E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma
EDLS_Affiche_IT

Come le città e le regioni stanno aprendo la strada allo sviluppo sostenibile globale? Grazie ai loro progetti di cooperazione internazionale con città e regioni di tutto il pianeta e alla loro gestione quotidiana orientata alla soluzione delle sfide legate alla sostenibilità.

Le Giornate europee della solidarietà locale (EDLS) invitano le città e le regioni europee a sensibilizzare i propri cittadini sulle sfide dello sviluppo sostenibile globale e sulla necessità di agire.

L’edizione 2022 è in programma dal 15 al 30 novembre 2022 in tutta Europa.

MESSAGGI CHIAVE:
Le città e le regioni europee rafforzano la conoscenza dei cittadini sulle questioni dello sviluppo sostenibile globale.

Le città e le regioni europee sostengono e promuovono iniziative di educazione allo sviluppo e cittadinanza attiva con grande impatto locale.

Le città e le regioni europee promuovono l’impegno politico su scala nazionale, europea e globale a favore dello sviluppo sostenibile.

PLATFORMA invita a:
Pianificare l’ attività EDLS tra il 15 e il 30 novembre 2022

Un’attività EDLS è:

(Co-)organizzato da una città o regione europea, o da un’associazione di governi locali e regionali

Un’opportunità per cittadini, eletti o funzionari locali o regionali, OSC e altri attori locali di imparare, scambiare, discutere e celebrare

Incentrato sul contributo delle città e delle regioni europee allo sviluppo sostenibile globale, con particolare attenzione alla loro cooperazione internazionale e ai partenariati da città a città

Utilizzare il toolkit della campagna EDLS (clicca qui per scaricarlo in italiano) oppure aggiungere il logo EDLS al materiale per dare impulso alla tua iniziativa e rafforzare i suoi messaggi chiave.
Sarà inoltre promosso attraverso il sito web di EDLS (campagna EDLS.eu) e la campagna Twitter (#localsolidaritydays).

Rappresentanti eletti locali o regionali possono sostenere la campagna impegnandosi nei valori e nei principi dell’EDLS. Leggi e firma la Carta EDLS.

Scarica le linee guida in italiano e scopri come aderire all’EDLS 2022

Le Giornate europee della solidarietà locale sono state lanciate nel 2016 e sono coordinate da PLATAFORMA, con il sostegno finanziario dell’Unione Europea . PLATFORMA è la coalizione europea dei governi locali e regionali e delle loro associazioni attive nella cooperazione allo sviluppo da città a città e da regione a regione, nota come “cooperazione decentrata”. Dalla sua creazione nel 2008, PLATFORMA rappresenta più di 100.000 governi locali e regionali. Tutti sono attori chiave della cooperazione internazionale per lo sviluppo sostenibile. Per saperne di più sulla missione e l’appartenenza della rete, dai un’occhiata aplatforma-dev.eu.

Gli EDLS sono guidati dall’impegno di città, regioni e associazioni europee di governi locali e regionali . Oltre a promuovere iniziative in tutta Europa, la campagna è stata un’opportunità di apprendimento e scambio per i funzionari delle città e delle regioni ei rappresentanti eletti nei settori della sensibilizzazione, dell’educazione allo sviluppo e dell’azione internazionale dei governi locali e regionali.
0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma
Si svolgerà oggi 28 ottobre, dalle 9 alle 12, un Forum online organizzato dalle Nazioni unite per scoprire di più sui partenariati tra i governi locali dell’Ucraina e dell’UE. L’evento sarà condotto in inglese e ucraino, con interpretazione simultanea.

Lo rende noto il sito el CEMR.

Il Forum è organizzato nell’ambito dell’iniziativa “Bridges of Trust: Empowering municipal in Ukraine and in the European Union through building municipal partnerships”, attuata dal Consiglio dei comuni e delle regioni europee (CEMR), PLATFORMA e sostenuta dall’U- GUIDA con l’Europa.

Oggi, scrive il sito del CEMR, la cooperazione municipale internazionale tra i comuni ucraini e quelli dell’UE è percepita da molti, tra cui il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelenskyy, e la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, come uno degli strumenti importanti che possono aiutare l’Ucraina e le comunità ucraine recuperare, ricostruire e rinnovare. I legami personali più stretti e la cooperazione basati su progetti e azioni congiunti tra i pari in Ucraina e nell’UE stanno anche facilitando l’integrazione e la futura adesione dell’Ucraina alla famiglia dell’UE.

Pertanto, l’obiettivo di questo Forum è quello di evidenziare e promuovere i partenariati tra i comuni in Ucraina e gli Stati membri dell’UE.

Il Forum sarà incentrato sulle seguenti componenti:

Partenariati tra comuni ucraini e dell’UE, nel quadro dell’iniziativa “Bridges of Trust”.

Esempi di programmi di finanziamento dell’Unione europea a sostegno di partenariati tra comuni ucraini e dell’UE.

Il programma completo del Forum può essere trovato qui: inglese e ucraino .

Per registrarsi, compilare questo modulo online .
0

News Platforma, E-News, climate change, CEMR NEWS, Ultime Notizie, Notizie, Platforma
Ora o mai più. Dobbiamo prepararci all’azione per il clima e portare avanti gli obiettivi di sviluppo sostenibile sul campo. Questo è il messaggio centrale che PLAFTORMA e CEMR porteranno alla COP27 che si terrà a novembre a Sharm El-Sheikh, in Egitto.

In una posizione comune, PLATFORMA e CCRE hanno presentato 10 punti chiave per i delegati e i rappresentanti dell’ONU, dell’UE e dei governi nazionali che siederanno al tavolo dei negoziati della COP27. Tra i punti importanti sollevati nella posizione vi sono la necessità di un quadro normativo e di governance di supporto per attuare l’azione subnazionale per il clima e la necessità di finanziamenti subnazionali sostenibili.

Leggi la posizione completa .
0

News Platforma, E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma


Sono tornate le Giornate Europee della Solidarietà Locale (EDLS), la campagna paneuropea per promuovere la cooperazione internazionale tra città e regioni di tutto il mondo organizzate da PLATFORMA.

L’edizione EDLS 2022 si svolgerà dal 15 al 30 novembre nei comuni e nelle regioni di tutta Europa. Questa campagna annuale rappresenta un’opportunità per i funzionari eletti locali e regionali di sensibilizzare i cittadini sulle loro azioni di cooperazione internazionale e di coinvolgerli nella cooperazione allo sviluppo sostenibile attraverso eventi pubblici, conferenze tematiche, workshop, mostre d’arte e scambi. Se vuol partecipare e aiutare a mobilitare i partecipanti, seguire questi passaggi: Segna le date nel tuo calendario e scopri le linee guida EDLS (disponibili in 9 lingue. Clicca QUI per la versione italiana);

Registra le tue attività EDLS online e partecipa alla campagna paneuropea;

Scarica il toolkit di comunicazione EDLS (disponibile in 11 lingue. CLICCA qui per scaricarlo in italiano), etichetta le tue attività come EDLS e fatti promuovere sul sito web e sui social media di EDLS con l’hashtag #LocalSolidarityDays ;

Chiedi al tuo sindaco o al funzionario eletto locale/regionale di firmare la Carta EDLS online, registrare un video e promuovere l’impegno della sua città o regione con la solidarietà globale.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma
Il 4 ottobre la Commissione europea e l’alto rappresentante hanno adottato il piano d’azione per i giovani nell’azione esterna dell’Unione europea per il periodo 2022-2027, il primo quadro politico in assoluto per un partenariato strategico con i giovani di tutto il mondo per costruire un futuro più resiliente, inclusivo e sostenibile . Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea.

Il Piano, prosegue Bruxelles, contribuirà a mantenere gli impegni internazionali, come l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile e l’accordo di Parigi sul clima, rafforzando la partecipazione e l’emancipazione dei giovani nelle politiche di azione esterna dell’UE.Il piano d’azione per i giovani nell’azione esterna dell’UE è guidato da tre pilastri d’azione che contribuiranno a plasmare il partenariato dell’UE con i giovani nei paesi partner:

partenariato per coinvolgere: aumentare la voce dei giovani nelle politiche e nel processo decisionale; I giovani richiedono e meritano un approccio globale per garantire una partecipazione giovanile significativa, inclusiva ed efficace. L’UE si impegna a rafforzare la voce e la leadership dei giovani di tutto il mondo, in particolare delle giovani donne e ragazze, degli attivisti e delle organizzazioni giovanili, a tutti i livelli di governance, dalla politica interna ai forum multilaterali e all’interno dei processi decisionali dell’UE.

partenariato per responsabilizzare: combattere le disuguaglianze e fornire ai giovani le competenze e gli strumenti di cui hanno bisogno per prosperare; I giovani ottengono potere quando le loro voci vengono ascoltate e vengono affrontate le disuguaglianze che influiscono sulle loro vite. L’UE continuerà a sostenere la trasformazione dell’istruzione in tutto il mondo, non da ultimo attraverso investimenti nel Global Gateway, per migliorare l’accesso dei giovani alle opportunità economiche, rafforzando la capacità dei giovani di contribuire allo sviluppo sostenibile e guidare le transizioni verde e digitale in tutto il mondo, e per i giovani salute, benessere psicofisico e accesso alla salute e ai diritti sessuali e riproduttivi. L’UE continuerà a prestare particolare attenzione ai bambini e ai giovani che vivono in contesti di conflitto.

partnership per connettersi: promuovere opportunità per i giovani di fare rete e scambiare con i loro coetanei in tutto il mondo.

L’UE mira a promuovere la mobilità, gli scambi e il networking dei giovani come un aspetto essenziale della dimensione interpersonale della strategia Global Gateway. L’obiettivo è garantire la diversità e l’inclusività, prestando particolare attenzione alle barriere sociali ed economiche, al divario digitale e ai rischi legati alla disinformazione.

Il piano d’azione per i giovani nell’azione esterna dell’UE rafforzerà le iniziative in corso e avvierà nuove iniziative chiave rivolte ai giovani di tutto il mondo, tra cui:

L’ iniziativa Gioventù e Donne in Democrazia del valore di 40 milioni di euro aumenterà la voce e la leadership di giovani, attivisti giovanili e organizzazioni guidate dai giovani in tutto il mondo, rafforzando i loro diritti, l’empowerment e la partecipazione agli affari pubblici e politici. L’iniziativa sosterrà le organizzazioni di base e i giovani attivisti nel controllo istituzionale, nella lotta alla corruzione, nell’osservazione elettorale dei cittadini, nella difesa delle riforme democratiche, nell’educazione civile, nella promozione del diritto di voto, nella libertà di associazione e di riunione e nei diritti umani.

Lo Youth Empowerment Fund è una nuova iniziativa pilota del valore di 10 milioni di euro che fornirà sostegno finanziario diretto alle iniziative guidate dai giovani nei paesi partner incentrate sull’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile a livello locale, in particolare sull’ambiente e sui cambiamenti climatici e sull’inclusione di giovani vulnerabili ed emarginati.

L’ Africa-Europe Youth Academy convoglierà un sostegno finanziario di 50 milioni di euro verso opportunità di apprendimento formale e informale e scambi per i giovani disposti a migliorare le proprie capacità di leadership e creare reti di responsabili del cambiamento in Africa.

APPROFONDIMENTI

Piano d’azione per i giovani: domande e risposte

Piano d’azione per la gioventù (Comunicazione congiunta della Commissione e dell’Alto rappresentante)

Rapporto sugli indicatori relativi ai giovani del Centro comune di ricerca della Commissione europea

Anno europeo della gioventù 2022

Analisi della consultazione mirata del Piano d’azione per i giovani nell’azione esterna dell’UE – gennaio 2022

Allegati alla relazione – Analisi della consultazione mirata del Piano d’azione per i giovani
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma
La scadenza per candidarsi alla terza edizione dei PLATFORMAwards è stata posticipata al 31 luglio.

Questo evento premia l’eccellenza nel campo della cooperazione decentrata. “Le ultime settimane sono state particolarmente intense per tutti i comuni e le regioni, e le loro associazioni con numerosi eventi che si sono svolti in tutta Europa e nel mondo, tra cui le Giornate europee dello sviluppo a Bruxelles, il Congresso AIMF e la COP of Cities ad Abidjan, l’11° World Urban Forum (WUF) a Katowice, il Forum politico di alto livello delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (HLPF) a New York”, scrive il. sitodi PLATFORMA.

Pertanto, a seguito di numerose richieste, PLATFORMA ha deciso di posticipare di 2 settimane il termine per candidarsi ai PLATFORMAwards.

I governi locali o regionali hanno ora tempo fino al 31 luglio per presentare i loro progetti e partnership online.

Quest’anno il panel internazionale di esperti e rappresentanti eletti giudicherà i progetti in base al loro contributo al raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG).

Qui per tutte le informazioni sui PLATFORMAwards sul sito dedicato.

Scarica il “Regolamento & termini”, il “Modulo di domanda” e il Volantino.

0

E-News, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma
Il sito di PLATFORMA informa che PLATFORMA e CEMR hanno appena pubblicato il loro quinto studio annuale sulla localizzazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs).

Questo studio raccoglie le informazioni più recenti su come e in che misura associazioni e reti di governi locali e regionali sono state coinvolte nella localizzazione degli SDG, sia in Europa che con i loro colleghi globali, e in particolare durante la pandemia di COVID-19. Il sondaggio di quest’anno includeva quindi domande sull’attuazione degli SDG dal 2015 e sull’impatto della crisi COVID-19. Nelle ultime due sezioni, c’erano anche domande aggiuntive riguardanti le revisioni subnazionali volontarie (VSR) e la cooperazione decentralizzata.

La pubblicazione raccoglie 63 risposte da 28 paesi europei, 37 associazioni di governi locali e regionali e 18 comuni e regioni.

Da questo studio sono emerse sei raccomandazioni principali, rivolte alle istituzioni dell’UE, ai governi nazionali e ai governi locali e regionali e alle loro associazioni nazionali:

La Commissione europea dovrebbe riferire regolarmente su tutti i progressi compiuti nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) a livello dell’UE e indicare in che modo i diversi livelli di governance hanno contribuito a questo processo.

PLATFORMA e CEMR incoraggiano le associazioni dei governi locali e regionali a partecipare attivamente al processo di revisione volontaria subnazionale (VSR).

I governi locali e regionali (LRG) chiedono il fermo riconoscimento e l’inclusione da parte dei governi nazionali del ruolo degli LRG e delle loro associazioni nel monitoraggio e nella rendicontazione dei progressi nell’attuazione degli SDG a livello nazionale.

Gli stati europei e l’UE devono rafforzare il loro dialogo con i livelli subnazionali e includerli in tutte le pertinenti riunioni delle delegazioni ad alto livello.

Occorre rafforzare la cooperazione internazionale per realizzare l’Agenda 2030 a livello locale e regionale

Localizzare e territorializzare gli SDG, attraverso l’impiego di fondi e risorse adeguati.

Lo studio online

Scarica la versione PDF completa .
0

E-News, climate change, Ultime Notizie, Notizie, Platforma
Nell’ambito degli sforzi per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, l’UE punta ad introdurre ulteriori requisiti per la riduzione delle emissioni nell’edilizia e nei trasporti. Le nuove regole spingeranno i cittadini e le imprese ad investire in fonti energetiche alternative, in un migliore isolamento e in trasporti più puliti.

Al fine di sostenere le famiglie vulnerabili e le piccole imprese in questa transizione, la Commissione europea ha proposto la creazione di un Fondo sociale per il clima da 72 miliardi di euro per il periodo che va dal 2025-2032. La creazione del fondo forma parte del pacchetto legislativo “Pronti per il 55” che punta a realizzare gli obiettivi del Green Deal europeo.

Il sito del Parlamento europeo informa che il Parlamento dovrebbe adottare la propria posizione durante la plenaria di inizio giugno, in modo tale da consentire l’avvio dei negoziati sul testo finale con il Consiglio.

Cosa sta facendo l’UE per ridurre le emissioni di anidride carbonica

La proposta, elaborata congiuntamente dalla Commissione per l’ambiente (ENVI) e da quella per l’occupazione e gli affari sociali (EMPL) del Parlamento europeo , mira a stabilire delle definizioni comuni in tutta l’UE per la povertà energetica e la povertà da mobilità.

Con il termine “povertà energetica”, precisa il Parlamento europeo, ci si riferisce alle famiglie vulnerabili, alle microimprese, alle piccole e medie imprese (PMI) e agli utenti dei trasporti che hanno difficoltà nell’accedere a soluzioni alternative ai combustili fossili. Con “povertà da mobilità” ci si riferisce invece ai nuclei familiari che devono affrontare ingenti costi di trasporto o con accesso limitato ai mezzi di trasporto abbordabili.

L’Assemblea di Strasburgo chiede un’attenzione specifica ai problemi affrontati dalle isole, dalle regioni montane e dalle aree remote meno sviluppate. Gli europarlamentari vogliono inoltre bloccare l’accesso ai fondi per quei paesi che non rispettano i diritti fondamentali e lo Stato di diritto.

Il Fondo sociale per il clima finanzierà misure concrete per affrontare la povertà energetica e da mobilità, sia a breve che a lungo termine.

Queste misure comprendono:

Riduzione delle tasse e dei canoni energetici o fornitura di altre forme di sostegno diretto per combattere l’aumento dei prezzi del trasporto su strada e del combustile per riscaldamento. ( misura destinata a una graduale eliminazione entro la fine del 2032).

Incentivi per la ristrutturazione e il passaggio a fonti rinnovabili negli edifici.

Incentivi per il passaggio dal trasporto privato a quello pubblico, oltre al car sharing e alle biciclette.

Sostegno allo sviluppo del mercato dell’usato per i veicoli elettrici.

Approfondisci il finanziamento alla transizione verde:

Una transizione giusta e verde per tutte le regioni d’Europa

L’UE finanzia con mille miliardi di euro la transizione verso un’economia sostenibile

L’UE definisce gli investimenti verdi per promuovere la finanza sostenibile

Processo legislativo

>LA SEZIONE CLIMATE CHANGE DEL SITO AICCRE
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 15NO NEW POSTS