La nostra Marcia dura tutto l’anno

“L’adesione alla Marcia è stata immediata, entusiasta e naturale per una Associazione come la nostra, nata e sviluppatasi intorno ai principi del Manifesto di Ventotene e che da 65 anni lotta per una Europa federale basata sulle autonomie territoriali”. Così Carla Rey, Segretario generale dell’AICCRE (nella foto), ha motivato la partecipazione dell’AICCRE alla Marcia per l’Europa, organizzata a Roma il 25 marzo dal Movimento federalista  europeo e che ha visto la presenza di migliaia di cittadini, tra i quali numerosi amministratri locali italiani invitati dall'AICCRE.  “la nostra Associazione rappresenta migliaia di amministratori locali italiani, che sono  chiamati a contribuire a ritrovare quel senso di comunità che oggi sembra smarrito. E’ urgente un'azione popolare per sensibilizzare le istituzioni europee sulla necessità di un radicale cambiamento di rotta nel processo di integrazione europea” . L’adesione alla Marcia è stata una delle iniziative che l’AICCRE ha promosso per celebrare i 60 anni della firma dei Trattati di Roma e lo ha fatto “con spirito di concretezza e di servizio verso l’ideale europeo”: Infatti, ha continuato la Rey, “il 24 marzo abbiamo ospitato nella nostra sede nazionale di Roma il bureau esecutivo del CCRE, alla quale hanno partecipato decine di amministratori locali provenienti da tutta Europa e nel pomeriggio abbiamo promosso un dibattito alla Camera dei deputati nel quale abbiamo raccolto intorno al tavolo rappresentanti internazionali delle autonomie locali, parlamentari italiani ed europei, membri del Governo italiano insieme all’Alta rappresentante alla sicurezza dell’UE, nonché vicepresidente della Commissione europea Federica Mogherini: tutti hanno concordato sulla necessità di un maggior ruolo degli enti locali e regionali  nella costruzione di una Europa della cooperazione, solidale, democratica e che rimetta i cittadini al centro del progetto politico”. Il patto tra Comitato delle Regioni ed il CCRE, avvenuto nel corso dei lavori del 24 pomeriggio,  è stato un atto di un rilevante spessore politico che rafforza in modo consistente l’Europa dei cittadini.  La nostra Marcia, ha concluso la Rey, durerà tutto l’anno: proseguiremo, con concretezza e costanza costruire il percorso verso  quell’Europa che oggi hanno chiesto migliaia di cittadini non solo a Roma, ma nelle manifestazioni pro-Europa svoltesi in molte città europee.  Altre foto della marcia (fonte CCRE)