E-News, cooperazione, Master, In Evidenza, Notizie, Platforma
Tra poco meno di tre settimane (15-30 novembre) si svolgeranno gli “European days of local solidarity” (EDLS) della rete PLATFORMA, la campagna annuale di 2 settimane gestita da città e regioni europee impegnate a informare e mobilitare i propri cittadini sui temi della solidarietà globale e dello sviluppo sostenibile.

Basato sui valori europei di democrazia, diversità e solidarietà, l’EDLS promuove la cooperazione decentralizzata e la cooperazione da città a città come strumento di successo per lo sviluppo sostenibile globale.

“Le città e le regioni di tutta Europa, scrivono gli organizzatori, agiscono per ridurre la povertà, affrontare le disuguaglianze, combattere i cambiamenti climatici e raggiungere uno sviluppo sostenibile globale in tutto il mondo. La cooperazione internazionale tra città e regioni crea un legame politico, culturale e sociale unico che rappresenta un esempio di solidarietà e rispetto. Ci connette con altre comunità nel mondo”.

Nel 2020, più di 70 città, regioni e province europee di 9 paesi europei hanno organizzato 60 eventi e attività in 2 settimane sotto l’EDLS!

GUARDA L’EDLS 2020 DELL’AICCRE


QUALI SONO I MESSAGGI CHIAVE?
-Le città e le regioni europee rafforzano la conoscenza dei cittadini sui temi dello sviluppo sostenibile globale.
-Le città e le regioni europee sostengono e promuovono iniziative di educazione allo sviluppo e cittadinanza attiva di grande impatto locale.
-Le città e le regioni europee promuovono l’impegno politico su scala nazionale, europea e globale a favore dello sviluppo sostenibile.

Organizza la tua attività EDLS tra il 15 e il 30 novembre 2021
(Co-)organizzato da una città o regione europea o da un’associazione di governi locali e regionali Un’opportunità per cittadini, eletti o funzionari locali o regionali, organizzazioni della società civile e altri attori locali di apprendere, scambiare, discutere e celebrare. Incentrato sul contributo delle città e delle regioni europee allo sviluppo sostenibile globale, con particolare attenzione alla loro cooperazione internazionale e ai partenariati città-città.
Scarica il volantino e la locandina EDLS!Oppure aggiungi il logo EDLS al tuo materiale per dare impulso alla tua iniziativa e rafforzare i suoi messaggi chiave. Verrà aggiunto anche all’ufficialitàAgenda EDLS e promosso tramite Twitter (#LocalSolidarityDays), raggiungendo un pubblico europeo più ampio!
Chiedi ai tuoi rappresentanti eletti locali o regionali di sostenere la campagna impegnandosi nei valori e nei principi dell’EDLS. Leggi e firma la Carta EDLS.

Scarica le linee guida e scopri come aderire all’EDLS 2021!

PAGINA EDLS SUL SITO DI PLATFORMA
0

E-News, cooperazione, Master, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie, Platforma


Stefano Bonaccini, Presidente AICCRE e CEMR è intervenuto il 7 maggio al “2021 Development Cooperation Forum” organizzato dal dipartimento Affari sociali dell’ONU e dal “Development Cooperation Forum”. L’evento internazionale è nato dalla consapevolezza che la natura transfrontaliera della pandemia ha sottolineato la necessità di una collaborazione regionale internazionale per identificare e mettere in atto soluzioni a sfide condivise, usando il potere della scienza, della tecnologia e dell’innovazione.

“Siamo a un punto di svolta, dimostrando il potere e le capacità dei governi locali e regionali per combattere la crisi COVID- 19 crisi, ma anche l’opportunità per le città e le regioni di accompagnare le loro strategie di recupero nello lo spirito di tutti i 17 obiettivi dell’Agenda 2030”,ha esordito Bonaccini.

“All’inizio della pandemia, nella maggior parte dei nostri paesi, la gestione era principalmente nelle mani dello dello Stato centrale per assicurare un’azione rapida ed efficace. azione. La questione chiave era se questa ricentralizzazione fosse temporanea o se il governo centrale volesse mantenere questa modalità di gestione. In un certo numero di paesi, da settimane, c’è c’è stata una localizzazione della gestione quando ci si è resi resi conto che è più efficace adottare misure mirate e innovative a livello locale per avere un effetto immediato. Per esempio, in Europa, questo è stato il caso della Germania, dell’Austria, dei paesi nordici e della Gran Bretagna”, ha continuato il Presidente.

. Nella storia dell’umanità, le città e i territori sono stati i motori dell’innovazione. “Se penso al mio mio paese, l’Italia, è nelle città che il Rinascimento ha avuto luogo e si è sviluppato in tutta Europa, la lega Hansa delle città ha guidato l’innovazione in tutto il Baltico e e del Mare del Nord, molto prima che gli Stati nazionali fossero in grado di organizzarsi da soli….”, ha sottolineato Bonaccini.

il 21° secolo sarà dei territori e della cooperazione globale, come abbiamo visto per esempio in Cina che ha preso una nuova strada nel suo sviluppo che si basa soprattutto sullo sviluppo delle città.

In questa nuova era in cui siamo incoraggiati a mantenere le nostre distanze, i governi locali e regionali sono connessi e si collegano tra loro ora più che mai, in Europa e in tutto il mondo. “.



“Attraverso l’uso attivo di nuove tecnologie, strumenti e digitalizzazione, ha continuato il Presidente dell’AICCRE, i livelli locali e regionali sono diventati spazi chiave per la sperimentazione e l’i innovazione e per la co-creazione di soluzioni innovative per aiutare a superare le sfide comuni, in uno spirito di partenariato e solidarietà“.

La pandemia ha dimostrato molto chiaramente – e nel nel modo più doloroso – ha constatato il dirigente del CEMR, “la necessità cruciale di sfruttare le tecnologie, in particolare per accedere ai dati disponibili disaggregati a livello territoriale, per monitorare i progressi e aiutare a pianificare le strategie di recupero a livello locale”.

Bonaccini ha poi illustrato le iniziative concrete del CEMR e delle sue sezionu: “RGRE, l’associazione tedesca del CEMR, è stata la prima a presentare un portale SDG, che è stato anche riconosciuto a livello delle Nazioni Unite attraverso un premio della UN SDG Action Campaign. Nell’ottobre 2020, sono stato felice di vedere che attraverso reti come PLATFORMA, e con il sostegno del livello nazionale nazionale e dal mondo accademico, la mia associazione, la sezione italiana del CEMR – AICCRE, è stata in grado diimparare dal suo pari tedesco e replicare l’iniziativainiziativa“.



Abbiamo lanciato per l’Italia il primo portale SDG in grado di fornire lo stato dell’arte degli indicatori e dati locali e regionali sullo sviluppo sviluppo sostenibile urbano, aumentando la consapevolezza dei cittadini e facilitare tra l’altro il dialogo nazionale e internazionale per promuovere e accelerare il progresso verso la piena sostenibilità e il recupero resiliente”. Il portale italiano degli SDGs, ha specificato il Presidente, “è il risultato di un progetto è espressione del Goal 17 – Partnership per lo lo sviluppo sostenibile. È nato da una partnership tra PLATFORMA, la Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM), l’ AICCRE, la Fondazione tedesca Bertelsmann Stiftung e l’associazione degli enti locali tedeschi Deutscher Städtetag (DST). Esso mira a rafforzare la collaborazione tra enti di diversi tipi, rendendo i risultati delle analisi congiunte a disposizione della comunità”.

Oltre a rispondere alle esigenze nazionali, “è uno strumento anche per rafforzare la cooperazione decentralizzata e internazionale dell’Italia, in particolare con il regno del Marocco, per esempio. So che anche il anche il Nepal è interessato ad aderire. Questo è sorprendente”, si è rallegrato Bonaccini.

“Sono felice di vedere che attraverso reti come come PLATFORMA, e con il sostegno del livello nazionale e dal mondo accademico, l’ AICCRE è stata in grado di imparare dal suo pari tedesco e replicare l’iniziativa”, ha sottolineato.

Favorire la localizzazione degli Obiettivi di Development Goals e raggiungere l’Agenda 2030 è naturalmente al centro delle attività del CEMR e della attività di PLATFORMA, è la nostra comune responsabilità di progredire verso modelli socio-economici e ambientali più sostenibili. “.

“Per il CEMR e PLATFORMA, ha specificato Stefano Bonaccini, la mission è quella di sostenere e guidare i nostri partner, per aiutarli a realizzare le loro ambizioni SDG, mettendoli in contatto con i pari in tutto il mondo, informandoli e aiutandoli a meglio a connettersi con i governi nazionali e l’UE.

A questo proposito, il CEMR e PLATFORMA conducono uno uno studio annuale sullo stato di avanzamento della localizzazione in Europa, che presentiamo al HLPF a luglio. Nella nostra edizione del 2021, ci siamo anche concentrati sulla ripresa, e abbiamo notato che l’attuale pandemia di Covid- ha sommato sfide senza precedenti per i comuni e le regioni, esercitando pressione sui loro sistemi educativi, sulle finanze locali, sugli alloggi, sui trasporti, sulla digitalizzazione, sul settore culturale, sui rifiuti, sulle imprese locali e sull’occupazione, tra molti altri”.

Questo rafforza ancora una volta l’indiscutibile trasversalità degli obiettivi globali e la necessità di una politica di recupero globale che comprenda l’Agenda 2030 nel suo insieme, senza lasciare nessun obiettivo. Un nuovo orizzonte ora si apre davanti a noi per il periodo di recupero, nel quale coesistino capacità e resilienza ed inclusione di rimedi di strategie più sostenibili per un futuro migliore”.

Le associazioni nazionali, ha evidenziato il Presidente, “possono giocare un ruolo chiave per aiutare a promuovere tutto ciò, fornendo informazioni, sostegno per lo sviluppo delle capacità e l’incentivazione di iniziative LRGs per mantenere continuamente il legame tra le LRG e i livelli decisionali nazionali, europei e internazionali“.

“In realtà, una sfida chiave che sentiamo è la mancanza di informazioni e di coordinamento per localizzare gli obiettivi e lavorare verso strategie locali e regionali che siano sostenibili e resilienti. È fondamentale per gli attori locali monitorare regolarmente il stato di avanzamento, fissare obiettivi chiari e tangibili, in modo da poter introdurre i cambiamenti necessari nelle loro strategie di recupero e riallineare le loro azioni per meglio le loro ambizioni di raggiungere l’Agenda 2030″.

“A tal fine, ha segnalato Bonaccini, l‘RFSC (il Quadro di Riferimentoper le città sostenibili) è uno strumento europeo che supporta i governi locali e regionali per identificare e co-creare piani di recupero sostenibile allineati con l’Agenda 2030. Dal 2008, questo strumento online guida le città di tutte le dimensioni a progettare implementare e monitorare strategie e piani strategie e piani di sviluppo urbano sostenibile. Inoltre permette alle città e agli stakeholder locali di condividere conoscenze sulla localizzazione degli SDGs. In questo periodo di ripresa, la RFSC può sostenere le LRG a collegare, pianificare e soddisfare le loro ambizioni di sviluppo ambizioni di sviluppo secondo le loro mutevoli priorità”.

È davvero positivo vedere che l’angolo di partenariato dell’agenda 2030 stia davvero prendendo vita, dal dal basso verso l’alto. Grazie agli SDGs, la cooperazione decentralizzata sta crescendo in un modo nuovo ed entusiasmante, creando nuove sinergie tra pari, in aree a cui non avremmo pensato prima – come i dati, la digitalizzazione e l’innovazione, per esempio”.

“Inoltre, ha concluso il Presidente del CEMR, è importante sottolineare che attraverso la cooperazione attiva tra pari su esigenze e esigenze e questioni comuni, da città a città e da regione a regione la cooperazione sta davvero stimolando e accelerando l’attuazione dell’Agenda 2030”.
0

E-News, Ambiente, Master, In Evidenza, Rifiuti, Ultime Notizie, Notizie


Organizzato dal Patto dei Sindaci – Ufficio Europa e dal CCRE/CEMR si è svolto il 22 giugno un webinar sulla pianificazione integrata, moderato da Belinda Gottardi, Sindaco di Castel maggiore, delegata AICCRE e portavoce CCRE/CEMR sul clima.

L’obiettivo di questa sessione è stato quello di delineare le esperienze di successo condotte nelle città nel campo dei rifiuti, dell’acqua, della qualità dell’aria, della gestione degli alimenti, della biodiversità a livello locale e la creazione di politiche integrate per creare sinergie tra queste azioni.

Sulla base delle strategie integrate esistenti attuate a livello locale nelle città firmatarie del Patto, le presentazioni hanno fornito ai partecipanti una panoramica delle sfide delle strategie di pianificazione integrata, come affrontarle e in che misura contribuiscono al raggiungimento della neutralità climatica. La transizione verso la neutralità climatica è una questione cruciale per le città ed è allo stesso tempo una sfida enorme, che richiede molte azioni a livello locale.



È anche una grande opportunità di cambiare la vita dei cittadini e di dare un grande contributo a livello locale alla lotta globale contro il riscaldamento a livello locale.

Nel corso dei lavori sono stati presentate alcune buone pratiche: Gand che innesca sinergie sul clima e politiche sociali nel campo della politica abitativa e alimentare, Maribor che guarda oltre: nessuna discarica e sostegno alle iniziative circolari e Porto che riunisce trasporto, energia ed economia circolare per raggiungere l’ ambizione per ridurre le emissioni di CO2.

“La pandemia ha dimostrato la nostra capacità di reagire per far fronte alla situazione e allo stesso tempo ha fatto emergere la necessità del dialogo con le città. Occorre passare a un’economia più sostenibile e creare un dialogo su diversi settori come l’economia circolare, che sarà affrontata dal Green Deal dell’UE. Zero inquinamento è un secondo obiettivo, con iniziative su acqua più pulita, problemi di rumore e strategia chimica. La nuova biodiversità globale e anche locale, dove le città”, ha detto Gilles Gantelet, vicedirettore della DG Environment della Commissione europea.

I VIDEO E LE PRESENTAZIONI EFFETTUATE NEL CORSO DEL WEBINAR
0

E-News, Ambiente, Master, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
.

Il Patto dei Sindaci è il più grande movimento, su scala mondiale, delle città per le azioni a favore del clima e l’energia. Riunisce ad oggi oltre 7.000 enti locali e regionali in 57 Paesi, attingendo ai punti di forza di un movimento mondiale multi-stakeholder e al supporto tecnico e metodologico offerto da uffici dedicati.
Il Patto Globale dei Sindaci sta traendo profitto dall’esperienza maturata negli ultimi otto anni in Europa e oltre, partendo dai fattori chiave di successo dell’iniziativa: la governance bottom-up, il modello di cooperazione multilivello e di azione guidata dai diversi contesti territoriali.
Dal 2017 sono stati istituiti uffici regionali del Patto in Nord America, America Latina e Caraibi, Cina e Asia sud-orientale, India e Giappone ad integrazione di quelli esistenti.

Il Consiglio politico del Patto dei Sindaci in Europa



COMPONENTI


Belinda Gottardi, Sindaco di Castel Maggiore, portavoce CEMR energia e clima, Delegata AICCRE Eckart Würzner, Sindaco di Heidelberg
Xesco Gomar Martín, Deputy-President della Provincia di Barcelona
Célia Blaue, Deputy-Mayor Parigi
Katarina Luhr, Deputy-Mayor Stoccolma
Julije Domac, Direttore North-West Croatia Energy Agency





ORIENTAMENTI STRATEGICI


– Un movimento politico, guidato dai sindaci, secondo i principi chiave del Patto
Il Patto europeo darà ai leader locali una voce più forte.

– Un’iniziativa che integra e alimenta i quadri nazionali
Il Patto rappresenta un’opportunità unica per costruire un ponte tra il piano d’azione locale e quello nazionale per il clima e per creare nuove opportunità di finanziamento.

– Uno strumento principale della politica climatica ed energetica dell’UE
Il Patto si è dimostrato uno strumento molto efficace nel mobilitare le autorità locali e nel profilare il loro ruolo chiave nella definizione delle politiche dell’UE.

– L’iniziativa faro mondiale per le città – riconosciuta nell’Agenda globale d’azione per il clima come parte della diplomazia climatica dell’UE
Il Patto Europeo è anche strumentale al raggiungimento dell’ambizione fissata da tutte le nazioni nell’Accordo di Parigi. Esso contribuisce – attraverso il Patto Globale – a mostrare il ruolo delle città sulla scena internazionale, in particolare nell’ambito del processo UNFCCC.

– Un quadro solido e flessibile per l’azione delle città
Il quadro metodologico del Patto deve essere abbastanza robusto e flessibile da poter affrontare un’evoluzione regolare e al tempo stesso soddisfare al meglio le esigenze delle città, attraverso un processo di consultazione continua.

– Un’Unione europea allargata in fase di transizione
Il Patto sosterrà ulteriormente i suoi firmatari nel coinvolgere gli attori locali nella transizione energetica, climatica e, per estensione, sociale.

– Un’opportunità per promuovere l’innovazione, lo sviluppo e la cooperazione urbana
Il Patto sostiene i suoi firmatari nell’attuazione della loro visione a lungo termine verso il 2050 in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, gli impegni nazionali/regionali comunicati dalle parti per il processo UNFCCC e gli obiettivi di Energia sostenibile per tutti (SE4ALL).

VAI AL SITO DEL PATTO DEI SINDACI
0

E-News, SDG, Master, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Associazione delle città e delle regioni per la gestione sostenibile delle risorse (ACR +) sta raccogliendo e condividendo le migliori pratiche delle città europee su come gestire i rifiuti urbani minimizzando la diffusione del coronavirus. Iniziative delle Regioni Italiane e delle Aziende di igiene urbana associate ad UTILITALIA
0