Migranti, CPLRE: sostegno per enti locali e regionali!

Dall’accoglienza all’integrazione: il ruolo degli enti locali e regionali di fronte al fenomeno migratorio è la risoluzione adottata il 28 marzo dal Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa (CPLRE). La risoluzione sottolinea le difficoltà che riscontrano i poteri territoriali ad affrontare la situazione dei rifugiati a causa di una risposta chiara ed univoca da parte dell’Europa. Gli enti locali e regionali, infatti, sono quelli che devono affrontare per primi le situazioni emergenziali e lo fanno con risorse e mezzi limitati, di fronte alla responsabilità di garantire ai migranti appena arrivati protezione, assistenza ed accesso ai servizi pubblici basilari: alloggio, cure sanitarie, istruzioni, senza alcuna discriminazione. Per questo, il CPLRE invita tutti i livelli di governo a cooperare maggiormente e a coordinare le loro risposte, al fine di predisporre politiche di accoglienza che garantiscano il rispetto dei diritti umani per i rifugiati ed i migranti, indipendentemente dal loro status giuridico, e a facilitare la loro integrazione nel lungo periodo nelle comunità che li ospitano, attraverso un approccio basato sulla loro rapida integrazione. Il CPLRE è infatti convinto del ruolo fondamentale che sul tema rivestono gli enti locali e regionali, che sono “la pietra angolare” degli sforzi finalizzati ad affrontare efficacemente la situazione. Per questo, il Congresso invita gli Stati membri ad eliminare gli ostacoli amministrativi e pratici che incontrano i richiedenti asilo durante la durata della procedura per l’esame della loro richiesta, e a sviluppare quadri giuridici precisi e a garantire un sostegno finanziario agli enti locali e regionali.      (Nella foto, Remo Grenga, capo della delegazione italiana del CPLRE,  mentre interviene al dibattito sulla risoluzione) 

Il 9 marzo a Venezia riunione del CPLRE!

Dopo molti anni dalla sua costituzione si svolgerà in Italia, il 9 marzo prossimo a Venezia,  la riunione della commissione affari correnti del Congresso dei Poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa (CPLRE), il cui segretariato è gestito dall’AICCRE. L’incontro usufruirà del patrocinio dalla Città di Venezia, delle associazioni italiane delle autonomie locali e di Intesa San Paolo.  E’ uno dei primi importanti impegni della rinnovata delegazione italiana del CPLRE, insediatasi nello scorso ottobre. La commissione per gli affari correnti è incaricato di studiare il ruolo degli enti locali e regionali per quanto riguarda le grandi sfide della nostra società e preparare i lavori sulle questioni tematiche quali la coesione sociale, l'istruzione, la cultura e lo sviluppo sostenibile dal punto di vista del Consiglio dei valori fondamentali dell'Europa. Nella città lagunare, sede scelta dal Consiglio d'Europa per il suo profilo internazionale,  si discuteranno temi importanti per i poteri locali, come le migrazioni, la lotta al radicalismo e l’estremismo violento, l’occupazione giovanile.   

“Enti locali siano protagonisti del futuro”

Si è svolto il 24 febbraio scorso a Perugia l’incontro tra la federazione umbra dell’AICCRE ed il segretario generale dell’Associazione Carla Rey (nella foto), inizialmente previsto nello scorso novembre e rimandato per il terremoto che aveva  colpito anche l’Umbria.  In agenda, temi cari all’Associazione, quali la cooperazione decentrata, la cooperazione allo sviluppo, l’utilizzo dei fondi europei, la cittadinanza attiva. Durante l’incontro, il Segretario generale dell’AICCRE ha sottolineato l’importanza della partecipazione degli amministratori locali, in particolare quelli delle zone colpite dai  sismi, ai dibattiti sul cambiamento climatico, a cominciare dalla prossima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, la Cop 23, che si terrà a Bonn.

Leggi tutto ““Enti locali siano protagonisti del futuro””