E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Congresso dei poteri locali e regionali rende noto sul proprio sito di aver contribuito all’Accademia e Conferenza dell’UNESCO ùtenutasi recentemente a Graz, in Austria, sul tema “Responsabilità in azione: piani d’azione dei governi locali sui diritti umani”. Questi due eventi hanno offerto l’opportunità di evidenziare la responsabilità dei governi locali nel promuovere e proteggere i diritti umani a livello locale.

Intervenendo alla conferenza “Lezioni per le autorità locali da 75 anni di trattati sui diritti umani”, il presidente del Congresso Marc Cools ha sottolineato l’importanza di considerare la tutela dei diritti umani non come una questione riservata esclusivamente alle autorità centrali. “Gli eletti a livello locale e regionale sono molto spesso i primi a dover affrontare crisi che comportano il rischio di violazioni dei diritti umani”, ha affermato, aggiungendo che “l’esempio drammatico dell’Ucraina è illustrativo in questo senso, e il ruolo guida svolto dall’Ucraina Non si può negare che i rappresentanti eletti locali e regionali ucraini nella difesa del loro Paese contro l’aggressione russa causata dalla Russia”.

Il Presidente ha inoltre fatto riferimento ai lavori del Congresso in questo settore, in particolare alla strategia sull’attuazione dei diritti umani a livello locale e regionale, adottata nell’ottobre 2023. La strategia è stata presentata all’Accademia UNESCO a febbraio dal membro del Congresso Gudrun Mosler- Törnström. “Questa strategia presenta una visione chiara delle future attività in materia di diritti umani e dei loro obiettivi a lungo termine. Il suo obiettivo principale è promuovere il pieno godimento dei diritti umani da parte di tutti i cittadini nelle nostre città, comunità e regioni, in conformità con la Convenzione europea sulla salvaguardia dell’uomo Diritti e altri strumenti giuridici del Consiglio d’Europa”, ha sottolineato.

Il Presidente Cools ha inoltre sottolineato le ambizioni del Congresso per il futuro, ribadendo che la tutela e l’attuazione dei diritti umani è una responsabilità condivisa da tutti i livelli di governo e dalla società civile. “Nel Congresso abbiamo cominciato a lavorare per mettere in pratica le decisioni prese a Reykjavik. Questo evento, che segna l’inizio dell’anno, è una prima pietra miliare nella nostra rinnovata cooperazione”, ha concluso.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il presidente del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa Marc Cools ha rilasciato il 17 gennaio la seguente dichiarazione:

“Trent’anni fa, questa settimana, il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa ha adottato una risoluzione statutaria che istituisce il Congresso dei poteri locali e regionali come assemblea permanente delle città e delle regioni d’Europa. Dal 31 maggio al 3 giugno 1994 il Congresso tenne la sua prima sessione. Oggi, 30 anni dopo, il Congresso ha ricevuto dal vertice di Reykjavik un mandato ancora più forte per promuovere la democrazia locale e regionale, garantire il rispetto della Carta europea dell’autonomia locale, rafforzare la tutela dei diritti umani e sostenere lo stato di diritto a livello di base.

“Per celebrare questo anniversario, il Congresso terrà un’assemblea generale di oltre 100 associazioni nazionali di enti locali e regionali dei paesi europei, per discutere l’attuazione delle decisioni del Vertice nelle nostre comunità. Sarà organizzato un evento congiunto con il Comitato europeo delle regioni dell’UE, che quest’anno celebra anche il suo 30° anniversario. Nel 2024, il Congresso celebrerà anche il decimo anniversario del suo programma dei delegati dei giovani, che ha portato il coinvolgimento dei giovani nel lavoro del Congresso.

“Trent’anni dopo, abbiamo molto di cui essere orgogliosi – e molte altre sfide che ci attendono all’inizio di questo anniversario”.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Marc Cools, presidente del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa, ha condannato la recente aggressione di un sindaco in Francia ed ha fatto la seguente dichiarazione:

“La democrazia è il dibattito contraddittorio, il confronto delle idee. In nessun caso è possibile ricorrere alla violenza o all’aggressione fisica contro i rappresentanti eletti.

“Condanno la recente aggressione in Francia del sindaco di Péage-en-Roussillon e chiedo di vietare ogni tipo di violenza in Europa, compresa la violenza verbale, contro i rappresentanti eletti. Quando si verificano aggressioni fisiche, devono essere severamente punite dai tribunali.

“In gioco c’è la difesa della democrazia”
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa sotto la presidenza dell’Ucraina si è riunito di recente e ha messo insieme più di 1.600 partecipanti di persona e online.

Presente all’inaugurazione ufficiale, il presidente della Camera dei poteri locali, Bernd Vöhringer, si è congratulato con l’Ucraina per la decisione del Consiglio dell’Unione europea di avviare i negoziati di adesione. Lui ha sottolineato la cooperazione di lunga data tra il Congresso del Consiglio d’Europa e l’Ucraina.

“Il decentramento in Ucraina ha portato al rafforzamento dei leader locali e all’incredibile dimostrazione di resilienza che stanno dimostrando”, ha sottolineato il Presidente Vöhringer ribadendo il fermo sostegno del Congresso alla ripresa e alla ricostruzione dell’Ucraina. In questa prospettiva, ha accolto con favore la tabella di marcia per un’autogoverno locale efficace e conforme alla Carta nell’Ucraina del dopoguerra, che è stata recentemente adottata.

Il progetto “Rafforzare la governance multilivello, la democrazia e i diritti umani a livello locale in Ucraina” è implementato dal Congresso dei rappresentanti locali e Autorità regionali nell’ambito del Piano d’azione del Consiglio d’Europa per l’Ucraina “Resilienza, ripresa e ricostruzione” per il periodo 2023-2026.

Il progetto mira a rafforzare il dialogo, il partenariato e la consultazione tra i diversi livelli di governo; rafforzare la governance collaborativa e la partecipazione dei cittadini in linea con i principi della democrazia locale e del governo aperto; e promuovere e garantire il diritto all’uguaglianza e alla non discriminazione a livello locale, per la ripresa e la ricostruzione dell’Ucraina
0

E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie

In occasione della Giornata dei diritti umani, che quest’anno segna il 75° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, il Presidente del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa Marc Cools ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Il rispetto dei diritti umani è più che mai necessario per affrontare le complesse sfide delle nostre società. Le autorità locali hanno un ruolo essenziale nella difesa dei diritti umani e nella costruzione di società democratiche, pacifiche e sostenibili.br>
In questa Giornata dei diritti umani, mentre ci avviciniamo al 75° anniversario del Consiglio d’Europa, accolgo con favore il sostegno dato dal Vertice di Reykjavik al ruolo essenziale del Congresso dei poteri locali e regionali nella promozione e protezione dei diritti umani. Quest’anno i leader europei si sono riuniti in occasione dello storico Vertice del Consiglio d’Europa a Reykjavik e hanno adottato la Dichiarazione di Reykjavik per rinnovare la loro determinazione a rimanere uniti attorno ai valori dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto.br>
Questa unità è essenziale, sia al di là che all’interno dei confini statali e a tutti i livelli di governance, se vogliamo riuscire a contrastare le complesse sfide comuni ai diritti umani e allo Stato di diritto in Europa. I diritti umani e lo Stato di diritto non possono prevalere se non sono garantiti a livello locale”.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie
“La governance multilivello e il rafforzamento dell’autonomia locale hanno svolto un ruolo importante nella resilienza del Paese in tempi di guerra”, ha sottolineato il presidente del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa Marc Cools al Forum “Attuazione della riforma di decentralizzazione in Ucraina – Stato e prospettive”, organizzato dal Comitato per l’organizzazione del potere statale, dell’autogoverno locale, dello sviluppo regionale e della pianificazione urbana del Parlamento ucraino il 5 dicembre 2023, a Bucha, Ucraina.

Il presidente Cools ha elogiato gli sforzi intrapresi dalle autorità ucraine riguardo alla riforma di decentramento avviata nel 2014. Ha riconosciuto l’inevitabile processo di ricentralizzazione causato dalla guerra in corso e le restrizioni imposte alle autorità locali dalla legge marziale. Il presidente Cools ha sottolineato la necessità di allinearsi ai principi della Carta europea dell’autonomia locale, che prevede deroghe proporzionali e temporanee.

Il Presidente del Congresso ha accolto con favore il progetto di tabella di marcia per una buona governance democratica, al quale il Congresso ha contribuito. La tabella di marcia è un chiaro segno dell’impegno delle autorità nazionali ucraine a favore del decentramento e del ripristino degli enti locali civili quando le condizioni lo consentiranno. Il Presidente Cools ha ribadito l’impegno del Congresso a continuare a sostenere le autorità locali e nazionali in questo processo.
0

E-News, cplre, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Comitato direttivo per i media e la società dell’informazione (CDMSI) del Consiglio d’Europa ha tenuto la sua 24a riunione dal 29 novembre al 1° dicembre 2023 a Strasburgo, prevedendo nell’ultimo giorno uno scambio di opinioni con il Congresso dei poteri locali e regionali.

Mélanie Lepoultier, relatrice per i media locali e regionali, ha presentato il rapporto del Congresso e ha recentemente adottato la Risoluzione e la Raccomandazione sui “Media locali e regionali come guardiani della democrazia e guardiani della coesione comunitaria”. Alla luce di questi testi, ha ricordato in particolare l’importante ruolo che svolgono i media locali e regionali per preservare le democrazie europee, nonché la necessità di preservare media forti e indipendenti come guardiani della coesione comunitaria. Soprattutto i media locali e regionali non sono stati solo importanti vettori di informazioni tra i decisori politici e i cittadini, ma anche attori nella promozione della democrazia a livello di base.

Mélanie Lepoultier ha ricordato inoltre che la tutela dei media subnazionali è strettamente legata alla tutela dei diritti umani in tutti gli Stati membri, in conformità con l’articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo relativo alla libertà di espressione.

Infine, ha ribadito la volontà del Congresso di sostenere la Campagna del Consiglio d’Europa per la sicurezza dei giornalisti “I giornalisti contano”, come affermato nella sua recente raccomandazione sui media locali e regionali.

“I giornalisti contano”: Campagna del Consiglio d’Europa per la sicurezza dei giornalisti
0

PREVIOUS POSTSPage 4 of 19NEXT POSTS