E-News, bandi comunitari, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
L’Istituto BEI (Banca Europea per gli investimenti) organizza l’undicesima edizione del Torneo dell’innovazione sociale. Lo rende noto la Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C23 del 17 gennaio.

Il Torneo dell’innovazione sociale promuove le idee innovative e premia le iniziative che creano un impatto sociale e ambientale. I progetti coinvolti spaziano dall’istruzione all’assistenza sanitaria e alla creazione di posti di lavoro, dalle nuove tecnologie ai sistemi e ai processi. Tutti i progetti concorreranno per l’assegnazione di quattro premi, due per la Categoria generale e due per la Categoria speciale, che quest’anno sarà dedicata ai progetti nel settore dell’economia verde e blu. Ai progetti vincitori delle due categorie saranno assegnati un primo o un secondo premio rispettivamente di 75 000 e 30 000 euro, nonché un premio Beniamino del pubblico di 10 000 euro.

Il torneo si svolge in due turni. Un comitato di selezione composto principalmente da esperti del Gruppo BEI in innovazione, ambiente e altre discipline pertinenti seleziona 15 finalisti. I finalisti partecipano a un programma di formazione su misura (Mentoring Bootcamp, e-training sulle tecniche di pitching e comunicazione, Rehearsal Bootcamp) per fornire loro la guida necessaria per finalizzare le loro proposte e prepararle per il Pitching Competition dove tutti i finalisti devono presentare e difendere il proprio progetto a una giuria di specialisti dell’innovazione sociale.

LINEE GUIDA PER I CANDIDATI

SCADENZA 24 FEBBRAIO

ALTRE SCADENZE CHIAVE

Clicca qui per seguire l’Istituto BEI su Facebook
0

E-News, bandi comunitari, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea ha adottato il 13 gennaio il programma di lavoro 2022 di Europa creativa, a cui seguirà il lancio dei relativi inviti a presentare proposte. Con un budget di circa 385 milioni di euro, quasi 100 milioni di euro in più rispetto al 2021, Europa creativa rafforza il suo sostegno ai partner creativi e culturali tenendo debitamente conto delle sfide derivanti dalla crisi del COVID-19 e dalla crescente concorrenza globale.

Il filone culturale del programma includerà nuovi bandi e iniziative per i settori della musica, del patrimonio culturale, delle arti performative e della letteratura. Inoltre, lancerà un programma di mobilità, offrendo opportunità ad artisti, creatori o professionisti della cultura di recarsi all’estero per lo sviluppo professionale o per collaborazioni internazionali e per trovare nuovo pubblico, co-produrre, co-creare o presentare il proprio lavoro.

Il filone MEDIA si concentra sull’audiovisivo e nel 2022 verranno introdotte diverse novità. Sarà finanziato il sostegno allo sviluppo di videogiochi innovativi ed esperienze di realtà virtuale. Una nuova azione, “MEDIA 360 gradi”, si rivolgerà ai principali forum industriali che si impegnano con le imprese lungo la catena del valore audiovisivo. Per stimolare ulteriormente l’innovazione, sarà lanciato il Media Market Gateway per le start-up promettenti. La collaborazione tra i festival cinematografici sarà rafforzata attraverso le reti.

Infine, il filone intersettoriale aumenterà i finanziamenti per il Creative Innovation Lab per progetti di innovazione congiunta che coinvolgono diversi settori creativi, contribuendo anche al New European Bauhaus. Amplierà inoltre il sostegno ai mezzi di informazione attraverso misure aggiuntive per coltivare la libertà dei media.

Europa creativa affronterà anche le questioni chiave che interessano i settori culturale e creativo. Saranno necessari progetti finanziati da MEDIA per attuare strategie per l’ecologizzazione e la diversità, compreso l’equilibrio di genere. Europa creativa contribuirà alle priorità politiche della Commissione in materia di sostenibilità e inclusione. Il programma comprenderà iniziative che coprono ulteriori priorità dell’UE, come il contributo alla strategia dell’UE sulla lotta all’antisemitismo e la promozione della vita ebraica, nonché l’ Anno europeo della gioventù . I settori culturali e creativi sono inoltre incoraggiati a utilizzare CulturEU , la guida online lanciata di recente a tutti i finanziamenti dell’UE a loro disposizione.

Il Programma di lavoro annuale 2022 per l’attuazione del programma Europa creativa
0

E-News, bandi comunitari, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione Europea ha promosso un bando rivolto alle città per aderire alla missione “Climate-Neutral and Smart Cities”, con l’obiettivo di raggiungere 100 città europee climaticamente neutre e intelligenti entro il 2030 e consentire a tutte le città europee di seguire l’esempio entro il 2050.

“L’adesione alla missione metterà le città selezionate in prima linea nell’innovazione nella transizione verso la neutralità climatica ”, si legge nel sito web della Commissione. Poiché la lotta contro il cambiamento climatico si rivolge sempre più all’implementazione di soluzioni, le città sono nella posizione migliore per essere le prime ad adottare le politiche per raggiungere la neutralità climatica. Nel processo, consentirà loro di offrire molteplici vantaggi alle loro comunità in termini di riduzione dell’inquinamento atmosferico e acustico, meno congestione, bollette energetiche più basse e stili di vita più sani.

Le città possono partecipare al bandoù fino al 31 gennaio 2022. Dopo la valutazione da parte di esperti indipendenti, la Commissione annuncerà l’elenco delle città partecipanti selezionate entro aprile 2022.
0

E-News, bandi comunitari, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Sulla Gazzetta ufficiale C473 del 24 novembre è stato pubblicato il bando di gara relativo al Programma Erasmus+.

Può partecipare al bando e richiedere un finanziamento qualsiasi organismo, pubblico o privato, attivo nel campo dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport.
I gruppi di giovani che operano nell’animazione socioeducativa, ma non necessariamente nel contesto di un’organizzazione giovanile, possono inoltre presentare domanda di finanziamento per la mobilità ai fini dell’apprendimento dei giovani e degli animatori socioeducativi, per le attività di partecipazione dei giovani e per l’azione DiscoverEU a favore dell’inclusione.

Il bilancio totale destinato al presente invito a presentare proposte è stimato a 3 179 milioni di EUR.

Il presente invito a presentare proposte comprende le seguenti azioni del programma Erasmus+:

Azione chiave 1 – Mobilità individuale a fini di apprendimento
Mobilità individuale nei campi dell’istruzione, della formazione e della gioventù
Attività di partecipazione dei giovani
DiscoverEU – Azione a favore dell’inclusione
Scambi virtuali nel campo dell’istruzione superiore e della gioventù

Azione chiave 2 – Cooperazione tra organizzazioni e istituzioni
Partenariati per la cooperazione
Partenariati di cooperazione
Partenariati su scala ridotta
Partenariati per l’eccellenza
Centri di eccellenza professionale
Teacher Academy di Erasmus+
Azione Erasmus Mundus
Partenariati per l’innovazione
Alleanze per l’innovazione
Progetti lungimiranti
Sviluppo delle capacità nei campi dell’istruzione superiore, dell’istruzione e formazione professionale, della gioventù e dello sport
Eventi sportivi europei senza scopo di lucro

Azione chiave 3 – Sostegno allo sviluppo delle politiche e alla cooperazione
European Youth Together
Azioni Jean Monnet
Jean Monnet nel campo dell’istruzione superiore
Jean Monnet in altri ambiti dell’istruzione e della formazione

VAI ALLA GUIDA DEL PROGRAMMA ERASMUS, dove trovate le condizioni dettagliate del presente invito a presentare proposte, comprese le priorità e le scadenze.
0

E-News, bandi comunitari, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Un settore duramente colpito dalla pandemia da COVID-19, quello della cultura, riceve un aiuto importante dall’Europa: la Commissione europea ha infatti lanciato una nuova guida interattiva che mappa tutte le opportunità di finanziamento disponibili a livello europeo per i settori culturali e creativi.

Si chiama CulturEU lo sportello unico per i finanziamenti dell’Unione europea e raccoglie 75 opportunità di finanziamento da 21 diversi programmi dell’UE, da Europa creativa e Orizzonte Europa ai fondi strutturali e InvestEU.

Lo strumento online interattivo può indirizzare qualsiasi entità culturale europea al sostegno finanziario dell’UE più appropriato a sua disposizione.

APPROFONDIMENTI SUL TEMA
Guida ai finanziamenti di CultureEU
Europa creativa 2021-2027
Piattaforma Creative Unite
0

E-News, bandi comunitari, climate change, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Si apre il 15 ottobre 2021 si aprirà il terzo bando dell’European City Facility (EUCF), finanziata dal programma Horizon 2020, che supporta gli enti locali e gli enti pubblici locali nello sviluppo di strategie per accelerare gli investimenti nell’ambito dell’energia sostenibile.

L’EUCF mette a disposizione una sovvenzione di 60.000 euro per servizi e attività volti a sostenere lo sviluppo di strategie di investimento, come studi di fattibilità, analisi di mercato, analisi degli stakeholder, analisi legali, economiche e finanziarie, e altri servizi.
In particolare, EUCF nasce per aiutare a superare due principali ostacoli, ovvero: mancanza di capacità finanziaria o legale delle autorità locali per trasformare le proprie strategie energetiche e climatiche di lungo periodo (SEAP e SECAP) in solidi concept di investimento;
mancanza di capacità di aggregazione tra piccoli progetti e quindi scarsa attrattività per il settore finanziario.

I candidati devono essere in grado di dimostrare l’esistenza di (i) piani energetici e climatici; (ii) impegno politico (es. lettera di sostegno da parte del sindaco) e (iii) impegno per il periodo di monitoraggio per i due anni successivi alla presentazione finale della strategia di investimento.

Il bando ha un budget totale di 4,14 milioni di euro e sosterrà lo sviluppo di 69 strategie di investimento. È possibile candidarsi entro il 17 dicembre 2021 attraverso la pagina web dedicata.
Leggi tutti i dettagli.
0

E-News, bandi comunitari, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) e la Commissione europea stanno avviando una nuova iniziativa pilota di garanzia volta a migliorare l’accesso ai finanziamenti per le persone e le organizzazioni che intendono investire nelle competenze e nell’istruzione. L’iniziativa pilota da 50 milioni di € sosterrà i finanziamenti destinati a studenti e discenti, imprese che investono nel miglioramento delle competenze dei dipendenti e organizzazioni erogatrici di istruzione e formazione.

L’iniziativa pilota di garanzia per le competenze e l’istruzione è una nuova iniziativa di finanziamento tramite ricorso al credito destinata a stimolare gli investimenti nell’istruzione, nella formazione e nelle competenze e a favorire così l’occupazione e la risposta alle mutevoli esigenze dell’economia europea. Questa iniziativa è particolarmente rilevante nella difficile situazione economica che i cittadini e le imprese europei si trovano ad affrontare a causa della pandemia di coronavirus. Sosterrà le imprese e gli studenti durante e dopo la crisi, al fine di garantire che l’Europa possa svilupparsi, rimanere all’avanguardia dell’evoluzione tecnologica globale, far progredire l’economia della conoscenza e accelerare la ripresa economica.

Durante la fase pilota l’iniziativa fornirà una garanzia dell’UE pari a un massimo di 50 milioni di €, con il sostegno del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS); in questo modo sarà possibile finanziare il ricorso al credito nell’ambito di progetti dedicati alle competenze e all’istruzione in Europa, con l’obiettivo di mobilitare più di 200 milioni di € di finanziamenti totali. Gli istituti di finanziamento o gli erogatori di istruzione e formazione interessati possono candidarsi a diventare intermediari finanziari e a partecipare al programma rispondendo all’invito a manifestare interesse pubblicato dal Fondo europeo per gli investimenti. La selezione degli intermediari finanziari è gestita dal Fondo europeo per gli investimenti.

Il Fondo europeo per gli investimenti fornirà gratuitamente una garanzia (o controgaranzia) limitata di prima perdita a intermediari finanziari selezionati che creino nuovi portafogli di finanziamento tramite ricorso al credito a favore di studenti e imprese. Gli studenti e le imprese ammissibili potranno accedere a diversi tipi di finanziamento (ad esempio prestiti, dilazioni di pagamento, prestiti collegati al reddito ecc.) tramite intermediari finanziari specifici, quali istituti di finanziamento, università e centri di formazione professionale, garantiti dall’UE. In ultima analisi questo strumento permetterà ai beneficiari finali di accedere ai finanziamenti più facilmente e a condizioni migliori.

L’iniziativa sarà varata quest’anno nella sua fase pilota, con l’obiettivo di renderla uno strumento finanziario europeo standard dopo il 2020, nell’ambito del prossimo quadro finanziario pluriennale dell’UE (2021-2027). Il polo europeo di consulenza sugli investimenti inoltre fornirà sostegno allo sviluppo delle capacità per contribuire a promuovere l’iniziativa pilota.

L’iniziativa pilota di garanzia per le competenze e l’istruzione mira a sostenere i seguenti beneficiari finali: le persone (studenti e discenti) che desiderano continuare a studiare e a migliorare le loro competenze avvalendosi dell’università, della formazione professionale, dell’apprendimento permanente e di altre forme di istruzione, anche mediante strumenti digitali.

Il progetto pilota sosterrà anche la mobilità degli studenti e dei discenti impegnati in programmi di istruzione in uno Stato membro diverso da quello di residenza;
le imprese europee che contribuiscono a tali sforzi di trasformazione delle competenze e li facilitano investendo nel miglioramento e nell’utilizzo delle competenze della propria forza lavoro. Ciò contribuisce ad aumentare la competitività e la produttività delle imprese, preservando nel contempo i posti di lavoro;
le organizzazioni europee attive nel campo dello sviluppo delle competenze, della formazione e dell’istruzione o che sviluppano progetti nel settore dell’istruzione. Il loro obiettivo è migliorare in modo significativo l’ecosistema dei servizi connessi all’istruzione, alla formazione e alle competenze, anche mediante strumenti digitali. In questa categoria rientrano anche le scuole dell’infanzia, i servizi di assistenza alla prima infanzia e altre organizzazioni analoghe.
.
Per ulteriori informazioni.

Invito a manifestare interesse del Fondo europeo per gli investimenti
.
.
Sito web del Fondo europeo per gli investimenti strategici
.
.
Polo europeo di consulenza sugli investimenti
0

E-News, bandi comunitari, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Al via la XIII edizione dei premi Regiostars, il riconoscimento assegnato annualmente dalla Commissione europea ai progetti regionali più innovativi finanziati attraverso la politica di coesione. C’è tempo fino al 9 maggio per inviare la documentazione richiesta e candidarsi a vincere in una delle seguenti cinque categorie: Transizione industriale per un’Europa intelligente (crescita intelligente);
Economia circolare per un’Europa verde (crescita sostenibile);
Competenze e istruzione per un’Europa digitale (crescita inclusiva);
Coinvolgimento dei cittadini per città europee coese (sviluppo urbano);
30 anni di Interreg: responsabilizzazione dei giovani per la cooperazione transfrontaliera (argomento dell’anno).
Clicca qui per la guida completa al premio
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 2NO NEW POSTS