E-News, coesione, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
“Le politiche di Coesione sono state molto importanti soprattutto negli anni della grave crisi economica che ha attraversato tutti i Paesi europei, perché ci hanno permesso, soprattutto lì dove si è stati capaci di spenderli, di utilizzare i fondi per dare una mano al territorio, all’economia, alle imprese”, lo ha detto oggi a Bruxelles nel corso di una conferenza stampa Stefano Bonaccini, Presidente dell’AICCRE e del CCRE/CEMR. “Continueremo ad insistere di non prevedere tagli alla Coesione, e chiederemo un incontro a breve con i Commissari europei. Noi insistiamo nella posizione che abbiamo tenuto in questi anni perché le politiche di Coesione sono decisive per affrontare situazioni di crisi da un lato e dall’altro offrire grandi opportunità di crescita”, ha concluso il Presidente .
0

E-News, coesione, Ultime Notizie, Notizie
Il Comune di Faedis, in provincia di Udine, sta portando avanti un progetto di tipo formativo, iniziato nel 2017, che sta coinvolgendo donne di età compresa dai 18 ai 40 anni. Lo scopo è quello di valorizzare il radicamento della popolazione femminile verso il territorio di appartenenza, massimizzando quelli che sono gli elementi di espressione della cultura locale: accoglienza, enogastronomia, arte, folklore, paesaggio. Il progetto, il cui titolo è “Faedis al femminile“, sta formando un gruppo permanente di giovani donne da impiegare quali guide turistiche, incentivandone la capacità creativa nell’individuare nuove idee.

SCARICA LA RACCOLTA COMPLETA DELLE BUONE PRATICHE SULLA CARTA EUROPEA UGUAGLIANZA
0

E-News, coesione, Ultime Notizie, Notizie
“Una ex consigliere locale e membro dell’assemblea regionale è stata eletta Presidente della Commissione europea: congratulazioni a Ursula von der Leyen. Non vediamo l’ora di lavorare insieme e speriamo che la sua esperienza locale e regionale si traduca in una Commissione che sappia soddisfare le istanze degli enti locali”: così Stefano Bonaccini, Presidente del CCRE/CEMR e dell’AICCRE, ha commentato la nomina di Ursula von der Leyen a Presidente della Commissione europea, prima donna a ricoprire questa carica. La von der Leyen ha iniziato la sua carriera politica nel governo locale: nel 2001, è stata eletta consigliere locale di Sehnde, una città nei pressi di Hannover, nella Bassa Sassonia. Ha ricoperto questa posizione fino al 2004, nonché quella di membro dell’assemblea regionale di Hannover, dove è stata presidente della commissione per la salute. “Insieme possiamo porre le basi le basi per un’Europa a misura d’uomo”, ha continuato Bonaccini. “Durante la sua dichiarazione di apertura come candidata, Ursula von der Leyen ha esplicitamente affermato che abbiamo bisogno di più sui fondi di coesione e ha parlato a favore della sussidiarietà. Le sue proposte includono anche il coinvolgimento delle regioni e delle comunità locali in un patto europeo sul clima. Questa è, ovviamente, la strada da percorrere per raggiungere un’UE a dimensione locale. Durante il mandato del presidente Juncker, il ruolo delle città e delle regioni è stato riconosciuto attraverso varie iniziative come l’Agenda urbana o la task force sulla sussidiarietà. Contiamo sulla Presidente von der Leyen per continuare un approccio collaborativo con gli enti locali e regionali, in particolare attraverso il partenariato nella futura politica di coesione europea e l’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile a livello locale”.
0

E-News, coesione, Ultime Notizie, Notizie



Si sta svolgendo (11 e 12 giugno) a Mamaia, in Romania, il Policy Committee del CCRE/CEMR: presenti il Presidente dell’AICCRE e del CCRE/CEMR Stefano Bonaccini e il Segretario generale dell’AICCRE Carla Rey, oltre alla delegazione AICCRE. Il Presidente ha ribadito la vocazione europeista del CCRE/CEMR, sottolineando come essa ”creda nella collaborazione tra stati, regioni e comuni e continueremo a cooperare con il Comitato delle Regioni e dei poteri locali (CdR) per rendere la voce dei territori unica e più forte” . Unità di intenti tra CCRE/CEMR e CdR più volte ribadita anche dal Presidente del CdR Karl-Heinz Lambertz e da Bonaccini: “l’Europa ha bisogno di reggersi su due pilastri: quello economico e quello sociale, ma in questa fase uno è più debole dell’altro, ed è qui che dobbiamo concentrare i nostri sforzi”. Tra l’altro, le due organizzazioni hanno invitato l’Unione europea a favorire il ruolo ed il rinnovamento degli enti locali e regionali europei grazie ad una forte Politica di Coesione. Concetto ribadito nel corso dei lavori dalla delegazione AICCRE, che ha messo in evidenza come nel corso dei “Dialoghi sula Coesione” gli enti locali abbiano dimostrato esempi concreti di buone pratiche nell’utilizzo dei fondi europei e come, anche grazie ai “Dialoghi”, i cittadini si siano avvicinati all’Unione europea. Un altro intervento della delegazione AICCRE si è concentrato sul post elezioni europee: gli enti locali devono incidere ancora di più sui temi dei giovani, della parità, dei migranti e dell’integrazione che riguardano la quotidianità dei cittadini. Alla luce delle elezioni europee emerge la necessità di dialogare di più con i cittadini. Nel corso del dibattito non poteva mancare un riferimento ad Agenda 2030 ed agli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs), che secondo il CCRE/CEMR sono un linguaggio comune che collega le persone e le proietta verso gli stessi obiettivi.


0

E-News, coesione, In Evidenza, Notizie
In una intervista video rilasciata ad “Italpress”, Stefano Bonaccini, Presidente CCRE/CEMR ed AICCRE, ha ribadito quanto aveva sottolineato sulla futura programmazione 2021-2027 dei Fondi di coesione aprendo i lavori del CCRE/CEMR Retreat, in corso in questi giorni a Bruxelles: “ci auguriamo che sia un futuro che non rischi di avere meno risorse di quelle avute in questi anni”.

GUARDA L’INTERVISTA VIDEO

LA NOTIZIA SU EURACTIVE SULL’INCONTRO TRA IL CCRE/CEMR ED IL COMMISSARIO EUROPEO OETTINGER
0