E-News, In Evidenza, Ultime Notizie, Notizie


Per la prima volta nella storia dell’Europa, enti locali e regionali hanno marciato insieme ai giovani di tutto il mondo per sensibilizzare sul tema del clima globale. La rete governativa di enti locali ha chiesto all’Unione europea e ai leader nazionali di adottare le misure necessarie per affrontare i cambiamenti climatici in modo giusto e tempestivo. Le sei organizzazioni che formano la rete sono, oltre al CCRE/CEMR: Climate Alliance; Energycities ; Eurocities; FEDARENE; ICLEI .



La richiesta della rete è stata quella di prestare attenzione al Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) per limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C. Secondo la rete, raggiungere questo obiettivo globale significherà disinvestire nei combustibili fossili, ripensando urgentemente alla strategia climatica dell’UE e responsabilizzando i governi locali e regionali. La Banca europea per gli investimenti (BEI) ha erogato 12 miliardi di euro in progetti di combustibili fossili dal 2013. Per affrontare adeguatamente la crisi climatica, città, città e regioni chiedono alla BEI di disinvestire completamente dai combustibili fossili. Chiedono inoltre all’UE di farlo con il quadro finanziario pluriennale (QFP), al fine di creare un fondo di transizione. Il presidente del CCRE/CEMR Stefano Bonaccini, ha dichiarato: “Il cambiamento climatico sta causando incendi, inondazioni e disagi nelle città e nelle regioni di tutto il mondo. Come sindaci e leader locali e regionali, abbiamo una responsabilità nei confronti delle giovani generazioni e ascoltiamo la loro chiamata: dobbiamo agire ora per limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C. Ecco perché ci siamo uniti ai giovani del Global Climate Strike For the Future! Chiediamo all’UE e ai governi nazionali di abbandonare i combustibili fossili. Li invitiamo a lavorare con la prossima generazione di leader, per creare il modello di sviluppo che garantirà la vita sulla terra per tutti “.

Secondo la rete, l’azione locale rimane il modo migliore per affrontare la sfida globale dei cambiamenti climatici, poiché responsabilizza i cittadini e colma il divario tra comunità e responsabili politici.
0