E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La mostra “L’Italia in Europa – L’Europa in Italia” arriva a Taranto dove sarà esposta dal 15 al 29 febbraio presso il chiostro del Dipartimento Jonico dell’Università degli studi di Bari.

Lo rendee noto il sito del Dipartimento per gli Affari Europei.



La tappa tarantina è promossa dal Centro Europe Direct Taranto e dalla Cattedra Jean Monnet “EU Solidarity in (Times of) Crisis?” (EUSTiC) e si inserisce nell’ambito della campagna #UsaIlTuoVoto lanciata dalle istituzioni UE in vista della prossime elezioni europee dell’8-9 giugno.

APPROFONDISCI
0

E-News, cplre, diritti umani ed uguaglianza, Ultime Notizie, Notizie
Nella riunione del 12 febbraio, il gruppo ad alto livello del Congresso dei Poteri Localie Regionali del Consiglio d’in particolare per quanto riguarda il ruolo delle città e delle regioni nella ricostruzione e nella ripresa dell’Ucraina, sostenendo i diritti umani e lo Stato di diritto a livello locale e garantendo un maggiore impegno democratico dei giovani, a seguito del vertice di Reykjavik del Consiglio d’Europa del maggio 2023.

I partecipanti hanno esaminato lo stato attuale della democrazia locale e regionale e del decentramento in Europa, la guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina e le sfide del cambiamento climatico, l’ascesa dell’estrema destra e la polarizzazione delle società.

L’incontro ha esaminato in particolare il lavoro in corso nell’ambito dell’Alleanza europea delle città e delle regioni per la ricostruzione dell’Ucraina e ha individuato potenziali aree di cooperazione per una migliore protezione dei diritti umani e il rafforzamento dello stato di diritto a livello locale.

Il Congresso era rappresentato dal presidente Marc Cools, dal presidente della Camera delle regioni Tunç Soyer e dal presidente della Camera dei poteri locali Bernd Vöhringer, assistiti dal segretario generale del Congresso Mathieu Mori. Il Presidente del CdR Vasco Alves Cordeiro e il presidente della commissione Cittadinanza, governance, affari istituzionali ed esterni (CIVEX) Patrick Molinoz, assistito dal segretario generale del CdR Petr Blížkovský, hanno rappresentato il Comitato delle regioni.L’incontro ha esaminato in particolare il lavoro in corso nell’ambito dell’Alleanza europea delle città e delle regioni per la ricostruzione dell’Ucraina e ha individuato potenziali aree di cooperazione per una migliore protezione dei diritti umani e il rafforzamento dello stato di diritto a livello locale.

0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


La Commissione eeuropea in un comunicato stampa rende noto di aver varato il 13 febbraio due grandi nuovi progetti a sostegno delle priorità dell’Unione europea della salute.

La prima azione si concentra sulla resistenza antimicrobica e sulle infezioni associate all’assistenza sanitaria, una delle principali minacce per la salute al giorno d’oggi. Il progetto mira a ridurre il rischio di esposizione dei cittadini a batteri resistenti agli antibiotici ed è sostenuto con 50 milioni di € nell’ambito del programma EU4Health, il che lo rende la più grande azione finanziata dall’UE in materia di resistenza antimicrobica. L’azione JAMRAI 2 riunisce tutti gli Stati membri dell’UE, oltre a Islanda, Norvegia e Ucraina, per lavorare in settori quali la prevenzione e il controllo delle infezioni, la sorveglianza e il monitoraggio, l’uso prudente degli antimicrobici, la sensibilizzazione e l’innovazione. In linea con l’approccio “One Health” necessario per affrontare la resistenza antimicrobica, l’iniziativa comprende attività relative alla salute animale e all’ambiente.

La seconda azione congiunta si concentra sulla prevenzione del cancro e di altre malattie non trasmissibili, quali le malattie cardiovascolari, il diabete e la salute mentale. Sarà finanziata con 76 milioni di € dal programma EU4Health e riunirà le autorità nazionali di 22 Stati membri dell’UE, oltre a Norvegia, Islanda e Ucraina, al fine di ottimizzare gli sforzi. L’azione congiunta “PreventNCD” costruirà inoltre un’infrastruttura europea globale per monitorare i fattori legati al cancro e ad altre malattie non trasmissibili, e si concentrerà sulla riduzione delle disuguaglianze sociali.
0

E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
La Commissione europea rende noto di aver ha adottato il 13 febbraio un regolamento che concede agli agricoltori europei un’esenzione parziale dalla norma di condizionalità per i terreni lasciati a riposo. Ciò fa seguito alla proposta della Commissione presentata il 31 gennaio e alle discussioni con gli Stati membri durante le riunioni di commissione. Il regolamento entrerà in vigore domani, 14 febbraio, e si applicherà retroattivamente a decorrere dal 1º gennaio per un anno, vale a dire fino al 31 dicembre 2024.

L’esenzione parziale tiene conto di numerose richieste da parte degli Stati membri per una maggiore flessibilità in modo da rispondere meglio alle sfide cui devono far fronte gli agricoltori dell’UE.

Anziché mantenere i terreni a riposo o mantenere elementi improduttivi sul 4% del seminativo, gli agricoltori dell’UE che coltivano colture azotofissatrici e/o colture intercalari sul 4% del seminativo saranno considerati conformi al cosiddetto requisito BCAA 8. Gli agricoltori che lo desiderano possono tuttavia continuare a soddisfare il requisito lasciando i terreni a riposo o mantenendo elementi non produttivi.

Gli Stati membri che desiderano applicare la deroga a livello nazionale devono darne notifica alla Commissione entro 15 giorni dall’entrata in vigore del regolamento, in modo che gli agricoltori possano essere informati quanto prima.

Per ulteriori informazioni consultare il comunicato stampa della Commissione
0