E-News, cooperazione, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Come già annunciato ieri sul nostro sito, la Commissione europea ha lanciato l’invito a presentare proposte per il 2023 nell’ambito del programma Erasmus+. Con un budget annuale di 4,2 miliardi di euro, Erasmus+ sta aumentando il suo sostegno all’inclusione, alla cittadinanza attiva e alla partecipazione democratica e alle trasformazioni verdi e digitali nell’UE e a livello internazionale.

La caratteristica principale di Erasmus+ è la mobilità, il prossimo anno il programma continuerà a sostenere la circolazione transfrontaliera di alunni, studenti dell’istruzione superiore e dell’istruzione e formazione professionale (IFP), discenti adulti, giovani in programmi di apprendimento non formale, educatori e personale e verso un’esperienza educativa e formativa europea.

A partire dal 2023, il programma includerà una nuova azione per sostenere gli allenatori sportivi attraverso la loro partecipazione a progetti di mobilità, estendendo le opportunità di cooperazione transeuropea e l’apprendimento direttamente alle organizzazioni sportive di base locali e al loro personale.

Il programma sarà all’altezza delle sfide che prevediamo di affrontare nel 2023 fornendo un sostegno significativo agli studenti e al personale educativo in fuga dalla guerra in Ucraina, continuando a lottare per un programma più inclusivo e basandosi sull’eredità dell’Anno europeo della gioventù.

Il sostegno di Erasmus+, precisa la Commissione, è rivolto ad attività che rientrano nelle priorità del programma nei settori delle scuole, dell’istruzione superiore e degli adulti, dell’IFP, della gioventù e dello sport. Sulla base di inviti aperti a presentare candidature per progetti, qualsiasi ente pubblico o privato attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport può presentare domanda di finanziamento, con l’aiuto delle agenzie nazionali Erasmus+ con sede in tutti gli Stati membri dell’UE e nei paesi terzi associati al programma e l’ Agenzia esecutiva europea per l’istruzione e la cultura.

Agenzia Erasmus per l’Italia:
Agenzia nazionale per i giovani (ANG) Gioventù, Italia
Codice Ente Nazionale: IT03
Indirizzo: Via Sabotino, 4 00195, Roma
Numero di telefono: +390637591201
E-mail: direzione@agenziagiovani.it

Sito web: http://www.agenziagiovani.it/


L’intero programma Erasmus+ si concentra su quattro priorità chiave, tra cui l’inclusione e la diversità. Le organizzazioni e gli stessi partecipanti con minori opportunità sono al centro di questa priorità. Il programma continua quindi a supportare meccanismi di inclusione dei partecipanti e risorse dedicate per rimuovere eventuali ostacoli alla loro partecipazione.

Anche nel 2023, facendo seguito all’Anno europeo della gioventù, il programma continuerà a garantire che le voci dei giovani siano ascoltate nell’Unione europea e oltre, in particolare attraverso un aumento delle attività giovanili finanziate tramite Erasmus+. Oltre a incoraggiare in tutti i diversi settori dell’istruzione progetti che cercano di sostenere la transizione verde, il programma continua a lottare per la neutralità in termini di emissioni di carbonio promuovendo modalità di trasporto sostenibili e comportamenti più responsabili dal punto di vista ambientale.

Inoltre, il programma continuerà a sostenere la dimensione giovanile nelle iniziative e nelle politiche esistenti. Allo stesso tempo, i progetti e le attività nell’ambito dell’invito Erasmus+ 2023 continueranno ad alimentare l’impegno dell’UE per il miglioramento delle competenze e la riqualificazione, fornendo così un prezioso contributo alla proposta di fare del 2023 l’ Anno europeo delle competenze.

Creato 35 anni fa, Erasmus+ è uno dei programmi più emblematici dell’UE e finora vi hanno partecipato quasi 13 milioni di persone. Con un budget totale disponibile per Erasmus+ dal 2021 al 2027 pari a 26,2 miliardi di euro, integrato da circa 2,2 miliardi di euro provenienti dagli strumenti esterni dell’UE, il programma è destinato a sostenere ancora più partecipanti e idee in Europa e oltre.

La Commissione europea ha lanciato l’invito a presentare proposte nell’ambito del bando Erasmus+ per il 2023 a seguito dell’adozione del programma di lavoro 2023.

Programma di lavoro annuale 2023

Bando Erasmus+ 2023

Guida al programma Erasmus+ 2023

Scheda informativa sul nuovo programma Erasmus+ 2021-2027
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Unione europea ha celebrato il 17 novembre il quinto anniversario del pilastro europeo dei diritti sociali, in occasione del primo forum europeo sull’occupazione e i diritti sociali, facendo il punto sui progressi compiuti e guardando al futuro.

Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

Sono trascorsi cinque anni dalla proclamazione del pilastro europeo dei diritti sociali al vertice sociale di Göteborg del 2017 da parte del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione. Da allora, questo impegno è stato ribadito al vertice sociale di Porto del 2021 dai leader dell’UE, dalle parti sociali e dalle organizzazioni della società civile. La Commissione ha presentato più di 130 iniziative per attuare il pilastro negli Stati membri e realizzare un’Europa sociale equa, inclusiva e ricca di opportunità.

Queste iniziative, scrive Bruxelles, spaziano dalla trasparenza e parità retributiva tra donne e uomini, salari minimi e investimenti nelle competenze, alla lotta alla povertà infantile, al reddito minimo e alla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori.

Dopo una forte ripresa socioeconomica dalla pandemia di COVID-19, precisa la Commissione, i principi del pilastro rimangono molto pertinenti nel contesto attuale, in cui molte famiglie stanno lottando per sbarcare il lunario, di fronte all’aumento dei prezzi esacerbato dall’invasione russa dell’Ucraina.

Nel marzo 2021 la Commissione ha presentato il piano d’azione per il pilastro europeo dei diritti sociali. Ad oggi, la grande maggioranza delle misure previste nel piano è già stata adottata o varata dalla Commissione.

I governi dell’UE hanno approvato gli obiettivi sociali UE 2030 inclusi nel piano d’azione del pilastro e hanno presentato i loro contributi nazionali al raggiungimento di tali obiettivi. Combinati, gli impegni degli Stati membri mettono l’UE fermamente sulla strada per il raggiungimento o addirittura il superamento degli obiettivi a livello di UE. Gli obiettivi nazionali sono il risultato di un intenso processo di consultazione da parte degli Stati membri, comprese le consultazioni interne con i principali attori sociali come le parti sociali, le organizzazioni non governative e le autorità locali.

I tre obiettivi a livello UE, da raggiungere entro il 2030, sono:

Almeno il 78% delle persone di età compresa tra 20 e 64 anni dovrebbe essere occupato.

Almeno il 60% di tutti gli adulti dovrebbe partecipare alla formazione ogni anno.

Il numero di persone a rischio di povertà o esclusione sociale dovrebbe essere ridotto di almeno 15 milioni, di cui almeno 5 milioni di bambini, rispetto al 2019.

0

E-News, coesione, diritti umani ed uguaglianza, cooperazione, politica europea, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione europea, su proposta della Commissione europea, hanno raggiunto un accordo sul bilancio dell’UE per il 2023. Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

L’accordo prevede impegni per 186,6 miliardi di euro e pagamenti per 168,7 miliardi di euro. Una volta adottato, il bilancio consentirebbe all’UE di mobilitare fondi ingenti per contribuire ad attenuare le gravi conseguenze della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina nel paese, ma anche nel vicinato meridionale e negli Stati membri.

Sosterrebbe inoltre la ripresa sostenibile in corso dalla pandemia di coronavirus e proteggerebbe e creerebbe posti di lavoro. Innescherebbe ulteriori investimenti in un’Europa più verde , più digitale e più resiliente, proteggendo nel contempo i più vulnerabili nel suo vicinato e in tutto il mondo.

Il bilancio concordato oggi indirizzerà i fondi dove possono fare la differenza, in linea con le esigenze più cruciali degli Stati membri dell’UE e dei partner dell’UE in tutto il mondo.

Più concretamente, si è convenuto di dirigere:

14,7 miliardi per sostenere i nostri vicini e lo sviluppo e la cooperazione internazionale. L’accordo prevede aumenti mirati per lo strumento di vicinato, cooperazione allo sviluppo e cooperazione internazionale (NDICI) – Europa globale (12,3 miliardi di EUR), incentrati su Ucraina e Moldova, migrazione nel vicinato meridionale e per il programma di aiuti umanitari (1,8 miliardi di EUR) affrontare situazioni di crisi in tutto il mondo;

1,5 miliardi di € per il Fondo Asilo, migrazione e integrazione e 956,8 milioni di € per il Fondo per la gestione integrata delle frontiere per intensificare la cooperazione in materia di gestione delle frontiere esterne, nonché la politica in materia di migrazione e asilo, compreso il sostegno agli Stati membri che accolgono rifugiati dall’Ucraina; 3,0 miliardi di euro per il Meccanismo per collegare l’Europa per un’infrastruttura di trasporto aggiornata e ad alte prestazioni per facilitare i collegamenti transfrontalieri, [con particolare enfasi sul rafforzamento delle corsie di solidarietà UE-Ucraina e sul filone dell’energia in risposta al crisi, a integrazione della proposta REPowerEU da 20 miliardi di euro];

295,2 milioni di euro per la Mobilità Militare per migliorare la mobilità civile e militare;

3,7 miliardi di EUR per Erasmus+ da investire nei giovani, compresi alunni e studenti in fuga dall’Ucraina, nonché 332,8 milioni di EUR per i settori culturali e creativi attraverso il programma Europa creativa;

62,9 miliardi di impegni per sostenere la ripresa in atto attraverso il potenziamento degli investimenti per la coesione economica, sociale e territoriale;

53,6 miliardi di euro per la politica agricola comune e 1,1 miliardi di euro per il Fondo europeo per gli affari marittimi, la pesca e l’acquacoltura, per gli agricoltori e i pescatori europei, ma anche per rafforzare la resilienza dei settori agroalimentare e della pesca e per fornire il margine necessario per gestione della crisi;

12,4 miliardi di euro per Orizzonte Europa, per sostenere la ricerca dell’UE in settori quali salute, digitale, industria, spazio, clima, energia e mobilità;

602,8 milioni di euro per il programma per il mercato unico a sostegno delle piccole e medie imprese in tutta l’Unione;

739,3 milioni di euro per il programma EU4Health per sostenere l’Unione sanitaria dell’UE e fornire una risposta globale alle esigenze sanitarie dei cittadini europei;

1,5 miliardi di euro nell’ambito del Just Transition Fund per garantire che la transizione verso la neutralità climatica funzioni per tutti e 755,5 milioni di euro nell’ambito del programma LIFE per sostenere l’ambiente e l’azione per il clima;

309,9 milioni di euro per il Fondo sicurezza interna, 945,7 milioni di euro per il Fondo europeo per la difesa a sostegno dell’autonomia strategica e della sicurezza europea e 157,0 milioni di euro per il rafforzamento dell’industria europea della difesa attraverso la legge sugli appalti comuni.

Insieme al bilancio per il 2023, le istituzioni dell’UE hanno convenuto di approvare le modifiche proposte al bilancio 2022 presentate dalla Commissione all’inizio di quest’anno. Una volta completato il processo di approvazione, la Commissione potrà continuare a sostenere e assistere l’Ucraina, aiutare gli Stati membri più colpiti dall’afflusso di migranti e rifugiati ucraini, rafforzare la preparazione dell’Unione agli incendi boschivi, rispondere alle attuali epidemie di influenza aviaria e peste suina e affrontare ulteriori sfide derivanti dal contesto macroeconomico generale.

Parallelamente al bilancio annuale per il 2023, i paesi dell’UE continueranno a fare affidamento sul sostegno dello strumento per la ripresa NextGenerationEU e del dispositivo per la ripresa e la resilienza.

Oltre al rafforzamento del bilancio, la Commissione europea ha proposto un pacchetto di sostegno senza precedenti per l’Ucraina fino a 18 miliardi di EUR per il 2023. Ciò avverrà sotto forma di prestiti altamente agevolati, erogati in rate regolari a partire dal 2023.

Il bilancio annuale per il 2023 sarà ora formalmente adottato dal Consiglio dell’Unione europea e dal Parlamento europeo. Il voto in plenaria, che segnerà la fine del processo, è attualmente previsto per il 23 novembre 2022.

Per maggiori informazioni

Budget a lungo termine 2021-2027

Piano di recupero

Bilancio annuale 2023
0

E-News, coesione, politica europea, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


I partner della Cohesion Alliance – la coalizione europea di 12.000 firmatari che si batte per una politica di coesione più forte – si sono riuniti a Bruxelles il 13 ottobre durante la 20a edizione della Settimana europea delle regioni e delle città per riaffermare il loro impegno a rafforzare la politica di coesione e aumentare l’impatto territoriale di tutti gli investimenti dell’UE per renderli idonei alle sfide a lungo termine dell’Europa.

Lo rende noto il sito del CEMR che scrive: “le conseguenze dell’emergenza climatica in corso, la pandemia di Covid-19, la guerra della Russia contro l’Ucraina e gli attuali tassi di inflazione record innescati dall’aumento dei prezzi di generi alimentari ed energetici rendono più urgente che mai il rafforzamento della coesione come valore fondamentale dell’Unione Europea“.

Attraverso una dichiarazione congiunta firmata il 13 ottobre, alla presenza del commissario Ue per la Coesione e le Riforme, Elisa Ferreira, e del presidente della commissione per lo sviluppo regionale del Parlamento europeo, Younous Omarjee, il Comitato europeo delle regioni insieme alle principali associazioni europee di città e regioni (tra le quali il CEMR) si è condivisa la volontà comune di mantenere la politica di coesione come:

la più importante politica di investimento dell’UE;

lo strumento più visibile dell’UE a livello locale e regionale;

una politica di sviluppo a lungo termine basata su principi di gestione condivisa, partenariato e governance multilivello;

​una politica che segue un approccio basato sul luogo e affronta la diversità territoriale dell’Unione;​​

uno strumento chiave per sostenere la cooperazione territoriale e promuovere la solidarietà e l’integrazione.
0

E-News, politica europea, Notizie
Il Parlamento europeo ha pubblicato on-line una guida interattiva per scoprire tutto quello che c’è da sapere sul lungo percorso dell’istituzione creata nel 1952 e inizialmente conosciuta come Comunità europea del carbone e dell’acciaio.

La guida mostra anche come l’Unione europea si sia allargata negli anni per riunire un continente un tempo diviso.

Scorrendo gli anni si scoprirà – attraverso brevi testi, foto e video – come il Parlamento europeo si è evoluto apportando cambiamenti che hanno migliorato la nostra vita quotidiana.
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C375 del 30 settembre pubblica la Risoluzione del Comitato europeo delle regioni (CdR)— Esito e follow-up della Conferenza sul futuro dell’Europa

Il CdR si rallegra che la Conferenza sul futuro dell’Europa abbia riconosciuto la natura multilivello della democrazia rappresentativa europea e abbia proposto di riformare il CdR conferendogli «un ruolo più incisivo nell’architettura istituzionale, quando sono in gioco questioni che hanno un impatto sui territori». Il CdR ritiene che tale riforma debba ampliare gli ambiti di intervento di rilevanza territoriale per i quali la sua consultazione diviene obbligatoria; ciò comporta la revisione degli articoli 43 (politica agricola comune/pesca), 79 (migrazione) e 114 (clausola di salvaguardia del mercato interno) TFUE, nonché la revisione dell’articolo 13 TUE e degli articoli 294, 300 e 307 TFUE.

Il Comitato accoglie con favore la proposta della Conferenza sul futuro dell’Europa di modificare le denominazioni delle istituzioni dell’UE per chiarirne, agli occhi dei cittadini, le funzioni e il rispettivo ruolo nel processo decisionale dell’UE; a tal fine, il Comitato propone di modificare la sua denominazione in maniera da rispecchiare meglio le responsabilità politiche e giuridiche dei suoi membri, nonché il suo ruolo di assemblea europea delle regioni e dei comuni.

Il CdR inoltre plaude al riconoscimento che «la sussidiarietà attiva e la governance multilivello sono principi basilari e caratteristiche fondamentali del funzionamento dell’UE e della responsabilità democratica», all’appello per un «utilizzo sistematico di una definizione di sussidiarietà concordata congiuntamente da tutte le istituzioni dell’UE» per precisare il livello — europeo, nazionale, regionale o locale — al quale si devono adottare le decisioni, e alla proposta di estendere il meccanismo di allarme in materia di sussidiarietà «a tutti i parlamenti regionali dell’UE dotati di poteri legislativi». Concorda con la richiesta che i parlamenti nazionali e regionali dotati di poteri legislativi possano in futuro proporre iniziative legislative a livello europeo. Queste proposte dovrebbero contribuire a chiarire che lo scopo della sussidiarietà non è quello di impedire l’azione a livello europeo, bensì quello di individuare il livello di governo che dovrebbe assumere il ruolo guida, tramite poteri formali esclusivi o condivisi, mentre gli altri livelli sosterrebbero gli obiettivi politici.

Il CdR sostiene le proposte della Conferenza sul futuro dell’Europa volte a integrare la democrazia rappresentativa intensificando la partecipazione dei cittadini alla democrazia europea a tutti i livelli. Tale obiettivo dovrebbe essere realizzato istituzionalizzando nuove forme di partecipazione dei cittadini a livello dell’Unione europea attraverso dialoghi con cittadini selezionati in modo casuale in merito a temi specifici. Il CdR rinnova l’invito a istituire un meccanismo permanente e basato sul territorio per il dialogo con i cittadini, sostenuto dagli enti locali e regionali, che garantisca una comunicazione biunivoca tra i cittadini e le istituzioni dell’UE, promuovendo in tal modo una migliore comprensione dell’impatto locale e regionale delle politiche dell’Unione in tutta l’UE; pone in evidenza la necessità di garantire che tale meccanismo raggiunga i cittadini di ogni fascia di età, origine e provenienza; sottolinea inoltre che nelle regioni di confine il dialogo deve essere impostato secondo un orientamento transfrontaliero onde creare un vero e proprio valore aggiunto europeo; ritiene che la razionalizzazione dei meccanismi esistenti di partecipazione dei cittadini richieda la modifica dell’articolo 11 TUE, nonché degli articoli 24 e 227 TFUE.

Il Comitato si impegna tra l’altro a continuare a organizzare dialoghi locali con i cittadini, nonché iniziative strutturate di democrazia partecipativa che potrebbero alimentare il meccanismo permanente.

SCARICA E LEGGI LA RISOLUZIONE COMPLETA IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, diritti umani ed uguaglianza, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 19 settembre il servizio stampa della Commissione europea ha pubblicato il contributo del Team Europe al Summit delle Nazioni Unite sull’educazione alla trasformazione:

La visione di un futuro pacifico e sostenibile parte dall’educazione come diritto umano fondamentale e bene pubblico comune. Un’istruzione di qualità gratuita, universale, equa e inclusiva per tutti è un prerequisito per preparare le giovani generazioni ad affrontare le sfide più urgenti del nostro tempo: minacce alla pace e alla democrazia, povertà, crescenti disuguaglianze, compreso l’approfondimento delle disuguaglianze di genere, i cambiamenti climatici e la protezione dell’ambiente , sicurezza sanitaria, rivoluzione digitale e catene di approvvigionamento globali. Un’istruzione di qualità per tutti è fondamentale per lo sviluppo personale, civico e professionale dei giovani ed è al centro del progresso sociale, economico e tecnologico e di ogni obiettivo di sviluppo sostenibile (SDG) dell’Agenda 2030.

• Tuttavia, siamo tremendamente fuori strada per raggiungere l’SDG4 entro il 2030. Siamo di fronte a una crisi dell’istruzione globale che si è aggravata a un ritmo allarmante, guidata dalla pandemia di COVID e dalle incombenti crisi globali nel settore alimentare, energetico e finanziario dovute all’aggressione russa contro l’Ucraina. Questi hanno amplificato le carenze esistenti dei sistemi educativi, le loro carenze strutturali e le divisioni, ampliando anche l’equità, l’uguaglianza di genere e il divario di finanziamento, esacerbando le disparità e, soprattutto, incidendo su quelli già vulnerabili e mettendo a repentaglio i risultati dell’apprendimento. Mentre i governi, gli attori locali dell’istruzione, i donatori e i partner per lo sviluppo hanno continuato gli sforzi per fornire l’istruzione, dobbiamo fare di più. È tempo di intensificare i nostri sforzi per raggiungere coloro che sono più indietro; assicurarsi che i bambini non solo vadano a scuola, ma imparino anche; realizzare l’uguaglianza di genere nell’istruzione e attraverso l’istruzione; e fornire ciò di cui le attuali e future generazioni di studenti hanno bisogno e meritano di crescere e prosperare insieme.

• L’UE e i suoi Stati membri, in un approccio Team Europe, accolgono con favore il Transforming Education Summit del Segretario generale delle Nazioni Unite come un momento per elevare il nostro impegno per l’istruzione al più alto livello politico, guidati dalla visione del Segretario generale definita nella “Our Common Agenda ”. Team Europe incarna lo spirito e il valore aggiunto di un forte partenariato e di un approccio coerente all’interno e all’esterno dell’Europa, fornendo una risposta strategica alle molteplici sfide che i nostri sistemi educativi e le nostre società devono affrontare. Attingiamo alla ricchezza e alla diversità dei sistemi educativi europei e ai principi, i risultati, le lezioni apprese e le buone pratiche del nostro approccio regionale nello Spazio europeo dell’istruzione (SEE). L’AEA abbraccia un quadro per la cooperazione e le azioni orientato al futuro, basato sui diritti umani, olistico e incentrato sulle persone, riforme e investimenti nell’istruzione. Contribuisce agli Obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 e rafforza la cooperazione nel continente a sostegno della qualità, dell’equità, dell’inclusione e del successo nell’istruzione e nella formazione per tutti, nonché nelle transizioni digitali e verdi.

• Ci impegniamo per un’educazione inclusiva e trasformativa di genere per tutti, con particolare attenzione alle ragazze e alle donne, agli studenti con disabilità, a coloro che vivono in condizioni di estrema povertà, nonché a coloro che sono colpiti da situazioni (post)belliche e crisi umanitarie, ai rifugiati e all’interno sfollati e quelli che vivono in comunità emarginate o difficili da raggiungere. Sottolineiamo in particolare la gravità e l’impatto dell’aggressione russa contro l’Ucraina e le sue conseguenze, direttamente e indirettamente, sull’istruzione e sulla sua continuità in Ucraina e oltre.

• Daremo la priorità al raggiungimento di un migliore apprendimento per tutti, sin dai primi anni e per tutta la vita, anche nelle abilità e competenze di base, sociali, digitali e verdi, proteggendo l’istruzione dagli attacchi, rafforzando l’istruzione e formazione professionale (IFP), sviluppando l’istruzione superiore, valorizzando la professione educativa e riconoscendo il ruolo fondamentale e stimolante degli insegnanti per un’istruzione di qualità e migliorando la salute e il benessere degli studenti anche attraverso i pasti scolastici.

• Sottolineiamo il ruolo trasformativo dell’educazione permanente per lo sviluppo sostenibile, la cittadinanza e la pace come strumento centrale per il raggiungimento degli SDG, consentendo a bambini, giovani e persone di tutte le età in tutto il mondo di contribuire attivamente al verde e al digitale transizioni e riconciliazione nelle aree di conflitto. Accogliamo con favore a questo proposito l’adozione delle conclusioni del Consiglio nel giugno 2022 sul “ruolo trasformativo dell’istruzione per lo sviluppo sostenibile e la cittadinanza globale come strumento strumentale per il raggiungimento degli SDG” e il processo in corso verso una nuova Dichiarazione sull’educazione globale in Europa fino al 2050, prevista per la finalizzazione al Congresso di Dublino nel novembre 2022.

• Sosteniamo il coinvolgimento di giovani e studenti nel reinventare e trasformare l’istruzione per garantire che risponda alle loro richieste e bisogni. Non possiamo migliorare l’istruzione per i giovani: dobbiamo farlo con i giovani, anche basandoci sul partenariato intergenerazionale e sul dialogo a tutti i livelli, dalla classe ai forum internazionali.

• Ci impegniamo da vicino e attivamente nel rafforzamento del coordinamento globale nel settore dell’istruzione e apriamo la strada alla promozione di partenariati e alla fornitura dei finanziamenti tanto necessari. A livello globale, l’UE e i suoi Stati membri sono il principale partner di sviluppo dell’istruzione e della formazione, a sostegno del nostro impegno nei confronti della Dichiarazione di Parigi del 2021 sugli investimenti nel futuro dell’istruzione. Il nostro finanziamento attraverso una varietà di modalità a livello nazionale, regionale e globale rappresenta oltre il 55% dell’assistenza ufficiale allo sviluppo.

• L’UE si è impegnata ad aumentare sostanzialmente i finanziamenti per l’istruzione dal 7% ad almeno il 10% per la sua cooperazione con l’Africa, l’Asia-Pacifico, l’America Latina e i Caraibi. L’UE dedica il 10% del suo bilancio per gli aiuti umanitari all’istruzione in caso di emergenza. Riconoscendo l’importanza fondamentale della mobilitazione delle risorse nazionali e della spesa di qualità, lavoriamo a stretto contatto con i partner governativi per un finanziamento pubblico più sostenibile, efficiente ed equo per l’istruzione. Continuiamo a raccogliere maggiori entrate e ad aumentare i budget per l’istruzione attraverso misure di finanziamento innovative, in particolare in un approccio Team Europe, e attraverso la cooperazione pubblico-privato nei paesi partner in tutto il mondo, in particolare i paesi a basso reddito e quelli più fragili.

• La strategia Global Gateway dell’UE rafforza ulteriormente i nostri investimenti mobilitando le risorse aggiuntive tanto necessarie per creare ambienti per l’insegnamento, la formazione e l’apprendimento a tutti i livelli. Come evidenziato dal pacchetto di investimenti Global Gateway sull’istruzione, le competenze e la formazione tecnica e professionale annunciato al vertice UE-Africa del 2022, Global Gateway promuove un’istruzione di base inclusiva, equa e di qualità, l’IFP e l’istruzione terziaria, la mobilità regionale e internazionale per i discenti e l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita alla ricerca di una piena ed equa partecipazione alla vita sociale, economica e politica.

• L’Unione europea resta impegnata nella promozione, protezione e realizzazione di tutti i diritti umani e nella piena ed effettiva attuazione della Piattaforma d’azione di Pechino e del Programma d’azione della Conferenza internazionale sulla popolazione e lo sviluppo (ICPD) e dei risultati della le loro conferenze di revisione e rimane impegnato in materia di salute e diritti sessuali e riproduttivi (SRHR), in questo contesto. Tenendo presente ciò, l’UE riafferma il suo impegno per la promozione, la protezione e l’adempimento del diritto di ogni individuo di avere il pieno controllo e di decidere liberamente e responsabilmente su questioni relative alla propria sessualità e salute sessuale e riproduttiva, senza discriminazioni, coercizione e violenza.

• L’Unione europea e i suoi Stati membri, in un approccio Team Europe e in stretta collaborazione con i paesi partner, la comunità internazionale e le parti interessate dell’istruzione a tutti i livelli, compreso quello locale, saranno all’altezza dei nostri impegni in materia di istruzione nel follow-up di il Vertice per garantire la realizzazione del diritto all’istruzione per tutti, ovunque.

SCHEDA INFORMATIVA
0

E-News, politica europea, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione Europea ha lanciato il progetto “Costruire l’Europa con i Consiglieri Locali”. Il suo scopo è fornire ai consiglieri locali e alle autorità in tutta l’UE gli strumenti di cui hanno bisogno per comunicare sull’UE alle persone nella loro circoscrizione o area locale. Lo rende noto il sito del CEMR.

Il progetto sta creando una rete in tutta l’Unione europea, fornendo alle autorità locali l’accesso a materiale aggiornato sulle politiche e sulle norme dell’UE che potrebbero influenzare il loro collegio elettorale, webinar mirati su questioni chiave, materiale di comunicazione, nonché aprire la possibilità per visitare le istituzioni dell’UE.

Per entrare a far parte della rete, occorre compilare un modulo sul sito web del progetto e caricare una dichiarazione firmata. Il bando non ha scadenza e resterà aperto fino a quando il progetto andrà avanti.

Il progetto, precisa il CEMR, è una risposta diretta a una delle proposte della Conferenza sul futuro dell’Europa che chiedeva “un sistema di Consiglieri locali dell’UE, come modo per ridurre la distanza tra le istituzioni dell’UE e i cittadini europei”.

Il progetto è realizzato in stretta collaborazione con il Comitato delle Regioni dell’Unione europea e la sua “Rete europea dei consiglieri regionali e locali”
0

PREVIOUS POSTSPage 2 of 14NEXT POSTS