Europa, riparti dai cittadini!

Una Europa più democratica e vicina ai cittadini, che torni a quel principio di sussidiarietà che fu alla base della sua nascita: le decisioni vanno prese al livello più locale possibile. Un principio che negli ultimi anni è andato perdendosi, con un rafforzamento del ruolo dei Consigli europei, grandi tavolate intorno ai quali siedono i capi di Stato e di Governo. Questo il messaggio forte emerso dal bureau esecutivo del CCRE, che si è svolto a Roma il 24 marzo,  presso la sede nazionale dell'AICCRE, in occasione delle celebrazioni del sessantennale della firma dei Trattati di Roma.  Occorre tornare al livello locale, che  aiuterà ad avvicinare nuovamente i cittadini alle istituzioni europee, rendendo il sistema più efficiente ed arginando la deriva populista e nazionalista. L'Unione europea riparta dal basso, incoraggiando i cittadini a contribuire in modo costruttivo e a dire che tipo di Europa vogliono. I leader politici ascoltino i cittadini e le loro preoccupazioni. La dichiarazione del CCRE per i 60 anni dei Trattati di Roma