderito alla campagna #culture2030goal, advocacy condivisa:
Obiettivo culturale: http://culture2030goal.net/resources
Documento: http://culture2030goal.net/sites/default/files/2022-09/culture2030goal_Culture%20Goal%20-%20ENG.pdf
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, cooperazione, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Patto per il futuro, la Dichiarazione adottata dal Congresso UCLG svoltosi recentemente a Daejeon, è il documento di esito chiave del Congresso mondiale del 2022 e definisce le priorità strategiche per l’Organizzazione dal 2022 al 2028. Con il Patto, i governi locali e regionali ribadiscono di essere pronti ad aderire a livello nazionale e partner internazionali nel determinare un cambiamento significativo .

Lo rende noto il sito dell’UCLG.

Il Vertice mondiale dei leader locali e regionali e il Congresso dell’UCLG è stato il palcoscenico per garantire che il Patto per il futuro parlasse al Vertice del futuro delle Nazioni Unite e al Vertice SDG del 2023. L’UCLG sottolinea: “le doppie consultazioni ad alto livello sul futuro per le persone, il pianeta e il governo hanno inquadrato la visione politica del nostro collegio elettorale e sono state costruite sulle aspirazioni dei nostri partner nazionali e internazionali, che rappresenteranno ulteriormente una leva cruciale per garantire che il nostro collegio elettorale faccia la sua parte all’interno un sistema multilaterale rinnovato per realizzare le agende di sviluppo globale, come l’Agenda 2030, l’Accordo di Parigi e la Nuova Agenda Urbana“. Per soddisfare le aspettative delle generazioni attuali e future e sfondare insieme.

Il Patto per il Futuro delle Persone mette al centro le persone, approfondendo i bisogni delle generazioni attuali e ampliando i diritti di quelle future garantendo l’accesso ai servizi pubblici e ai beni comuni. “Poiché riconosciamo l’impatto delle crescenti disuguaglianze all’interno e tra le città, il Patto cerca di fornire equità e giustizia intersezionale per tutti e per ogni luogo”, precisa l’UCLG.

The Future for the Planet promuove sistemi e modi di vivere in armonia con il nostro pianeta, costruendo allo stesso tempo resilienza e sostenibilità attraverso politiche che rimodulano i nostri modelli di produzione e consumo saranno pietre miliari cruciali del Patto per il futuro – e uno sforzo che nessun attore o livello di il governo può ottenere da solo.

Il futuro per il governo si fonda sulla chiamata delle nostre comunità che chiedono sempre più la trasformazione dei sistemi di governo: “abbiamo l’opportunità unica di rivedere e migliorare i nostri strumenti per rispondere alle sfide che dobbiamo affrontare, per assicurarci di guidare una profonda trasformazione delle nostre società e dei nostri sistemi”.

Le tre sessioni gemelle di consultazione, informa l’UCLG, hanno portato a impegni municipali per il futuro delle persone, del pianeta e del governo che sono stati presentati al Consiglio mondiale il 14 ottobre e hanno gettato le basi per la futura difesa del collegio elettorale dei governi locali e regionali e dei suoi partner per società inclusive, giuste ed eguali.

Le visioni e le aspirazioni riflesse nel Patto si trasformeranno in impegni attuabili per tutto il 2023 e fungeranno da visione strategica per l’Organizzazione Mondiale nei prossimi anni. Le mozioni presentate da tutti i membri approfondiranno ulteriormente le visioni politiche e serviranno da riferimento ai contributi dell’intero collegio elettorale dei governi locali e regionali rappresentato dalla Global Taskforce.

Tre leader politici sono stati nominati Ambasciatori del Patto per il Futuro: Ada Colau, Sindaco di Barcellona come Ambasciatore per il Futuro delle Persone; Anne Hidalgo, sindaco di Parigi come ambasciatrice del futuro del pianeta; Yücel Yilmaz, sindaco di Balikesir come ambasciatore per il futuro del governo.

CLICCA E SCARICA IL PATTO PER IL FUTURO
0

E-News, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito dell’UCLG pubblica l’appello per la pace sviluppato durante il recente congresso dell’UCLG, che si è svolto a Daejeon dal 10 al 14 ottobre. Di sguito il testo:



Stiamo vivendo tempi difficili, tempi in cui nessuno può, né individualmente né come società, rimanere ignari della situazione globale e internazionale che stiamo attraversando. Abbiamo visto che nessuna città, per piccola che sia, e nessuna delle persone che la abitano, può ignorare i problemi dei propri coetanei, siano essi vicini o lontani migliaia di chilometri. Stiamo vivendo tempi di crisi, cioè crisi in tutti i suoi significati e in tutti i suoi aspetti. Siamo di fronte a una crisi geopolitica, con conflitti armati, invasioni e minacce mai immaginate prima; stiamo attraversando una crisi economica che può essere combattuta solo combattendo la disuguaglianza tra territori e persone; e dobbiamo combattere una crisi di valori che permetta al populismo di essere alimentato da messaggi semplicistici e da una crescente sfiducia nei confronti della politica.

Per tutte queste ragioni, dobbiamo assumerci la nostra responsabilità come rappresentanti pubblici e come voce dei governi locali e regionali raggruppati in Città Unite e Governi Locali e dobbiamo mostrare il nostro impegno per la pace. Come affermano gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, conflitti, insicurezza, istituzioni deboli e accesso limitato alla giustizia continuano a rappresentare una seria minaccia per lo sviluppo sostenibile. Il rispetto delle finalità della Carta delle Nazioni Unite deve essere una priorità per tutti noi qui presenti che abbiamo l’obbligo, dal punto di vista politico, della buona politica, di promuovere la cooperazione internazionale come soluzione ai problemi internazionali di ordine economico, sociale, culturale o umanitario natura, e come strumento per promuovere lo sviluppo e incoraggiare il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali per tutti.

In qualità di leader locali e regionali del mondo, ci impegniamo a facilitare la pace e la democrazia, attraverso tutti i meccanismi di governance disponibili, e a promuovere un dialogo costruttivo.

Parliamo con una sola voce quando diciamo che nulla può giustificare la guerra, il prendere di mira le città e la perdita di vite civili innocenti. Ci deve essere sempre spazio per il dialogo.
0

E-News, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Si è concluso il Congresso dell’UCLG (United Cities of Local Goverments). Questa la nuova leadership politica per quanto riguarda l’Europa:

Jan Van Zanen, presidente dell’UCLG (ottobre 2024/2025), sindaco dell’Aia

Carlos Martinez Minguez, inviato speciale dell’UCLG per la nuova agenda urbana, sindaco di Soria

Anne Hidalgo, ambasciatore dell’UCLG per il futuro del pianeta, sindaco di Parigi

Ada Colau, Ambasciatore dell’UCLG per il futuro delle persone, sindaco di Barcellona

Fonte: CEMR
0

E-News, UCLG, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del CEMR informa che è stato appena lanciato al Congresso dell’UCLG a Daejeon (Corea del Sud) il 6° Global Observatory on Local Democracy & Decentralization Report, altrimenti noto come GOLD VI.

Il focus è sui sei percorsi verso l’uguaglianza urbana e territoriale, affrontando le disuguaglianze attraverso strategie di trasformazione locale.

Approfondisci
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 4NO NEW POSTS