E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha fornito il 13 maggio un ulteriore sostegno agli Stati membri per accelerare la diffusione delle energie rinnovabili e ridurre le importazioni di combustibili fossili russi.

Ha infatti adottato una serie di raccomandazioni e documenti di riferimento, nuovi e aggiornati, per migliorare e uniformare le procedure di rilascio delle autorizzazioni e le aste per le energie rinnovabili. Tali documenti contribuiranno ad attuare il quadro europeo per le energie rinnovabili, migliorando le condizioni per una diffusione rapida delle energie rinnovabili prodotte internamente. Stimolando la domanda di energie pulite prodotte in Europa, questa iniziativa contribuirà inoltre a rafforzare la competitività industriale, aumentare la resilienza del sistema energetico e realizzare il Green Deal europeo.

Nella raccomandazione aggiornata sull’accelerazione delle procedure autorizzative e negli orientamenti che la accompagnano, la Commissione europea evidenzia le modalità per migliorare le procedure di pianificazione e di rilascio delle autorizzazioni per le energie rinnovabili e i relativi progetti infrastrutturali nell’UE.

La Commissione ha inoltre adottato un ulteriore documento contenente orientamenti per designare le zone di accelerazione per le energie rinnovabili, zone in cui non si prevede che la diffusione di energie rinnovabili abbia ripercussioni ambientali significative e in cui le procedure necessarie sono dunque accelerate per garantire una diffusione rapida di tecnologie specifiche.

La Commissione europea ha adottato anche raccomandazioni e orientamenti per la progettazione delle aste per le energie rinnovabili, che aiuteranno gli Stati membri a progettare aste che tengano conto di obiettivi come la qualità, il contributo alla resilienza e la sostenibilità ambientale.

Ciò contribuirà a sviluppare l’ecosistema europeo di produzione delle tecnologie a zero emissioni nette e a garantire che i progetti siano realizzati integralmente e nei tempi previsti, assicurando che la transizione all’energia pulita si accompagni a una base industriale solida in Europa. Per migliorare la visibilità e la prevedibilità per gli investitori in tutta la catena del valore delle rinnovabili, la Commissione ha varato la piattaforma di sviluppo delle energie rinnovabili dell’Unione, un sistema online in cui gli Stati membri pubblicheranno informazioni di base sulla loro programmazione di aste.

Maggiori informazioni sono disponibili nel comunicato stampa della Commissione. Le iniziative odierne contribuiscono all’attuazione del piano REPowerEU, adottato due anni fa questa settimana.

Maggiori dettagli e informazioni sui progressi compiuti finora nell’ambito di REPowerEU sono disponibili nella nuova pagina web e nelle schede informative dedicate a ogni paese, disponibili online.

0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
in occasione della Giornata della Terra 2024, il servizio relativo ai cambiamenti climatici di Copernicus, insieme all’Organizzazione meteorologica mondiale delle Nazioni Unite, ha pubblicato il 22 aprile la relazione annuale sullo stato del clima in Europa. Sulla base di dati e analisi scientifiche, la relazione mette in evidenza l’allarmante tendenza all’aumento delle temperature e gli effetti dei cambiamenti climatici in tutta Europa.

Lo rende noto un comuncato della Commissione europe.
Nel 2023 l’Europa ha vissuto l’anno più caldo mai registrato, con un’impennata dei giorni di stress da caldo estremo e delle ondate di calore. L’aumento delle temperature ha intensificato il verificarsi e la gravità di eventi meteorologici estremi quali siccità, inondazioni e incendi boschivi. Nel 2023 le precipitazioni sono state superiori del 7% rispetto alla media, esacerbando il rischio di alluvioni in molte zone del continente. La temperatura media della superficie del mare in tutta Europa è stata la più elevata mai registrata. La relazione mette inoltre in evidenza gli effetti dei cambiamenti climatici in tutto il continente e sulla società nel 2023, in particolare le perdite economiche dovute alle inondazioni e l’impatto dello stress da calore sulla salute.

L’Europa è il continente che sta registrando i più rapidi aumenti delle temperature, con picchi a circa il doppio del tasso medio globale, come sottolineato dalla valutazione europea dei rischi climaticiù. La relazione odierna sullo stato del clima sottolinea ancora una volta la necessità che l’Europa diventi climaticamente neutra e resiliente ai cambiamenti climatici, e acceleri la transizione all’energia pulita e la diffusione delle energie rinnovabili e delle misure di efficienza energetica.

L’UE si è impegnata a diventare climaticamente neutra entro il 2050 e ha concordato obiettivi e norme per ridurre le emissioni di gas a effetto serra di almeno il 55% entro il 2030. Nell’aprile 2024 la Commissione ha pubblicato una comunicazione su come preparare l’UE ai rischi climatici in modo efficace e sviluppare una maggiore resilienza ai cambiamenti climatici.

Copernicus, anche noto come “la Terra vista dall’Europa”, è la componente di osservazione della Terra del programma spaziale dell’Unione europea.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha annunciato il 10 aprile la selezione di 42 nuovi progetti per la realizzazione di infrastrutture per i combustibili alternativi, che riceveranno oltre 424 milioni di € da fondi unionali. I progetti contribuiranno all’installazione di punti di ricarica elettrica e di stazioni di rifornimento di idrogeno, come pure all’elettrificazione degli aeroporti, avvicinando l’Europa agli obiettivi del Green Deal. I finanziamenti proverranno dallo strumento per le infrastrutture per i combustibili alternativi, che fa parte del meccanismo per collegare l’Europa (MCE).

Lo strumento per le infrastrutture per i combustibili alternativi, operante sulla base di un invito permanente a presentare progetti, finanzia la realizzazione di infrastrutture per i combustibili alternativi lungo la rete transeuropea di trasporto (TEN-T) dell’UE. Il finanziamento rientra nella seconda fase dello strumento per le infrastrutture per i combustibili alternativi (2024-2025), che sostiene in particolare gli obiettivi stabiliti dal nuovo regolamento sull’infrastruttura per i combustibili alternativi (AFIR), oltre agli obiettivi stabiliti nei regolamenti ReFuelEU Aviation e FuelEU Maritime.

Attualmente, informa la Commissione, è aperto un invito a presentare candidature nell’ambito dello strumento per le infrastrutture per i combustibili alternativi, con una dotazione di un miliardo di € per il periodo 2024-2025. Il primo termine per la presentazione delle candidature è il 24 settembre 2024.

Ulteriori informazioni disponibili qui.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Consiglio dell’Unione europea rende noto in un comunicato di aver adottato formalmente nei giorni scorsi una direttiva sulla tutela penale dell’ambiente che migliorerà le indagini e l’azione penale riguardanti i reati ambientali.

La direttiva fissa norme minime a livello di UE sulla definizione dei reati e delle sanzioni. Sostituisce la precedente normativa, che risale al 2008.

La direttiva si applicherà solo ai reati commessi all’interno dell’UE. Tuttavia, gli Stati membri possono decidere di estendere la loro giurisdizione a reati commessi al di fuori del proprio territorio.

Il numero di condotte che costituiranno reato passerà da nove a venti. I nuovi reati comprendono il traffico di legname, il riciclaggio illegale di componenti inquinanti di navi e le violazioni gravi della legislazione in materia di sostanze chimiche.

Inoltre, la nuova direttiva introduce una clausola relativa ai “reati qualificati” che si applica quando un reato di cui alla direttiva è commesso intenzionalmente e provoca la distruzione dell’ambiente o un danno irreversibile o duraturo allo stesso.

I reati dolosi che provocano il decesso di una persona saranno punibili con una pena detentiva massima pari ad almeno dieci anni (gli Stati membri possono decidere di prevedere sanzioni ancora più severe nella loro legislazione nazionale). Altri reati comporteranno la reclusione fino a cinque anni. La pena detentiva massima per i reati qualificati sarà di almeno otto anni.

Per le imprese le sanzioni pecuniarie ammonteranno ad almeno il 5% del fatturato mondiale totale per i reati più gravi o, in alternativa, a 40 milioni di EUR. Per tutti gli altri reati, la sanzione pecuniaria massima sarà pari ad almeno il 3% del fatturato o, in alternativa, a 24 milioni di EUR.

Gli Stati membri dovranno provvedere affinché le persone fisiche e le imprese possano essere sanzionate con misure supplementari, quali l’obbligo per l’autore del reato di ripristinare l’ambiente o di risarcire i danni, l’esclusione dello stesso dall’accesso ai finanziamenti pubblici o il ritiro di permessi o autorizzazioni.

Dalla sua entrata in vigore, gli Stati membri disporranno di due anni per adeguare le norme nazionali alla direttiva.

Direttiva sulla tutela penale dell’ambiente, 13 marzo 2024

La lotta dell’UE alla criminalità organizzata (informazioni generali)
0

E-News, cplre, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Gli Stati membri del Consiglio d’Europa sono sempre più confrontati a disastri naturali e rischi climatici, e gli enti locali e regionali sono in prima linea a rispondere. Per fare ciò nel modo più efficace e al tempo stesso democratico, sarà fondamentale che gli enti locali e regionali sviluppino una cultura della gestione del rischio, promuovano la solidarietà territoriale e inducano transizioni economiche, ecologiche e sociali che portino a una maggiore resilienza, rileva un rapporto di Jean -Paul Bastin e Christian Debève presentato alla 46a sessione del Congresso il 28 marzo.

Sulla base di studi di casi condotti in Belgio, Spagna e Turchia, il rapporto conclude che sarà necessario uno sforzo concertato, che combini azioni a breve e lungo termine in un approccio sistemico e globale per risolvere i problemi più urgenti e prepararsi per affrontare le sfide imminenti.

I correlatori hanno sottolineato l’importanza della partecipazione dei cittadini e di una comunicazione trasparente in ogni momento durante il ciclo di gestione della crisi, nonché della creazione di adeguati meccanismi di finanziamento, dello scambio regolare di buone pratiche e dati, dell’offerta di programmi di formazione a professionisti e volontari e del coinvolgimento dei giovani persone in tutte le fasi del processo – prevenzione, soccorso, formazione, studi accademici, ecc.

Sostenendo il dibattito e raccontando delle gravi inondazioni che hanno colpito il suo territorio solo lo scorso dicembre e gennaio, la ministra dell’Interno e dello Sport della Bassa Sassonia in Germania, Daniela Behrens, ha sottolineato l’importanza della solidarietà e della cooperazione transfrontaliera europea in materia di protezione dalle catastrofi, sostenendosi a vicenda con materiali e competenze.

Il dibattito è stato accompagnato da una mostra fotografica dal titolo “Resilienza locale e regionale ai disastri naturali e ai rischi climatici – una mostra stimolante per i decisori locali e regionali”, che ha presentato le immagini scattate nel contesto dei casi di studio.

Risoluzione

Raccomandazione
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 21 marzo Label Mission dell’UE è stato assegnato a 23 città che fanno parte della Missione dell’UE per le città intelligenti e neutrali dal punto di vista climatico, una delle missioni dell’UE nell’ambito di Orizzonte Europa. Il Label riconosce i piani delle città per raggiungere la neutralità climatica già entro il 2030 e mira a facilitare l’accesso ai finanziamenti pubblici e privati ​​verso tale obiettivo. Le prime dieci città avevano ricevuto il Label nell’ottobre 2023.

Il Label Mission dell’UE è stato assegnato da Iliana Ivanova, commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, durante una cerimonia con sindaci e rappresentanti delle città in occasione delle Giornate dell’UE per la ricerca e l’innovazione , il più grande forum in Europa per discutere del futuro della scienza e dell’innovazione e co-creare soluzioni con i cittadini e le parti interessate.

Le 23 città che hanno ricevuto il marchio sono: Ioannina, Kalamata, Kozani, Salonicco (Grecia), Heidelberg (Germania), Lovanio (Belgio), Espoo, Lahti, Lappeenranta, Tampere, Turku (Finlandia), Barcellona, ​​Siviglia (Spagna), Pecs (Ungheria), Malmö (Svezia), Guimaraes, Lisbona (Portogallo), Firenze, Parma (Italia), Marsiglia, Lione (Francia), Limassol (Cipro) e Izmir (Türkiye) .

L’etichetta della missione dell’UE rappresenta una pietra miliare importante nel lavoro delle città. Riconosce lo sviluppo di successo dei Contratti delle Città Climatiche, che delineano la visione complessiva delle città per la neutralità climatica e contengono un piano d’azione e una strategia di investimento. Le città co-creano i loro contratti Climate City con le parti interessate locali, tra cui il settore privato e i cittadini.

Missione dell’UE: città climaticamente neutre e intelligenti

Missioni dell’UE in Orizzonte Europa
0

E-News, climate change, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Green Deal europeo è un pacchetto di iniziative strategiche dell’UE per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, diventando così il primo continente a impatto climatico zero.

Mentre ci muoviamo tra le complessità dell’implementazione del Green Deal europeo e di altre politiche verdi, è ormai evidente che il ruolo degli enti locali è fondamentale nel portare avanti iniziative e politiche sostenibili.

In questo quadro, il CCRE/CEMR è attivamente impegnato nella stesura di un rapporto che esamina specificamente le sfide incontrate dagli enti locali nell’attuazione delle politiche in materia di clima, energia, ambiente, mobilità ed economia circolare.

Attraverso un sondaggio anonimo rivolto a tutti i livelli delle autorità locali e regionali in Europa, il CCRE/CEMR desidera raccogliere informazioni inedite sull’applicazione in corso del Green Deal o di altre azioni sulle politiche verdi.

Il CCRE/CEMR vuole cogliere l’opportunità di ascoltare in modo diretto le esperienze, le migliori pratiche e le prospettive in qualità di rappresentanti locali o regionali.

Per rispondere al questionario completo occorrono solo 15 minuti (è disponibile un’opzione di traduzione automatica scegliendo la lingua preferita nel menu a tendina in alto a destra della pagina).

C’E’ TEMPO FINO AL 29 MARZO PER PARTECIPARE AL SONDAGGIO.
Link per compilare il sondaggio:
https://sprw.io/stt-vZKZjMfv7aEAJpLEN6C3xu

I DATI SARANNO UTILIZZATI SOLO DAL CCRE/CEMR, ELABORATI IN CONFORMITÀ CON LA DICHIARAZIONE SULLA PRIVACY DEL CCRE/CEMR NEL RISPETTO DEL GDPR E NON SARANNO TRASMESSI A NESSUN ALTRO. IL CCRE/CEMR RICHIEDE I DATI SOLO PER DARE SEGUITO A INTERVISTE/SPECIFICI CASI DI STUDIO CON COLORO CHE HANNO DATO IL LORO ESPLICITO CONSENSO. Per qualsiasi domanda relativa allo studio, alla politica CCRE/CEMR sulla privacy/al rispetto del GDPR nella raccolta e presentazione dei dati o altro, si prega di scrivere a greendeal@ccre-cemr.org.

Il CCRE/CEM ringrazia in anticipo per il contributo a questo sforzo collettivo ed informa che Il rapporto finale sarà pubblicato nell’autunno del 2024.
0

E-News, climate change, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il CCRE/CEMR si è unito al dialogo sulla transizione pulita della Commissione europea: un passo verso le città sostenibili

Il Consiglio dei comuni e delle regioni d’Europa (CCRE/CEMR) rende noto sul proprio sito di aver partecipato al dialogo sulla transizione pulita ospitato dal gabinetto Maroš Šefčovič della Commissione europea. Tra i di questo evento ha partecipato Diana Pretzell, primo vicesindaco di Mannheim, in rappresentanza del CCRE/CEMR.

Secondo Pretzell, un coinvolgimento significativo delle parti interessate a tutti i livelli – europeo, nazionale e locale – è indispensabile per costruire comunità resilienti e sostenibili in grado di affrontare le sfide del futuro. I punti focali del dialogo includono quadri legislativi flessibili, sostegno finanziario per i comuni e rafforzamento delle iniziative dell’UE come il Patto dei sindaci.

“Il Green Deal necessita di un vero approccio di governance multilivello senza pensare a compartimenti stagni”, ha sottolineato Diana Pretzell. Questo sentimento è in sintonia con l’obiettivo generale di integrare diverse parti interessate e abbattere le barriere per raggiungere obiettivi di sostenibilità olistici.

Sostenendo strutture di governance inclusive e partenariati strategici, il CCRE/CEMR immagina un futuro in cui le città fungeranno da pioniere nel viaggio verso un pianeta più pulito e più verde.
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 43NO NEW POSTS