“Rafforzare politica mediterranea con aiuto enti locali”

“No all’usa della forza, si ad una soluzione politica: l’opzione militare avrebbe tra l’altro pesanti ripercussioni su tutta l’Area”. Lo ha dichiarato Vincenzo Menna, Segretario generale dell’AICCRE, in una nota inviata il 17 febbraio alla stampa. Unione europea ed ONU devono cercare tutte le soluzioni affinché sia evitato un ulteriore spargimento di sangue. Ma la situazione in Libia deve far riflettere sulla mancanza di una efficace politica mediterranea dell’Unione europea, che da decenni ha invece spostato la propria attenzione verso il proprio centro”. Anzi, sottolinea il dirigente dell’AICCRE, “l’azione politica dell’Europa verso il Mediterraneo dovrebbe essere una priorità assoluta. L’Europa ha avvertito la necessità di dover dare una risposta ai problemi che le trasformazioni in corso nel mediterraneo richiedono, ma la  sua risposta in questi anni non è apparsa  efficace”.  La finalità europea di garantire al Mediterraneo prosperità e sicurezza nel lungo periodo come strumento ulteriore per frenare il flusso migratorio, continua Menna,  “appare inoltre di difficile realizzazione senza l’adozione di riforme politiche che coinvolgano i paesi mediterranei. La condizione essenziale per una concreta e duratura influenza dell’Unione Europea nella regione è rappresentata dalla cooperazione permanente sia con le classi politiche dei Paesi dell’Area mediterranea che con la società civile e l’imprenditoria”. L’AICCRE, sottolinea il Segretario,  “sostiene che l’Unione europea, per essere un attore decisivo, deve rafforzare la cooperazione territoriale, attraverso il partenariato ed il gemellaggio tra le comunità locali europee e quelle della sponda sud del Mediterraneo. Come accaduto in Europa dal secondo dopoguerra in poi, poteri locali e società civile possono costruire una pace duratura anche nel Mediterraneo”.