E-News, coesione, SDG, Ultime Notizie, Notizie



Si sta svolgendo (11 e 12 giugno) a Mamaia, in Romania, il Policy Committee del CCRE/CEMR: presenti il Presidente dell’AICCRE e del CCRE/CEMR Stefano Bonaccini e il Segretario generale dell’AICCRE Carla Rey, oltre alla delegazione AICCRE. Il Presidente ha ribadito la vocazione europeista del CCRE/CEMR, sottolineando come essa ”creda nella collaborazione tra stati, regioni e comuni e continueremo a cooperare con il Comitato delle Regioni e dei poteri locali (CdR) per rendere la voce dei territori unica e più forte” . Unità di intenti tra CCRE/CEMR e CdR più volte ribadita anche dal Presidente del CdR Karl-Heinz Lambertz e da Bonaccini: “l’Europa ha bisogno di reggersi su due pilastri: quello economico e quello sociale, ma in questa fase uno è più debole dell’altro, ed è qui che dobbiamo concentrare i nostri sforzi”. Tra l’altro, le due organizzazioni hanno invitato l’Unione europea a favorire il ruolo ed il rinnovamento degli enti locali e regionali europei grazie ad una forte Politica di Coesione. Concetto ribadito nel corso dei lavori dalla delegazione AICCRE, che ha messo in evidenza come nel corso dei “Dialoghi sula Coesione” gli enti locali abbiano dimostrato esempi concreti di buone pratiche nell’utilizzo dei fondi europei e come, anche grazie ai “Dialoghi”, i cittadini si siano avvicinati all’Unione europea. Un altro intervento della delegazione AICCRE si è concentrato sul post elezioni europee: gli enti locali devono incidere ancora di più sui temi dei giovani, della parità, dei migranti e dell’integrazione che riguardano la quotidianità dei cittadini. Alla luce delle elezioni europee emerge la necessità di dialogare di più con i cittadini. Nel corso del dibattito non poteva mancare un riferimento ad Agenda 2030 ed agli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs), che secondo il CCRE/CEMR sono un linguaggio comune che collega le persone e le proietta verso gli stessi obiettivi.


0

E-News, coesione, In Evidenza, Notizie
In una intervista video rilasciata ad “Italpress”, Stefano Bonaccini, Presidente CCRE/CEMR ed AICCRE, ha ribadito quanto aveva sottolineato sulla futura programmazione 2021-2027 dei Fondi di coesione aprendo i lavori del CCRE/CEMR Retreat, in corso in questi giorni a Bruxelles: “ci auguriamo che sia un futuro che non rischi di avere meno risorse di quelle avute in questi anni”.

GUARDA L’INTERVISTA VIDEO

LA NOTIZIA SU EURACTIVE SULL’INCONTRO TRA IL CCRE/CEMR ED IL COMMISSARIO EUROPEO OETTINGER
0