E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
In qualità di Team Europa, l’UE e i suoi Stati membri investiranno più di 280 milioni di euro in sovvenzioni in Sudafrica, compresi 87,75 milioni di euro provenienti dal bilancio dell’UE, per sostenere le riforme politiche sulla ripresa verde, sbloccare gli investimenti verdi e costruire una transizione basata sulla conoscenza nell’ambito dell’iniziativa Just and Green Recovery Team Europe per il Sudafrica, lanciata oggi a Pretoria nell’ambito di Global Gateway.

Attraverso questo partenariato con il Sudafrica, l’iniziativa Just and Green Recovery Team Europe sosterrà il paese nel raggiungimento del suo obiettivo nazionale di affrontare le pressanti sfide socioeconomiche del paese attraverso il dialogo politico, facilitando gli investimenti, anche per le infrastrutture pubbliche e per sbloccare un ambiente sostenibile, Economia circolare e rispettosa della biodiversità e lotta ai cambiamenti climatici.

Ad esempio, 40 milioni di euro di sovvenzioni dell’UE saranno utilizzati per facilitare gli investimenti nelle infrastrutture pubbliche in Sudafrica attraverso finanziamenti misti. L’UE sosterrà inoltre progetti per promuovere l’ecologizzazione dei servizi municipali in tutto il Sudafrica. Gli Stati membri dell’UE lavoreranno anche alla riconversione delle centrali elettriche a carbone per la transizione verde, al miglioramento dell’efficienza energetica negli edifici pubblici e all’accelerazione delle start-up dell’economia circolare.

Inoltre, nell’ambito del Just Energy Transition Partnership (JETP), Germania, Francia e UE forniranno finanziamenti per oltre 3 miliardi di dollari al Sudafrica. Il JETP contribuirà agli obiettivi dell’iniziativa Team Europe per una ripresa giusta e verde. Entrambi si rafforzeranno a vicenda.
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La commissaria europea per i partenariati internazionali Jutta Urpilainen ha lanciato il 26 gennaio un’iniziativa regionale per gli insegnanti in Africa e per l’Africa, un investimento di 100 milioni di euro dal bilancio dell’UE per dare potere alla popolazione giovanile in più rapida crescita al mondo attraverso un’istruzione di qualità. Lo rende noto un comunicato stampa della Commissione europea. Questa iniziativa faro nell’ambito del pacchetto di investimenti UE-Africa Global Gateway, sottolinea Bruxelles, mira ad accelerare la formazione degli insegnanti per l’Africa subsahariana, rispondendo alla necessità di 15 milioni di nuovi insegnanti qualificati per l’Africa entro il 2030.

L’iniziativa contribuirà agli obiettivi regionali e nazionali entro il 2030: sostenere e integrare l’istruzione nazionale e le riforme degli insegnanti, offrire opportunità di collaborazione transnazionale, partenariati e apprendimento tra pari nella regione e con l’Europa.
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il comitato operativo del Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile plus (EFSD+) ha approvato il 25 gennaio un ulteriore pacchetto di 24 programmi di garanzia a sostegno degli investimenti nei paesi del vicinato e dell’allargamento dell’UE.

Lo rende noto un comunicato stampa della commissione europea.
Insieme alle tre garanzie per i Balcani occidentali a sostegno delle PMI approvate a dicembre, le nuove garanzie, per un valore di 2,4 miliardi di euro, dovrebbero generare investimenti dell’ordine di 17 miliardi di euro in settori prioritari, tra cui energie rinnovabili, connettività digitale e settore privato competitività, nell’ambito dei piani economici e di investimento (PEI), che sono i veicoli per realizzare il portale globale nei Balcani occidentali e nel vicinato meridionale e orientale.

L’EFSD+, il braccio finanziario nell’ambito dello strumento di vicinato, cooperazione allo sviluppo e cooperazione internazionale dell’UE (NDICI) – Europa globale, fornisce garanzie per mitigare il rischio per gli investimenti in linea con le priorità dell’UE nei nostri paesi partner.

Istituzioni finanziarie europee e internazionali, come la Balcani occidentali e le banche nazionali di sviluppo dell’UE, collaboreranno con la Commissione europea per dare origine a opportunità di investimento, in linea con l’Economic and I “fiori all’occhiello del piano di investimenti e che dovrebbero attirare investitori privati””.

Una volta firmati gli accordi di garanzia tra l’UE e un totale di 11 istituzioni finanziarie europee e internazionali come la BEI, la BERS e le banche nazionali di sviluppo, queste entità avranno tre anni per generare investimenti in aree come: la competitività del settore privato e l’agenda dell’innovazione per i Balcani occidentali; la connettività del Mar Nero nel vicinato orientale; la transizione energetica e la sicurezza nel vicinato meridionale. La garanzia dell’UE dovrebbe inoltre aumentare i finanziamenti delle banche per le piccole e medie imprese, nonché aumentare l’emissione di obbligazioni verdi nei paesi partner dell’UE.

Il Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile Plus (EFSD+) fa parte del quadro di investimento dell’UE per l’azione esterna e garantisce una copertura mondiale per la combinazione, le garanzie e altre operazioni finanziarie. È incluso nel programma di bilancio a lungo termine dell’UE per l’azione esterna – lo strumento di vicinato, cooperazione allo sviluppo e cooperazione internazionale (NDICI)-Europa globale. Il comitato operativo dell’EFSD+ è stato istituito nell’ambito di questo programma di bilancio.

L’EFSD+ sostiene gli investimenti pubblici e privati ​​nei paesi partner di tutto il mondo per promuovere la creazione di posti di lavoro dignitosi, rafforzare le infrastrutture pubbliche e private, promuovere le energie rinnovabili e l’agricoltura sostenibile e sostenere l’economia digitale. Lo fa fornendo garanzie finanziarie e contributi a fondo perduto abbinati a prestiti in operazioni di “blending”.

L’EFSD+ ha una capacità di garanzia di 40 miliardi di euro, esclusi gli 11,65 miliardi di euro aggiuntivi per le operazioni di assistenza macrofinanziaria. Le garanzie EFSD+ offrono condizioni vantaggiose e altamente competitive e consentono agli investitori di finanziare progetti in mercati difficili, assumendosi i rischi associati a contesti più instabili evitando al contempo distorsioni del mercato. Poiché l’EFSD+ copre una quota dei rischi, i partner per il finanziamento dello sviluppo dell’UE possono abbinare le garanzie dell’EFSD+ alle proprie risorse, attirando ulteriori investitori.

I programmi di garanzie EFSD+ sono attuati in partnership con le istituzioni finanziarie europee attraverso due percorsi principali:

In partenariato con la BEI, l’UE fornisce una garanzia di 26,7 miliardi di euro per finanziare investimenti principalmente del settore pubblico in settori quali l’energia pulita, le infrastrutture verdi e la sanità. La garanzia avrà il massimo impatto nei paesi partner in cui i rischi sovrani e altri rischi del settore pubblico rappresentano ancora un importante collo di bottiglia.

Nell’ambito dell’architettura aperta dell’EFSD+, l’UE fornisce una copertura di garanzia fino a 13 miliardi di EUR. Questo sarà implementato da una serie di istituzioni finanziarie internazionali (principalmente istituzioni finanziarie allo sviluppo europee, tra cui la BEI) e mira a mobilitare investimenti privati ​​a sostegno del raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) e dei Piani Economici e di Investimento concordati con il nostro paesi partner.
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Il sito della DG Politica Regionale della Commissione euroopea inform che “dopo il successo dell’evento dello scorso anno”, l’invito a partecipare alle sessioni delle parti interessate è stato rilanciato per includere nel programma i contributi delle parti interessate sui tre temi selezionati Competenze, Energia e Finanziamenti per affrontare le questioni più scottanti dal punto di vista delle parti interessate.

La 4a Settimana MRS (Strategie MacroRegionali) dell’UE si terrà in formato ibrido dal 24 al 28 aprile 2023 a Bruxelles all’insegna dello slogan Trasformare per prosperare.

Da lunedì mattina (24 aprile) a mercoledì mattina (26 aprile), il programma offrirà spazio per un totale di nove sessioni delle parti interessate. Ogni sessione si terrà in formato digitale per una durata di 90 minuti. La domanda presentata deve contenere una proposta completa, vale a dire relatori confermati, moderatore/i, agenda strutturata, fascia oraria preferita ecc.

Verranno privilegiate le proposte con un approccio cross-MRS e buone pratiche ispiratrici replicabili nelle quattro macroregioni dell’UE.

Dato il numero limitato di sessioni che verranno scelte quest’anno, la DG Politica Regionale consiglia vivamente ai candidati di leggere le Linee guida per i partner per ulteriori informazioni sulle condizioni applicabili, sui tre temi ecc.

Per candidarsi accedere al sito dedicato , inserire la password: EUMRSWEEK e inviare la proposta entro il 10 marzo 2023.

I risultati saranno comunicati il ​​17 marzo 2023 a tutti i candidati.

Strategia dell’UE per la regione adriatica e ionica

Strategia dell’UE per la regione alpina

Strategia dell’UE per la regione del Mar Baltico

Strategia dell’UE per la regione del Danubio


0

E-News, coesione, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione europea rende noto attraverso il sito della DG Regio di aver adottato la quarta relazione sull’attuazione delle strategie macroregionali dell’UE (SMR), che mette in evidenza i risultati e le azioni di cooperazione intraprese nell’ambito della strategia dell’UE per la regione del Mar Baltico (EUSBSR), della strategia dell’UE per la regione del Danubio (EUSDR), della strategia dell’UE per la regione adriatica e ionica (EUSAIR) e della strategia dell’UE per la regione alpina Regione (EUSALP).

Coprendo gli anni dalla metà del 2020 alla metà del 2022, la relazione mostra anche come i 19 Stati membri dell’UE e i 10 paesi terzi che fanno parte della strategia macroregionale dell’UE, hanno trasformato le normali azioni di cooperazione in solidarietà per affrontare insieme gli effetti del COVID-19 pandemia e l’aggressione militare ingiustificata della Russia contro l’Ucraina.

L’EUSDR ha svolto un ruolo importante nel sostenere l’Ucraina a seguito della guerra, contribuendo ad aumentare i legami tra questo paese e l’UE. Le attività si sono concentrate sull’integrazione dei rifugiati ucraini e sulla creazione di corridoi sicuri per il trasporto merci. Questo impegno è stato fortemente manifestato dalla presidenza ucraina della Strategia del Danubio nel 2022.

Complessivamente e nonostante la guerra, l’Ucraina ha aumentato considerevolmente il suo coinvolgimento in tutti i settori prioritari della strategia del Danubio.

D’altro canto, la EUSBSR ha sospeso ogni cooperazione con Russia e Bielorussia. Questo è anche il motivo per cui la strategia si muove ora verso un ulteriore rafforzamento del suo ruolo di punto d’incontro strategico per la cooperazione tra gli Stati membri dell’UE, la Norvegia e l’Islanda.

Per quanto riguarda il sostegno ai paesi candidati e potenziali candidati, l’EUSAIR contribuisce a mantenere scambi politici regolari e ad allineare le priorità dell’UE nella regione dei Balcani occidentali e la loro realtà.

Quindi, la relazione evidenzia la capacità unica delle strategie macroregionali di coordinare i fondi dell’UE, insieme ai mezzi nazionali e regionali per alleviare le iniziative dal basso a livello macroregionale.

Le quattro strategie macroregionali, sostenute anche dai quattro programmi transnazionali Interreg correlati, presentano un obiettivo ambizioso per raggiungere l’attuazione del Green Deal europeo e della strategia digitale europea nei prossimi anni.

Nelle Alpi sono state create le condizioni per investimenti coordinati nel campo dell’idrogeno, per promuovere sia la mobilità sostenibile ma anche per sviluppare posti di lavoro e competenze per l’intero settore. Nella regione del Mar Baltico l’ecoefficienza nel settore marittimo è accresciuta da soluzioni digitali sviluppate congiuntamente dagli utenti finali dell’industria e dalle organizzazioni di ricerca.

Nella regione del Danubio la burocrazia viene ridotta nel settore marittimo grazie all’introduzione di documenti di controllo armonizzati e digitalizzati. Infine, le MRS hanno promosso l’uso di veicoli elettrici nei sistemi di trasporto regionale e locale esistenti della regione adriatica e ionica.

Gli sforzi per integrare le priorità delle strategie macroregionali nei pertinenti programmi di finanziamento dell’UE per il periodo 2021-2027 hanno registrato buoni progressi. Nell’EUSDR, lo “strumento di integrazione” aiuta le autorità di gestione ad allineare i loro programmi con le azioni della strategia del Danubio.

Ciò si aggiunge all’esistenza della rete delle autorità di gestione nelle quattro strategie macroregionali dell’UE che stanno mobilitando i relativi fondi (FESR-IPA-NDICI-FC) allo scopo di finanziare progetti.

Infine, le relazioni incoraggiano il ruolo delle organizzazioni della società civile come solida base per l’elaborazione delle politiche nelle quattro strategie macroregionali. In particolare per quanto riguarda il coinvolgimento dei giovani, le MRS sono pionieri nella creazione di consigli giovanili e campi estivi per giovani, per assicurarsi che le giovani generazioni siano al centro della definizione delle politiche per il futuro delle loro regioni.

Nel 2021, l’EUSBSR ha riconosciuto il ruolo dei giovani per l’attuazione della strategia nel suo piano d’azione rivisto e l’EUSALP è stata la prima a istituire un consiglio dei giovani. L’iniziativa è stata riconosciuta dalle altre MRS che stanno seguendo l’esempio di EUSALP. La presidenza albanese di EUSAIR ha creato sinergie con il team della capitale europea della gioventù di Tirana e ha ospitato il concorso giovanile EUSAIR POPRI al forum annuale EUSAIR 2022.

La relazione riflette lo sviluppo complessivo delle quattro strategie macroregionali. Informazioni più dettagliate e relative alla strategia sono disponibili nel documento di lavoro dei servizi della Commissione che l’accompagna .
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Durante il vertice commemorativo UE-ASEAN, l’UE e i suoi Stati membri, in un approccio di Team Europa, hanno annunciato il 14 dicembre la mobilitazione di 10 miliardi di EUR nell’ambito del Global Gateway per accelerare gli investimenti infrastrutturali nei paesi dell’ASEAN.

Questo pacchetto si concentrerà sulla transizione verde e sulla connettività sostenibile nel sud-est asiatico, sostenuto da due iniziative del Team Europa: la Sustainable Connectivity Initiative e la Green Team Europe Initiative.

Gli investimenti si concentreranno su energia, trasporti, digitalizzazione, istruzione e promuoveranno il commercio e catene del valore sostenibili. Sosterranno la transizione del sud-est asiatico verso un’economia verde, un migliore accesso ai servizi essenziali, opportunità economiche e posti di lavoro.

La Sustainable Connectivity Initiative accelererà gli investimenti infrastrutturali nel sud-est asiatico. L’iniziativa Sustainable Connectivity Team Europe sosterrà le interconnessioni della rete elettrica dell’ASEAN per migliorare l’accesso alle energie rinnovabili, investire nella digitalizzazione, anche nella connettività tramite cavi sottomarini, e promuovere catene del valore sostenibili dal punto di vista ambientale, economico e sociale.

L’ iniziativa Green Team Europe lanciata con l’ASEAN il 18 novembre 2021 rafforzerà il partenariato dell’UE con la regione in settori quali l’azione per il clima, la protezione dell’ambiente e della biodiversità, la transizione verso un’energia pulita, la resilienza alle catastrofi, la prevenzione del disboscamento illegale, il traffico di specie selvatiche e l’inquinamento atmosferico. Fornisce il quadro per un’azione ecologica coordinata tra i partner di Team Europe partecipanti e l’ASEAN ei suoi Stati membri.

Scheda informativa “Global Gateway – UE-ASEAN”
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C474 del 14 dicembre pubblica l’avviso della Relazione speciale della Corte dei conti europea: «Il sostegno dell’UE alla cooperazione transfrontaliera con i paesi limitrofi – Il sostegno è prezioso, ma l’attuazione è iniziata con grande ritardo ed è necessario affrontare i problemi riguardanti il coordinamento».

​​I programmi di cooperazione transfrontaliera, scrive la Corte, sono un elemento essenziale della politica europea di vicinato e, fino a poco tempo fa, erano rimasti anche uno dei pochi ambiti di cooperazione con la Russia.

La Corte ha rilevato che i programmi hanno risposto ad esigenze specifiche e fornito un sostegno utile e prezioso alle regioni situate su entrambi i lati delle frontiere esterne dell’UE. Tuttavia, tali programmi hanno iniziato ad essere attuati con notevole ritardo, non erano sufficientemente complementari ad altri programmi finanziati dall’UE e il coinvolgimento delle delegazioni UE nei paesi limitrofi era insufficiente.

La Corte formula raccomandazioni su come ovviare a questi problemi di coordinamento e complementarità e rafforzare il monitoraggio dei risultati dei programmi. Tale aspetto sarà fondamentale, dal momento che la cooperazione transfrontaliera dovrà affrontare in futuro le sfide poste dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, che ha messo fortemente in dubbio l’attuazione di metà dei programmi proposti per il periodo 2021-2027.

LA RELAZIONE COMPLETA IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, cooperazione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Le iniziative dei rappresentanti degli enti locali e regionali italiani raccoolte da AICCRE in occasione degli European Days of Loca Solidarity (EDLS), evento in programma dal 15 al 30 novembre 2022 in tutta Europa.

Le Giornate europee della solidarietà locale sono state lanciate nel 2016 e sono coordinate da PLATFORMA, con il sostegno finanziario dell’Unione Europea. PLATFORMA è la coalizione europea dei governi locali e regionali e delle loro associazioni attive nella cooperazione allo sviluppo da città a città e da regione a regione, nota come “cooperazione decentrata”. Dalla sua creazione nel 2008, PLATFORMA rappresenta più di 100.000 governi locali e regionali. Tutti sono attori chiave della cooperazione internazionale per lo sviluppo sostenibile.

L’AICCRE, per gli EDLS, ha raccolto videomessaggi di rappresentanti italiani di enti locali e regionali:

Manuela Bora, consigliere regionale delle Marche, spiega in un video che le Giornate Europee della Solidarietà Locale sono un’occasione straordinaria per promuovere la solidarietà tra le città e le regioni d’Europa. “Una solidarietà vera e concreta, come abbiamo visto durante la pandemia o, più recentemente, il 15 e 16 settembre quando tanti volontari si sono uniti per aiutare le Marche a riprendersi dall’alluvione”.

Anche Eleonora Rappa, Assessore di Partinico ha sostenuto la campagna EDLSin un videomessaggioo.

Ilaria Bugetti, Consigliere Regionale della Regione Toscana, parla di “costruire un’Europa dei popoli” in un messaggio video. “Oggi dobbiamo […] far capire ai cittadini e alle istituzioni che ora non è il momento di alzare muri ma di cooperare insieme. Il destino di ognuno di noi dipende da come ci uniamo”.
Spiega che ciò che si può fare nella cooperazione allo sviluppo può cambiare il mondo per le generazioni future. “Ecco perché queste Giornate Europee della Solidarietà Locale sono così importanti”.

Belinda Gottardi, sindaco di Castel Maggiore (Italia) e portavoce del CCRE sul clima informa in un video come il suo comune sta intraprendendo azioni locali per lo sviluppo sostenibile, attraverso una rete di cittadini attivi, il consiglio locale dei bambini o la promozione del decalogo sulla sostenibilità ambientale.

Il video di Silvia Baraldi, consigliere comunale del Comune di Legnago r portavoce CEMR sul tema del “gender equality”


Il video di Pietro Puccio, Sindaco di Capaci e portavoce CEMR sul tema migrazioni
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 16NO NEW POSTS