Category Archives: Comunicati Stampa

Cooperazione, volano del futuro: settimana di iniziative Aiccre (La Presse)

Biodiversità, energia, equosolidale: sono i temi al centro di 'Città e Regioni unite per la cooperazione internazionale', una iniziativa lanciata dall'Aiccre (sezione italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa), in occasione delle giornate europee della solidarietà locale.

http://lapresse.it/cooperazione-volano-del-futuro-settimana-di-iniziative-aiccre.html 

Cooperazione: Aiccre,parta da basso,al via Giorni solidarietà (ANSA)

 

Cooperazione:Aiccre,parta da basso,al via Giorni solidarietà

 

 

(ANSA) – ROMA, 15 NOV – Workshop sull'economia sociale e solidale, incontri con gli studenti e le Università sul tema della cooperazione internazionale, proiezioni di video e presentazioni di progetti ad hoc, tavole rotonde sul tema del servizio civile europeo e corner espositivi di prodotti equo solidali: sono gli ingredienti dei "Giorni europei della solidarietà locale", promossi a Roma dall'Aiccre, su iniziativa dell'Ue e della Commissione europea. L'obiettivo, ha spiegato il segretario generale dell'Aiccre, Carla Rey, "è evidenziare l'importanza della cooperazione internazionale", "che deve partire dal basso, dai cittadini e dai suoi amministratori". 

Fino al 18 novembre la sede dell'Associazione italiana per il consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa ospiterà una serie di eventi per "far riflettere amministratori e cittadini, ma anche istituzioni, sul tema e sostenere chi attivamente si occupa di cooperazione". "Sindaci e governatori non sempre hanno la possibilità di dialogare con chi è in prima linea per la cooperazione – ha spiegato Rey, durante un incontro con la stampa – serve mettere in relazione queste realtà, perché gli enti locali si devono responsabilizzare sullo sviluppo sostenibile". "Questo è l'anno zero dei 'Giorni europei della solidarietà locale' – ha aggiunto – nel 2017 vogliamo che questa settimana formativa sia disseminata nei territori". 

Tra i partner dell'iniziativa, anche l'associazione Botteghe del Mondo per il commercio equo solidale: "Dobbiamo far leva sui consumatori – ha osservato la consigliera dell'associazione e del Wfto Europe, Gabriella D'Amico – e renderli partecipi di un mondo economico in cui la persona è al centro". "Il mercato equo solidale sta crescendo, c'è una fortissima sensibilità al progetto che sta dietro ogni prodotto che si acquista", ha aggiunto il presidente dell'associazione Massimo Renno. "La legge sul commercio equo solidale che prevede il riconoscimento di questa rete – ha concluso la deputata Chiara Scuvera (Pd) – è in discussione al Senato. C'è tutta la volontà politica di portarla avanti".(ANSA).

 

Migranti, Vallier (Ccre): Risposta coinvolga realtà locali

Roma, 4 nov. (LaPresse) – La risposta al problema dei migranti deve essere "europea e deve coinvolgere tutti i livelli, partendo dagli enti locali e regionali, per soluzioni condivise e accettabili da tutti". A dirlo è Frederic Vallier, segretario del Ccre (Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa), a margine dei lavori del comitato di coordinamento di Platforma, la piattaforma europea degli enti locali e regionali per la cooperazione allo sviluppo, della quale l'Aiccre (Associazione Italiana per il consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa) è partner. DOMANDA: La questione dei migranti è purtroppo sempre d'attualità in Europa. Stamattina anche il Papa ha ricordato che non può ricadere su singoli Paesi, che vanno invece aiutati. Come trovare una soluzione condivisa? RISPOSTA: Serve una nuova politica europea, il comitato politico del Ccre l'ha chiesto con un appello elaborato lo scorso aprile a Nicosia, e che è stato firmato da oltre 200 sindaci. Serve una politica che integri la visione degli enti locali e regionali, per soluzioni che siano studiati e accettati dai sindaci e dalle singole realtà. D: Ci sono posizioni radicalmente diverse su come affrontare il problema dei migranti. Come conciliarle? R: E' un problema che nasce come mediterraneo, perché riguardava l'Italia, la Grecia, in parte la Spagna, ma ora è continentale. E la risposta deve essere tale, deve essere europea, e deve coinvolgere tutti i livelli di responsabilità. Non è possibile che alcuni Paesi si tirino indietro dicendo 'Non ci riguarda' e altri si trovino in situazioni sempre più difficili con migliaia di arrivi. Bisogna lavorare insieme per soluzioni accettabili da tutti. D: Proprio le spese per fronteggiare l'emergenza migranti, insieme a quelle per il terremoto, sono al centro dello scontro tra il governo italiano e Bruxelles. R: Indubbiamente la soluzione in Italia è molto difficile, e vorrei rivolgere un pensiero alla gente del centro Italia che sta subendo gli effetti del terremoto. La solidarietà europea deve essere evidente: il senso della costruzione dell'Unione è anche nella solidarietà per emergenze come quella del terremoto o dei migranti. D: La collaborazione tra enti locali è attiva anche sulla questione clima, a partire dall'accordo di Parigi del 2015 R: A Parigi si è tenuto il primo summit degli enti locali sul clima che ha riunito oltre 5mila sindaci. Il motivo è semplice: la questione climatica deve essere affrontata partendo dagli enti locali, che devono lavorare insieme a soluzioni condivise. La prima vittoria è stata che l'accordo è stato accettato da tanti sindaci. Ma non è finita: la settimana prossima ci sarà il secondo summit, a Marrakech, per dare continuità a quel lavoro. ntl 041624 Nov 2016

 

FONDI DIRETTI EUROPEI, UN’OPPORTUNITÀ SPESSO SPRECATA

GeQuest

Genova, 5 ottobre 2016

Master Aiccre per le amministrazioni locali
FONDI DIRETTI EUROPEI, UN’OPPORTUNITÀ SPESSO SPRECATA
Questa mattina il segretario generale Carla Rey ha presentato il primo master nazionale che “insegna” come accedere alle risorse: «C’è un gap formativo che toglie competitività all’Italia a livello europeo».
Il segretario regionale Slivar: «E’ un’opportunità che i Comuni devono cogliere»

Insegnare alle amministrazioni locali ad accedere alle risorse comunitarie messe a disposizione nei fondi diretti europei.
E’ questa la scommessa presentata oggi dal segretario generale di Aiccre Carla Rey  ad una platea di funzionari di alcuni Comuni liguri: «Esiste un gap formativo in molte amministrazioni italiane – spiega – che impedisce di accedere a buona parte dei finanziamenti messi a disposizione dalla Commissione Europea attraverso oltre trecento programmi legati ai fondi diretti. Dobbiamo, quindi, intervenire per colmare questa lacuna, che sottrae il nostro paese alla competitività a livello europeo». 
Con questo obbiettivo Aiccre ha organizzato dal 7 al all’11 novembre, nella sede romana dell’Associazione, un master nazionale di europrogettazione. 
L’iniziativa è stata presentata questa mattina, nella Sala Auditorium della Regione, nell’incontro “Liguria in rete: la cooperazione internazionale si costruisce dal territorio”  organizzato da Desi Slivar, segretario Aiccre Liguria, a cui ha partecipato il vicepresidente dell’Associazione  ligure Giovanni Boitano.
«Il master, che sarà il primo di una lunga serie – riprende Carla Rey – è indirizzato specificatamente alle amministrazioni locali, sia alla componente politica che alla componente tecnica, e fornirà tutte le informazioni necessarie per conoscere i settori che rientrano fra i programmi legati ai fondi diretti UE e per elaborare i progetti di finanziamento adeguati, perché – ha aggiunto – se da un’idea buona può scaturire un buon progetto, non è detto che quel progetto possa diventare un progetto europeo. E’ necessario, dunque, conoscere concretamente sia gli ambiti di competenza sia in che modo chiedere di attingere alle risorse». 
Le lezioni saranno tenute da esperti di europrogettazione i quali, nei sei mesi successivi, coadiuveranno le amministrazioni che hanno partecipato al master a elaborare correttamente i rispettivi progetti.
«Sicuramente – conclude Rey – queste procedure non sono semplici ma, una volta assunte le necessarie competenze, molti Comuni italiani potranno uscire dalla marginalità in cui si trovano a causa di una scarsa conoscenza e a causa  di una sorta di timidezza verso un’Europa, che viene percepita ancora troppo lontana e complicata».  
Desi Slivar ha aggiunto: «Anche i Comuni liguri hanno un estremo bisogno di risorse europee per migliorare la qualità della vita dei propri cittadini, occorre quindi che usciamo dalla dimensione locale e cogliere le opportunità che l’Europa ci offre».

Tutte le informazioni relative al master sono disponibili sul sito dell’associazione:  www.aiccre.it

(Comunicato stampa a cura di ErreElle ONLINE, AGENZIA DI STAMPA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA)

Enti locali, da novembre master Aiccre in europrogettazione (La Presse)

Un master in europrogettazione organizzato dall'Aiccre (sezione italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa) rivolto esclusivamente agli amministratori locali: è questa una delle più importanti iniziative autunnali, che si svolgerà a Roma dal 7 all'11 novembre prossimi presso la storica sede dell'Associazione, in Piazza Trevi. 

http://www.lapresse.it/enti-locali-a-novembre-al-via-master-aiccre-in-europrogettazione.html

Protetto: Consiglio nazionale – 4 luglio2016

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Rey: Sui fondi europei i politici si devono impegnare di più

"Dobbiamo toglierci dalla testa l'idea che la progettazione europea è un ambito di cui si occupano i tecnici"

LEGGI L'INTERVISTA 

Ue, a Nicosia congresso Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (20 aprile 2016)

Roma, 20 apr. (LaPresse) – Si apre oggi a Nicosia, la capitale di Cipro, il congresso del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa (Ccre) che, articolato in trenta sessioni di lavoro, cercherà di analizzare i principali problemi dei governi locali, immettendoli in una prospettiva a lungo termine. 'Il domani inizia oggi! Una visione locale e regionale per Europa 2030' è il titolo del congresso, durante il quale circa mille amministratori locali provenienti da tutti i Paesi dell'Unione non solo si confronteranno da oggi fino a venerdì 22 su argomenti di vitale importanza per i loro territori e per i cittadini che rappresentano, ma soprattutto faranno giungere le loro esigenze alle istituzioni europee, attraverso documenti e risoluzioni. Sarà anche il battesimo europeo per la rinnovata Aiccre (cioè la sezione italiana del Ccre), che da poche settimane ha cambiato la propria struttura dirigenziale, nel segno del profondo rinnovamento e del rilancio politico sia sul piano italiano che europeo.

Congresso CCRE. Bonaccini e Rey: “Italia conti di più in Europa” (20 aprile 2016)

Roma, 20 apr. (LaPresse) – I neo-dirigenti dell'Aiccre, Carla Rey e Stefano Bonaccini, rispettivamente segretario generale e presidente, lo avevano dichiarato subito dopo la loro elezione a metà marzo nel Congresso di Montesilvano: "faremo in modo che i nostri Enti locali contino di più in Europa". Dopo un lungo periodo di assenza dai consessi europei ora l'Aiccre, infatti, sarà protagonista con tre interventi.

Enti locali, Carla Rey: Italiani protagonisti al congresso Ccre (13 aprile 2016)

Roma, 13 apr. (LaPresse) – Mille tra amministratori locali e rappresentanti degli enti territoriali provenienti da tutta Europa parteciperanno al Congresso del Ccre (Consiglio delle municipalità e delle regioni europee), che si svolgerà a Nicosia dal 20 al 22 aprile prossimi. Una 'tre giorni' che permetterà di discutere sui temi che maggiormente interessano il territorio: dalla Governance alla finanza locale, dall'innovazione alla cultura, dai fondi europei all'ambiente, dalla cooperazione alla migrazione, dal processo di integrazione europea allo sviluppo territoriale.