Category Archives: Bandi e Opportunità

Volontari dell’Unione: assistenza tecnica alle organizzazioni

L’obiettivo del presente invito è rafforzare le capacità delle organizzazioni di invio e d’accoglienza intenzionate a partecipare all’iniziativa Volontari dell’Unione per l’aiuto umanitario e garantire la conformità alle norme e alle procedure relative ai candidati volontari e ai volontari dell’Unione per l’aiuto umanitario al fine di richiedere la certificazione necessaria per la mobilitazione dei volontari dell’Unione per l’aiuto umanitario.  La disponibilità di bilancio complessiva destinata al cofinanziamento dei progetti è stimata pari a 7 607 000 EUR. L’importo massimo della sovvenzione è di 700 000 EUR. L’importo di ogni sovvenzione è compreso tra 100 000 EUR e 700 000 EUR. L’Agenzia prevede di finanziare 22 proposte.  Le domande di sovvenzione devono essere redatte in una delle lingue ufficiali dell’UE, utilizzando il modulo elettronico (eForm) appositamente predisposto a tale scopo.  Le candidature devono rispettare le disposizioni di cui alle pertinenti linee guida ed essere presentate utilizzando il modulo elettronico predisposto e contenere tutti gli allegati richiesti. I suddetti documenti sono reperibili al seguente indirizzo Internet: https://eacea.ec.europa.eu/eu-aid-volunteers/funding_en

Volontari dell’Unione: progetti a sostegno dell’aiuto umanitario nei paesi terzi

Il presente invito ha come obiettivo il finanziamento di progetti che comportano la mobilitazione di Volontari dell’Unione europea per l’aiuto umanitario. Tali progetti contribuiranno a rafforzare la capacità dell’Unione di fornire aiuti umanitari in base alle esigenze, volti a rafforzare la capacità e la resilienza delle comunità vulnerabili e colpite da catastrofi in paesi terzi, concentrandosi sulla preparazione in caso di tali eventi, sulla riduzione del relativo rischio e sul miglioramento del collegamento tra le attività di soccorso, riabilitazione e sviluppo. Inoltre, tali progetti possono altresì rafforzare le capacità di attuazione delle organizzazioni di invio e di accoglienza che partecipano o intendono partecipare all’iniziativa Volontari dell’Unione per l’aiuto umanitario, anche nell’ambito di strumenti e metodi di allarme rapido in relazione a catastrofi. Tutti i candidati che presentano proposte nell’ambito del presente invito e operano in qualità di organizzazioni di invio o di accoglienza devono essere certificati ai sensi dell’iniziativa Volontari dell’Unione per l’aiuto umanitario. Clicca qui per maggiori informazioni in merito al meccanismo di certificazione 

Reti transeuropee di telecomunicazione: 4 inviti a presentare proposte

La Commissione europea, direzione generale delle Reti di comunicazione, dei contenuti e delle tecnologie, ha pubblicato quattro inviti a presentare proposte al fine di concedere sovvenzioni a progetti conformi con le priorità e gli obiettivi del programma di lavoro per il 2017 in materia di reti transeuropee di telecomunicazione nel quadro del meccanismo per collegare l’Europa (Connecting Europe Facility, CEF) per il periodo 2014-2020. Le proposte riguardano i seguenti quattro inviti: CEF-TC-2017-1: Sistema d’interconnessione dei registri del commercio (Business Registers Interconnection System (BRIS); CEF-TC-2017-1: Identificazione e firma elettroniche (eIdentification and eSignature); CEF-TC-2017-1: Scambio elettronico di informazioni sulla sicurezza sociale (Electronic Exchange of Social Security Information – EESSI); CEF-TC-2017-1: Portale europeo della giustizia elettronica (European e-Justice Portal). Il bilancio indicativo totale disponibile per le proposte selezionate nell’ambito di questi inviti è di 27,5 milioni di EUR. Il termine ultimo per presentare le proposte è il 18 maggio 2017. La documentazione relativa agli inviti è pubblicata sul sito web del CEF per le telecomunicazioni:  https://ec.europa.eu/inea/en/connecting-europe-facility/cef-telecom/apply-funding/2017-cef-telecom-calls-proposals

 

Al via Premio giornalistico “Lorenzo Natali”

Lanciato dalla Commissione Europea con l’hashtag #TellMyStory, il premio giornalistico Lorenzo Natali offre ai giornalisti l'opportunità di dimostrare il loro impegno sui temi della democrazia, dello sviluppo, dell'eliminazione della povertà, e di motivare le persone a migliorare le condizioni di vita nelle rispettive comunità.Il premio sarà assegnato ad un giornalista dilettante e ad un giornalista professionista selezionati da ciascuna delle seguenti aree geografiche: Africa, Medio Oriente e mondo arabo; Asia e Pacifico; America Latina e Caraibi; Europa. Ciascun vincitore riceverà un premio di 5000 euro. Oltre ai principali temi menzionati sopra, l’edizione di quest’anno comprenderà un "Premio speciale sulla libertà di religione o di credo al di fuori dell’Europa".

Trasporti: inviti a presentare proposte

La Commissione europea ha annunciato un nuovo invito a presentare proposte nel settore dei trasporti per combinare il meccanismo per collegare l'Europa con altre fonti di finanziamento fra le quali il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS).  L'invito a presentare proposte, si legge nel comunicato stampa  comunitario, “mira a combinare sovvenzioni per 1 miliardo di euro (Meccanismo per collegare l'Europa – Trasporti) e finanziamenti erogati da istituti finanziari pubblici, dal settore privato e, per la prima volta, dal Fondo europeo per gli investimenti strategici, il fulcro del piano di investimenti per l'Europa e una priorità assoluta per la Commissione Juncker”.

Carta Erasmus: invito a presentare proposte

La Gazzetta ufficiale comunitaria ha pubblicato un invito a presentare proposte relativo alla Carta Erasmus per l’istruzione superiore 2014-2020. La Carta definisce il quadro qualitativo generale in cui s’inscrivono le attività di cooperazione europea e internazionale che un’istituzione d’istruzione superiore (IIS) può condurre nell’ambito del programma Erasmus+. L’attribuzione di una Carta Erasmus per l’istruzione superiore è una condizione preliminare affinché le IIS possano candidarsi a partecipare a iniziative di mobilità per l’apprendimento dei singoli e/o alla cooperazione per l’innovazione e le buone pratiche nell’ambito del programma, ed essa  è assegnata per l’intera durata del programma Erasmus+.

Clicca qui per le informazioni relative al programma Erasmus+  

Le candidature devono essere presentate seguendo le istruzioni fornite dall’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura: clicca qui 

 

 

Al via sesta edizione Torneo inclusione sociale

L’Istituto BEI organizza la sesta edizione del Torneo dell’Innovazione sociale, che promuove la creazione di idee innovative e premia le iniziative di contrasto all’esclusione sociale rivolgendosi a progetti provenienti da un ampio spettro di settori – dall’istruzione, alla sanità e alla creazione di posti di lavoro, alle nuove tecnologie, ai nuovi sistemi e ai nuovi processi. Tutti i progetti competono per l’assegnazione di quattro premi della Categoria generale, e quest’anno quelli riguardanti il tema dell’invecchiamento parteciperanno anche al premio della Categoria speciale. I progetti vincitori in ambedue categorie otterranno rispettivamente un primo premio da 50 000 EUR e un secondo premio da 20 000 EUR. 

 

Bando di gara: Programma di mobilità accademica intra-africana

L’obiettivo generale del programma è promuovere lo sviluppo sostenibile e in prospettiva contribuire a ridurre la povertà aumentando la disponibilità in Africa di manodopera professionale di alto livello, formata e qualificata. L’obiettivo specifico del programma è migliorare le capacità e le competenze degli studenti e del personale incentivando la mobilità intra-africana. Il rafforzamento della cooperazione tra gli istituti di istruzione superiore (IIS) in Africa permetterà di migliorare l’accesso a un’istruzione di qualità, consentirà agli studenti africani di intraprendere studi post-laurea nel continente africano, incoraggiandoli in tal senso. La mobilità del personale (accademico e amministrativo) rafforzerà inoltre la capacità di cooperazione internazionale degli IIS in Africa. Più precisamente, il programma intende: contribuire al miglioramento della qualità dell’istruzione superiore promuovendo l’internazionalizzazione e l’armonizzazione di programmi e corsi di studio tra le istituzioni partecipanti; permettere agli studenti, al personale accademico e al personale in genere di beneficiare a livello linguistico, culturale e professionale dell’esperienza acquisita nel contesto della mobilità verso un altro paese africano.

Erasmus +: invito a presentare proposte cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone prassi. Alleanze delle abilità settoriali

Le alleanze delle abilità settoriali si prefiggono lo scopo di ovviare alle carenze di abilità in relazione a uno o più profili professionali in un settore specifico. A tal fine individuano le esigenze esistenti o emergenti del mercato del lavoro specifiche di determinati settori (sul versante della domanda) e migliorano la capacità dei sistemi di istruzione e formazione professionale iniziale e continua, a tutti i livelli, di rispondere alle esigenze del mercato del lavoro (sul versante dell’offerta). Facendo riferimento ai dati relativi al fabbisogno di competenze, le alleanze delle abilità settoriali sostengono la progettazione e l’erogazione di contenuti di formazione professionale a livello transnazionale, oltre che di metodologie didattiche e formative per profili professionali chiave a livello europeo. Le alleanze delle abilità settoriali per la cooperazione settoriale strategica sulle competenze individuano ed elaborano azioni concrete intese a favorire l’incontro tra domanda e offerta di competenze a sostegno della strategia generale di crescita specifica di ciascun settore. I progetti possono raggiungere questi obiettivi presentando proposte.   Per il bando clicca qui

Studiare in Europa: concorso video

Il concorso “Mi piace studiare in Europa perché”, lanciato dalla Commissione europea, è rivolto ai giovani di almeno 18 anni attualmente iscritti ad un corso universitario in un paese europeo. Per partecipare è necessario inviare un video di 60 secondi per mostrare perché si è scelto di studiare in Europa, quali sono le proprie ambizioni o quali sono le sfide che si sono dovute affrontare durante gli studi.