Sviluppa il tuo territorio con competenza e qualità!

 

 

 

MASTER IN EUROPROGETTAZIONE
PER AMMINISTRATORI E DIPENDENTI 
DEGLI ENTI LOCALI ITALIANI

SECONDA EDIZIONE

SEDE AICCRE, ROMA, PIAZZA TREVI 86,
3-7 APRILE 2017

 

Carla Rey e Stefano Bonaccini, rispettivamente Segretario generale e Presidente dell’AICCRE, lo avevano sottolineato subito dopo la loro nomina nello scorso marzo a Montesilvano: l’AICCRE deve ripartire da uno spirito di concretezza e di servizio agli Enti locali. Detto e fatto. Tra le tante iniziative in agenda dell’Associazione, una riguarderà la formazione ad assessori e sindaci per ottenere Fondi europei. “Si parla tanto del ritardo dell’Italia per quanto concerne l’utilizzo dei Fondi. Ora siamo pronti come AICCRE a fornire ai nostri amministratori gli strumenti necessari per essere competitivi in Europa. In una fase come l’attuale, segnata da una regressione del processo di integrazione europea, vogliamo far capire tangibilmente come l’Unione europea sia anche una opportunità per lo sviluppo dei nostri territori”, sottolinea Carla Rey. L’Associazione lancia un Master in europrogettazione pensato appositamente per gli amministratori pubblici locali. Primo appuntamento a Roma, presso la storica sede dell’AICCRE a Piazza di Trevi, dal 7 all’11 novembre prossimi.

Il Master pensato dall’AICCRE sarà raffinato e tarato grazie all’esperienza di quello di Venezia, che dal 1999 ha formato più di tremila persone. “L’Europa ci chiede qualità e noi puntiamo su quella e sulla concretezza: vogliamo invitare a partecipare i tecnici comunali ma soprattutto i sindaci. Tecnici ed amministratori sono due ruoli complementari, ma sicuramente la figura del sindaco, in prospettiva europea, è la più importante in quanto essa possiede una visione strategica e di pianificazione del territorio, presupposti importanti per poter ottenere i fondi diretti dall’Europa”. Il Master sarà suddiviso in due moduli. Il primo sarà un'infarinatura di base sul funzionamento delle Istituzioni e dei meccanismi comunitari. Il secondo fornirà una formazione pratica e completa che ha come obiettivo quello di passare dall’apprendimento alla realizzazione di un progetto: elaborazione e sviluppo preliminare dell'idea progetto; monitoraggio e selezione delle opportunità; valore aggiunto comunitario e principi di autovalutazione della proposta progettuale; capofila, partenariato e strutture di gestione del progetto; metodologia di progettazione, Project Cycle Management e Logical Framework; strutturazione di un progetto in pacchetti di lavoro, outputs, outcomes e deliverables, indicatori; formulari di progetto per programmi comunitari diretti; strutturazione ed esposizione del budget di progetto; piano di Comunicazione; modalità di disseminazione e valorizzazione dei risultati; sostenibilità e mainstreaming. Ma non ci si fermerà qui: Il secondo modulo, precisa la Rey, “comprende numerose esercitazioni in piccoli gruppi su casi pratici e formulari di bandi recenti o in essere”. Preparare un progetto, continua la dirigente dell’AICCRE, “richiede preparazione e comprensione dei programmi. Con questo Master si vuole colmare un vuoto evidente in Italia di conoscenza dei Fondi europei diretti e per questo sarà centrato sulle richieste e sulle necessità degli Enti locali”. Durante la settimana a Roma, le lezioni andranno dal lunedì al venerdì, da mattina a sera. Gli amministratori, oltretutto, saranno aiutati dai docenti anche dopo il corso, nell’arco di un intero semestre. “L'obiettivo, infatti, continua la Rey“ è quello di gestire passo passo la preparazione del progetto, nel tentativo di ottenere effettivamente le risorse europee. Quando si tratta di fondi diretti, bisogna necessariamente sviluppare idee innovative, creare un progetto europeo eccellente, che sia competitivo. Per questo la preparazione e la conoscenza delle tecniche di progettazione che offriremo con il corso faranno la differenza". Tra i docenti del Master ci sono i maggiori esperti del settore, tutti con esperienze decennali in campo europeo. Molti di essi fanno parte delle commissioni che a Bruxelles esaminano i progetti presentati all’UE. VAI ALLA SEZIONE DI APPROFONDIMENTO