E-News, cooperazione, Master, In Evidenza, Notizie, Platforma
Tra poco più di un mese (15-30 novembre) si svolgeranno gli “European days of local solidarity” (EDLS) della rete PLATFORMA, la campagna annuale di 2 settimane gestita da città e regioni europee impegnate a informare e mobilitare i propri cittadini sui temi della solidarietà globale e dello sviluppo sostenibile.

Basato sui valori europei di democrazia, diversità e solidarietà, l’EDLS promuove la cooperazione decentralizzata e la cooperazione da città a città come strumento di successo per lo sviluppo sostenibile globale.

“Le città e le regioni di tutta Europa, scrivono gli organizzatori, agiscono per ridurre la povertà, affrontare le disuguaglianze, combattere i cambiamenti climatici e raggiungere uno sviluppo sostenibile globale in tutto il mondo. La cooperazione internazionale tra città e regioni crea un legame politico, culturale e sociale unico che rappresenta un esempio di solidarietà e rispetto. Ci connette con altre comunità nel mondo”.

Nel 2020, più di 70 città, regioni e province europee di 9 paesi europei hanno organizzato 60 eventi e attività in 2 settimane sotto l’EDLS!

GUARDA L’EDLS 2020 DELL’AICCRE


QUALI SONO I MESSAGGI CHIAVE?
-Le città e le regioni europee rafforzano la conoscenza dei cittadini sui temi dello sviluppo sostenibile globale.
-Le città e le regioni europee sostengono e promuovono iniziative di educazione allo sviluppo e cittadinanza attiva di grande impatto locale.
-Le città e le regioni europee promuovono l’impegno politico su scala nazionale, europea e globale a favore dello sviluppo sostenibile.

Organizza la tua attività EDLS tra il 15 e il 30 novembre 2021
(Co-)organizzato da una città o regione europea o da un’associazione di governi locali e regionali Un’opportunità per cittadini, eletti o funzionari locali o regionali, organizzazioni della società civile e altri attori locali di apprendere, scambiare, discutere e celebrare. Incentrato sul contributo delle città e delle regioni europee allo sviluppo sostenibile globale, con particolare attenzione alla loro cooperazione internazionale e ai partenariati città-città.
Scarica il volantino e la locandina EDLS!Oppure aggiungi il logo EDLS al tuo materiale per dare impulso alla tua iniziativa e rafforzare i suoi messaggi chiave. Verrà aggiunto anche all’ufficialitàAgenda EDLS e promosso tramite Twitter (#LocalSolidarityDays), raggiungendo un pubblico europeo più ampio!
Chiedi ai tuoi rappresentanti eletti locali o regionali di sostenere la campagna impegnandosi nei valori e nei principi dell’EDLS. Leggi e firma la Carta EDLS.

Scarica le linee guida e scopri come aderire all’EDLS 2021!

PAGINA EDLS SUL SITO DI PLATFORMA
0

E-News, politica europea, CEMR NEWS, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Nell’ambito del CEMR RETREAT 2021 – (IV edizione) si è svolto il 29 settembre dalle 14e30 alle 16 una sessione di lavoro con il Presidente del CEMR e dell’AICCRE Stefano Bonaccini : “Il futuro nell’ Europa: È tempo di un cambiamento locale“.

Ecco le domande guida che sono state il filo conduttore della sessione:

1. Quale potrebbe essere il ruolo dei governi locali e regionali e delle loro associazioni nel futuro dell’Europa?
2. Come possono i governi locali e regionali e le loro associazioni essere meglio integrati nella governance dell’UE e contribuire a costruire un’Europa più forte, più vicina ai suoi cittadini?
3. Come potremmo rafforzare il principio di sussidiarietà e dare più autonomia ai governi locali e regionali nell’attuazione delle politiche nazionali ed europee?

La sessione ha discusso il futuro dell’Europa nel quadro della Conferenza lanciata dalle istituzioni europee. I governi locali e regionali e le loro associazioni desiderano partecipare pienamente a questo processo ed esprimere la loro visione con i decisori europei di alto livello del Parlamento europeo, della Commissione europea e del Consiglio dell’Unione europea.

I lavori sono stati impostati come un dialogo tra rappresentanti di alto livello delle istituzioni europee e rappresentanti politici dei governi locali e regionali su come considerare al maglio la dimensione locale e regionale nella governance europea.

La sessione è stata parte integrante della Conferenza sul futuro dell’Europa e sarà riportata sulla piattaforma Internet dedicata.

Oltre al Presidente Bonaccini hanno partecipato:
Clément Beaune, Segretrio di Stato francese per gli Affari europei
Věra Jourová, Vice-Presidente della Commissione europea
Eva Maydell, Presidente del Movimento europeo internazionale e membro del Parlamento europeo

C’è stato un ampio consenso sulla necessità per i comuni e le regioni di coinvolgere i cittadini nei dibattiti, nonché di far sentire la propria voce nella Conferenza. Věra Jourová, ha sottolineato l’importanza dei comuni e delle regioni nella promozione dell’impegno civico. “Le autorità locali e regionali sono le più vicine ai cittadini e sono i nostri partner cruciali nel perseguimento di obiettivi e valori europei comuni, più recentemente anche nella promozione della Conferenza sul futuro dell’Europa”.

Sulla spesa dei fondi di coesione e recupero dell’UE, Jourová ha incoraggiato i comuni e le regioni a “essere duri” con i loro governi nazionali per garantire modi trasparenti e semplici di spendere i soldi.

Clément Beaune ha sottolineato che la Conferenza è stata un momento unico per un dibattito aperto e per i cittadini per esprimere le loro critiche e i loro sogni per l’Europa. Ha sostenuto che i governi locali e regionali devono “far conoscere questo dibattito, incoraggiarlo, condividerlo. Questa è una condizione per il successo della Conferenza.” Jan Olbrycht ha sostenuto che l’UE stava riflettendo su se stessa, sulla scia della Brexit e la crisi COVID. Ha sostenuto il decentramento in generale come un modo per rafforzare l’UE. “Il Comitato delle regioni e la governance multilivello dovrebbero essere assolutamente rafforzati. “Se non si rafforza il decentramento in Europa, la centralizzazione in ciascuno degli Stati membri andrà contro un’UE più forte.”

Per Eva Maydell “la Conferenza sul futuro dell’Europa o sarà un catalizzatore di profondi cambiamenti o sarà un momento di forte declino della fiducia e della legittimità dell’Unione Europea.”
Per garantire il successo, Maydell ha sottolineato la necessità di forti campagne di comunicazione per promuovere la partecipazione civica alla Conferenza, anche a livello locale e regionale. Ha sostenuto che invece di dibattiti generali che potrebbero essere troppo vaghi, dovrebbero essercene quelli di attualità su questioni di forte interesse per i cittadini, come la sanità, l’agricoltura e l’istruzione. Ha esortato i governi locali a “tastare il polso” dei cittadini e partecipare al processo di traduzione di questo feedback in proposte politiche.
0

Notizie


Come sa chi frequenta il nostro sito, l’edizione 2020 di Venice City Solutions2030 si è svolta per la prima volta esclusivamente online. Questa è stata una sfida e una scelta obbligata scelta, vista la diffusione del Covid-19 pandemia nell’autunno di quell’anno, che tuttavia si è rivelata una buona opportunità in termini di partecipazione, poiché la modalità remota ha incoraggiato la connessione all’evento da tutte latitudini.



Una pubblicazione di AICCRE “Visualizzare SDGs in Cities”, vi racconta l’edizione 2020, e lo fa con ricchezza di contenuti, riflessioni ed esperienze, corroborate da una vasta scelta di immagini raffinate e link ai filmati che vi faranno completamente immergere nell’atmosfera e nella filosofia di Venice City Solutions 2020, sicuramente l’iniziativa di successo dell’AICCRE che ha profondamente segnato la storia dell’Associazione e degli enti locali italiani, proiettandoli permanentemente su uno scenario internazionale.

“Ogni capitolo di questa pubblicazione rappresenta una tessera del mosaico veneziano: le tessere sono già belle singolarmente, ma danno vita al mosaico solo quando sono tutte insieme. Questa è la filosofia di VeniceCitySolutions2030″, scrive nell’introduzione Carla Rey, Segretario generale dell’AICCRE e anima dell’iniziativa. “La terza edizione del nostro workshop globale sugli SDGs ha affrontato il tema della visualizzazione: imparare a vedere usando gli occhi, ma anche l’ immaginazione. I partecipanti hanno convenuto che di voler usare questo momento per pianificare il futuro delle città: non volevamo parlare della pandemia di Covid-19, ma di come l’ Agenda 2030 possa diventare il punto di partenza per i cambiamenti necessari a garantire un futuro più sostenibile“, “E vogliamo immaginare questo futuro attraverso gli occhi delle città, perché le città sono i luoghi più flessibili e i più più capaci di reinventarsi. Sulla base di questo presupposto, questa pubblicazione è stata concepita: condividere il più possibile possibile la discussione delle due giornate a Venezia e promuoverne la diffusione, portando al Forum Politico di Alto Livello delle Nazioni Unite a New York, i risultati dello scambio”.



“Noi tutti guardiamo all’Agenda 2030 delle Nazioni Unite come la stella polare per le politiche future, che devono essere globali e condivise se vogliamo davvero salvare il pianeta, il nostro bene più prezioso. Troppo spesso decisioni importanti sono state rimandate o abbandonate. Un esempio è la COP21 di Parigi, dove i maggiori paesi del mondo hanno firmato un importante accordo ambientale che non è mai diventato globale perché il presidente Trump ha stracciato il patto” scrive nel preambolo Stefano Bonaccini, Presidente AICCRE e CEMR. “Oggi, l’amministrazione Biden può riportare gli Stati Uniti al tavolo e iniziare un dialogo condiviso, portando la forza del suo paese su una sfida così ambiziosa”. “Ecco perché Venice City Solutions 2030 è particolarmente importante, e soprattutto questa edizione in questo momento storico. Il Recovery Fund si sta rivelando una grande opportunità di sviluppo perché sosterrà i paesi più colpiti dalla pandemia con enormi risorse economiche e con il Green New Deal metterà la sostenibilità al centro delle politiche“. Il CEMR , continua Bonaccini, “ha preso l‘Agenda come riferimento per le politiche che sta attuando insieme alle città e alle regioni nell’Agenda europea. I governi nazionali, regionali e locali devono concentrarsi sulla pianificazione di scelte strategiche a medio-lungo termine e non fermarsi al consenso elettorale”. Il Presidente elenca quindi le quattro priorità priorità individuate: sostenibilità, conoscenza, salute e resilienza, che ” devono rimanere costantemente legati alle attività del CEMR, dell’AICCRE e dell’UCLG. montagna alla pianura, dalle metropoli al più piccolo comune, le stesse opportunità”.

“Ascoltando le esperienze innovative dei Local4action Hubs, riprende Carla Rey nelle conclusioni, è chiaro che i governi locali hanno percepito la sfida che devono affrontare: sentono la piena responsabilità di non sprecare ciò che è già stato realizzato nelle città di tutto il mondo e che si è dimostrato prezioso in termini di raggiungimento degli SDGs. Come comunità di autorità locali, dobbiamo trasformare ogni singola preziosa goccia d’acqua in una sorgente rinfrescante, per fertilizzare il nostro pianeta, che si sta inaridendo, e non solo in senso tecnico. Pertanto, le esperienze degli enti locali dedicati agli SDGs devono essere perfezionate e dobbiamo tutti sforzarci di moltiplicare i loro effetti”.



“Noi (enti locali, ndr) siamo sempre presenti nelle iniziative internazionali, ma non sempre siamo seduti ai tavoli dei decisori: all’High Level Political Forum (HLPF) siamo ascoltati e partecipiamo, penso al COP su questioni ambientali, o nelle sedi ministeriali dove le autorità locali non hanno potere decisionale, e penso che questi workshop sugli SDGs possano anche aiutarci a rendere visibile e a far conoscere ciò che sappiamo già fare”. Carla Rey utilizza quindi una splendida metafora: “Venice City Solutions 2030 continuerà continuerà a lavorare come in un’orchestra, dove la sinfonia richiede la perfetta sincronia di tutti i musicisti, dove tutti gli strumenti sono ugualmente importanti nel loro ruolo, e il cui risultato dipende dalla capacità di coordinare sforzi in modo che nessun suono possa prevalere sugli altri. Come insegna l’Agenda 2030, Venezia sostenere la sincronizzazione degli hub locali senza lasciare indietro nessuno. Il mondo è suono, è vibrazione, secondo l’induismo. Quindi usiamo questa sinfonia per cercare di cambiare il mondo a partire dalle nostre città e dai nostri laboratori di governo locale sugli SDGs. A proverbio del Burkina Faso dice: ‘Se le formiche lavorano in pieno accordo, possono muovere anche un elefante’. Muoviamo insieme gli elefanti!”

APPROFONDIMENTI

IL SITO DELL’EDIZIONE 2020 DI VENICE CITY SOLUTIONS(ANCHE QUI TROVATE UNA VERSIONE ON-LINE SFOGLIABILE DELLA PUBBLICAZIONE)

HLPF DI NEW YORK: ECCO I 7 PUNTI PRESENTATI DALL’AICCRE!

AICCRE ALL’HLPF DELL’ONU: SE AGLI ENTI LOCALI SI APRE UN MONDO…

HLPF, BONACCINI: PRIORITÀ A LAVORO, CRESCITA, SOSTENIBILITÀ

VCS2030, LE BUONE PRATICHE CHE SVELANO LA VOLONTA’ COMUNE

VCS2030, CARLA REY: ALLEANZA GLOBALE PER REALIZZARE AGENDA 2030
0

E-News, politica europea, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Clima e salute sono stati al centro della scena nel terzo panel dei cittadini durante lo scorso fine settimana.
200 cittadini di tutte le età, provenienti da ogni paese dell’UE, hanno condiviso idee su una strategia globale per affrontare il cambiamento climatico come l’utilizzo di fonti energetiche alternative, trasporti più ecologici e il coinvolgimento di tutti i livelli della società. “Penso che le questioni ambientali siano ora la cosa più importante di cui dobbiamo tenere conto per guardare al futuro. Perché se non facciamo uno sforzo ora, non avremo un futuro”.
Hanno anche discusso di un approccio comune dell’UE all’assistenza sanitaria, dei modi per promuovere la salute mentale, di come prendersi cura di una popolazione che invecchia e dell’accesso alla salute riproduttiva per tutti.
“Unire ulteriormente i nostri sforzi per fornire assistenza sanitaria accessibile da un angolo all’altro dell’Europa ; penso che questo suoni come un obiettivo”. 20 partecipanti rappresenteranno il panel e spiegheranno le sue idee alla conferenza plenaria. Le proposte avanzate dai panel contribuiranno a dare forma alle raccomandazioni della Conferenza nella primavera del 2022.

GUARDA IL VIDEO
0