Cambiamenti climatici: la resilienza degli enti locali. Seminario a Chieti

Il cambiamento climatico è una delle sfide più urgenti del nostro tempo. Per affrontarlo, gli enti locali, associazioni che li rappresentano ed altri attori non statali stanno intensificando i propri sforzi, attraverso iniziative, reti e presenza costante nei consessi dove si discutono temi ambientali ed in particolar modo il cambiamento climatico. Gli enti locali e regionali sono i più direttamente coinvolti per quanto riguarda le conseguenze dei cambiamenti climatici e quindi rappresentano il livello di governo più idoneo per adottare le misure necessarie per adeguare i territori e minimizzare gli impatti dei cambiamenti climatici. Si svolgerà a Chieti il prossimo 5 aprile il seminario internazionale “Costruire la resilienza a livello locale”, promosso dall’AICCRE, dalla Commissione europea e da PLATFORMA che verterà sui cambiamenti climatici e il loro impatto sulla resilienza delle città e delle regioni nel mondo. L’evento si svolgerà dalle ore 9:30 alla Sala Rossa – Camera di Commercio di Chieti, in Via F.lli Pomilio (ex Foro Boario). Tra i partecipanti:Carla Rey, Segretario Generale dell’AICCRE; Emidio Primavera, Direttore Dipartimento Protezione Civile – Regione Abruzzo; Annalisa Palozzo – Consigliere provinciale di Pescara; Francesco Chiavaroli, Direttore ARTA Abruzzo; Giampiero Zinzi, Presidente della Commissione speciale Terra dei Fuochi, bonifiche, Ecomafie – Consiglio regionale della Campania; Eugenia Mansutti – Patto dei Sindaci; Fabio Colantonio – Geologo; Mercedes Sanchez Salido, Affari internazionali FEMP, Federazione spagnola di enti locali; Gianluca De Santis, Camera di Commercio; Vittorio Battocchio, Direttore tecnico Enti pubblici e Sanità; Luca Tosto – Presidente AIPE: Alfonso Ottaviano – Direttore Confederazione Italiana; Fabio Travaglini, Direttore UN.I.PM; Christophe Chaillou, AFCCRE, Direttore, Associazione francese di Enti locali; Agita Kaupaza, LALRG, Associazione lettone di Enti locali; Moderatore: Stefano Fricano, Azienda Speciale Agenzia di Sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *