E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie
Si è svolto dall’11 al 15 novembre a Durban, Sudafrica, il VI Congresso dell’ UCLG (United Cities and Local Governments), il più grande raduno di sindaci, presidenti di associazioni, consiglieri e professionisti locali e regionali di tutto il mondo al quale hanno partecipato anche partner ed attori locali e regionali coinvolti nel processo decisionale della vita della città e della comunità. 100 sessioni, 400 speakers, 3 plenarie per affrontare in profondità numerosi temi che coinvolgono i territori: da Agenda 2030 alle migrazioni, dall’accessibilità al cambiamento climatico, dalle pari opportunità al trasporto sosetnibile, dalla finanza locale al futuro urbano, dalla pace alla democrazia digitale.
Ha partecipato ai lavori la delegazione dell’AICCRE, guidata dal Segretario generale Carla Rey. Associazione che non solo ha visto i membri della delegazione partecipare a varie, importanti sessioni, ma è stata co-organizzatrice, insieme a UN-Habitat e UNDP, di una sessione il 12 novembre all’interno del Congresso. L’AICCRE, in questo caso, continuerà ed estenderà il tema affrontato recentemente nella II edizione di VeniceCitySolutions2030, e cioè come utilizzare Agenda 2030 per riconnettere le istituzioni locali ai cittadini? Il ruolo dell’Agenda 2030 nella creazione della cittadinanza. Carla Rey, tra l’altro, ha presentato in questa occasione le raccomandazioni conclusive sul ruolo del governo locale nel costruire la cittadinanza verso gli SDGs espresse da VeniceCitySolutions2030; raccomandazioni che saranno proposte nel 2020 all’High Level Political Forum dell’ONU.
Insieme al Segretario generale dell’AICCRE hanno animato la sessione anche Johannes Krassnitzer, direttore del progetto Art -GOLD di UNDP; Diana Lopez, capo unità decentralizzazione di UN-Habitat; Miquel Rodríguez Planas, che si occupa di Agenda 2030 per il Comune di Barcellona.
Andiamo ora ad analizzare le sessioni nelle quali ha partecipato l’AICCRE con i suoi delegati.
Il 12 novembre Annalisa Palozzo è intervenuta nella sessione speciale “Unlocking Pathways Towards Resilient and Climate-Smart Cities” che verteva sul futuro della mobilità (che sarà incentrato su sostenibilità, accessibilità e inclusione).
Ilaria Bugetti
ha partecipato il 12 novembre al quarto forum di apprendimento dell’UCLG, che è consistito in un’intera giornata di scambi, di apprendimento e di raccomandazioni per aumentare la portata di politiche UCLG attraverso analisi specifiche su metodologie e meccanismi di apprendimento innovativi.
Sempre la Bugetti, il 13 novembre ha portato la sua esperienza nella sessione “Lightning rounds: European actions on the SDGs”, organizzata dal CCRE/CEMR il quale, ricordiamolo, è la sezione europeoa dell’UCLG.
Il 13 novembre Fabio Travaglini ha fatto parte del think-tank su trasparenza e cittadinanza.
Sempre il 13 novembre Silvia Baraldi ha partecipato all’incontro su “Parità di genere ed emancipazione femminile”: lo sviluppo sostenibile deve essere equo e ciò può avvenire solo se si raggiunge la parità di genere. L’accesso ai servizi di base e l’inclusione totale nei processi decisionali sono essenziali per la democrazia, per le città prospere e le amministrazioni locali.
Carla Rey, il 15 novembre, ha portato il contributo dell’AICCRE all’Assemblea mondiale dei governi locali e regionali, attraverso il quale i poteri locali e regionali deliberano e concordano sull’agenda internazionale. Il Segretario generale dell’AICCRE ha parlato di come affrontare il rafforzamento delle associazioni dei poteri locali attraverso lo scambio di pratiche, in vista delle sfide future.

IL CONGRESSO SU TWITTER

IL PROGRAMMA DEL CONGRESSO

PAGINA IN AGGIORNAMENTO CONTINUO
0