E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il servizio stampa della Commissione europea informa che la Commissione ha presentato il 18 maggio il piano REPowerEU, la “risposta alle difficoltà e alle perturbazioni del mercato energetico globale causate dall’invasione russa dell’Ucraina”.

C’è una doppia urgenza per trasformare il sistema energetico europeo, comunica Bruxelles: porre fine alla dipendenza dell’UE dai combustibili fossili russi, utilizzati come arma economica e politica e costare ai contribuenti europei quasi 100 miliardi di euro all’anno, e affrontare la crisi climatica. Agendo come un’Unione, afferma la Commissione, “l’Europa può eliminare gradualmente la sua dipendenza dai combustibili fossili russi più rapidamente.

L’85% degli europei ritiene che l’UE dovrebbe ridurre al più presto la sua dipendenza dal gas e dal petrolio russi per sostenere l’Ucraina. Le misure del piano REPowerEU possono rispondere a questa ambizione, attraverso il risparmio energetico, diversificazione dell’approvvigionamento energetico e introduzione accelerata delle energie rinnovabili per sostituire i combustibili fossili nelle abitazioni, nell’industria e nella produzione di energia”.

La trasformazione verde, auspica Bruxelles, rafforzerà la crescita economica, la sicurezza e l’azione per il clima per l’Europa e i nostri partner. Il dispositivo per la ripresa e la resilienza (RRF) è al centro del piano REPowerEU e sostiene la pianificazione e il finanziamento coordinati delle infrastrutture nazionali e transfrontaliere, nonché i progetti e le riforme energetiche.

La Commissione propone di apportare modifiche mirate al regolamento RRF per integrare capitoli REPowerEU dedicati nei piani di ripresa e resilienza (RRP) esistenti degli Stati membri, oltre al gran numero di riforme e investimenti pertinenti che sono già presenti nei RRP. Le raccomandazioni specifiche per paese nel ciclo del semestre europeo 2022 alimenteranno questo processo.

Il risparmio energetico è il modo più rapido ed economico per affrontare l’attuale crisi energetica e ridurre le bollette. La Commissione propone di rafforzare le misure di efficienza energetica a lungo termine, compreso un aumento dal 9% al 13% dell’obiettivo vincolante di efficienza energetica nell’ambito del pacchetto “Fit for 55” della legislazione sul Green Deal europeo.

Risparmiare energia ora ci aiuterà a prepararci per le potenziali sfide del prossimo inverno. Pertanto la Commissione ha anche pubblicato una “Comunicazione dell’UE sul risparmio energetico” che descrive in dettaglio i cambiamenti comportamentali a breve termine che potrebbero ridurre la domanda di gas e petrolio del 5% e incoraggia gli Stati membri ad avviare campagne di comunicazione specifiche rivolte alle famiglie e all’industria.

Anche gli Stati membri sono incoraggiati a utilizzare misure fiscali per incoraggiare il risparmio energetico , come aliquote IVA ridotte su sistemi di riscaldamento efficienti dal punto di vista energetico, isolamento degli edifici, elettrodomestici e prodotti.

La Commissione stabilisce inoltre misure di emergenza in caso di grave interruzione dell’approvvigionamento, emetterà orientamenti sui criteri di definizione delle priorità per i clienti e faciliterà un piano coordinato di riduzione della domanda dell’UE.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito del Parlamento europeo (PE) informa che è stata adotta la posizione del PE sui principali progetti di legge dell’UE per combattere i cambiamenti climatici riducendo le emissioni di gas serra di almeno il 55 % entro il 2030 e per proteggere i posti di lavoro e i cittadini.

Il 17 maggio la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare del PE ha adottato cinque relazioni del “pacchetto Fit for 55 in 2030”, il piano dell’UE per ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 e avere zero emissioni nette di gas serra (GHG) (neutralità climatica) entro il 2050 in linea con la legge europea sul clima.

Il pacchetto, afferma Strasburgo, “rappresenta un passo importante verso l’obiettivo dell’UE di diventare indipendente dai combustibili fossili costosi e inquinanti provenienti dalla Russia ben prima del 2030”.

Il PE vuole incentivare le industrie a ridurre ulteriormente le loro emissioni e investire in tecnologie a basse emissioni di carbonio. Il sistema di scambio di quote di emissione (ETS) dovrebbe essere riformato, includendo:

Nuovo ETS II per gli edifici e il trasporto su strada – cittadini da non inserire prima del 2029

Le indennità gratuite saranno gradualmente eliminate dal 2026 e scompariranno entro il 2030

A partire dal 2025 verrà introdotto un sistema bonus-malus

Ricavi da utilizzare esclusivamente per l’azione per il clima nell’UE e negli Stati membri.

Per maggiori dettagli, consultare il comunicato stampa separato.

I deputati hanno inoltre adottato una relazione sulla revisione dell’ETS per quanto riguarda l’aviazione.

Strasburgo inoltre chiede una portata più ampia e un’attuazione più rapida del meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere (CBAM) dell’UE per prevenire la rilocalizzazione delle emissioni di carbonio e aumentare le ambizioni climatiche globali, tra cui:

Entrare gradualmente in CBAM prima e terminare le quote gratuite nell’EU ETS entro il 2030

Campo di applicazione da estendere per includere i prodotti chimici organici, la plastica, l’idrogeno e l’ammoniaca, nonché le emissioni indirette

Bilancio dell’UE per sostenere i paesi meno sviluppati attraverso importi equivalenti alle somme raccolte tramite CBAM

Necessità di un’autorità CBAM UE centralizzata.

Per maggiori dettagli, consultare il comunicato stampa separato.

L’Assemblea di Strasburgo ha anche modificato la legislazione dell’UE sulla condivisione degli sforzi, che copre le emissioni di gas a effetto serra nei settori non inclusi nell’ETS, che rappresentano circa il 60% delle emissioni dell’UE. Per la prima volta, tutti gli Stati membri dell’UE dovrebbero ridurre le emissioni di gas serra con obiettivi compresi tra il 10 e il 50%. Gli eurodeputati chiedono maggiore trasparenza e minore flessibilità per prendere in prestito, depositare e trasferire quote di emissioni.

Per maggiori dettagli, consultare il comunicato stampa separato.

Il PE ha convenuto di aumentare l’obiettivo di assorbimento di carbonio dell’UE per l’uso del suolo, il cambiamento dell’uso del suolo e il settore forestale (LULUCF), che aumenterebbe di fatto l’obiettivo di riduzione dei gas a effetto serra dell’UE per il 2030 al 57%.

L’agricoltura del carbonio per fornire 50 milioni di tonnellate di CO2 in più equivalenti agli assorbimenti netti

I deputati europei vogliono sotto-obiettivi per terreni coltivati, prati e zone umide sia a livello dell’UE che degli Stati membri

Gli obiettivi di rimozione dei gas a effetto serra per il 2035, 2040, 2045 e 2050 devono essere fissati entro la fine del 2024.

Per maggiori dettagli, consultare il comunicato stampa separato.

sugli standard di emissione di CO2 per auto e furgoni e sul CORSIA adottati la scorsa settimana, dovrebbero essere votati durante la sessione plenaria del 6-9 giugno, dopo di che il Parlamento sarà pronto per avviare i negoziati con i governi dell’UE.

La posizione del Parlamento sulla riserva di stabilità del mercato per l’ETS è stata adottata dalla plenaria in aprile.
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nel tentativo di raggiungere l’ambizioso obiettivo climatico dichiarato, l’UE sta procedendo alla revisione normativa dei settori che hanno un impatto diretto sul programma “Pronti per il 55%”. Fra questi rientra il settore dei trasporti, l’unico in cui le emissioni di gas serra sono aumentate di oltre il 25% rispetto ai livelli del 1990. I trasporti producono circa un quinto del totale delle emissioni. Lo riferisce un comunicato stampa del Parlamento europeo

Il trasporto stradale è responsabile della più alta percentuale di emissioni nel settore dei trasporti, scrive il PE. Nel 2021 ha prodotto il 72% del totale di gas serra nel settore dei trasporti, sia a livello interno nell’UE che a livello internazionale. Le autovetture e i furgoni (“veicoli commerciali leggeri”) producono circa il 15% delle emissioni totali di CO2 dell’UE.

Dati recenti, continua Strasburgo, ci dimostrano che, dopo un continuo declino, dall’anno scorso le emissioni medie delle nuove auto sono salite a 118,5g di CO2 per chilometro. Secondo le norme vigenti, le nuove auto non dovrebbero emettere in media più di 95g di CO2 per chilometro a partire dal 2021.

Le auto elettriche sono più frequenti sulle nostre strade, ma costituiscono ancora solo l’1,5% delle registrazioni di auto nuove, constata l’Assemblea di Strasburgo.

Nel 2019, la media delle emissioni di Co2 per le auto nuove era di 122,3 Co2/km, ovvero meglio dell’obiettivo UE di 130 g CO2/km fissato per il periodo 2015-2019, ma ben al di sopra rispetto all’obiettivo di 95 g/km fissato per il 2021 in poi.

Il numero di auto elettriche è cresciuto rapidamente, rappresentando l’11% delle autovetture di nuova immatricolazione nel 2020.

Fatti e cifre nelle infografiche del PE.

Nel luglio 2021, ricorda il PE, la Commissione europea ha lanciato la proposta di ridurre il limite per le emissioni di auto e furgoni di un ulteriore 15% a partire dal 2025. Questa proposta verrà seguita da una ulteriore riduzione del 55% per le auto e del 50% per i furgoni entro il 2030, per poi raggiungere emissioni zero entro il 2035.

Gli obiettivi vengono indicati in percentuale poiché lo standard di 95 g/km dovrà essere ricalcolato secondo nuove e più rigorosi test di emissioni che riflettano meglio le condizioni di guida.

In una relazione approvata l’11 maggio, gli eurodeputati della commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (ENVI) hanno appoggiato l’obiettivo della Commissione europea che prevede strade a emissioni zero entro il 2035. “La commissione parlamentare ENVI afferma che la Commissione europea dovrebbe riferire sui progressi compiuti verso l’azzeramento delle emissioni stradali e del suo impatto sui consumatori e sull’occupazione entro la fine del 2025”.

I deputati europei vorrebbero inoltre che, entro il 2023, la Commissione europea sviluppasse una metodologia di valutazione sull’intero ciclo di vita delle emissioni di CO2 di automobili e furgoni, ivi compresi il carburante e l’energia consumati.

La relazione ENVI dovrebbe essere adottata nella plenaria del PE di giugno, il che consentirebbe agli eurodeputati di avviare i negoziati con i governi dell’UE.

Le altre misure dell’UE per ridurre le emissioni di carbonio

Il sistema di scambio di quote di emissione dell’UE e la sua riforma in breveTaglio delle emissioni di gas serra nell’UE: obiettivi nazionali per il 2030Cambiamento climatico: utilizzare le foreste dell’UE per compensare le emissioni di carbonio
0

E-News, climate change, UCLG, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il sito dell’UCLG (United Cities and Local Governments) rende noto che Anne Hidalgo, co-presidente dell’UCLG, sindaco di Parigi, presidente dell’Associazione internazionale dei sindaci francofoni e Robert Beugré Mambé, segretario generale dell’Associazione internazionale dei sindaci francofoni e vicepresidente per l’Africa del C40, terranno un vertice internazionale di Sindaci per il clima il 1 e 2 luglio, un’iniziativa congiunta con l’AIMF, pensata per essere una “COP delle città” in Africa.

Questo evento in un formato ibrido convocherà i sindaci di tutto il mondo ad Abidjan, facendo affidamento sul supporto di reti di funzionari locali eletti attivi nella lotta contro il riscaldamento globale e la transizione ecologica delle città, in collaborazione con Climate Opportunità. Raccoglierà le città dell’AIMF, che l’Assemblea Generale precederà l’evento.

L’incontro si concentrerà sulla riaffermazione dell’impegno delle città per mitigare il cambiamento climatico e il loro coinvolgimento attivo, soprattutto in Africa in vista della celebrazione della 27a sessione della Conferenza delle Parti (COP 27) dell’UNFCCC che si svolgerà a Sharm El -Sheikh in Egitto, 7-18 novembre 2022.

0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha annunciato il 4 maggio i cinque progetti selezionati per il bando da 25 milioni di euro per lo sviluppo di “dimostratori di fari “ del New European Bauhaus (NEB). La Commissione sta attualmente negoziando convenzioni di sovvenzione con i beneficiari selezionati. Lo rende noto un comunicato stampa di Bruxelles.

I progetti creeranno spazi più sostenibili, inclusivi e belli in località dell’UE e coinvolgeranno i cittadini nella transizione verde a livello locale.

I cinque progetti selezionati riceveranno un finanziamento di circa 5 milioni di euro ciascuno per attuare i loro piani in 11 Stati membri tra i quali l’Italia, nonché in Norvegia e Turchia . Tratteranno argomenti come il rinnovamento degli edifici, la circolarità, le arti, il patrimonio culturale, l’istruzione, le città intelligenti, la rigenerazione urbana e rurale e altro ancora. I progetti sono:

CULTUURCAMPUS (Cultuurcampus: un hub sostenibile di arti, ricerca, apprendimento e comunità come catalizzatore): attraverso la fusione di istruzione, ricerca, politica e cultura e considerando le esperienze vissute dei suoi residenti, Cultuurcampus mira a trasformare l’area urbana svantaggiata di Rotterdam sud (NL). Il Cultuurcampus sarà in un edificio storico e fungerà da hub per diversi gruppi e attività.

NEB-STAR (New European Bauhaus STAvangeR): NEB-STAR mostrerà come i piani di trasformazione territoriale possono incorporare i principi e i valori del NEB a Stavanger (NO), Praga (CZ) e Utrecht (NL). Il progetto affronterà quattro sfide emblematiche legate alle città a impatto climatico zero, tutte tenendo conto delle esigenze e delle preoccupazioni locali attraverso la co-creazione con i residenti e le parti interessate.

NEBhourhoods (NEBhourhoods): NEBhourhoods prepara Monaco-Neuperlach (DE) per il futuro come tracciato dal Green Deal europeo per quanto riguarda l’ambiente costruito, la circolarità, la mobilità, l’energia, il cibo e la salute. Il progetto si baserà sui punti di forza dell’area – senso di comunità, vaste aree verdi, alloggi su larga scala, anche se necessitano di ristrutturazione – e affronterà i suoi punti deboli – una disoccupazione superiore alla media e livelli di istruzione inferiori alla media.

DESIRE (Designing the Irresistible Circular Society ): il progetto vuole affrontare le grandi sfide che le società e le città devono affrontare: il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità e le sfide delle risorse. Basato su tre temi principali di inclusività, circolarità e riconciliazione delle città con la natura, il progetto utilizzerà arte, architettura e design per esplorare modi alternativi di trasformare i territori in diverse città europee (DK, NL, SI, IT, LV).

EHHUR (EYES HEARTS HANDS Urban Revolution): il progetto supporta le città e i residenti vulnerabili nella trasformazione del loro ambiente costruito. Distribuito in sette diverse località dell’UE e dei paesi associati (DK, EL, BE, PT, TR, HR, IT), cercherà di affrontare le sfide socioeconomiche e culturali come la segregazione sociale, la povertà energetica e il degrado degli spopolati centri storici.

I progetti contribuiranno con idee e soluzioni innovative entro due anni, contribuendo a indicare la strada da seguire per altre azioni NEB. Poiché sono diffusi in tutta Europa, i progetti forniranno una varietà di risultati che possono essere adattati e replicati in attività e dimostrazioni simili in Europa e oltre, contribuendo a ispirare progetti futuri.

I progetti contribuiranno anche alle missioni dell’UE. Le missioni hanno molto in comune con la NEB, con entrambe le iniziative volte ad affrontare le principali sfide in materia di salute, clima e ambiente attraverso un più stretto coinvolgimento con i cittadini e sfruttando il potere della ricerca e dell’innovazione.

Un altro progetto, l’azione di coordinamento e supporto CRAFT (CReating Actionable FuTures), sosterrà tutti e cinque i progetti selezionati, nonché i futuri progetti del faro NEB, con un finanziamento di 2 milioni di euro. CRAFT testerà modelli locali collaborativi per le trasformazioni NEB in tre ‘città sandbox’ (Amsterdam, Bologna e Praga) e guiderà le 100 città selezionate nell’ambito della missione ‘Climate Neutral and Smart Cities’ .

Approfondisci

Nuovo sito web europeo del Bauhaus

Sito web delle missioni dell’UE

0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nella Risoluzione del Parlamento europeo su una strategia “Dal produttore al consumatore» per un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell’ambiente” pubblicata il 5 maggio dalla Gazzetta ufficiale C184, si sottolinea l’importanza dei finanziamenti dell’UE per la ricerca e l’innovazione, in particolare per le PMI e i piccoli agricoltori, in quanto “elementi essenziali per accelerare la transizione verso un sistema alimentare europeo più sostenibile, produttivo, diversificato, locale, sano e inclusivo. Il PE incoraggia il settore agroalimentare a utilizzare attivamente i finanziamenti ad esso destinati nell’ambito di Orizzonte Europa a tale scopo. Sottolinea altresì la necessità di agevolare gli investimenti necessari per incoraggiare le pratiche sostenibili, l’economia circolare e la bioeconomia.

L’Assemblea di Strasburgo sottolinea che l’introduzione di nuove tecnologie e tecniche di agricoltura intelligente, inclusa la digitalizzazione e sistemi protetti di coltivazione, possono rivelarsi vantaggiosi per migliorare l’efficienza, l’uso delle risorse e la sostenibilità ambientale, e possono portare vantaggi economici positivi dalla produzione agricola; riconosce che l’innovazione deve restare compatibile con il ripristino e la promozione delle pratiche e delle conoscenze tradizionali, in particolare di quelle adattate alle caratteristiche agroclimatiche di ciascuna area.

Nella Risoluzione viene rimarcata l’importanza degli istituti d’istruzione superiore “nel favorire la promozione della ricerca e dell’innovazione e nel fornire consulenza sulle migliori pratiche sostenibili”; riconosce il ruolo delle università nello sviluppo e nella transizione dei settori agroalimentari in regioni con caratteristiche specifiche, tra cui le regioni ultraperiferiche; accoglie con favore l’intento della strategia di aiutare le PMI di trasformazione, i piccoli dettaglianti e gli operatori del settore alimentare al fine di consentire loro di sviluppare nuove competenze, facendo attenzione nel contempo a non sottoporle a ulteriori oneri amministrativi; sottolinea l’importanza strategica degli approcci collettivi attraverso le organizzazioni di produttori e le cooperative per riunire gli agricoltori nel conseguimento dei loro obiettivi.

SCARICA LA RISOLUZIONE COMPLETA IN ITALIANO (PDF)
0

E-News, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La DG Politica Regionale della Commissione europea inform che la quinta edizione del Meeting Just Transition Platform (JTP) – Coal Regions in Transition virtual week e seminari sulle regioni ad alta intensità di carbonio si svolgerà dal 10 al 12 maggio 2022.

L’evento online sarà co-ospitato dalla DG REGIO e dalla DG ENER, con partecipanti inclusi i Commissari Elisa Ferreira, Kadri Simson e Nicolas Schmit.

Registrati alla riunione della Just Transition Platform (JTP)

Questo incontro di tre giorni faciliterà lo scambio e l’interazione tra le parti interessate nel viaggio verso un’Europa climaticamente neutra.

L’evento affronterà il ruolo rafforzato della politica di coesione e il suo contributo all’accelerazione della transizione climatica e all’impatto sulla sicurezza energetica e sull’economia dell’UE.

Si aggiornerà sullo stato di avanzamento dei piani territoriali per una transizione giusta e sulla loro attuazione, nonché sulla preparazione del meccanismo di prestito del settore pubblico, il terzo pilastro del meccanismo per una transizione giusta.

Le sessioni forniranno anche aggiornamenti dai gruppi di lavoro della piattaforma per una transizione giusta, affronteranno le sfide di una transizione giusta del carbone, della torba, dello scisto bituminoso e delle regioni ad alta intensità di carbonio e metteranno in luce il ruolo dei giovani in questo processo.

L’incontro comprenderà anche un dialogo multilivello organizzato dal Comitato delle regioni, incentrato sulla cooperazione regionale transfrontaliera per una transizione giusta.

Il programma completo e le descrizioni dettagliate delle sessioni su Swapcard.

Ulteriori informazioni:

Se si hanno domande sulla logistica dell’evento o problemi con la compilazione del modulo di registrazione, invia un’e-mail a: events@justtransitionplatform.eu

Se sei interessato a rivedere le registrazioni delle sessioni del precedente Just Transition Platform Meeting del novembre 2021, queste sono disponibili sui canali YouTube della DG REGIO e della DG ENER.
0

E-News, coesione, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il 22 aprile, in occasione dell’International Mother Earth Day, istituito dalle Nazioni Unite nel 2009, OpenCoesione ha pubblicato un focus dedicato agli interventi della politica di coesione comunitaria relativi al ciclo 2014-2020 per contrastare gli effetti del cambiamento climatico e una Data Card che descrive alcuni dei progetti inclusi in questo “perimetro di policy”.

OpenCoesione è una iniziativa di open government sulle politiche di coesione in Italia, coordinata dal Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri istituito in seguito alla trasformazione del Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica (DPS) del Ministero dello sviluppo economico. Si rivolge a cittadini singoli e organizzati, amministratori, tecnici e imprenditori dell’innovazione, ricercatori e giornalisti perché tutti abbiano a disposizione dati e informazioni per valutare l’efficacia e la coerenza dell’impiego delle risorse delle politiche di coesione.

I progetti raccolti nel focus sono complessivamente 6.575, per un valore di 13,24 miliardi di euro (dati aggiornati al 31 dicembre 2021). Fanno riferimento in particolare al FESR, Fondo europeo per lo sviluppo regionale 2014-2020.

La Data Card ne racconta cinque, scelti per rappresentare i diversi ambiti d’intervento delle politiche di coesione comunitarie: per fare alcuni esempi, ci sono progetti che prevedono la produzione di energia da fonti rinnovabili o il rinnovo di infrastrutture pubbliche sul piano dell’efficienza energetica, a cui è collegato un coefficiente del 100%, in relazione al contributo al clima, in termini di riduzione delle emissioni di CO2; lo stesso vale per la realizzazione di piste ciclabili; alle infrastrutture ferroviarie è invece associato un coefficiente del 40%, che riconosce la capacità di queste ultime di “modificare” le abitudini modali delle persone, passando dal trasporto su gomma o aereo a modalità più efficienti, come appunto il treno.

Qui è possibile leggere la Data Card

Scaricare il focus di policy
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 11NO NEW POSTS