E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie

Bonaccini: “un ponte tra Africa ed Ue, grazie agli enti locali”

  • Africa ed Europa sono interdipendenti ed esprimono un destino comune, lo sviluppo di un Continente significa lo sviluppo dell’altro. Gli enti territoriali sono i soggetti che possono costruire, attraverso partenariato e cooperazione, il ponte tra Africa ed Europa: così Stefano Bonaccini, Presidente dell’AICCRE e del CCRE, in apertura del I  Forum UA-UE dei Governi locali e regionali, che si è svolto il  27 novembre, ad Abidjan, in Costa d’Avorio a ridosso del V Summit Unione Africana-Unione Europea che si svolgerà sempre ad Abidjan i prossimi 29 e 30 novembre 2017 e che ridefinirà gli orientamenti strategici del Partenariato UA-UE per gli anni futuri.

 “A livello subnazionale, ha detto il Presidente, collaboriamo da molti anni ed è giunto il momento di renderlo visibile in un contesto di partenariato UA-UE. l’Africa non è la causa dei problemi dell’Europa, “ma farà parte della risposta alle sfide che affronteremo insieme: il futuro dell’Africa è il futuro dell’Europa. Come rappresentanti delle città e delle regioni d’Europa, posso solo sottolineare che siamo desiderosi di contribuire a questo futuro sostenibile di entrambi i continenti”. Cambiamento climatico, migrazione, emancipazione dei giovani e sviluppo economico locale, sono sfide condivise ed interconnesse: “ciò che accade economicamente in Europa influenza l’Africa, ciò che accade economicamente in Africa influenza l’Europa”, ha sottolineato Bonaccini.  

“I nostri messaggi sono rivolti all’Unione africana (UA) e all’Unione europea (UE) affinché includano i governi locali e regionali come partner alla pari nella progettazione di politiche e programmi, affinché ascoltino le nostre voci perché abbiamo molta esperienza e capacità, necessarie per trasformare in un successo qualsiasi strategia per lo sviluppo sostenibile. La nostra stretta relazione con i nostri cittadini è il nostro contributo chiave”.

Chiediamo all’UA e all’UE di ascoltarci, ma dobbiamo anche ascoltarci l’un l’altro come partner alla pari. Ascolteremo e verificheremo iniziative concrete: l’Africa ha una rete di donne elette localmente (REFELA) e l’Europa ha la Carta dell’uguaglianza delle donne e degli uomini a livello locale: stiamo entrambi costruendo una rete di giovani eletti consiglieri e dovremmo uscire dal Forum di oggi con idee concrete che possiamo acquisire gli uni dagli altri. E se l’Unione africana e l’Unione europea sono seriamente intenzionate ad investire nell’emancipazione dei giovani e delle donne, io li invito a sostenere questo tipo di iniziative attraverso una partnership comune”.

L’Unione europea ha più volte riconosciuto il ruolo dei governi locali e regionali come attori per lo sviluppo, e che l’Unione africana ha ora anche una Carta sull’autogoverno locale e il decentramento, ma notiamo, ha precisato il Presidente, “che i governi subnazionali sono ancora di fatto ancora in gran parte assenti nei dialoghi politici a livello continentale. Speriamo che questa carenza venga colmata al più presto”: l’Agenda2063 dell’Unione Africana, il Consenso europeo sullo sviluppo e l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite riconoscono chiaramente che “gli obiettivi non saranno raggiunti senza i governi locali e regionali attivamente impegnati, mobilitati e autorizzati ad agire”. Il sostegno che abbiamo ricevuto dall’Unione europea attraverso l’accordo quadro di partnership con CCRE/CEMRPLATFORMA e UCLG-Africa e l’approvazione della Commissione dell’Unione africana per questo primo Forum dei governi locali Africa-Europa “è un segnale incoraggiante e speriamo che sia solo l’inizio. Tra un anno ci uniremo ai nostri colleghi dell’UCLG-Africa nella loro Africities Conference a Brazzaville per fare il punto sulla situazione di questo processo”.

“Infine, ha concluso Bonaccini, ricordo il valore e l’importanza delle partnership. Le città e le regioni europee vantano una lunga tradizione di ciò che viene spesso definito cooperazione decentrata o gemellaggi. Queste partnership hanno un impatto concreto nella costruzione delle capacità di governance di entrambi i partner ed innescano veri e propri cambiamenti sistemici a livello subnazionale. Tale partnership potrebbe migliorare la capacità delle città e delle regioni di pianificare e gestire strategicamente il territorio. Non dimentichiamo che qualsiasi società civile o iniziativa privata sarà veramente di successo e sostenibile se si verificherà in un contesto governato da un governo locale capace e responsabile. Il desiderio di accrescere il ruolo dei settori privati ​​nello sviluppo è comprensibile, ma dobbiamo insistere oggi nel nostro ruolo di guida di questi processi – e in molti Paesi c’è bisogno di maggiori capacità a livello locale per impegnarsi con grandi aziende esterne in modo da offrire beneficio a tutti”.

 

Author